10 anni di Bike sharing : promozioni ed iniziative

BikeMi
BikeMi

Dieci giorni di tariffe speciali, sette nuove stazioni da inaugurare e 150 nuove biciclette elettriche con seggiolino per bambini in arrivo nei prossimi giorni. E ancora, un convegno alla Statale e molte novità in agenda per il 2019: BikeMi compie dieci anni e festeggia con la città il successo del servizio di sharing nato il 3 dicembre del 2008.

A presentare le iniziative in programma sono stati oggi, in una conferenza stampa a Palazzo Marino, il Sindaco di Milano Giuseppe Sala, l’assessore alla Mobilità e Ambiente Marco Granelli, il Presidente di Atm Luca Bianchi e il general manager di Clear Channel Italia Mats Lundquist.

“Questi primi dieci anni – ha detto il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala – mettono in evidenza due aspetti del successo di BikeMi: la vocazione di Milano verso tutto ciò che la può rendere più moderna e sostenibile e l’attitudine dei milanesi verso l’uso della bicicletta, sempre più diffusa e apprezzata come mezzo di trasporto. I numeri che abbiamo presentato oggi sono davvero impressionanti. Basti pensare che il servizio conta oggi 650.000 iscritti, che gli utilizzi in dieci anni sono stati 23 milioni e che sono stati percorsi più di 46 milioni di chilometri senza produrre emissioni inquinanti. Un risultato davvero ottimo. Utilizziamo questo decennale come punto di partenza”.

Per celebrare il compleanno delle bici gialle, dal 3 al 13 dicembre, gli abbonati BikeMi potranno utilizzare gratuitamente senza limiti di tempo le biciclette normali ed elettriche, la cui flotta verrà implementata con l’arrivo di 150 nuovi modelli con pedalata assistita e seggiolino; il 13 dicembre chiunque potrà attivare gratuitamente un abbonamento giornaliero.

“Il 13 dicembre – dichiara Marco Granelli assessore alla Mobilità e Ambiente – entrano in esercizio sette nuove stazioni, Angilberto-Comacchio, Bologna, Ortles-Ripamonti, Ortles-Orobia, Cuoco-Monte Cimone, Corvetto-Polesine, Gabrio Rosa, realizzate nell’ambito del progetto europeo Sharing cities. A queste, entro il 2019, se ne aggiungeranno altre 34, portando il numero delle stazioni sparse per la città a quota 323. A crescere, il prossimo anno, sarà anche la flotta delle ‘gialle’, che passeranno dalle attuali 3.650 a 4.280, alle quali si uniranno le 1.150 elettriche a pedalata assistita, segno che questi 10 anni sono per noi un punto di partenza”.

Numeri in crescita che rispondono al gradimento dei cittadini per un servizio pensato da Comune e ATM, e gestito da Clear Channel, che conta ad oggi più di 650mila iscritti e 23 milioni di utilizzi per oltre 46 milioni di chilometri percorsi in città. Pedalate che hanno permesso di risparmiare oltre 9,3 milioni di chili di anidride carbonica in termini di mancate emissioni, alle quali si aggiunge il contributo di una centrale di ricarica elettrica con energia (75 khW/annui) prodotta da pannelli fotovoltaici.

“Siamo molto contenti di festeggiare i primi 10 anni di BikeMi che è sempre più apprezzato dai cittadini. Oggi si è raggiunto un traguardo importante: 150 nuove biciclette elettriche con seggiolino, un ulteriore step per rendere il servizio sempre più fruibile anche dalle famiglie – ha commentato il Presidente di Atm Luca Bianchi –. I cittadini scelgono sempre di più la sostenibilità e anche Atm è impegnata su questo fronte a 360 gradi. Non solo in termini di sostenibilità ambientale, con il piano ‘full electric’ che prevede entro il 2030 solo mezzi elettrici, ma anche sociale. L’iniziativa di inclusione di alcuni ex-detenuti presentata oggi va proprio in questa direzione”.

BikeMi ha quindi raggiunto e superato gli obiettivi per i quali era nato e oggi è a tutti gli effetti un servizio di trasporto pubblico efficiente e capillare, con stazioni che non distano tra di loro più di quattrocento metri, in grado di collegare i quartieri alle grandi reti di trasporto pubblico.
Un sistema che ha il merito di diffondere buone pratiche, invogliando anche chi non vive in città ad utilizzare le due ruote a pedali per gli spostamenti. Grazie allo sharing, infatti, possono andare in bici anche i “cittadini temporanei” che si trovano a Milano per lavoro o vacanza, e possono sperimentare le due ruote anche persone che non vogliono acquistare il veicolo o che organizzano gli spostamenti passando dalla metropolitana, al bus e a sistemi più flessibili.

