VerdeMilano: nuova area giochi

VerdeMilano
VerdeMilano

Verde. Nasce una nuova area giochi inclusiva ai Giardini Lucarelli

All’interno della rassegna VerdeMilano, l’inaugurazione del nuovo intervento al quartiere Feltre nell’ambito del progetto “Gioco al Centro” con Fondazione di Comunità

Apre la nuova area giochi accessibile dei Giardini Ezio Lucarelli nel Municipio 3. L’intervento segue quelli realizzati ai Giardini Montanelli (Municipio 1), al parco di Villa Finzi (Municipio 2), e ai Giardini Martinetti (Municipio 7) nell’ambito di “Gioco al Centro – Parchi gioco per tutti”, il progetto avviato nel 2018 dal Comune di Milano e Fondazione di Comunità Milano con l’obiettivo di realizzare aree attrezzate accessibili con giostre e giochi inclusivi nei parchi pubblici dei 9 Municipi della città.

L’inaugurazione all’interno di VerdeMilano, il palinsesto di eventi promosso dall’Amministrazione insieme ad altri soggetti impegnati sul territorio. Dopo la presentazione i bambini saranno coinvolti, insieme ai genitori, in un’alternanza di racconti, performance e giochi teatrali.

La realizzazione di quest’area giochi è nata da un nuovo percorso progettuale, curato da Fondazione Housing Sociale, volto ad ampliare il concetto di inclusione sociale. Il parco nasce come ristrutturazione di un’esistente area giochi e occupa una superficie di circa 800 metri quadrati all’interno del Parco Feltre nell’omonimo quartiere. Il nuovo spazio è integrato con il verde circostante e si suddivide in tre aree diversamente fruibili, finalizzate ad aumentarne l’inclusività: un’area destinata ai più piccoli, un’area destinata al gioco dei più grandi e un’area dedicata al gioco creativo e meno strutturato; completa infine l’area, uno spazio lasciato libero per il gioco della palla.

La progettazione di ogni parco giochi comporta l’esame dell’Assessorato al Verde, la condivisione con le Associazioni Delegate al Tavolo permanente Disabilità e la delegata del Sindaco per le politiche sull’Accessibilità, Lisa Noja; il lavoro si avvale dell’esperienza pedagogica de L’abilità onlus, delle competenze di ANFFAS, Pio Istituto dei Sordi, UILDM e LEDHA Milano, UICI e dell’esperienza internazionale di Inter Campus.

“Inauguriamo la quarta area giochi accessibile realizzata con un progetto che tiene insieme tante anime di Milano, la prossima tappa sarà in piazza Paci, al quartiere Barona – dichiara l’assessore al Verde Pierfrancesco Maran-. L’accessibilità deve essere il faro con cui vengono ripensati gli spazi pubblici, a partire dalle aree dedicate ai più piccoli. E’ sempre una grande soddisfazione vederli giocare all’aperto in condizione di parità, soprattutto dopo questi mesi difficili per tutti”.

“Assicurare a tutti i bambini della nostra città un luogo di gioco accessibile e inclusivo è l’obiettivo del nostro progetto e rappresenta il primo impegno assunto dalla Fondazione per rispondere ad una specifica esigenza: garantire il diritto al gioco di tutti i bambini – commenta Massimo Cremona, Consigliere della Fondazione di Comunità Milano. Un impegno che estendiamo a quanti condividono l’importanza di vivere gli spazi verdi, senza che nessuno si senta escluso. Questa giornata è un momento importante perché il parco diventi un luogo della comunità, un patrimonio comune da rispettare e custodire”

Il progetto “Gioco al Centro- Parchi gioco per Tutti” oltre a realizzare gli spazi e le strutture gioco promuove la cultura del rispetto per la disabilità; al progetto sono infatti collegate attività educative e di sensibilizzazione nelle scuole e un programma di iniziative di animazione nel nuovo spazio gioco volte a rafforzare le reti di solidarietà presenti sul territorio. Grazie alla collaborazione dell’associazione Campo Teatrale, fino a giugno 2022, saranno attivati laboratori teatrali nelle scuole del Municipio e il parco verrà animato con un ricco programma di spettacoli ed eventi esperienziali inclusivi.

