Idroscalo Bike Day

Federica Fontana
Federica Fontana

In occasione di Milano Bike City, l’iniziativa che dal 14 al 22 settembre celebra la bicicletta in città con un programma di eventi dedicati alle due ruote, l’Idroscalo lancia l’Idroscalo Bike Day. L’evento, che si terrà domenica 15 settembre, è promosso da Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano e main sponsor del Parco, per farne scoprire, o riscoprire, le bellezze nel modo migliore: con una biciclettata dedicata a famiglie, amici o veri sportivi.

Una pedalata all’aria aperta con un’ospite d’eccezione: Federica Fontana, showgirl e grande sportiva, che accompagnerà i partecipanti durante la pedalata raccontando aneddoti personali legati al Parco e alla sua grande passione per le biciclette. Per l’occasione inoltre sarà allestita anche una ciclofficina utile per fare piccole riparazioni e scoprire qualche trucchetto di urban bike survival.

L’appuntamento da segnare in agenda è alle ore 10:00, punto di incontro il Centro Ricerche Salazzurra di Gruppo CAP (ingresso Riviera Est), da dove partirà il tour: dal percorso artistico ricco di sculture e installazioni, alle aree dedicate ai bambini, alle zone per rilassarsi, all’onda per fare surf, al percorso running e molto altro.

Tra una pedalata e l’altra, i partecipanti potranno esplorare il parco alla scoperta della sua biodiversità, la sua storia e l’unicità di questo luogo a due passi da Milano.

I partecipanti saranno liberi di arrivare in Idroscalo con la propria bici, oppure potranno affittarla al Parco (http://www.idroscalomilano.com/attrazioni/4/Noleggio-Biciclette-Idroscalo.html). Inoltre, per gli appassionati delle due ruote, Idroscalo Bike Day sarà l’occasione giusta per testare la loro bici sportiva anche sul circuito di Mountain Bike presente nel Parco.

La pedalata durerà circa un’ora e per iscriversi gratuitamente ai 50 posti disponibili è necessario inviare una mail all’indirizzo info@kwordsmilano.it entro il 13 settembre, indicando nome, cognome e contatto telefonico. In regalo per tutti i partecipanti ci sarà il “kit della biciclettata” con l’utilissima borraccia CAP da riempire e riutilizzare tutte le volte che se ne ha bisogno!

“F” nuovo numero in Edicola

COPERTINA F n 39
COPERTINA F n 39

Elena Santarello a quasi un anno dalla scoperta del tumore del suo primogenito, è tornata a lavorare in tv ed è un’altra donna.
Mai un momento di rabbia? «Non sono arrabbiata, anzi sono contenta di aver vissuto questo passaggio. Molti hanno conosciuto un lato di me che non era visibile con i miei lavori precedenti, mi hanno visto più umana. Non ho mai dato la colpa a nessuno di quello che è successo, anche perché i bambini più reattivi alle cure sono quelli con i genitori che non accusano nessuno […]» e prosegue «[…] Sono una donna fortunata, lo scriva. Da certe esperienze si esce trasformati: so che non sarò più quella di prima, ma so anche che sono diventata una persona migliore».

Dice di essere fortunata, eppure molte al suo posto si sarebbero chieste: perché proprio a me? «Io invece guardo le altre madri in ospedale con me. Non solo quelle che hanno figli più gravi del mio, ma anche quelle che non abitavano a Roma e per trasferirsi vicino all’ospedale dove fanno le terapie hanno lasciato tutto: famiglie, altri figli neonati, lavoro, casa, affetti […]».

Suo figlio sta meglio? «La nostra battaglia non è ancora finita ma noi siamo molto fortunati: ci siamo accorti che Giacomo non stava bene prima che succedesse il patatrac. E poi lui è un bambino forte, fa una vita normale, corre, gioca. La parola tumore fa paura ma in questi mesi ho scoperto che esistono malattie peggiori, anche per i bambini. […]».
Sono diverse le reazioni di madri e padri di fronte alla malattia di un figlio? «I padri reagiscono più lentamente, ingranano piano piano, le mamme sono più corazzate. […] Con le dovute eccezioni, la verità è che le donne per la loro straordinaria forza si sobbarcano sulle spalle il peso maggiore».

Nella sua coppia invece come è andata? «Andavamo già bene e la nostra complicità è continuata. Lui mi fa tantissimi complimenti, mi dice sempre ‘se non ci fossi tu’ […]».

Ha annunciato che non posterà più foto dei suoi figli «Una riflessione che non avrei mai fatto senza la malattia di Giacomo. Ho sempre postato le foto dei miei bambini, mi faceva piacere. Oggi ho deciso che non lo farò più perché desidero che mio figlio, anche quando sarà guarito, sia libero di uscire senza essere indicato come il figlio della Santarelli. Tra un anno sarà diverso e nessuno lo riconoscerà più».

Il settimanale F è disponibile anche in versione iPad e iPhone, nell’edicola di iTunes Store.

Valentina Riccio

Valentina Riccio

E’ lei, la splendida ballerina e showgirl laziale Valentina Riccio la cover girl del numero di Settembre del free press bresciano Globalnews.

Vale racconta in una lunga e simpatica intervista, gli inizi della sua carriera e curiosità legate non solo al mondo prettamente lavorativo ma anche più riservato e personale.

Il tutto è arricchito da bellissimi scatti dove emerge chiaramente  il fascino dell’ artista di Latina.

Per leggere il servizio a lei dedicato è sufficiente cliccare qui:

http://www.globalnewsedizioni.com/