James Taylor: video di “As Easy As Rolling Off A Log”

as easy rolling off a log
as easy rolling off a log

Curiosa (quanto riuscita) “operazione nostalgia”, quella di James Taylor alle prese con “As Easy As Rolling Off A Log”. Una canzone sentita quando era bambino, in un cartone animato della serie “Merrie Melodies” del 1938. Ma il motivo era tanto accattivante da restare nella (ricchissima) memoria del grande songwriter, che nell’ultimo suo album American Standard ha scovato e reinventato tesori attinti dal suo bagaglio di ricordi. Il video ripropone (anche) immagini di quel cartoon (“Katnip Kollege”, Warner Bros.): a tutt’oggi, risulta essere l’unica cover mai realizzata di questo pezzo, apparso per la prima volta l’anno precedente in un film sul football, Over the Goal.

In American Standard, Taylor infonde nuova linfa e nuovi suoni in questi capolavori senza tempo, reinventando e facendo sue alcune delle canzoni più amate del 20° secolo. Pubblicato in febbraio su etichetta Fantasy Records, l’album ha scalato le classifiche (anche qui in Europa, Italia compresa). È il tredicesimo album del grande songwriter a debuttare nella Top 10, facendo di Taylor il primo artista ad avere piazzato almeno un album nella Top 10 in ciascuno degli ultimi sei decenni.

Idroscalo aperto

Idroscalo_bacino_panorama_AlessandroFamiani
Idroscalo_bacino_panorama_AlessandroFamiani

“Il sorriso e gli occhi che brillano in tutti i frequentatori di oggi dell’Idroscalo tornati a respirare aria nuova, aria di libertà sono la migliore risposta”, ha dichiarato il Presidente del Cda dell’Istituzione Idroscalo Marco Francioso.

“Stiamo dando un messaggio positivo alla città e ai cittadini che tornano in sicurezza alla normalità riappropriandosi di questo spazio verde”, ha dichiarato Arianna Censi, Vicesindaca della Città metropolitana di Milano.

“Si è svolto tutto in massima sicurezza. La risposta dei cittadini è stata davvero responsabile. Il Parco in questo momento è animato, ma vissuto nel rispetto delle regole. Gradualmente procederemo alla riapertura totale”, ha dichiarato la Direttrice dell’Istituzione Idroscalo di Milano Maria Cristina Pinoschi.

QUESTE LE PRIME LINEE GUIDA DELLA RIAPERTURA:
• apertura del Parco dalle ore 7,30 alle ore 21,00 in modo tale da spalmare le presenze su una fascia oraria ampia, adeguata alla variegata tipologia di frequentatori (famiglie durante il giorno ma anche sportivi amanti dell’alba e tramonto);
• l’apertura riguarda, in questa prima fase, l’area compresa tra la testata Nord e la zona Sud dove è presente l’attuale sede del CCV. Rimane chiusa temporaneamente la parte ovest del parco, dalla zona Sud fino alle Tribune;
• obbligatorio l’uso della mascherina ad esclusione dei bambini al di sotto dei 6 anni;
• l’accesso al Parco avviene da un unico ingresso pedonale e ciclabile – ingresso 3 Riviera Est – con misurazione della temperatura e contingentamento degli ingressi. È in fase di valutazione l’estensione dell’apertura della Riviera Ovest;
• ad ogni utente viene consegnato un foglio informativo sulla modalità di fruizione;
• è consentito passeggiare, fare attività motoria (bici, roller ad esempio) nel rispetto del distanziamento di 2 metri;
• non è consentita l’attività ludica e ricreativa, compreso l’uso della spiaggia;
• consentito acquistare cibi e bevande da asporto, ma sono vietati assembramenti e pic-nic
• è consentito l’uso degli skateboard, dei monopattini elettrici e delle biciclette. Tutti i mezzi devono circolare a velocità moderata (max 10 km/h) e con scrupoloso rispetto di tutti i pedoni, transitare sui percorsi tracciati ed essere parcheggiate nelle apposite rastrelliere;
• è consentito passeggiare con l’animale domestico e accedere alle aree cani, rispettando il distanziamento tra le persone di almeno 1 metro.
• l’attività di controllo verrà effettuata dal personale di Polizia Metropolitana, CCV Protezione Civile, GEV, FIPSAS, Associazione Giacche Verdi, City angels, Sommozzatori protezione civile, con il supporto e il coordinamento del personale di Idroscalo. Previsto in alcune giornate anche il servizio di Mediolanum soccorso onlus;
• sono previsti interventi di sanificazione (almeno due volte al giorno) per le panchine, su cui potranno sostare, distanziate, solo 2 persone, fatti salvi i nuclei famigliari con bambini;
• sono aperti i servizi igienici identificati con i n. 3-4-5-6, sanificati almeno due volte al giorno e dotati di disinfettante per mani;
• sanificati secondo prescrizioni ministeriali, superfici, spazi all’aperto, arredi;
• non è consentito l’accesso in acqua al pubblico;
• le attività delle società sportive, solo quelle individuali, verranno svolte secondo le regole prescritte da ogni Federazione per gli sport professionistici;
• è ammessa la pesca da riva nelle zone consentite e con distanziamento di almeno 2 metri per persona;
• le aree attrezzate per il gioco dei bambini sono chiuse;
• le case dell’acqua così come le fontanelle sono chiuse.