“BikeMi è il fiore all’occhiello del nostro sistema di Bike sharing che gestiamo in varie città del mondo tra cui Santiago del Cile e Trondheim in Norvegia – dichiara Mats Lundquist, General Manager di Clear Channel Italia –. In questi 10 anni abbiamo percorso 120 volte il tragitto terra-luna con un risparmio di emissioni annue di 2.000 auto. Per ringraziare i nostri abbonati della loro fedeltà dal 3 al 13 dicembre le tariffe per gli extra utilizzi saranno offerte gratuitamente a tutti. In più giovedì 13 dicembre presenteremo i risultati della Customer Satisfaction survey alla Statale di Milano in occasione dell’evento celebrativo dei 10 anni”.

Le biciclette in condivisione sono ormai una parte ormai decisiva del sistema di mobilità sostenibile e a basso impatto per il quale Milano sta diventando un modello e punto di riferimento, grazie alla capacità di integrare i mezzi tradizionali con quelli più moderni della sharing mobility.

10 ANNI DI BIKEMI IN NUMERI
650.000 iscritti
23 milioni di utilizzi
46.120.088 km percorsi
323 stazioni entro il 2019
4.280 biciclette a pedalata tradizionale entro il 2019
1.150 biciclette elettriche a pedalata assistita
2017 l’anno con il maggior numero di utilizzi (4.285.009) e più chilometri percorsi (8.570.018)
5 aprile 2017 (mercoledì) il giorno con più prelievi (23.370) in 10 anni
Cadorna la stazione più utilizzata
Martedì il giorno della settimana col maggior numero di prelievi
8-9; 18-19; 9-10; 19-20 le fasce orarie con più prelievi e più restituzioni

Inaugurazione asilo nido CityLife.jpg
Inaugurazione asilo nido CityLife.jpg

È stato inaugurato oggi il nido d’infanzia BabyLife, l’asilo comunale di Milano immerso nel parco pubblico di CityLife che aprirà le porte a 72 bambini da 0 a 36 mesi il prossimo settembre, in occasione dell’inizio del nuovo anno scolastico.

La cerimonia inaugurale si è svolta alla presenza di Giuseppe Sala, Sindaco di Milano, Laura Galimberti, assessore all’Educazione e Istruzione, Pierfrancesco Maran, assessore a Urbanistica, Verde e Agricoltura, al Presidente di Assicurazioni Generali Gabriele Galateri di Genola, Philippe Donnet Amministratore delegato e Group Ceo di Generali, Aldo Mazzocco Amministratore delegato di Generali Real Estate e Presidente di CityLife e Armando Borghi, Amministratore delegato di CityLife.

BabyLife è il primo asilo nido del Comune di Milano completamente in legno con obiettivo di certificazione «Leed platinum», esempio innovativo di architettura sostenibile per l’infanzia con i suoi 3.000 mq di giardino e 1.000 mq di struttura interna, inserito nel parco pubblico di 173mila mq con oltre 2mila alberi.

L’edificio è stato realizzato con tecniche e materiali ecosostenibili e a basso impatto ambientale per il risparmio energetico, il contenimento dei consumi d’acqua, l’utilizzo di impianti di riscaldamento ad alta efficienza e di sistemi di coibentazione.

Il nuovo nido BabyLife nasce con l’obiettivo condiviso tra Comune di Milano, Assicurazioni Generali e CityLife di realizzare e mettere a disposizione della collettività una struttura educativa di eccellenza che favorisca l’apprendimento pedagogico e lo sviluppo formativo.

I bambini saranno infatti accompagnati e incoraggiati nelle loro esplorazioni cognitive attraverso laboratori comuni sia all’interno del nido, sia nelle aree esterne come il giardino che, oltre agli spazi ludici, è arricchito da percorsi tattili e orti didattici.

Per celebrare questa inaugurazione, Generali donerà alla città di Milano 72 alberi di grandi dimensioni, uno per ciascun bambino, che saranno piantumati nelle aree pubbliche del Municipio 8, ad ulteriore testimonianza dell’attenzione che il Gruppo rivolge alla collettività e al verde pubblico.

