Parapendio: Nuova impresa di Aaron Durogati

durogati-volo
durogati-volo

Teatro della ammirevole prestazione l’immenso territorio tra gli stati brasiliani del Rio Grande del Nord e quello del Piauì dove ha toccato terra dopo oltre undici ore di volo in una zona denominata Chapada do Frio nei pressi di Paquetá, piccolo comune di sole 4.000 anime Era decollato alle sei del mattino nei pressi di Caicó, cittadina di 60.000 abitanti sita nella regione del Seridó Ocidental, stato Rio Grande.

Durante il lungo volo verso ovest il parapendio di Durogati ha viaggiato a oltre 46 km/h di media, toccando la quota massima di metri 3.096 con il notevole guadagno di ben 2.900, essendo decollato da un’altitudine di soli 196. Nei giorni precedenti il pilota aveva eseguito più voli alcuni anche oltre i 400 chilometri.

Gli attuali record del mondo maschile e femminile sono appannaggio di piloti brasiliani e stabiliti nel loro paese. Il più recente quello rosa di Macella Uchoa che nello scorso ottobre ha superato i 414 chilometri. Più sostanzioso quello maschile realizzato nel 2016 da Donizete Baldessar Lemos con ben 572 chilometri.

La carriera del trentunenne pilota sud tirolese è costellata di successi a partire dal titolo europeo conquistato con il team azzurro nel 2010 per passare alle coppe del mondo del 2016 e del 2012 e finire alle molte altre vittorie. È anche uno specialista di hike & fly, cioè la pratica del volo in parapendio alternata all’escursionismo, come dimostrano le sue partecipazioni alla X-Alps, la più lunga e dura gara di questa specialità.

Campioni Italiani di parapendio 2018

poggio-ci-2018-volo-gruppo
poggio-ci-2018-volo-gruppo

Il nuovo campione d’Italia di volo in parapendio è Aaron Durogati, pilota di Merano (Bolzano), già due volte vincitore della Coppa del Mondo. Come sua collega in campo femminile si riconferma la milanese Silvia Buzzi Ferraris detentrice del titolo.

La manifestazione si è svolta sui rilievi dell’Appennino centrale è ha avuto come punto di riferimento il sito di volo di Poggio Bustone (Rieti). La meteo ha concesso una settimana molto favorevole al volo libero, vale a dire senza motore, con cinque voli effettuati dei sei previsti su distanze tra i 50 e quasi 110 km, volo quest’ultimo che ha portato i 104 piloti iscritti a toccare terra a Gioia dei Marsi in Abruzzo.

Nutrita la presenza di piloti stranieri grazie alla formula open del campionato, elencati nella speciale classifica della Poggio Bustone Cup nell’ordine: Aaron Durogati, Jacques Fournier (Francia) e Loris Berta.
Per quanto riguarda i titoli italiani, Aaron Durogati ha preceduto Loris Berta e il sud tirolese Isidor Fink.

Classifica Sport: Martin Stecher, Paul Paduraru, Heinz Senoner, alto atesini il vincitore e il terzo, lucano il secondo. Classifica Serial: Giuliano Minutella, Alessandro Fuzzi, Michele Gaiba.

La differenza tra le diverse classifiche sta nella classe nella quale sono omologate le rispettive ali e quindi nelle performances dei mezzi.

Organizzazione a cura della scuola locale Aero Club Prodelta capitanata dall’istruttore Claudio Papa e da Lega Piloti. Sponsor Aero Club d’Italia, federazione di riferimento per gli sports dell’aria, e asd FIVL rappresentata in loco dal direttore di gara e meteorologo Damiano Zanocco.

Topo a bordo: cancellato il volo e risarcimento record

-boeing-777
-boeing-777

Incredibile situazione quella avvenuta su un volo British Airways, la presenza di un topo all’interno del Boeing 777 in partenza il 1 Marzo alle 10.40 da Heathrow con destinazione finale San Francisco ha portato alla cancellazione del volo.

Lorenzo Asuni, Marketing Manager di AirHelp  società specializzata nei reclami per ritardi e cancellazioni nel trasporto aereo, a proposito spiega: “E’ incredibile quanto accaduto a Londra, i passeggeri sono stati fatti scendere dall’aeromobile poco prima del decollo per la presenza di un topo a bordo ed il volo è stato poi immediatamente cancellato”.

I primi passeggeri si sono già rivolti ad AirHelp per farsi aiutare a difendere i propri diritti ed a riguardo specifica Asuni “Stiamo già aiutando parte dei passeggeri e ora la British Airways dovrà risarcire ciascuno dei 298 viaggiatori a bordo con 600€, come indicato dal Regolamento Europeo CE261, per un totale di 178.800 €”

Sicuramente una delle cause più particolari mai riscontrate per un ritardo o la cancellazione di un volo. Ogni problema con diretta responsabilità della compagnia aeree obbliga la stessa, per legge, a risarcire i passeggeri con minimo 250€ e fino a 600€ a prescindere dal prezzo pagato per il proprio biglietto.

AirHelp ha aiutato oltre 1,6 milioni di persone a difendere questo diritto ma ancora solo il 2% degli aventi diritto reclama il proprio risarcimento.

Lago Maggiore Zipline

Lago Maggiore Zipline
Lago Maggiore Zipline

Sabato 18 e domenica 19 giugno alla Lago Maggiore Zipline di Aurano (VB) (www.lagomaggiorezipline.it) il fine settimana sarà dedicato al divertimento, al gusto ed alla musica.