Queste modalità potranno subire modifiche in caso di nuove disposizione ministeriali o verificata l’impossibilità di ottenere comportamenti corretti da parte dell’utenza.
Attivo un forum con tutti i concessionari commerciali, sportivi e le realtà attive nel Parco per seguire il piano di riapertura e aggiornarlo anche sulla base dei contributi da questi espressi.

Live Museum Live Change

Mercati di Traiano Iginio De Luca
Mercati di Traiano Iginio De Luca

Sarà Iginio De Luca a inaugurare venerdì 14 febbraio gli atelier artistici ai Mercati di Traiano per Live Museum Live Change, progetto di PAV, realizzato nell’ambito dell’Avviso Atelier Arte Bellezza Cultura della Regione Lazio (P.O.R. FESR Lazio 2014/2020 azione 3.3.1b), grazie anche alla collaborazione con Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Con il suo “Le voci di dentro”, De Luca è stato invitato ad abitare per una settimana i Mercati di Traiano per realizzare un’installazione site specific all’interno degli spazi museali di via Quattro Novembre.

Sarà il suo prestigioso lavoro ad aprire gli atelier che dalle settimane successive vedranno invece protagonisti gli artisti selezionati dalla call per la realizzazione di interventi artistici ispirati ai Mercati di Traiano.

Predisporsi all’ascolto, sintonizzarsi sulla memoria di un luogo e attualizzare un incontro: questo il senso poetico e concettuale del progetto proposto da De Luca per i Mercati di Traiano. Microfoni altamente sensibili, cuffie, amplificatori, casse audio e mixer saranno gli strumenti tecnici che accoglieranno in modo capillare e fedele tutte le sfumature acustiche prodotte dai contatti.

I suoni generati, montati e organizzati come un flusso naturale di eventi, abiteranno lo stesso spazio, creando un’installazione suggestiva e coinvolgente.

Notti Trasfigurate 2018, Musica a Villa Simonetta

Notti Trasfigurate - Musica a Villa Simonetta
Notti Trasfigurate – Musica a Villa Simonetta

Notti Trasfigurate è la tradizionale rassegna estiva della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, che ha luogo nel grande cortile di Villa Simonetta. La manifestazione, che quest’anno ha inizio il 19 giugno, suscita da sempre interesse e attese e si inserisce nell’affollato palinsesto milanese, per offrire alla città sempre nuove occasioni di musica e intrattenimento.

La sua presenza tra gli appuntamenti estivi ha saputo esprimere nel tempo proposte di valore e la costante apertura verso generi e diverse forme espressive musicali.

Ogni anno la Civica Scuola di Musica Claudio Abbado cerca infatti di recepire quegli stimoli che fanno della musica un linguaggio in continua trasformazione, distinguendosi per l’esigenza continua di rinnovamento, nonché per la volontà di intendere la cultura come servizio sociale sul territorio.

Notti Trasfigurate rappresenta quindi il desiderio di andare incontro a un pubblico sempre nuovo, e consente alla creatività dell’ascoltatore di seguire un proprio percorso nel mondo dei suoni.

Lo spirito dell’iniziativa resta quello di sempre: offrire ai giovani musicisti degli Istituti che compongono la Civica l’opportunità di dimostrare il proprio talento nei più diversi ambiti.

