Giuseppe Sala affida a Ghali il video di “YesMilano”

Ghali
Ghali

Ghali
Il sindaco Giuseppe Sala affida a Ghali il video di “YesMilano” la nuova campagna di comunicazione del Comune

Good times #1 in radio e ai vertici delle classifiche di Spotify, iTunes e Fimi/Gfk
Cacao feat. Pyrex disponibile negli store digitali è il primo estratto da Dna+

Ghali ha accettato con entusiasmo l’invito da parte del comune di Milano di seguire, insieme a Sara Ermoli e Tbwa, la direzione artistica di YesMilano, la nuova campagna di comunicazione che invita al rispetto delle regole nella graduale riapertura della città. Il video scritto e interpretato da Ghali, dura un minuto e sarà visibile da oggi in tutta la città, diffuso sia attraverso i circuiti di comunicazione audiovisiva sia attraverso affissioni, e sui canali social di Comune, Camera di commercio e YesMilano. Nella scrittura del video, oltre ad una descrizione del clima di sospensione degli ultimi mesi, un invito al rispetto delle regole e a non perdere la fiducia negli altri. Il claim della campagna, “Un nuovo inizio. Un passo alla volta”, che guiderà anche il racconto della città nei prossimi mesi.

A sorpresa, venerdì è uscito su tutte le piattaforme di streaming il nuovo brano Cacao (feat. Pyrex), prodotto da Sick Luke e subito ha raggiunto la prima posizione su Spotify. Un primo assaggio di Dna+, la deluxe edition – di prossima pubblicazione – dell’album uscito lo scorso 21 febbraio per Atlantic Warner/Sto Records e già certificato Oro. Un brano dal suono crudo e deciso, uno stile che rispecchia molto quello del Ghali degli esordi. Intanto continua il successo di Good Times. Il brano ha infatti conquistato la prima posizione della classifica EarOne, risultando così la canzone più trasmessa della settimana dalle radio italiane, e si mantiene saldo ai vertici di iTunes, Spotify e della classifica ufficiale di vendita. Due grandi traguardi per un brano che parla dell’importanza di preservare i momenti di felicità – i Good Times, appunto, indispensabili in questo periodo di necessario isolamento.

Infine, Ghali e altre star di mondiali hanno aderito alla campagna pubblicitaria a scopo benefico #Valentinoempathy, voluta e pensata da Pierpaolo Piccioli, direttore creativo della maison Valentino. Lo stilista ha chiesto a tutti gli amici della maison, di fotografarsi nei luoghi in cui stanno trascorrendo la quarantena, indossando un look della collezione A/I 2020-21 e lasciandosi immortalare dalle persone che con loro condividono questa fase di lockdown. Il brand ha devoluto un milione di euro a favore dell’ospedale Spallanzani di Roma, in prima linea nella lotta al Covid-19.

Fiera Milano: Benedizione Ospedale

ospedale Fiera
ospedale Fiera

“Questa mattina sono tornato all’Ospedale della Fiera di Milano per la benedizione dell’arcivescovo Mario Delpini. Con lui ho incontrato tutti i lavoratori che in questi giorni hanno contribuito giorno e notte alla nascita di questa struttura”.

Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, al termine della visita all’ospedale allestito presso i padiglioni della Fiera di Milano per i malati di Covid-19.

“Una grande opera – ha aggiunto Fontana – che solo l’ingegno e la concretezza lombarda potevano realizzare in cosi’ poco tempo.
A tutte le maestranze va il mio piu’ sentito ringraziamento.
Un pensiero particolare lo rivolgo all’amico Guido Bertolaso che, fin dal primo momento, ha creduto in questa missione e, nonostante sia stato colpito dal virus, continua a contribuire a distanza in maniera fattiva per rendere l’ospedale operativo”.

All’incontro hanno partecipato anche il presidente della Fondazione Fiera, Enrico Pazzali, e il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, oltre al vicepresidente della Regione, Fabrizio Sala e gli assessori Giulio Gallera e Davide Caparini.