L’asilo nido BabyLife è stato progettato dallo studio di architettura O2Arch, vincitore del concorso promosso da CityLife in collaborazione con Federabitazione Lombardia nel 2014 e rivolto a giovani architetti under 35.

https://www.dietrolanotizia.eu/2018/06/52756/

Urbanistica: Gli obiettivi di Milano 2030

triennale-giardino
triennale-giardino

Come sarà la Milano del 2030? Quali sfide dovrà affrontare nei prossimi anni? In che modo dovrà essere indirizzato lo sviluppo urbanistico, coniugandolo con le esigenze di mobilità, ambiente, housing, socialità, inclusione e valorizzazione dello spazio pubblico?

Se ne parlerà alla Triennale di Milano nel corso di tre incontri pubblici, introdotti e conclusi dagli interventi del Sindaco Giuseppe Sala e dell’assessore all’Urbanistica, Verde e Agricoltura Pierfrancesco Maran, che coinvolgeranno tanti protagonisti e analisti della crescita della città nei prossimi dieci anni.

L’occasione è la condivisione degli obiettivi strategici del Piano di Governo del Territorio di prossimo aggiornamento e la narrazione sui tanti processi di rigenerazione che interesseranno Milano nei prossimi anni.

Dalla riqualificazione degli scali ferroviari alla riapertura dei Navigli, dal futuro di Città Studi e delle università di Milano, alla M4 e la Circle line, dal progetto per il grande parco metropolitano ai nuovi parchi cittadini, dal piano sulla casa a quello per le piazze, i tre incontri offriranno un quadro d’insieme di una città che vuole crescere in maniera sostenibile e inclusiva, a partire da un grande lavoro di ricucitura territoriale tra centro e periferia, per estendersi oltre i suoi confini in un’ottica di Città Metropolitana.

Novità ai Giardini Montanelli – Milano

gioco-al-centro
gioco-al-centro

Una grande festa aperta a tutti i bambini ha inaugurato questa mattina la nuova area giochi accessibile ai Giardini Montanelli. L’intervento è il primo del progetto “Parchi gioco per Tutti” – promosso dalla nascente Fondazione di Comunità Milano, da Fondazione Cariplo e dal Comune di Milano – che si propone di realizzare aree attrezzate che consentano ai bambini con e senza disabilità di giocare insieme grazie a giochi accessibili e senza barriere nei parchi pubblici dei nove Municipi della città.

La scelta dei Giardini Montanelli come intervento pilota è stata condivisa dal Comune, dal Comitato Promotore della Fondazione di Comunità Milano e da Fondazione Cariplo e ha raccolto il parere favorevole della Sovrintendenza e del Consiglio di Zona del Municipio 1.

È stato compiuto in tempi brevi grazie all’intervento dell’assessorato al Verde, che ha realizzato i lavori di riqualificazione e di ampliamento dello spazio giochi, e alla collaborazione con le Associazioni delegate al Tavolo permanente per la Disabilità e alla delegata del Sindaco per le Politiche sull’Accessibilità, Lisa Noja.

“Tutte le città – ha detto il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala – dovrebbero avere parchi giochi accessibili e sicuri per tutti i bambini. Non si tratta solo di creare luoghi belli dove i più piccoli possono divertirsi insieme, senza mai pensare di essere esclusi, ma di far crescere una città nuova dove si vive, si usano i mezzi pubblici, si va a scuola, si lavora e si può giocare in condizioni di parità con tutti.
Prima che una trasformazione architettonica è una rivoluzione culturale che a Milano è già iniziata, che al sito di Expo 2015 abbiamo reso evidente e che intendiamo portare avanti con decisione su tutta la città. Bene quindi il progetto dei parchi gioco realizzati grazie a Fondazione Cariplo e alla nascente Fondazione Comunità Milano che si aggiungeranno al parco Formentano dove qualche anno fa abbiamo dimostrato come sia semplice cambiare per il meglio”.

“La prima condizione per cui le persone possono stare insieme e creare relazioni solidali è che ci siano luoghi accessibili a tutti – ribadisce il presidente di Fondazione Cariplo, Giuseppe Guzzetti – il progetto che presentiamo si impegna a rendere accessibili i parchi gioco dei giardini pubblici ed a creare spazi d’incontro e socializzazione pensati per i bambini e le famiglie milanesi. Lo avviamo ancor prima di rendere ufficiale la nascita della fondazione comunitaria di Milano, che sarà un motore filantropico per la città, che con il contributo di tutti: attori pubblici, privati e cittadini agevolerà la realizzazione di progetti concreti per migliorare il benessere e la qualità della vita della nostra comunità. Animare le comunità, sostenerle, valorizzare le energie presenti, creare occasioni per crescere insieme. Questo è il ruolo di una fondazione di comunità”.

