Isabella Turso: “Big Break”

isabella turso
isabella turso

Il 15 agosto alle ore 19:00 si terrà il concerto di ISABELLA TURSO, un’occasione per presentare ed eseguire in prima assoluta il suo album BIG BREAK su un palcoscenico realizzato in riva al lago di Caldonazzo, al tramonto e di fronte alla Spiaggia “Al Pescatore” di Calceranica al Lago.

Un pianoforte sospeso, quello dell’artista trentina ISABELLA TURSO, circondato dalle acque cristalline del Lago di Caldonazzo, perla turchese nel verde delle montagne del Trentino. Un evento musicale suggestivo in questa fase di ripartenza della cultura, con un intento fortemente simbolico, di valorizzazione del patrimonio paesaggistico nazionale e caratterizzato dalla perfetta sinergia tra musica e ambiente.

La serata si aprirà con una speciale performance del campione mondiale di sci nautico Thomas Degasperi, due volte campione del mondo, sette titoli europei assoluti e campione in carica, numero uno nella ranking mondiale.

Il concerto è stato realizzato con il patrocinio del Comune di Calceranica al Lago e in collaborazione con le strutture commerciali del luogo e della Provincia Autonoma di Trento.

BrentAnima – ”Borgo del Benessere”

image009
image009

BrentAnima

Nasce la prima edizione del Dolomiti Olistic Festival

Il 5 e 6 settembre, in Trentino, a San Lorenzo in Banale, il ”Borgo del Benessere” (e tra i “Borghi più belli d’Italia”), la prima edizione del festival di pratiche olistiche nelle Dolomiti di Brenta; per nutrire tutti i sensi (che sono ben più di cinque) e regalarsi rigenerazione intensa e completa.

Non poteva che nascere qui! A San Lorenzo in Banale, il borgo del benessere, parte integrante della natura Biosfera Unesco di Comano, ai piedi delle Dolomiti di Brenta, perfetta sintesi e incontro tra natura e Paesaggio Umano, nasce, il 5 e 6 settembre, brentAnima, il primo Dolomiti Olistic Festival. Sotto la guida di grandi maestri, una occasione di rigenerazione, mai come in questo momento essenziale per la ripresa dopo i difficili mesi passati: un mini festival concentrato in un weekend (dalla mattina del sabato al pomeriggio della domenica) che alterna momenti di riflessione, workshop sul benessere corpo\mente, attività di scoperta del territorio, eventi musicali, legati al tema dell’esplorazione dell’ambiente con tutti i sensi e ad un approccio improntato alla lentezza, alla gentilezza, alla consapevolezza espansa, al benessere, e che si esprimono attraverso i diversi piani della persona e nelle relazioni, sia interpersonali che con il mondo della natura. Un percorso di trattamenti di relazione tra il corpo e la natura, dal perception walking, all’abbraccio degli alberi, ai meridian shiatsu, sino ai bagni vibrazionali e a meditazioni vegetali, in una location nella natura e erbe officinali tra momenti di musica, riflessione e di sapori bio.

E a questa edizione zero, in questo luogo, non si arriva per caso, ma per un naturale processo di maturazione di storie di vita: questo borgo antico, che fa parte dei Borghi più belli d’Italia ed è parte integrante della natura, in un perfetto microcosmo di equilibrio e pienezza tra la comunità e gli spazi, diviene il borgo del benessere, punto di origine di rigenerazione, avendo attirato e richiamato esperti e maestri di filosofie e tecniche olistiche diverse che, in un confluire di sensibilità e esperienze, tutte legate all’amore per la natura e per il benessere psicofisico, propongono per tutta la stagione, sessioni, incontri e seminari durante tutta l’estate. Sino, all’appuntamento del 5 e 6 settembre, che diviene il momento pilota per le future e ancora più ampie edizioni del primo Dolomiti Olistic Festival.

ESPLORARE TUTTI I SENSI …CHE SONO PIU DI CINQUE.

