Senhit – “Freaky Trip to Rotterdam”

SENHIT_foto di Fabrizio Cestari
SENHIT_foto di Fabrizio Cestari

Continua l’appuntamento mensile con “Freaky Trip to Rotterdam”, il nuovo progetto di SENHIT, con la direzione artistica di LUCA TOMMASSINI, che accompagna i fan della cantante italo eritrea fino all’Eurovision Song Contest 2021, dove Senhit è già stata confermata in rappresentanza di San Marino RTV. Ogni mese, un brano della storia dell’ESC viene reinterpretato da Senhit diventando non un semplice videoclip ma una vera e propria opera d’arte.

Dalla mezzanotte del 31 ottobre sarà disponibile su Youtube il quinto video del progetto, cover di “RISE LIKE A PHOENIX” di CONCHITA WURST, singolo che ha vinto l’ESC 2014 in rappresentanza dell’Austria.

Ancora una volta, Senhit omaggerà un’icona del passato, ponendo l’attenzione sul valore della libertà di espressione e facendo riflettere sui diritti di ogni essere umano, con un occhio di riguardo per i diritti LGBTQ+. Lo farà guidata dalla sapiente direzione artistica di Tommassini che ha creato un nuovo video ricco di sorprese…. Appuntamento alla notte di Halloween!

Questo viaggio nel mondo eurovisivo, dai risvolti imprevedibili, sta appassionando migliaia di persone da tutto il mondo.

Di seguito i primi quattro video usciti del “Freaky Trip to Rotterdam”.
1° CAPITOLO luglio: “CHEESECAKE” (Teo, Bielorussia, 16° all’Eurovision Song Contest 2014)

Un nuovo arrangiamento ipnotico, un mondo ribelle e anticonformista, ispirato alla Pop Art americana. Senhit reinterpreta Grace Jones nella sua massima espressione, icona androgina e sempre moderna, anzi, un passo avanti. Con lei, il ballerino Patrizio Ratto. Sotto l’ironia, il video provoca su temi attuali come il razzismo e il ruolo della donna nella società.

2° CAPITOLO agosto: “EVERYWAY THAT I CAN” (Sertab Erener, Turchia, 1° classificato all’Eurovision Song Contest 2003)

Una riflessione sull’immagine di democrazia e uguaglianza dietro la quale si nasconde la nostra società, dove troppo spesso permettiamo a chi discrimina di camminare a testa alta. Siamo in una Hollywood che piange mostrando la sua vulnerabilità e i suoi difetti. Il sogno americano, le favole che ci vengono raccontate da bambini, l’idolatria verso la Playboy Mansion di Hugh Hefner si mostrano per quello che sono: dittature di un’immagine perfetta da inseguire.

3° CAPITOLO settembre: “DING A DONG” (Teach-In, Paesi Bassi, 1° classificato all’Eurovision Song Contest 1975)

Getty Kaspers dei Teach-In fa un cameo nel video.
Il video si apre con la frase di Oscar Wilde “Be afraid of nothing”… A volte si è spaventati da ciò che viene percepito come “diverso”, come una drag queen, che non è altro che un’artista professionista a 360 gradi.
È un omaggio alle prime donne degli anni ’60, alla televisione in bianco e nero, che ancora oggi ci fa sognare, a Wonder Woman, a Cher, a Divine.

4° CAPITOLO ottobre: “CONGRATULATIONS” (Cliff Richard, Regno Unito, 2° all’Eurovision Song Contest 1968)

Senhit interpreta David Bowie in veste di pop star contemporanea, condottiero del girotondo circense composto dai freaks, ispirato a “8 e ½” di Fellini. È un inno alla diversità senza confini, nella sua bellezza e nella sua purezza.

In ogni video Senhit, la freaky queen, ha compiuto una trasformazione nel look e nello stile, avvolta da una scenografia ricercata e unica.

