“Io te Francesca e Davide”

Syria feat Ambra
Syria feat Ambra

Syria feat. Ambra “IO TE FRANCESCA E DAVIDE”

il nuovo singolo in radio dal 23 giugno

https://lnk.to/ITFED

Sarà in radio dal 23 giugno il nuovo singolo di Syria “IO TE FRANCESCA E DAVIDE”. Il brano, firmato da Riccardo Sinigallia, Ambra e Stefano Borzi, è la cover di una canzone di Ambra pubblicata nel 1997. La collaborazione tra Syria e Ambra nasce da una regola matematica: due rette parallele che si sono incontrate all’infinito di una canzone. Ambra si è divertita a partecipare al duetto per stima nei confronti di Syria e del suo progetto.

Ci sono cose che non si possono spiegare, quando accadono per magia e le vivi rimangono indelebili per sempre. Cantare con Ambra è un altro sogno importantissimo che si avvera, la stimo da sempre come donna, mamma ed attrice, che privilegio sono felicissima! (Syria)

Questa cover, importante per Syria e divertente per me, ha riunito gente di talento che amo molto e che grazie a questo pezzo torna a farsi sentire. Cecilia tra i miei numeri 1 per sempre. (Ambra)

Il singolo fa parte dell’ultimo album di Syria “IO+IO”, che contiene i brani interpretati dall’artista romana  durante il concerto evento “Vent’anni in una notte” tenutosi  tempo fa al Teatro Grande di Brescia per celebrare i vent’anni di carriera musicale. Syria ha ripercorso qui le tappe più importanti di una carriera eclettica iniziata nel 1996 quando, poco più che diciottenne, trionfò a Sanremo Giovani con il brano “Non ci sto”, dimostrando ancora una volta grande capacità di spaziare dalle melodie di Mattone, al pop-rock di Biagio Antonacci… dalla spensieratezza di Jovanotti all’elettronica del suo alter ego, Airys.

Syria inizia la sua carriera musicale nel 1996 vincendo la sezione Giovani del festival di Sanremo con il brano “Non ci sto” prodotto da Claudio Mattone. Partecipa altre tre volte al Festival di Sanremo nel 1997 con il brano “Sei tu”, nel 2001 con “Fantasticamente Amore” e nel 2003 con il brano “L’amore è”. Nel 1996 pubblica il suo primo album,  seguono il  secondo album “L’ANGELO” e “STATION WAGON” nel 1998. Nel 2000 esce “COME UNA GOCCIA D’ACQUA” prodotto da Biagio Antonacci e Il singolo “Se t’amo o no” diventa uno dei brani più suonati dell’estate. Nel 2002 esce “LE MIE FAVOLE” e nel 2005 “NON È PECCATO”. Nel 2008 Syria prepara “UN’ALTRA ME”, disco di cover di band indipendenti italiane con la collaborazione di Cesare Malfatti dei La Crus. Contemporaneamente con lo pseudonimo di Airys pubblica un ep di elettrodance “Vivo, Amo, Esco”. Nel 2011 esce il nuovo lavoro discografico, “SCRIVERE AL FUTURO” e l’anno seguente “Come non detto”, singolo interpretato da Syria con la partecipazione del rapper italiano Ghemon, tema principale dell’omonimo film diretto da Ivan Silvestrini.  Due anni dopo pubblica il suo decimo album “Syria 20”, anticipato dal singolo “Odiare”. Nel dicembre 2015 Syria ha festeggiato i suoi vent’anni di carriera con l’orchestra Filarmonica Italiana diretta dal maestro Bruno Santori al teatro Grande di Brescia. Diverse amiche hanno condiviso il palco con lei per questa importante occasione da Emma a Paola Turci, da Noemi a Francesca Michielin,  Ghemon e La Pina. Nel 2016 ha partecipato come giudice al programma di Italia Uno “TOP DJ”.

“Lontana da te” nuovo singolo di Syria

Syria
Syria

“LONTANA DA TE” il nuovo singolo in radio dal 31 marzo
anticipa l’album “IO+IO” in uscita il 28 aprile

Sarà in radio dal 31 marzo il nuovo singolo di Syria “LONTANA DA TE”. La canzone scritta da Il Cile è tratta dall’ album “IO+IO”, in uscita il prossimo 28 aprile su etichetta Universal Music.