Una luna piena renderà l’atmosfera di sabato più interessante e alla Lago Maggiore Zipline non vogliono farsi scappare l’occasione di volare la sera, dalle ore 20:00 alle ore 24:00, sopra un bellissimo paesaggio illuminato. Chi vuole può rendere la serata ancora più piacevole approfittando della grigliata organizzata al ristorante La Batùa, accompagnata da polenta e patatine fritte. Offerta speciale “Cena + volo” € 35,00.

Per i turisti “senza auto” che alloggiano tra Stresa e Verbania, è previsto un servizio navetta che partirà da Stresa alle ore 18:00 e farà tappa a Baveno, Feriolo, Fondotoce, Pallanza e Intra. Il rientro in navetta è previsto per le ore 24:00. Per info sul servizio e prenotazioni entro venerdì 18 giugno è attivo il numero 333-9467147.

La domenica sarà invece dedicata alla musica ed al volo. Nella bellissima cornice del Monte Spallavera si potrà assistere, alle ore 18:00, al  Concerto del Solstizio d’Estate inserito nel calendario di Musica in Quota.

Al termine del concerto, chi vorrà, potrà raggiungere a piedi Pian d’Arla ed approfittare di un volo sulla Lago Maggiore Zipline al prezzo speciale di € 20,00  (volo singolo) o € 40,00 (volo in coppia).

La Lago Maggiore Zipline è l’emozione del volo alla portata di tutti. Lunga 1.850 metri, tra la partenza di Pian D’Arla (1307 slm) e l’arrivo all’Alpe Segletta (960 slm) ci sono quasi 350 metri di dislivello, il punto più alto da terra è a ben 360 metri  e si raggiungono punte massime di velocità tra i 120 ed 140 km/h … tutto il resto è divertimento!

L’impianto, inaugurato nell’agosto del 2015, si trova in località Alpe Segletta ad Aurano (VB) ed è il primo in Europa che permette di volare sullo stesso filo in due diversi assetti: Falcon Style, appesi per la schiena, in picchiata, per raggiungere le massime velocità; Free Style, agganciati frontalmente, in libertà e con la possibilità di compiere evoluzioni a piacere.

Altre importanti caratteristiche della Lago Maggiore Zipline sono la grande semplicità e la comodità di utilizzo, compresa l’accessibilità anche a disabili su carrozzina, a cui si aggiunge un’interessante centralità rispetto ad un bacino d’utenza importante che comprende tutta l’area turistica del lago Maggiore, il varesotto ed il milanese.

Molto belle e funzionali le postazioni di partenza, il Fienile, e d’arrivo, il Nido, dove una struttura caratterizzata da legno e vetro accoglie il bar-ristorante La Batùa, la biglietteria, i servizi igienici ed una terrazza panoramica con vista sui monti e sull’arrivo della zipline, con a disposizione un parcheggio di 50 posti auto.

Per volare ci si reca alla postazione d’arrivo da dove una comoda navetta in poco più di 15 minuti porta alla partenza … 3, 2, 1  si vola!

Lago Maggiore Zipline Social:

Facebook: Lago Maggiore Zipline – Twitter: LagoMaggioreZipline – Instagram: lagomaggiorezipline – Youtube: LagoMaggiore ZIPline

Alitalia: le nuove divise prendono il volo

New Alitalia uniforms
New Alitalia uniforms

Decollano oggi le nuove divise del personale di volo Alitalia. A neanche 20 giorni dalla presentazione di Roma e Milano, i primi equipaggi hanno indossato le uniformi sui voli in partenza da Roma Fiumicino, Milano Linate e Milano Malpensa.

Imponente la macchina organizzativa messa in campo dalla Compagnia italiana per distribuire le divise: il set delle nuove uniformi – composto da 17 pezzi per le donne e 11 per gli uomini, per un totale di oltre 50.000 capi di abbigliamento – è stato consegnato a oltre 3.500 fra hostess e steward Alitalia.

“Oggi è un giorno estremamente emozionante e significativo per il nostro personale di bordo e speriamo che ai nostri passeggeri piaccia molto lo stile tipicamente italiano della nuova divisa”, ha dichiarato Aubrey Tiedt, Chief Customer Officer di Alitalia. “Nel trasporto aereo generalmente passano sei mesi da quando una nuova collezione di divise viene presentata a quando questa viene realmente indossata dal personale. Per questo sono molto orgogliosa del fatto che siamo riusciti a vestire i nostri equipaggi con la nuova divisa in meno di un mese e ciò dimostra la nostra volontà di diventare la migliore compagnia aerea in Europa”.

Il personale di terra, oltre 1.500 persone, indosserà le nuove divise dal 16 giugno, data in cui sarà anche inaugurato il nuovo collegamento di lungo raggio Roma-Città del Messico.

Alitalia ha rinnovato la propria collezione di divise dopo quasi 20 anni: ideate dallo stilista di alta moda Ettore Bilotta, le nuove uniformi si ispirano al glamour degli anni ‘50 e ‘60 e sono state prodotte con il contributo di oltre 500 persone in Italia. In sostituzione del verde e del blu che dominavano nella precedente uniforme oggi le hostess e gli steward indossano una divisa rossa, mentre il personale di terra veste una nuova divisa con i colori grigio antracite e verde.