I sensi sono portali di accesso per farci sentire che esistiamo, per darci presenza e piacere: le nostre esperienze ci appagano nella misura in cui i sensi sono coinvolti e che, tuttavia, sono più di cinque, Oltre a vista, udito, tatto, gusto e olfatto ci sono anche l’intuizione (che elabora velocemente il contesto, senza passare dalla via cognitiva), la propriocezione (che ci fa sentire il corpo in movimento e in relazione all’ambiente), l’enterocezione (grazie alla quale percepiamo gli stati interni del corpo). Sono abilità importanti, che lo stile di vita comune tende a nascondere e che possono essere coltivate per migliorare il nostro benessere e la nostra salute. Possiamo paragonare tutti questi nostri sensi alle corde di uno strumento musicale, che siamo stati incoraggiati fin da piccoli a non ascoltare. Perché? Perché quando questo strumento vibra pienamente è molto difficile accettare ciò che non ci corrisponde. Possiamo però tornare in ogni momento a risuonare in tutto il corpo, in tutti i sensi, per sentirci pienamente vivi, per gustarci la vita, per percepire il senso profondo del nostro agire.

Ecco allora che BrentAnima dà modo di scoprirli o riscoprirli e in una dimensione ambientale perfetta, in un angolo di San Lorenzo che definire incantato non è retorico: è l’Azienda Agricola IL RITORNO, di Anita Ciccolini, che si occuperà anche della ristorazione, rigorosamente bio, tra pranzi ayurvedici, merende con infusi delle erbe officinali dolci con la frutta coltivata e snack con verdure coltivate nell’orto, petali eduli colorati e foglioline di piante aromatiche… per favorire anche la conoscenza delle pratiche di una alimentazione sana e sostenibile.

PRENOTARE E COSTI:

La prenotazione è obbligatoria – Azienda per il Turismo Terme di Comano Dolomiti di Brenta.

Telefono 0465 702626 – info@visitacomano.it ed i posti limitati: minimo 20, massimo 25 persone per rispetto delle normative sanitarie anti-Covid e consentire lo svolgimento delle attività in completa sicurezza. Il Costo: € 120 a persona. Nel costo non è compreso il pernottamento.

CONTENUTI DEL PROGRAMMA

Dopo la registrazione e un momento di benvenuto i momenti principali, alternati a pause ristoro sono:

Sabato 5 settembre

SENTIRE IL CORPO – Stretching dei meridiani- Percepire il Ki (Energia Vitale) attraverso lo Stretching dei Meridiani e i diversi movimenti. Osservare dove passa l’energia vitale e stimolarla, distribuirla, incrementarla, per armonizzare corpo, mente e spirito. Una pratica adatta a tutti per un miglior rilassamento e apertura, e una nuova percezione di Sé nel Corpo. Con Alissa Shiraishi e Mattia Cornella di MattariVita

MEDITAZIONE VEGETALE – Incontriamo la nostra pianta guida. Una passeggiata meditativa tra le piante officinali, riscoprire l’anima della natura, affidarsi allo spirito delle piante, mettersi in dialogo profondo con esse attraverso il mito che ci da informazioni di natura animica per ritrovare la loro essenza. Ritroviamo poi l’essenza donata dalla pianta nell’infuso che gustiamo al termine della passeggiata. Con Anita Ciccolini

LA VOCE SENSUALE -Workshop sulle relazioni tra la voce e i sensi. Godere del proprio suono con tutti i sensi e scoprire che ascoltare profondamente è la condizione per potersi esprimere, che la voce può accarezzare e può essere assaporata, che annusare un profumo può aprire canali inaspettati al canto e che la vista può aiutare a “metterlo a fuoco”. Con Cristina Pietrantonio

IL SENSO DEL SACRO – Celebrazione del fuoco – La suggestione e intensità di una serata di parole, canti e danze intorno al fuoco: insolito nella società attuale, ma abituale nel passato e tuttora in altre culture Il fuoco, forza vitale primordiale, trasforma e distrugge, prepara il terreno per ciò che ancora non esiste diviene l’elemento guida in una ricerca spirituale universale, che appartiene profondamente ad ogni persona. Con Cristina Pietrantonio

Domenica 6 settembre

LA GIOIA DEI SENSI – Yoga sensibile Se si vuole o percepire un movimento ampio, un portamento verticale,,. necessita prima di creane l’idea. I sensi e sensazioni seguono naturalmente l’idea preparata prima del movimento. Durante l’attività si impara a sviluppare un senso per lo spazio, il respiro ampio e il movimento. Con Anne-Michèle Hambye

