Tour negli Stadi 2020 di Ultimo

Ultimo Tour Stadi 2020
Ultimo Tour Stadi 2020

Grandissimo risultato per il TOUR NEGLI STADI2020 di Ultimo: dopo l’apertura delle vendite alle ore 11 di giovedì 11 luglio, in 24 ore ha venduto oltre120 mila biglietti.

Il giovane cantautore ha rivelato le date del tour, prodotto e distribuito da Vivo Concerti, solo due giorni fa: dopo aver incantato il suo pubblico con “La Favola”, speciale data evento che lo ha visto esibirsi il 4 luglio allo Stadio Olimpico di Roma davanti a oltre 60 mila persone, a soli 23 anni Ultimo si aggiudica il titolo di più giovane artista italiano a esibirsi negli stadi.

ll tour prodotto e distribuito da Vivo Concerti toccherà otto città a partire dallo stadio Artemio dallo stadio Artemio Franchi di Firenze, sabato 6 giugno 2020, per poi fare tappa a Napoli (Stadio San Paolo, 13 giugno 2020), Milano (Stadio San Siro, 19 giugno 2020), Modena (Stadio Alberto Braglia, 26 giugno 2020), Pescara (Stadio Adriatico – Giovanni Cornacchia, 4 luglio 2020), passando per Bari (Stadio San Nicola, 11 luglio 2020), Messina (Stadio San Filippo, 15 luglio 2020), per poi concludere tornando il 19 luglio 2020 a Roma, con l’evento speciale di chiusura del tour nel simbolo di Roma per eccellenza, il Circo Massimo.

L’organizzazione informa che, soprattutto sulle date di Milano e Roma, sono ancora pochi i pacchetti vip disponibili poiché previsti in quantità molto limitata rispetto alla totale capienza di ogni venue.

Con il tour negli stadi ULTIMO sosterrà l’UNICEF, il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, che tutela e promuove in tutto il mondo i diritti di bambini e adolescenti, per contribuire al miglioramento delle loro condizioni di vita.

Da sempre vicino agli ultimi, che ha scelto di ricordare fin dal nome d’arte e che sostiene con un impegno costante e concreto, il cantautore devolverà parte dell’incasso ricavato dall’acquisto dei biglietti ai progetti UNICEF in Mali di lotta contro la malnutrizione e a sostegno di vaccinazioni, impianti idrici e servizi igienico sanitari.

Tiziano Ferro TZN2020 – Tour negli Stadi

TizianoFerro_SanSiro_phChristieGoodwin
TizianoFerro_SanSiro_phChristieGoodwin

A 24 ore dall’apertura delle prevendite, sono già 75.000 i biglietti acquistati dai fan di Tiziano Ferro per TZN2020, il tour che lo vedrà protagonista negli stadi italiani nell’estate 2020 per 12 concerti, che l’artista ha pensato come una festa per celebrare insieme al suo pubblico i 40 anni che compie l’anno prossimo.

TZN2020 prende il via sabato 30 maggio dallo Stadio G. Teghil di Lignano Sabbiadoro e fa tappa il 5 giugno a Milano (Stadio San Siro), l’11 a Torino (Stadio Olimpico), il 14 a Padova (Stadio Euganeo), il 17 a Firenze (Stadio Franchi), il 20 ad Ancona (Stadio Del Conero), il 24 a Napoli (Stadio San Paolo), il 27 a Messina (Stadio San Filippo) per poi trasferirsi il 3 luglio a Bari (ancora non in vendita i biglietti, in attesa di poter annunciare la sede), il 7 luglio a Modena (Stadio Braglia), l’11 in Sardegna a Cagliari Fiera e concludersi mercoledì 15 luglio 2020 allo Stadio Olimpico di Roma.

Intanto da oggi al link https://vir.lnk.to/BCSvideo è online il videoclip ufficiale di Buona (Cattiva) Sorte, uscito il 31 maggio e primo singolo estratto dal nuovo album di Tiziano Ferro, Accetto Miracoli, atteso il 22 novembre 2019 su etichetta Virgin Records (Universal Music Italia).