“FREAKY TRIP TO ROTTERDAM” – primo video

SENHIT e LUCA TOMMASSINI foto di Fabrizio Cestari
SENHIT e LUCA TOMMASSINI foto di Fabrizio Cestari

Domani, mercoledì 15 luglio, partirà il “FREAKY TRIP TO ROTTERDAM”, il nuovo progetto di SENHIT, con la direzione artistica di LUCA TOMMASSINI, che accompagnerà i fan della cantante italo eritrea fino all’Eurovision Song Contest 2021 con una serie di appuntamenti mensili all’insegna dei colpi di scena.

“Freaky”, come il titolo del singolo fuori dagli schemi della “Freaky Queen” Senhit che, durante l’emergenza sanitaria, ha fatto ballare il popolo del web con la #freakydance ideata da Luca Tommassini https://youtu.be/PwXZANv3zgw.

“Trip to Rotterdam”, come il viaggio nel mondo eurovisivo, dai risvolti imprevedibili, che la aspetta prima di salire sul palco di Eurovision Song Contest 2021, dove è già stata confermata in rappresentanza di San Marino.

Senhit, infatti, ha selezionato per “Freaky Trip To Rotterdam” una serie di brani che hanno segnato la storia dell’Eurovision Song Contest.
Ogni mese, un brano diverso sarà reinterpretato da lei con la direzione artistica di Luca Tommassini, diventando non un semplice videoclip ma una vera e propria opera d’arte. In ogni video, Senhit compirà una trasformazione nel look e nello stile, avvolta da una scenografia ricercata e unica.

Il calendario inizia domani con la pubblicazione della cover di “Cheesecake” (Teo, Bielorussia, Eurovision Song Contest 2014).

Paolo Meneguzzi: “Il coraggio”

Paolo Meneguzzi
Paolo Meneguzzi

Un brano (scritto e prodotto con Emilio Munda) dal testo maturo e dalla melodia originale, scritto in questi giorni di sofferenza. La trasformazione da una vita normale a una vita serrata nella quale a rimetterci sono sempre i “più piccoli”, che sono quelli che devono avere “IL CORAGGIO”.

“La paura non puo’ niente, se niente fa paura … Il coraggio non è dei protagonisti, di quelli che ridono quando cadi, il coraggio è lo stemma di chi ti ama, di quelli che applaudono quando ti rialzi, nonostante tutto”.

Di forte impatto emotivo e con una melodia originale e incalzante, la voce dolce e potente di Meneguzzi si snoda tra le note e tra le tante emozioni del testo che invita al coraggio per superare ogni difficoltà di questa vita.

“É con piacere che annuncio l’uscita del mio nuovo singolo: “Il coraggio” e a seguito, dopo diversi anni, é in arrivo il mio nuovo Album. In questo momento così delicato che ci obbliga ad uno stop forzato, ho sentito l’esigenza di farvi ascoltare i miei brani nuovi e di anticipare l’uscita. É già tutto pronto. Perciò ecco a voi il mio nuovo singolo. Spero possa essere di compagnia, di forza e di sostegno in un momento così difficile. Approfittiamone per meditare e per ripartire più forti di prima”.

Atm: Viaggiare con la carta bancaria contactless

tornellocontactless
tornellocontactless

La trasformazione digitale del trasporto pubblico milanese continua. Ora è possibile viaggiare in metropolitana in modo facile, veloce e sicuro, pagando direttamente al tornello con carte contactless aderenti ai circuiti Mastercard, Visa, Maestro e VPay.

Se sulla propria carta è presente il simbolo e si è abilitati ai pagamenti contactless si può già viaggiare senza nessuna operazione aggiuntiva: in tutte le stazioni della metropolitana è stato installato un lettore su un tornello riconoscibile dal colore arancione e grigio.

Basta avvicinare la carta o dispositivo contactless ai tornelli in ingresso e in uscita per ogni viaggio in metropolitana; è importante ricordare di utilizzare sempre la stessa carta sia in entrata sia in uscita.

Inoltre, utilizzando la stessa carta o dispositivo contactless per tutti i viaggi effettuati durante la giornata, si può beneficiare della migliore tariffa giornaliera.