PERCEPTION WALKING – Passeggiata sensoriale ad alto tasso di emozione. Nel corso di una silenziosa passeggiata ad occhi chiusi attraverso la natura, il partecipante e la guida sviluppano una relazione profonda con l’ambiente circostante attraverso i semplici atti di camminare, sentire e toccare. Un’esperienza sensoriale a contatto con la natura, capace di risvegliare i sensi e toccare in profondità l’animo. Con Alissa Shiraishi e Mattia Cornella di MattariVita

BAGNO VIBRAZIONALE – Massaggio sonoro con le campane di cristallo. Utilizzando i vasi sonori di cristallo di rocca nel massaggio vibrazionale, ogni cellula assopita del nostro corpo viene risvegliata, rivitalizzata e convertita in armonia. I suoni puri del quarzo di rocca pervadono ogni parte di noi riequilibrandoci e riportandoci alla nostra memoria naturale bio-cristallina. Con Massimiliano Peri

 

Climbing Iran

Climbing_Iran_
Climbing_Iran_

Sarà presentato mercoledì 13 giugno alle ore 18.30, al Punto Einaudi Merulana di Roma (Largo di Sant’Alfonso, 3) il film-documentario in lavorazione Climbing Iran, di Francesca Borghetti, prodotto con Nanof e incentrato sulla storia di Nasim Eshqi, alpinista e climber iraniana capace di aprire vie su roccia e unica donna professionista che pratica all’aperto in Iran, dove ha all’attivo diverse prime ascese e aperture di vie.

Un’occasione per riflettere su diverse tematiche tra cui l’Iran, insieme ad Antonello Sacchetti giornalista ed esperto di Iran e Parisa Nazari dell’Associazione culturale Alefba, la montagna e l’arrampicare con il suo profondo significato simbolico, insieme a Stefano Ardito, scrittore ed alpinista.

Per finanziare parte delle riprese in Iran e sostenere il documentario, finalista al Premio Solinas 2017, al PerSo 2017 e a Visioni Incontra 2017, è in corso su Eppela la campagna di crowdfunding: www.eppela.com/climbingiran .

“Scalare le montagne ha di per sé il valore simbolico della sfida personale per superare i propri limiti”, afferma l’autrice e produttrice Francesca Borghetti, all’esordio nella regia di un lungometraggio, “penso che Nasim possa raccontarci qualcosa di nascosto che anima le donne iraniane di oggi e che sfugge all’abituale “discorso” sull’Iran, ma anche sul potere della montagna, che riposiziona l’uomo di fronte ai suoi limiti e relativizza la sua smania di controllo, l’onnipotenza delle sue ideologie”.

Il film-documentario sarà girato prevalentemente in Iran, ma anche in Trentino.

 

Terme di Comano e la Giornata Mondiale della Psoriasi

comano-zona-termale-
comano-zona-termale-

Le Terme di Comano, centro di eccellenza in Europa, nel verde del Trentino, tra il lago di Garda e le Dolomiti di Brenta, anche quest’anno aderiscono alla Giornata Mondiale della Psoriasi, ma potenziano ulteriormente l’impegno di sempre alla corretta informazione e fornire linee guida qualificate per una ottimale gestione della psoriasi nella vita quotidiana, la Comano Experience e coglierne lo straordinario valore aggiunto del trattamento naturale a base di acqua termale rispetto a quelli unicamente farmacologici.

Punto di partenza è perseguire gli scopi divulgativi e informativi della Giornata Mondiale della Psoriasi e segnalare la terapia termale come una delle cure qualificate e scientificamente dimostrate per il trattamento della psoriasi, anche in associazione ad altre terapie (es. farmacologiche). Ma, in più, oltre alla diagnosi e anamnesi sulla patologia psoriasiaca in sé, dare la possibilità di apprendere tutti gli aspetti collaterali che concorrono alla migliore gestione della malattia, acquisendo corretti stili di vita, a partire da quelli alimentari e di attività fisica.
In altre parole , la Comano Experience non si incentra solo sulla patologia, ma si occupa di tutta la PERSONA.
Sabato 28 e domenica 29 ottobre

– VISITA MEDICA DERMATOLOGICA GRATUITA
Visita con i medici specialisti del centro termale per definire un percorso terapeutico personalizzato. Iniziativa riservata a coloro che vengono alle Terme di Comano per la prima volta. Solo su prenotazione online su www.termecomano.it oppure telefonica al numero 0465 701277

– CURA IDROPINICA GRATUITA
Per chi effettua la visita dermatologica accesso gratuito alla fonte per bere l’acqua termale.