Sono proprio la vocazione verso i diversi generi di musica, l’offerta indirizzata a un pubblico di tutte le età, la riflessione sul passato, i progetti legati al presente e al rapporto con la città, secondo un’idea che ha le sue radici nella storia ma che si apre verso la prospettiva di una musica “per tutti”, a comporre il calendario della stagione 2018, che propone, come di consueto, numerosi solisti e gruppi di studenti provenienti da tutto il mondo, a cui è data la possibilità di confrontarsi con l’entusiasmante avventura del palcoscenico.

Anche quest’anno Notti Trasfigurate offre quindi una panoramica ricca e articolata sulla musica antica, classica e contemporanea, ponendo attenzione particolare all’incrocio dei linguaggi e alle contaminazioni.

Dal 19 giugno all’11 luglio si spazierà dalla musica antica alla classica, dalla contemporanea al jazz, con incursioni nel mondo del cinema: dieci appuntamenti che presentano un vivace affresco di generi e stili differenti.

Notti Trasfigurate 2018
Musica a Villa Simonetta
19 giugno – 11 luglio 2018 ingresso libero
Milano, cortile di Villa Simonetta – via Stilicone, 36 ore 21.00
→ ore 19.30, Aperitivo in musica – ingresso libero

“A-Nova”, il nuovo album da solista del chitarrista Luigi Schiavone

Luigi_Schiavone
Luigi_Schiavone

A distanza di 6 anni da “16 Steps to the Sky”, LUIGI SCHIAVONE torna a comporre solo per se stesso. Oggi, venerdì 27 ottobre, infatti, esce “A-NOVA”, il nuovo album da solista del chitarrista.

Un disco nuovo nel senso più proprio del termine, col quale Luigi Schiavone non sovrascrive il passato, ma disegna un presente inedito: se “16 Steps to the Sky” raccontava l’infinitamente piccolo, esplorava i significati più intimi di una vita ritirata, di una salita verso spazi privati, “A-NOVA” è la storia di come quei significati universali possono (devono) diventare la spiegazione dell’infinitamente grande. Così questo disco esplora il senso del viaggio in un mondo distante, interlocutore dove trovare un posto davvero nostro: il luogo che ci aspetta al ritorno, al rientro alla base.

“A-NOVA” è un concept album composto da 11 tracce, ciascuna una contrazione e una dilatazione del cuore narrativo di una stessa storia. Ciascuna in grado di recuperare elementi e stili distintivi, creando un pastiche di suoni che, assieme, riescono a srotolare il senso universale di ogni viaggio: la scoperta di se stessi.

Emerge l’abbandono dell’atmosfera, della consuetudine, dell’aria che respiriamo in “Lift off”. E poi quella sensazione alla bocca dello stomaco che si è destinati a non capire mai davvero, ma alla quale ci si deve abituare in “Zero gravity”. E ancora, la navigazione leggera e quel clima di attesa che stranisce e affascina in “Lounge star”.

E poi la spinta alla scoperta, la trazione anteriore che sanno dare i posti nuovi, con quel senso di oblio del passato che si sa essere sbagliato, ma che ogni volta seduce di nuovo in “Chocolate milky way” e “High rider”. L’addio anche a questo mondo nuovo, con l’impressione, spesso fondata, di non averlo mai conosciuto davvero, di essere rimasti stranieri in terra straniera in “Farewell to Aldebaran” e poi i luoghi nuovi e senza nome a cui non sappiamo affezionarci (“ARP 87”) e la moltitudine infinita delle vite che non avremo il coraggio di vivere, quelle che abbiamo solo immaginato (“Black hole”) e infine la caccia, l’ostacolo finale, l’inseguimento delle tracce che abbiamo lasciato sul nostro cammino (“Deep space bounty hunting”).

Quindi il ritorno alla base, in un posto diverso, ma uguale, il luogo fotografato nella copertina (Beppu, in Giappone), un luogo terreno con fattezze extra-terresti, esotiche e difficili da riconoscere. Perché per tornare bisogna essere partiti, ma forse alla fine non si torna mai davvero a casa. Perché non siamo mai davvero noi a rimettere i piedi nelle orme che ci eravamo lasciati alle spalle (“(T)eardrops”).

Questa la tracklist completa dell’album: “Lift Off”, “Zero Gravity”, “Lounge Star”, “Chocolate Milky Way”, “High Rider”, “Farewell to Aldebaran”, “Orbital Re-Entry”, “Arp 87”, “Black Hole”, “Deep Space Bounty Hunting”, “(T)Eardrops”.