Smog Milano: impianti di riscaldamento a norma

Leonardo Caruso presidente Anaci Milano
Leonardo Caruso presidente Anaci Milano

Smog, il riscaldamento residenziale inquina più dei trasporti

Anaci: “Bene il provvedimento del sindaco di Milano: blocco auto non basta, urge mettere a norma gli impianti”

«Lo avevamo annunciato in piena emergenza smog, quando è entrato in vigore il piano regionale che prevedeva quasi esclusivamente lo stop alla circolazione dei mezzi di trasporto, che il problema principale per l’inquinamento non sono solo le auto, ma principalmente il riscaldamento domestico». È quanto dichiara Leonardo Caruso, presidente di Anaci Milano e vicepresidente nazionale dell’associazione, a seguito dell’annunciato provvedimento del primo cittadino Beppe Sala, di dichiarare fuorilegge le caldaie a gasolio a Milano a partire dall’inverno del 2023. «Siamo completamente d’accordo con il provvedimento del sindaco- prosegue Caruso-. Ci dichiariamo immediatamente pronti all’apertura del dialogo con il primo cittadino che già dalla settimana prossima ha detto di volerci incontrare per proporre le nostre soluzioni. Siamo stati precursori di questa denuncia, in particolare di dare priorità al tema della sostenibilità degli impianti di riscaldamento. Il blocco delle auto e i limiti alla circolazione veicolare non bastano, urge mettere a norma gli impianti. Le misure adottate in via straordinaria nei momenti più critici rimandano solo il problema, era ed è necessario adottare un piano di programmazione che comprenda la riqualificazione energetica degli impianti di riscaldamento. Rispondere agli obiettivi prefissati dalla Commissione europea entro il 2050 con il Green Deal significa emettere meno biossido di carbonio ed eliminare dall’atmosfera quello emesso. Per farlo è necessario prevedere lo sviluppo di fonti di energia più pulite e di tecnologie verdi. La domenica a piedi, come quella che si terrà il 2 febbraio a Milano con il blocco del traffico dalle 10 alle 18, è più un richiamo alla sensibilizzazione e al senso civico che una misura funzionale al rientro dei livelli di pm10». Uno studio del Politecnico di Milano sull’impatto della qualità dell’aria urbana da parte delle principali fonti di inquinamento attesta che gli impianti termici per il riscaldamento domestico hanno un’incidenza sul totale delle emissioni di CO2 in ambito urbano che è fino a 6 volte superiore rispetto all’incidenza del traffico veicolare. «In base a questi dati la riflessione dell’opinione pubblica e nel dibattito politico-istituzionale – conclude il presidente di Anaci Milano-, è necessario che si concentri sul fatto che il tema dell’inquinamento atmosferico nelle città italiane al momento è ancora troppo associato al settore della mobilità e dei trasporti e poco all’efficienza energetica degli impianti di riscaldamento».

Ambiente: Domenica 2 febbraio dalle 10 alle 18 divieto di circolazione delle auto a Milano

Blocco auto Milano
Blocco auto Milano

Ambiente: Domenica 2 febbraio dalle 10 alle 18 divieto di circolazione delle auto a Milano

Milano, 29 gennaio 2020 – Nella giornata di domenica 2 febbraio, dalle ore 10 alle ore 18, sarà in vigore a Milano il divieto di circolazione di tutti i veicoli.

L’ordinanza firmata oggi dal sindaco Giuseppe Sala si applica a tutto il territorio del Comune di Milano.