Domenica 29 ottobre, ore 10.30

– Ore 10.30: SPECIALE “SCUOLA DELLA PSORIASI”
Spazio di confronto con gli specialisti per chiarire dubbi e per conoscere cause e meccanismi della psoriasi, nuove terapie e farmaci, alimentazione e dieta, corretti stili di vita e terapia termale. Interventi moderati dal dott. Carlo Renè Girardelli, primario dermatologia Ospedale Santa Chiara di Trento con introduzione del dott. Mario Cristofolini, Presidente Centro Studi e Ricerche Terme di Comano.
Gli interventi:
– Come curiamo la psoriasi: farmaci tradizionali ed avanzati, dott. Riccardo Balestri, dermatologo Ospedale Santa Chiara di Trento
– Psoriasi: non solo pelle, dott.ssa Giulia Rech, dermatologa Ospedale Santa Chiara di Trento;
– Alimentazione e stili di vita: dieta e consigli, dott. Giorgio Mazzola, esperto in nutrizione Terme di Comano;
– Come curiamo la psoriasi: la terapia termale, dott.ssa Stefania Farina, dermatologa e ricercatrice Terme di Comano.

Approfondimenti : perché Le Terme di Comano per il trattamento della psoriasi

Le Terme di Comano, sono un centro di eccellenza in Europa per la cura delle malattie della pelle , riferimento assoluto in Italia proprio per lo studio e la cura della psoriasi, con un bagaglio di ricerche di altissimo profilo, iniziate sin nel 1968 .
Qui, le acque termali bicarbonato calcio-magnesiache (con temperatura di 27 gradi alla sorgente e PH vicino alla neutralità) divengono l’unico farmaco, senza controindicazioni, totalmente naturale e con risultati accertati straordinari, sia in termini di abbassamento della recidiva, che di allungamento delle fasi di remissione.

L’acqua termale di Comano ha infatti proprietà antinfiammatorie e immunomodulanti (inibisce la produzione e la secrezione di citochine proinfiammatorie e agisce bloccando la cascata infiammatoria psoriasica limitandone significativamente l’attività nel tempo) comprovate da numerose ricerche mediche pubblicate su riviste scientifiche internazionali.

Queste, insieme alla testimonianza diretta dei pazienti, documentano il miglioramento soggettivo ed oggettivo del paziente che effettua i bagni termali di Comano (terapia concessa dal Servizio Sanitario Nazionale), anche in abbinamento alla fototerapia selettiva, che sono anche indicati per altre malattie della pelle come eczemi per gli adulti e dermatite atopica nei bimbi. In particolare è provato il miglioramento clinico nel tempo (diminuzione di prurito, arrossamento, infiammazione) e successiva riduzione dell’uso dei farmaci (anche dopo molti mesi dal termine della cura).

I bagni hanno infatti lo scopo di ridurre le fasi acute della psoriasi aumentando le fasi di benessere clinico con effetti duraturi nel tempo e non gravati da effetti collaterali. Inoltre, a Comano, essendo la psoriasi una patologia cronica multi fattoriale, viene sempre impostata una terapia personalizzata, su ogni singolo paziente.

Il trattamento: la balneo- fototerapia
Per la psoriasi le cure termali proposte sono 3. I bagni termali da soli o in abbinamento alla fototerapia UVB-nb e la cura idropinica, cioè l’acqua come bibita. Il trattamento ideale prevede 2-3 settimane di cura, il protocollo completo è di 25 bagni di cui 12 gratuiti con il SSN. Il vantaggio è un risultato rapido e duraturo, privo di effetti collaterali e del tutto naturale.