 

Milano: riqualificazione Piazza Schiavone

Piazza Schiavone Bovisa
Piazza Schiavone Bovisa

Verde. Partita la riqualificazione in Piazza Schiavone

Più verde e spazio per i pedoni, nuova pavimentazione e giochi inclusivi alla Bovisa

Piazza Schiavone

Prosegue il piano di valorizzazione delle piazze nei quartieri. Sono partiti oggi i lavori di riqualificazione di piazza Schiavone, alla Bovisa. L’intervento prevede la riconfigurazione della piazza, oggi divisa in una parte alberata e una pavimentata, attraverso la demolizione delle scalinate e dei setti murari esistenti. Saranno ampliate le aiuole, portando la superficie a verde dagli attuali 983 a 1.525 metri quadrati e salvaguardati i 24 alberi esistenti, con la messa in sicurezza dell’apparato radicale di una paulonia che sta sollevando una porzione di pavimentazione.

Verde in arrivo anche nella parte attualmente pavimentata, dove verranno piantati 16 nuovi alberi ad alto fusto che garantiranno l’incremento delle aree ombreggiate e fruibili contrastando l’isola di calore. Prevista anche una nuova pavimentazione ad elevata capacità drenante, con la realizzazione di percorsi pedonali che miglioreranno la fruibilità all’interno dell’area verde.

Verrà infine ampliata l’area dedicata ai bambini con l’inserimento di un nuovo gioco inclusivo, altalene e giochi a molla. Nel corso dell’estate il progetto è stato parzialmente rivisto, alla luce delle osservazioni del quartiere, prevedendo la collocazione di una siepe sempreverde tra l’area gioco e le abitazioni che affacciano sulla piazza, in modo da creare una barriera antirumore. Il restyling durerà circa 3 mesi per un costo complessivo di 200mila euro.

ForestaMi, 3 mln di alberi entro il 2030

ForestaMi
ForestaMi

Verde. Con ForestaMi avanza piano per 3 milioni di alberi entro il 2030

Presentato lo stato di avanzamento del progetto, individuate 253 nuove aree destinate alla forestazione urbana nella Città Metropolitana di Milano

“La forestazione del nostro Paese è un passo fondamentale per stabilire quella nuova normalità verde che il post-Covid richiede – ha dichiarato Sergio Costa, Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare –. Non dobbiamo dimenticare, infatti, che la grande battaglia contro i cambiamenti climatici e per la qualità dell’aria richiede coraggio, idee innovative e progetti ambiziosi come quello di Forestami, che parte da Milano ma che auspico possa essere replicato nel resto d’Italia. Per la forestazione urbana e periurbana, infatti, il Governo si è già impegnato sia con l’approvazione della Legge Clima che con la revisione dei criteri ambientali minimi per gli acquisti verdi della Pubblica amministrazione, che da quest’anno finalmente stabiliscono regole chiare per un verde urbano di qualità e sostenibile. E su tutto questo saranno fondamentali le misure previste nel Green Deal e potenziate con il Recovery Plan”.

Continua a crescere e svilupparsi Forestami, il progetto di forestazione urbana nato su iniziativa di Comune e Città metropolitana di Milano, sulla base di una ricerca del Politecnico di Milano grazie al sostegno di Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani, promosso da Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano, ERSAF e Fondazione di Comunità Milano, che intende portare 3 milioni di nuovi alberi e arbusti nell’area metropolitana entro il 2030.

Una collaborazione importante, quella in essere tra tutti i soggetti promotori, che ha permesso di costruire una visione strategica sul ruolo del verde nell’area metropolitana milanese e sta dando vita a un processo di censimento, valorizzazione e implementazione di tutti i sistemi verdi, per favorire politiche e progetti di promozione di attività di forestazione urbana. Lo stato di avanzamento delle attività è stato presentato questa mattina nel Giardino Giancarlo de Carlo di Triennale Milano, nell’ambito degli incontri promossi dall’Urban Center del Comune.