Vasco non stop live

Vasco
Vasco

C’è un “prima” e un “dopo” Modena Park. Il più grande raduno rock della musica italiana, del 1 luglio scorso, è l’inevitabile spartiacque.

Che per Vasco vuol dire aver chiuso un ciclo – i suoi primi 40 anni di palco – ed entrare in una nuova dimensione della sua vita artistica. Con ritrovata energia, voglia di mettersi in gioco e di sperimentare. Non è proprio il tipo da sedersi sugli allori e, soprattutto, non ama ripetersi.

Forte delle sue canzoni (può contare su un cospicuo numero di brani “condivisi” da più generazioni contemporaneamente) e oggi “liberato da vincoli e libero di fare quello che ho voglia di fare”. Cioè, andare in giro e “portare un po’ di gioia”.

Da quest’anno è Vasco Non Stop, riparte dalle sue canzoni e dagli stadi, da nord a sud: doppi stadi a Torino (debutto il 1 giugno), Padova, Roma e Bari, per concludere il tour a Messina, un importante ritorno molto atteso in Sicilia. Più, naturalmente, la data 0 a Lignano dove si scaldano i motori.

I biglietti sono praticamente esauriti, dobbiamo tenerne un pugno, 2/3000, da vendere all’ultimo momento per l’ormai nota policy contro il secondary ticket.

Vasco sta per arrivare in città con il suo show che “rotola giù perfettamente”, per due ore e mezzo circa di puro godimento. Il “guaio” è che non ci stanno mai tutte, solo una 30ina ma “quelle giuste” che le rappresentano tutte.

Messaggio forte e chiaro con la botta iniziale di “Cosa succede in città”, brano di grande attualità, scritto nel 1985 dopo un lungo periodo di turbolenze e kaos. Qui è rivisitato in chiave metal industrial come l’altro brano ripescato dai favolosi anni ’80: “Fegato spappolato”, in omaggio e con una citazione ai Metallica (“Enter sandman”).

Concerto rigoroso e duro, suoni compatti, momenti di hard rock e ballate struggenti, come “Adesso che tocca a me” e “Stupido hotel” pilastro del 2001, che non si sentivano da un po’. I medley sono 3: Rock (con il mashup di “Delusa”), Elettro-Dance e Acustico.

Vasco sperimenta includendo nella line up una figura certamente oltre e stimolante come Beatrice Antolini, postmoderna artista polistrumentista che davvero sa suonare percussioni, chitarra, basso e pianoforte e … sa anche cantare.

Il cambiamento di pelle nella line up è iniziato oltre vent’anni fa, prima con l’arrivo della chitarra di Stef Burns, un mito, poi con quel geniale musicista che è Frank Nemola, fino all’ultima e felice entrata, Vince Pàstano, tra i più interessanti chitarristi di oggi. Il cambiamento prosegue in linea con la scelta fatta con Guido Elmi già da tempo, e nasce dall’esigenza di non annoiarsi.

E a questo punto la band “migliore al mondo” è così composta:
Basso Claudio Golinelli, Il Gallo – Batteria Matt Laug – Chitarra Stef Burns – Chitarra Vince Pàstano – Tastiere Alberto Rocchetti – Tastiere, Tromba Frank Nemola – Cori, Percussioni, Pianoforte, Chitarra … Beatrice Antolini.

Nuova disponibilità di biglietti del Vasco non stop live 2018

vascononstop live 2018
vascononstop live 2018

Una nuova limitata disponibilità di biglietti per tutte le date del tour sarà messa in vendita dalle ore 10.00 di martedì 20 marzo solo su VASCONONSTOP.VIVATICKET.IT.

Dopo la prova generale del 27 maggio, lo spettacolo rock più potente ed emozionante al mondo si appresta a sbarcare a giugno con doppie date negli stadi di Bari, Torino, Padova, Roma e un importante ritorno a Messina.