“IO+IO” contiene i brani interpretati da Syria durante il concerto evento “Vent’anni in una notte” tenutosi tempo fa al Teatro Grande di Brescia per celebrare i vent’anni di carriera musicale. Con Syria sul palco quella sera c’erano tanti amici e un’orchestra di cinquanta elementi diretta dal maestro Bruno Sartori. Syria ha ripercorso qui le tappe più importanti di una carriera eclettica iniziata nel 1996 quando, poco più che diciottenne, trionfò a Sanremo Giovani con il brano “Non ci sto”, dimostrando ancora una volta grande capacita di spaziare dalle melodie di Mattone, al pop-rock di Biagio Antonacci… dalla spensieratezza di Jovanotti all’elettronica del suo alter ego, Airys.

Il privilegio più grande in questi vent’anni di carriera è aver avuto la possibilità di sperimentare e mettermi al servizio della musica con grande libertà, racconta Syria.

In “IO+IO” l’artista duetta con Emma, Noemi, Paola Turci, Francesca Michielin, Ghemon ed Emiliano Pepe. L’album, che si apre con la lettura di una favola scritta dalla Pina e dedicata personalmente a Syria, contiene anche cinque inediti e la cover di un brano di Ambra, “Io Te Francesca e Davide”.

Syria inizia la sua carriera musicale nel 1996 vincendo la sezione Giovani del festival di Sanremo con il brano “Non ci sto” prodotto da Claudio Mattone. Partecipa altre tre volte al Festival di Sanremo nel 1997 con il brano “Sei tu”, nel 2001 con “Fantasticamente Amore” e nel 2003 con il brano “L’amore è”. Nel 1996 pubblica il suo primo album, seguono il secondo album “L’ANGELO” e “STATION WAGON” nel 1998. Nel 2000 esce “COME UNA GOCCIA D’ACQUA” prodotto da Biagio Antonacci e Il singolo “Se t’amo o no” diventa uno dei brani più suonati dell’estate. Nel 2002 esce “LE MIE FAVOLE” e nel 2005 “NON È PECCATO”. Nel 2008 Syria prepara “UN’ALTRA ME”, disco di cover di band indipendenti italiane con la collaborazione di Cesare Malfatti dei La Crus. Contemporaneamente con lo pseudonimo di Airys pubblica un ep di elettrodance “Vivo, Amo, Esco”. Nel 2011 esce il nuovo lavoro discografico, “SCRIVERE AL FUTURO” e l’anno seguente “Come non detto”, singolo interpretato da Syria con la partecipazione del rapper italiano Ghemon, tema principale dell’omonimo film diretto da Ivan Silvestrini. Due anni dopo pubblica il suo decimo album “Syria 20”, anticipato dal singolo “Odiare”. Nel dicembre 2015 Syria ha festeggiato i suoi vent’anni di carriera con l’orchestra Filarmonica Italiana diretta dal maestro Bruno Santori al teatro Grande di Brescia. Diverse amiche hanno condiviso il palco con lei per questa importante occasione da Emma a Paola Turci, da Noemi a Francesca Michielin, Ghemon e La Pina. Nel 2016 ha partecipato come giudice al programma di Italia Uno “TOP DJ”.

Syria a teatro con le canzoni di “Bellissime”

Syria
Syria

Syria torna a teatro con le canzoni di “Bellissime”: una serata tutta dedicata alle cantanti italiane e che sarà per una sola data al Teatro Menotti, il 28 Febbraio (h. 20.30).
Dal 2015 “Bellissime” è il nome del nuovo progetto che vede Syria tornare a teatro nove anni dopo l’esperienza con Paolo Rossi.

Nato da un’idea di Syria e Luca De Gennaro (direttore artistico di MTV Italia, deejay, scrittore e dal 2016 direttore di VH1 Italia) con i testi di Bruno Pasini, questo spettacolo di teatro-canzone ripercorre la musica italiana attraverso l’interpretazione di brani delle eccellenze al femminile della nostra scena musicale legate in lungo percorso che parte dagli anni ‘50 con Nilla Pizzi fino ad arrivare al contemporaneo con Malika Ayane.