“Forestami è un progetto in cui Milano crede molto – ha spiegato il Sindaco di Milano Giuseppe Sala –. Piantare decine di migliaia di alberi ogni anno per dieci anni, fino a raggiungere – e magari superare – la quota di 3 milioni nel 2030 in tutta l’area metropolitana, è tutt’altro che un esercizio di stile. Semmai è espressione della volontà concreta di affrontare la questione ambientale, per il benessere di tutti i cittadini e del territorio. Milano non ignora il problema ma cerca soluzioni. Non c’è alcuna rivoluzione verde se non si dà avvio e se non si continua a sostenere fattivamente, anche con donazioni, iniziative come Forestami, in cui il settore pubblico e i privati, lavorano insieme per rendere più vivibili, eque e sostenibili le nostre città. Puntando su piste ciclabili e servizi raggiungibili a 15 minuti a piedi nel progettare la ripartenza dopo il lockdown dovuto all’emergenza sanitaria in corso, Milano ha dimostrato di poter proporre un nuovo modello di sviluppo urbano contemporaneo e sostenibile, di cui la forestazione urbana non può che essere elemento di snodo fondamentale”.

Il progetto, lanciato lo scorso 21 novembre in Triennale in occasione del World Forum on Urban Forests Milano Calling, si sta preparando alle prossime stagioni di piantagione attraverso un costante lavoro di ricerca, a cura del Politecnico di Milano e del Comitato Tecnico, finalizzato all’individuazione di nuove aree della Città Metropolitana da destinare ai prossimi interventi di forestazione urbana.

“La fragilità che ereditiamo da questa pandemia, insieme alla consapevolezza che essa derivi da una gestione violenta dei paesaggi naturali come la deforestazione, ci spingono oggi a trovare, soprattutto nelle nostre città, un nuovo equilibrio tra la sfera vegetale e la vita quotidiana. Abbiamo bisogno più che mai della biodiversità che gli alberi e le piante introducono per ristabilire un rapporto di rispetto con le altre specie animali. Ma abbiamo anche urgente bisogno della loro capacità di assorbire le polveri sottili che avvelenando l’aria di Milano indeboliscono le difese polmonari e moltiplicano i rischi di contagi da virus trasmessi per le vie respiratorie – ha evidenziato Stefano Boeri, Presidente del Comitato Scientifico di Forestami –. Con ForestaMi, la metropoli milanese anticipa un progetto nazionale di Forestazione Urbana, perché i boschi attorno alle città e sistemi continui di alberature importanti al loro interno tutelano e favoriscono la biodiversità, ombreggiano le zone pubbliche evitando riscaldamenti eccessivi, puliscono l’aria assorbendo le polveri sottili, riducono la CO2. Ma non solo: gli alberi migliorano la qualità della vita e della salute pubblica”.

In questi mesi, il lavoro di Forestami con i Comuni e gli Enti Territoriali di Città Metropolitana ha portato all’individuazione di 253 nuove aree disponibili per ulteriori progetti di forestazione urbana (pari una superficie complessiva di 713 ettari) di cui 167 aree (pari a 344 ettari) già disponibili per progetti di forestazione urbana a partire dalla prossima stagione agronomica (novembre 2020).

Delle 253 aree individuate: 110 saranno destinate alla realizzazione e implementazione di aree verdi e parchi urbani; 82 alla realizzazione nuovi boschi e fasce boscate; 20 a interventi di forestazione in ambiti residenziali e a servizi (9 scuole, 1 centro sportivo, 2 parrocchie, 1 area feste); 14 a interventi di riqualificazioni boschive; 4 a interventi in aree di particolare rilevanza da un punto di vista naturale; 2 interventi in orti urbani. A queste aree si aggiungono: oltre 137 km di percorsi esistenti da implementare con filari e siepi, 12 km di percorsi da realizzare ex novo e oltre 1 Km di filari da ripristinare dopo una tromba d’aria avvenuta nel 2019.

 

Verde a Milano: “Parchi gioco per tutti”

Parchi gioco per tutti
Parchi gioco per tutti

Verde. In via Feltre un parco giochi accessibile a tutti i bambini.
Partiti i lavori al Giardino Lucarelli per il quarto intervento in città nell’ambito del progetto promosso insieme a Fondazione di Comunità Milano “Parchi gioco per tutti”

Milano, 7 giugno 2020 – Dopo le aree giochi dei Giardini Montanelli, Villa Finzi e via Martinetti, anche quella del Giardino Lucarelli in via Feltre nel Municipio 3 diventerà accessibile a tutti i bambini grazie al progetto “Parchi gioco per tutti”.