Per consentire a chi arriva da fuori città di lasciare il mezzo privato e servirsi del trasporto pubblico locale, che sarà potenziato, sono esclusi dal divieto di circolazione i parcheggi di interscambio posti in corrispondenza delle stazioni periferiche dei mezzi pubblici (Cascina Gobba, Forlanini, San Donato 1 e 2, Bisceglie, Lampugnano, Molino Dorino e San Leonardo, Famagosta, e anche il tratto stradale di via Ripamonti tra il Comune di Opera e via Gagini in corrispondenza del capolinea tranviario, e il tratto stradale compreso tra le Cascine Guascona e Guasconcina ed il capolinea della linea automobilistica del trasporto pubblico locale in via Jemolo).

Inoltre, per facilitare l’accesso alle aree di sosta presso lo stadio ‘Meazza’, a partire dalle ore 12, saranno esclusi dal blocco i seguenti tratti stradali: via Sant’Elia – nel tratto compreso tra le vie Natta e Diomede; via Diomede – nel tratto compreso tra le vie Sant’Elia e Caprilli; via Natta; via Montale – nel tratto compreso tra le vie Natta e Ippodromo; via Patroclo – nel tratto compreso tra le vie Ippodromo e Achille; via Achille; viale Caprilli; piazzale dello Sport; via degli Aldobrandini; via Palatino; via Rospigliosi; piazza Axum; via Harar; via Tesio; via Novara – nel tratto compreso tra l’innesto alla tangenziale Ovest e via Harar.

Per garantire il rispetto dell’ordinanza, saranno circa 70 per turno le pattuglie della Polizia locale operative sul territorio, sia in postazioni fisse sia in movimento. Sarà potenziato il personale in servizio alla centrale operativa.

10 anni di Bike sharing : promozioni ed iniziative

BikeMi
BikeMi

Dieci giorni di tariffe speciali, sette nuove stazioni da inaugurare e 150 nuove biciclette elettriche con seggiolino per bambini in arrivo nei prossimi giorni. E ancora, un convegno alla Statale e molte novità in agenda per il 2019: BikeMi compie dieci anni e festeggia con la città il successo del servizio di sharing nato il 3 dicembre del 2008.

A presentare le iniziative in programma sono stati oggi, in una conferenza stampa a Palazzo Marino, il Sindaco di Milano Giuseppe Sala, l’assessore alla Mobilità e Ambiente Marco Granelli, il Presidente di Atm Luca Bianchi e il general manager di Clear Channel Italia Mats Lundquist.

“Questi primi dieci anni – ha detto il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala – mettono in evidenza due aspetti del successo di BikeMi: la vocazione di Milano verso tutto ciò che la può rendere più moderna e sostenibile e l’attitudine dei milanesi verso l’uso della bicicletta, sempre più diffusa e apprezzata come mezzo di trasporto. I numeri che abbiamo presentato oggi sono davvero impressionanti. Basti pensare che il servizio conta oggi 650.000 iscritti, che gli utilizzi in dieci anni sono stati 23 milioni e che sono stati percorsi più di 46 milioni di chilometri senza produrre emissioni inquinanti. Un risultato davvero ottimo. Utilizziamo questo decennale come punto di partenza”.

Per celebrare il compleanno delle bici gialle, dal 3 al 13 dicembre, gli abbonati BikeMi potranno utilizzare gratuitamente senza limiti di tempo le biciclette normali ed elettriche, la cui flotta verrà implementata con l’arrivo di 150 nuovi modelli con pedalata assistita e seggiolino; il 13 dicembre chiunque potrà attivare gratuitamente un abbonamento giornaliero.

“Il 13 dicembre – dichiara Marco Granelli assessore alla Mobilità e Ambiente – entrano in esercizio sette nuove stazioni, Angilberto-Comacchio, Bologna, Ortles-Ripamonti, Ortles-Orobia, Cuoco-Monte Cimone, Corvetto-Polesine, Gabrio Rosa, realizzate nell’ambito del progetto europeo Sharing cities. A queste, entro il 2019, se ne aggiungeranno altre 34, portando il numero delle stazioni sparse per la città a quota 323. A crescere, il prossimo anno, sarà anche la flotta delle ‘gialle’, che passeranno dalle attuali 3.650 a 4.280, alle quali si uniranno le 1.150 elettriche a pedalata assistita, segno che questi 10 anni sono per noi un punto di partenza”.