In un’atmosfera intima e acustica, accompagnata dalle chitarre di Tony Canto e Massimo Germini, Syria interpreta le canzoni che più ama trascinando il pubblico in un intenso ed emozionante viaggio ripassando e riscoprendo insieme alcune tra le più belle canzoni italiane.

FESTIVAL TEATRO CANZONE GIORGIO GABER 2012

Il Festival Teatro Canzone Giorgio Gaber, in programma nella suggestiva cornice della Cittadella del Carnevale di Viareggio, il 21 e il 22 luglio prossimi, alle ore 20.45, si apre quest’anno all’insegna di grandi novità.

In apertura delle manifestazioni per il decennale della scomparsa di Gaber, Patti Smith sarà ospite d’eccezione la sera del 21 luglio. In tour in Italia dal 14 al 26 luglio per presentare dal vivo il suo ultimo album Banga’, (pubblicato lo scorso 5 giugno per Sony Music), Patti Smith sarà ospite alla Cittadella del Carnevale e dedicherà una performance unica ed irripetibile ad un Artista, Gaber, che non ha mai conosciuto direttamente ma con il quale ha sicuramente condiviso qualche decennio di storia della musica, oltre che l’ideale di un pensiero ‘libero’.

Dieci gli ospiti anche in questa edizione: artisti, mai intervenuti prima, che con la loro disponibilità e sensibilità stanno preparando un loro personale omaggio a Gaber, cercando tra le canzoni più nascoste, quelle meno rappresentate negli ultimi anni.

Samuele Bersani, Mario Biondi, Gigi D’Alessio, Dente, Nada, Noemi, Pacifico, Max Pezzali, Leonardo Pieraccioni e Syria compongono un cast rappresentativo di una moltitudine di generi, attraendo ogni tipo di pubblico verso l’opera di Gaber.

Ed anche grazie alla significativa interazione tra  loro e Rocco Papaleo, il risultato finale sarà un vero e proprio spettacolo “gaberiano”, confezionato e pensato esclusivamente per quel palcoscenico.

Per  la prima volta, infatti, le serate saranno presentate da Rocco Papaleo, in veste non di solo presentatore, ma accompagnato dalla band di cinque elementi con cui sta riscuotendo successo in giro per l’Italia. Papaleo era stato al Festival nel 2004 dove aveva “preteso” di essere inserito negli Artisti del Teatro Canzone (la speciale sezione che negli anni passati il Festival dedicava ai giovani esordienti) e assumerà il ruolo del padrone di casa, ricevendo il testimone da Enzo Iacchetti, affettuosissimo padrone di casa per le precedenti edizioni.

Rocco è il mio più degno successore. Gli ho dato il benvenuto nel 2004 e sono davvero felice che sia proprio lui oggi a sostituirmi. Certo, non tifa Inter, ma nonostante questo, Gaber lo apprezzerebbe moltissimo!“, ha commentato Enzo Iacchetti. “Rocco è una persona seria e colta, degna di quel palco, che onorerà Gaber come merita. Per questa edizione non potrò essere presente, ma avrò le mie spie! Lascio a Rocco una mia creatura, ma non certo il mio amore per Gaber.”

Ad affiancare Papaleo sul palco, nel ruolo di volto della Fondazione, lo storico autore del Festival, Massimo Bernardini, conduttore di Tv Talk , biografo e amico personale di Giorgio Gaber.

Autori della manifestazione saranno Raffaello Fusaro, storico collaboratore di Papaleo, e Alessandra Scotti, già nota a Viareggio per aver curato con Dalia Gaber la serata del Memorial in ricordo della strage del 29 giugno.

A sottolineare le affinità artistiche e umane tra Gaber e Dalla, applaudito ospite al Festival del 2009, Marco Alemanno e la Fondazione Gaber dedicheranno un proprio momento di riflessione. 

Il Festival continua nella sua nobile missione: mantenere vivo, attraverso la testimonianza di grandi nomi dello spettacolo, e anche attraverso la discussione, il dibattito, la polemica, il valore universale dell’opera che Gaber ci ha lasciato, costante punto di riferimento per la grande cultura, la nostra politica, lo spettacolo italiano e il nostro personale pensiero.