Sono infatti partiti i lavori per la realizzazione del quarto intervento realizzato nell’ambito dell’iniziativa promossa dal Comune insieme a Fondazione di Comunità Milano, Città, Sud Ovest, Sud Est, Martesana, con l’obiettivo di realizzare aree attrezzate accessibili con giostre e giochi inclusivi nei parchi pubblici dei 9 municipi della città.

“Il diritto al gioco deve essere garantito a tutti i bambini – dichiara l’assessore al Verde Pierfrancesco Maran -. L’Amministrazione si è impegnata ad incrementare sempre di più le aree giochi inclusive e non c’è soddisfazione più grande, una volta realizzate, di vedere i più piccoli divertirsi in condizione di parità. Ringraziamo Fondazione di Comunità con cui stiamo realizzando interventi davvero importanti per la città”.

L’intervento si inserisce in un contesto ricco di attività legate al sociale, con la presenza della Cascina Biblioteca, impegnata nella cura delle persone con fragilità e disabilità, il Consorzio Molino San Gregorio, costituito da organizzazioni no profit per promuovere l’incontro e l’accoglienza, e l’attività dell’Associazione genitori Feltre, che organizza attività extrascolastiche valorizzando il percorso degli studi dei ragazzi.

Il cantiere avviato dal settore Verde del Comune prevede la riqualificazione dell’area giochi esistente e la sua suddivisione in tre parti, una dedicata ai più piccoli, una ai più grandi e una ai giochi creativi. Sarà realizzata una nuova pavimentazione antitrauma e installate diverse strutture innovative donate da Fondazione di Comunità Milano: l’altalena cestone, l’altalena a due posti, il Villaggio Fun City, la giostra Becky, la Curva Spinner, il Chill Spinner, la Double Web Climber, la Balance Pole e la Cocowawe, una pedana “saltarella”. L’area giochi sarà collegata ai viali esistenti attraverso percorsi tattilo-plantari per garantirne la massima accessibilità.

Milano: nuove aiuole e area giochi

piazza Beccaria Milano
piazza Beccaria Milano

Verde. Nuove aiuole alberate in Piazza Beccaria e un’area giochi alla Barona

Gli interventi promossi da Audemars Piguet nell’ambito di “Cura e Adotta il Verde Pubblico”

Milano, 4 marzo 2020 – Da un lato la riqualificazione delle aiuole di piazza Beccaria, con un nuovo allestimento e la posa di 50 alberi, dall’altro la realizzazione di una nuova area giochi al quartiere Barona. È quanto realizzerà Audemars Piguet attraverso un contratto di collaborazione tecnica con l’Amministrazione della durata di tre anni.

In piazza Beccaria è già in corso l’allestimento del cantiere che nei prossimi giorni rigenererà le aiuole secondo il progetto firmato dall’architetto paesaggista Marco Bay. In particolare, si prevede l’eliminazione degli arbusti esistenti a favore di un nuovo sistema di verde caratterizzato da armonia e carattere, con la posa di 50 magnolie, nelle tre varietà Yulan alba, Star wars e Galaxy, oltre al tipico tappezzante lombardo Cotoneaster horizontalis e alla Molina caerulea Windsaule. Parallelamente saranno spostati nelle aiuole di via Beatrice d’Este i due ciliegi oggi presenti nell’area: per garantire il buon esito del trapianto è stata fatta arrivare dalla Germania una macchina espiantatrice speciale.

Nelle prossime settimane partiranno invece i lavori per la realizzazione di una nuova area giochi nel parco Primo Mazzolari, al quartiere Barona. L’intervento prevede la demolizione del campo giochi esistente e la realizzazione di nuova area bimbi con l’installazione di un gioco complesso e due altalene, il rifacimento della pavimentazione antitrauma, la posa di una recinzione colorata a delimitazione dell’area dedicata al gioco dei bimbi e l’installazione di 2 tavoli da pic-nic in legno.

Gli interventi di Audemars Piguet rientrano nell’ambito del progetto “Cura e adotta il verde Pubblico”. Ad oggi sono più di 500 i contratti in essere con soggetti privati per la cura di parchi, giardini, aiuole e aree gioco.