Se il lettore rileva più di una carta o dispositivo contactless, il credito non viene scalato da nessuno di essi e il tornello non si aprirà. Per evitarlo, scegliere quale dispositivo o carta contactless  si vuole utilizzare e avvicinarlo all’apposito lettore.

Il nuovo sistema con carte bancarie contactless calcola in automatico, in base alla propria entrata e uscita, qual è il costo del biglietto, addebitando la tariffa più conveniente, anche per le tratte extraurbane della metropolitana e per i biglietti giornalieri.

Ad esempio, dopo il terzo viaggio in metropolitana sulla rete urbana, si attiva automaticamente il biglietto giornaliero urbano da 4,50€. Il servizio non prevede costi aggiuntivi.

Il servizio è attivo al momento sull’intera rete metropolitana ed è necessario che il viaggio inizi in metro. È poi possibile proseguire il viaggio sui mezzi urbani di superficie fino alla validità oraria del biglietto.

Ad esempio, si potrà viaggiare fino a 90 minuti dal momento della convalida se si entra e si esce da stazioni della metropolitana in area urbana, perché è stato attivato un titolo di viaggio urbano.

Nel caso di un viaggio fuori dai limiti urbani, per esempio da Rho Fiera M1 a Duomo M1/M3 la validità è 105 minuti dal momento della prima convalida.

Ogni carta bancaria può anche essere digitalizzata su differenti dispositivi (telefono, orologio…). Bisogna però fare attenzione: il device utilizzato in entrata deve essere lo stesso per l’uscita.

Durante un controllo da parte del personale ATM, è sufficiente presentare la carta di pagamento utilizzata al momento della convalida.

La registrazione al sito ATM non è obbligatoria per viaggiare con le carte contactless. Iscrivendosi all’area riservata è però possibile verificare i propri addebiti.

Nessun dato relativo alla propria carta bancaria viene memorizzato da ATM. Questo nuovo servizio soddisfa gli standard di sicurezza richiesti per qualsiasi operazione di pagamento contactless.

Per qualsiasi informazione sulle abilitazioni e funzionamenti della propria carta, contattare la propria banca.

Cristina Chiabotto a Verissimo

CHIABOTTO TOFFANIN
CHIABOTTO TOFFANIN

“Sto vivendo una vera e propria rivoluzione e mi fa un effetto strano. Sono quei cambiamenti che nella vita prima o poi bisogna affrontare e questa volta è capitato a me”.

Cristina Chiabotto parla per la prima volta domani a Verissimo di come abbia rivoluzionato la sua vita, dopo la fine della sua lunga relazione con l’attore Fabio Fulco.
Ai microfoni del talk show racconta: “Fabio è stato l’inizio in tutto. Ci siamo messi insieme che avevo 19 anni ed ero piccola. Oggi sono ancora giovane ma è successa in me una trasformazione come donna, un’evoluzione”.

Sul motivo che l’ha indotta a chiudere una storia così importante, dopo quasi 12 anni, la conduttrice risponde: “Non c’è stato un motivo vero e proprio. Non c’era più l’incastro. E’ stato un esaurirsi. Mi sono trovata ad un bivio e ho trascinato la cosa per troppo tempo, perché fatico a chiudere le porte – e aggiunge – Forse siamo stati idealizzati come coppia. E’ stata una favola di vita che forse non prevedeva il lieto fine”.

A Silvia Toffanin che le chiede se sia ancora innamorata dell’attore napoletano, Cristina risponde: “E’ forte da dire, è finito l’amore per Fabio”.

E commentando la dichiarazione rilasciata da Fabio Fulco ad un noto settimane ‘Quella donna che ho idealizzato non è mai esistita’, Cristina afferma: “Fa male leggere queste frasi. Io penso di essere esistita in tutto. Penso che sia una frase dettata dalla rabbia, perché non è facile lasciarsi. Forse non ha ancora metabolizzato un distacco così grande”.

Infine, su come stia vivendo questo periodo, Cristina Chiabotto confida: “Non è facile cambiare capitolo di vita. Sto toccando il fondo e mi sto rialzando. Ho voglia di emozionarmi, ma sono single”.