Numeri in crescita che rispondono al gradimento dei cittadini per un servizio pensato da Comune e ATM, e gestito da Clear Channel, che conta ad oggi più di 650mila iscritti e 23 milioni di utilizzi per oltre 46 milioni di chilometri percorsi in città. Pedalate che hanno permesso di risparmiare oltre 9,3 milioni di chili di anidride carbonica in termini di mancate emissioni, alle quali si aggiunge il contributo di una centrale di ricarica elettrica con energia (75 khW/annui) prodotta da pannelli fotovoltaici.

“Siamo molto contenti di festeggiare i primi 10 anni di BikeMi che è sempre più apprezzato dai cittadini. Oggi si è raggiunto un traguardo importante: 150 nuove biciclette elettriche con seggiolino, un ulteriore step per rendere il servizio sempre più fruibile anche dalle famiglie – ha commentato il Presidente di Atm Luca Bianchi –. I cittadini scelgono sempre di più la sostenibilità e anche Atm è impegnata su questo fronte a 360 gradi. Non solo in termini di sostenibilità ambientale, con il piano ‘full electric’ che prevede entro il 2030 solo mezzi elettrici, ma anche sociale. L’iniziativa di inclusione di alcuni ex-detenuti presentata oggi va proprio in questa direzione”.

BikeMi ha quindi raggiunto e superato gli obiettivi per i quali era nato e oggi è a tutti gli effetti un servizio di trasporto pubblico efficiente e capillare, con stazioni che non distano tra di loro più di quattrocento metri, in grado di collegare i quartieri alle grandi reti di trasporto pubblico.
Un sistema che ha il merito di diffondere buone pratiche, invogliando anche chi non vive in città ad utilizzare le due ruote a pedali per gli spostamenti. Grazie allo sharing, infatti, possono andare in bici anche i “cittadini temporanei” che si trovano a Milano per lavoro o vacanza, e possono sperimentare le due ruote anche persone che non vogliono acquistare il veicolo o che organizzano gli spostamenti passando dalla metropolitana, al bus e a sistemi più flessibili.

“BikeMi è il fiore all’occhiello del nostro sistema di Bike sharing che gestiamo in varie città del mondo tra cui Santiago del Cile e Trondheim in Norvegia – dichiara Mats Lundquist, General Manager di Clear Channel Italia –. In questi 10 anni abbiamo percorso 120 volte il tragitto terra-luna con un risparmio di emissioni annue di 2.000 auto. Per ringraziare i nostri abbonati della loro fedeltà dal 3 al 13 dicembre le tariffe per gli extra utilizzi saranno offerte gratuitamente a tutti. In più giovedì 13 dicembre presenteremo i risultati della Customer Satisfaction survey alla Statale di Milano in occasione dell’evento celebrativo dei 10 anni”.

Le biciclette in condivisione sono ormai una parte ormai decisiva del sistema di mobilità sostenibile e a basso impatto per il quale Milano sta diventando un modello e punto di riferimento, grazie alla capacità di integrare i mezzi tradizionali con quelli più moderni della sharing mobility.

10 ANNI DI BIKEMI IN NUMERI
650.000 iscritti
23 milioni di utilizzi
46.120.088 km percorsi
323 stazioni entro il 2019
4.280 biciclette a pedalata tradizionale entro il 2019
1.150 biciclette elettriche a pedalata assistita
2017 l’anno con il maggior numero di utilizzi (4.285.009) e più chilometri percorsi (8.570.018)
5 aprile 2017 (mercoledì) il giorno con più prelievi (23.370) in 10 anni
Cadorna la stazione più utilizzata
Martedì il giorno della settimana col maggior numero di prelievi
8-9; 18-19; 9-10; 19-20 le fasce orarie con più prelievi e più restituzioni