“A Modena Park si è chiusa un’epoca, ora se ne apre un’altra. Mi sono ritrovato e riappacificato con me stesso e oggi più che mai ho voglia di divertirmi e di divertire con le mie canzoni!”

Il suo “never-ending tour” comincia ufficialmente il 1 giugno:
01 Giugno TORINO Stadio Olimpico
02 Giugno TORINO Stadio Olimpico
06 Giugno PADOVA Stadio Euganeo
07 Giugno PADOVA Stadio Euganeo
11 Giugno ROMA Stadio Olimpico
12 Giugno ROMA Stadio Olimpico
16 Giugno BARI Stadio San Nicola
17 Giugno BARI Stadio San Nicola
21 Giugno MESSINA Stadio San Filippo

Biglietti disponibili su Vivaticket , l’unico sito ufficiale e autorizzato alla distribuzione dei biglietti concerti Vasco Nonstop Live 2018, al seguente link: vascononstop.vivaticket.it

RDS e RADIO ITALIA sono le radio ufficiali del VASCONONSTOP LIVE 2018.

Cesare Cremonini: Tour e nuovo album “Possibili scenari”

Cremonini- tour artwork
Cremonini- tour artwork

Partirà a giugno il nuovo tour di Cesare Cremonini, “Stadi 2018”, che segnerà il ritorno del cantautore bolognese dopo due anni di incessante lavoro di scrittura e produzione in studio. Un tour che lo porterà per la prima volta ad esibirsi sul palco di quattro importanti stadi italiani: il 15 giugno a Lignano (Stadio Teghil), 20 giugno a Milano (Stadio San Siro), il 23 giugno a Roma (Stadio Olimpico) e in chiusura a Bologna il 26 giugno allo Stadio Dall’Ara.
Quattro concerti in cui Cesare ripercorrerà i 18 anni di carriera, durante i quali ha scritto e pubblicato canzoni diventate patrimonio collettivo della musica pop italiana. Anni in cui ha percorso strade artistiche e discografiche mai scontate, facendo emergere i tratti caratteristici che da sempre lo rendono un musicista, un autore e un performer unico per stile e talento in Italia.

Il tour “Stadi 2018” è prodotto e organizzato da Live Nation Italia.
Radio Italia è media partner ufficiale del tour “Stadi 2018”.

Il 24 novembre uscirà il nuovo album di inediti “POSSIBILI SCENARI”, il decimo della discografia di Cremonini (dal 1999 ad oggi) che sarà anticipato il 3 novembre dall’uscita – nei digital store e in radio – del primo singolo estratto “POETICA”.

“Poetica” non è “un pezzo”. Ma una canzone. È stata scritta, suonata e cantata senza paura. Scelta come primo singolo perché rispetto alle altre canzoni che compongono l’album è priva di difese. La sua armatura sono la sua struttura, la sua melodia, la sua armonia, le sue parole umane e dirette. Non cerca facili scorciatoie e non si nasconde dietro alle mode del momento per piacere.

La quiete nella canzone accompagna la tristezza. L’inquietudine del silenzio accompagna la paura.
“Poetica” è una ballad ma ha il sound di una band, una ritmica ossessiva e comunicativa che richiama l’eco di un accompagnamento jazz. Non è una canzone d’amore: il «…sei bellissima…» gridato nel ritornello è urlato alla vita.

È un cocktail di benvenuto per il nuovo album, ricco di serotonina e dopamina: gli ingredienti della felicità e dell’unione tra gli esseri umani. È un brano che vuole essere cantato, ma allo stesso tempo non pretende di insegnare a cantare. È una canzone per chi ama la musica ed è, ancora una volta, una canzone per tutti.

Da domani, venerdì ‪27 ottobre‬‬‬‬‬‬‬‬‬‬‬‬‬‬, “Poetica”sarà disponibile in preordine su iTunes e in pre-save su Spotify attraverso questo link https://lnk.to/poetica. Tutti gli utenti che pre-salveranno “Poetica” su Spotify lo troveranno aggiunto nella propria libreria al momento della pubblicazione