Stoner… GP e testa della classifica

Stoner sotto la pioggia

Silverstone (Gran Bretagna), 12 giugno 2011 di Fiorenzo Di Costanzo.

Non poteva mancare la pioggia nel GP della Gran Bretagna e la pioggia e la pista bagnata sono state grande protagoniste nelle tre gare.

MOTO GP: parte come un razzo Lorenzo che dalla terza posizione si porta subito in testa, mentre rimane sui blocchi di partenza Simoncelli che perde un paio di posizioni al via; Rossi, che parte dalla tredicesima posizione, parte con cautela e non rischia nulla alla prima curva. Alle spalle dello spagnolo della Yamaha si portano uno splendido Dovizioso, che riesce anche a sopravanzarlo e a concludere il primo giro in testa. Ma a questo punto sale in cattedra Stoner che prende il comando della gara e condurrà una gara non particolarmente difficile: la sua Honda sembra un motoscafo sulla pista di asfalto. Alle spalle dell’ex Ducati si forma ben presto un bel terzetto: Dovizioso e Lorenzo si danno battaglia nel tentativo di portarsi all’inseguimento di Stoner e della situazione ne approfitta Simoncelli che si riporta sotto. Ben presto, tuttavia, i piloti dovranno lasciare la scena ad una protagonista inattesa: la sfortuna. Infatti nel breve tempo di un giro cadono due assoluti protagonisti, Lorenzo e Simoncelli, “anticipati” dall’altro pilota della Yamaha, Spies. A questo punto i due piloti Honda iniziano a fare due conti: Stoner, con la caduta di Lorenzo può alzare i suoi tempi sul giro e gestire tranquillamente il vantaggio e godersi il primato in classifica mondiale; Dovizioso può tirare un po’ il fiato e conquistare un ottimo secondo posto. Delle cadute ne approfittano anche quei piloti un po’ più “ragionieri”: Hayden, partito settimo, giunge quarto; Barbera porta la sua Suzuki al quinto posto; Rossi risale fino alla sesta posizione, ma, soprattutto, è da evidenziare l’ottima prova di Edwards che, infortunatosi alla clavicola soltanto una settimana fa, riesce a conquistare un ottimo terzo posto.

In classifica generale Stoner si porta in testa, con 116 punti; al secondo posto Lorenzo, con 98 punti, poi seguono Dovizioso (83), Rossi (68) e Pedrosa (61), ancora fuori per infortunio

 

MOTO2: dominatore anche sotto la pioggia il tedesco Bradl, che con la quarta vittoria stagionale dà un ulteriore spallata agli avversari per il titolo mondiale. Alle sue spalle si piazza Smith, autore di una gara da altri tempi: l’inglese, partito 28esimo, macina terreno giro dopo giro e riesce a piazzarsi alle spalle di Bradl. Sul gradino più basso del podio la lieta presenza di Pirro che nei giri finali approfitta delle cadute di Pasini e Sofuoglu per centrare il primo podio in carriera.

Classifica generale: Bradl 127 punti, Corsi 65, Takahashi 56, Iannone e Simon 49.

 

CLASSE 125: nell’ultima delle gare in programma partono male i due favoriti della vigilia, gli spagnoli Vinales e Terol, mentre partono a fionda Folger, dall’ottava posizione, e Zarco, partito dall’ultima posizione. Folger e Zarco fanno gara solitaria, scambiandosi diverse volte la prima posizione, ma è il tedesco a centrare la vittoria lasciando la compagnia di Zarco quando mancano 5 giri alla bandiera a scacchi. Alle loro spalle si piazza Faubel che conduce una gara regolare e termina con un ritardo di 15 secondi.

Classifica generale: Terol 128 punti, Folger 93, Zarco 83, cortese 81, Vazquez 68.