I bagni termali hanno effetto cheratolitico e lenitivo sulle placche psoriasiche e preparano la pelle alla successiva fototerapia aumentandone l’efficacia e permettendo un utilizzo minore di raggi ultravioletti. La fototerapia a Comano è infatti diversa da quella dell’ospedale perché, pur utilizzando le stesse apparecchiature, è effettuata con un protocollo specifico giornaliero con minimo dosaggio cumulativo di radiazioni ultraviolette; un ciclo di lampade curative in ospedale dura 2-3 mesi con 2-3 sedute a settimana e dosaggi progressivamente crescenti, alle terme invece si usano pochi ultravioletti e già in 2 settimane si vedono i risultati, risultati che poi dureranno grazie al potere antipsoriasico più lento dell’acqua.

Il programma di cura viene stabilito dal dermatologo all’inizio del soggiorno termale rispettando le caratteristiche individuali di ogni singolo paziente. Per la psoriasi del cuoio capelluto inoltre è disponibile una fototerapia parziale selettiva con pettine, un dispositivo presente unicamente alle Terme di Comano. La cura idropinica come integrazione alla balneoterapia consente di aumentare la diuresi e favorire una depurazione totale dell’organismo, migliorando la permeabilità intestinale e idratando la pelle in maniera sinergica ai bagni.

Risultati ed effetti documentati: Balneoterapia a balneofototerapia riducono le fasi acute della malattia e prolungano le fasi di benessere clinico. L’acqua termale di Comano inibisce la produzione di molecole infiammatorie (citochine come ad esempio il TNFalfa), riduce infiammazione e prurito e migliora la qualità di vita. Il miglioramento clinico si mantiene nel tempo, senza effetti collaterali. La terapia termale consente di effettuare una pausa nell’assunzione di farmaci e di ridurne l’uso nel tempo.

Festa del Carmenin

Sagra del Carmenin
Sagra del Carmenin

16 e 17 luglio Mezzano di Primiero in festa

Tutti giocano a bocce nelle vie del borgo trentino noto per le sue cataste artistiche di legna

Competizione aperta a grandi e piccoli, unica nel suo genere in Italia

Sentitissime dall’intero borgo e molto gradite anche ai turisti, che vi vengono coinvolti ed hanno la possibilità di vivere in prima persona lo spirito autentico di antiche e partecipatissime feste popolari, tornano a Mezzano di Primiero (Tn), il paese di Cataste&Canzei (le cataste artistiche di legna) la Sagra dei Carmeni e la Festa del Carmenin, che si svolgeranno rispettivamente domenica 16 e lunedì 17 luglio.

Domenica processione, musica, e gastronomia

Secondo tradizione, domenica è il giorno del Grande mercato, con decine di bancarelle di prodotti artigianali e golosità del territorio disposte lungo le vie del paese e nelle piazzette dove fanno bella mostra di sé le oltre 30 cataste di legna del museo en plein air di Cataste&Canzèi, realizzate da noti artisti e da studenti di istituti d’arte trentini. In programma spettacoli per bambini, stand gastronomici, musica. Alle 17.00, in programma la coreografica processione della Madonna del Carmine a cui è dedicata la festività, portata a spalle dai coscritti dei 18 anni, agghindati in tunica celeste, al seguito del sindaco e due assessori, che aprono il corteo con il crocifisso e le lampade.

Lunedì bocce per i vicoli, giochi, buon cibo e Palio degli asini

Lunedì sarà un’altra intensa giornata all’insegna di divertimento, buon cibo e musiche delle tradizione. L’evento più inusuale sarà l’interminabile e combattutissima gara di bocce lungo i vicoli del paese tra Grisoni e Pranovi (le due parti della località), unica nel suo genere in tutt’Italia, giocata da giovani e adulti fin dalle 8 del mattino. Una tradizione che risale a un centinaio di anni fa. In programma, giochi e animazione con gli asini per i bambini, orchestrine locali e stand gastronomici con prodotti e piatti tipici, quali polenta con lunaneghe, tosela o formaggio fritto, frittele, strauli e smorum, dolci tradizionali. Finalissima, alle 22.00, con la ventiduesima edizione del Palio dei musàti, che vedrà alla partenza otto asini con rispettivi fantini, in rappresentanza dei comuni e delle principali frazioni della valle.