L’intervento è stato svolto su un’area giochi che già disponeva di strutture che sono integrate ampliandolo spazio a disposizione con la pavimentazione anti-trauma colorata per un totale di 570 mq: oggi i tutti i bambini possono divertirsi con diverse strutture: Basket Young, Pannello Goal, Pencil, Shawn, Shop, un gioco Carosello, una casetta Multi Xc03 e due nuove altalene.

Attrezzare l’area giochi con questa attenzione all’accessibilità è stato possibile grazie alla raccolta fondi promossa dal Comitato Promotore della Fondazione di Comunità Milano e da Fondazione Cariplo. I nuovi giochi sono infatti il frutto di un gesto di solidarietà di privati cittadini, di imprese ed enti che hanno condiviso le finalità del progetto ed hanno permesso di acquistarli e di donarli alla comunità.

Il progetto si è avvalso inoltre delle competenze pedagogiche dell’associazione “L’abilità”, del contributo specialistico di UILDM Milano (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) e del confronto con le esperienze di Disabili No Limits e di Inter Campus per le caratteristiche ludiche ed ergonomiche.

I criteri utilizzati nella scelta dei giochi, da un lato, hanno verificato l’accessibilità ai bambini con disabilità motoria e intellettiva, dall’altro hanno assicurato che favorissero l’incontro e il gioco tra i bambini con e senza disabilità.

Il dialogo con l’associazione AGIAMO, Amici dei Giardini Montanelli, ha permesso ai partner del progetto di conoscere il parco e le modalità di fruizione dell’area giochi.
Ma l’iniziativa non si ferma al solo intervento strutturale, prevede infatti un’attività educativa rivolta alle bambine e ai bambini delle classi dalla prima alla terza della Scuola Primaria di promo grado, svolta in collaborazione con le associazioni L’abilità e UILDM Milano. Il primo intervento sarà avviato nell’anno scolastico 2018/2019 nelle 13 scuole del Municipio 1; oltre agli alunni saranno coinvolti i loro insegnanti e genitori con laboratori dedicati al tema del gioco e della diversità.

Dopo la presentazione alla stampa e il simbolico taglio del nastro con le autorità, la giornata di oggi ha visto tantissimi bambini sperimentare e condividere i nuovi giochi guidati dagli educatori di Amamente. Sono inoltre state proposte una serie di attività: il laboratorio orchestrale classico-sinfonico dell’orchestra AllegroModerato, la Dragon Goal con gli allenatori internazionali di Inter Campus, lo spettacolo Moon Afternoon con gli attori di Amamente, le magiche bolle di sapone con BillyBolla.

Atm: In arrivo nuovi filobus

Solaris Bus
Solaris Bus

Prosegue l’impegno di Atm per un sistema di trasporto urbano in un’ottica sempre più sostenibile ed elettrica: a partire dalla primavera del 2019, 80 nuovi filobus da 18 metri inizieranno a percorrere le strade milanesi.

E’ stato, infatti, aggiudicato oggi l’appalto – a seguito di procedura di gara ad evidenza pubblica – all’azienda polacca Solaris Bus & Coach SA. Si tratta di un accordo quadro per la fornitura di 80 nuovi filobus per un valore totale dell’investimento pari a 61,5 milioni di euro. Il primo contratto applicativo consiste nella fornitura di 30 filobus da 18 metri.

I nuovi mezzi andranno a sostituire progressivamente tutti i filobus da 12 metri e quelli da 18 metri più anziani, incrementando così l’offerta di trasporto con l’obiettivo di migliorare il comfort di viaggio con mezzi tecnologicamente all’avanguardia, più silenziosi e molto più efficienti in termini energetici e di impatto ambientale.

Un investimento importante di rinnovo della flotta che rientra nel piano full electric, recentemente presentato dai vertici Atm e dal Sindaco di Milano Giuseppe Sala, che ha l’obiettivo di rendere la flotta 100% elettrica nel 2030. Ad oggi già il 70% delle percorrenze di tutti i mezzi pubblici di Atm è alimentato elettricamente.

CARATTERISTICHE NUOVI FILOBUS – I nuovi mezzi saranno tutti dotati di impianto di climatizzazione, pianale ribassato, marcia autonoma elettrica in assenza di alimentazione dalla linea aerea e videosorveglianza per garantire un maggior livello di comfort e sicurezza per i passeggeri.