Aggiornamenti Trenord

trenord
trenord

Da lunedì 6 aprile a domenica 19 aprile per consentire lavori di potenziamento infrastrutturale tra le stazioni di Seveso e Asso a opera del gestore Ferrovienord, i treni della linea Milano-Seveso-Asso circoleranno solo fra Milano Cadorna e Seveso e tra Seveso e il capoluogo lombardo.

Per i viaggiatori in partenza da Seveso diretti a Asso e Canzo verrà istituito un servizio di bus sostitutivi così come tra Asso e Canzo e Seveso per chi è diretto a Milano.

Si ricorda che sulla linea, a seguito dei provvedimenti delle Autorità sanitarie regionali e nazionali in materia di contenimento dell’emergenza da Covid-19, sono in vigore le modiche alla circolazione che prevedono il cadenzamento orario delle corse.

Ulteriori informazioni sulle modifiche alla circolazione e i dettagli su orari e fermate dei bus sostitutivi sono disponibili sul sito Trenord.it e sull’App Trenord.

Trenord ricorda infine che per viaggiare a bordo dei treni e dei bus occorre munirsi del documento di autocertificazione, compilato come previsto dalla normativa.

Milano: allerta maltempo

fiume Lambro
fiume Lambro

Il centro meteo regionale lombardo ha emanato un avviso di allerta (codice giallo) nell’area del nodo idraulico di Milano per rischio temporali e vento forte a partire dalle ore 18.00 di domani, domenica 14 luglio 2019. Nella seconda parte di domani, in particolare, il tempo sarà via via più instabile con primi rovesci o temporali isolati possibili già dal pomeriggio e un peggioramento previsto fino a lunedi.

Il Comune ha quindi disposto l’attivazione del COC dalle ore 18.00 di domani, presso il Centro di via Drago del Comune di Milano, al fine di graduare il piano di emergenza ovvero il monitoraggio dei livelli idrometrici dei fiumi Seveso e Lambro e del radar a cura della Protezione Civile del Comune. Sono allertate le pattuglie della Polizia Locale, le squadre del servizio idrico MM e le squadre di Amsa per entrare in servizio in caso di necessità.

Seveso: Allerta fino a mezzanotte

esondazione_maltempo_milano
esondazione_maltempo_milano

Resta attiva fino alla mezzanotte di oggi l’allerta meteo per possibili esondazioni del Seveso, anche se le perturbazioni e i temporali non dovrebbero riguardare il bacino del fiume.

Durante la giornata, per le attività legate all’allerta meteo, sono state impiegate otto squadre della Protezione civile, due squadre di MM servizi idrici e 69 pattuglie di Polizia locale.

Mentre i lavori di pulizia sono stati condotti da Amsa che, dalle ore 3 di stamane e fino alle ore 18, ha impiegato 101 risorse, 63 mezzi e fra questi 13 lavastrade e 11 spurgo pozzetti che hanno operato sui tombini invasi dal fango.

Le squadre saranno operative anche stanotte per terminare il lavoro sui marciapiedi e i passaggi pedonali. Domani verranno pulite le vasche di via Valfurva e nei prossimi giorni anche gli spazi sotto le autovetture.

Allerta meteo a Milano

pioggia
pioggia

Allerta meteo a Milano a partire dalle prime ore di domani, venerdì 30 marzo, per il passaggio di una perturbazione con forti venti e piogge.

Il Comune ha pertanto disposto l’attivazione del COC, il Centro Operativo Comunale, presso il centro di via Drago per graduare l’attivazione del piano di emergenza.

Avviato il monitoraggio dei livelli idrometrici dei fiumi Seveso e Lambro e del radar a cura della Protezione Civile del Comune di Milano. Allertate anche le squadre della Protezione Civile, della Polizia Locale e di MM.

News Ferrovienord

FNM Cadorna
FNM Cadorna

A partire da sabato 8 luglio, anche nella tratte Milano Cadorna – Milano Bovisa e Milano Bovisa – Seveso – Camnago è stato attivato il Sistema di Controllo della Marcia del Treno (SCMT) per la circolazione ferroviaria. Si tratta di una dotazione tecnologica di sicurezza – già presente sulla maggior parte della rete di FERROVIENORD – che si aggiunge ai sistemi automatici BACC e BCA in uso e li integra.

LE DOTAZIONI TECNOLOGICHE – Già da alcuni anni infatti, il 100% della rete di FERROVIENORD è coperto da sistemi di segnalamento e regolazione della circolazione di elevata affidabilità, identici a quelli in uso sulla rete RFI: Blocco Automatico a Correnti Codificate (BACC) o Blocco Conta Assi (BCA). In aggiunta, si stanno progressivamente installando sistemi di ausilio alla condotta, come appunto il sistema SCMT per il “ramo Milano” (linee per Malpensa, Varese/Laveno, Como, Novara e Asso) e il sistema SSC per il “ramo Iseo” (linea Brescia-Iseo-Edolo). Questa tecnologia consente di verificare se il comportamento del macchinista sia coerente con le caratteristiche della linea e con l’aspetto dei segnali incontrati. Ad esempio, in caso in caso di superamento di un segnale rosso o della velocità massima, si attiva automaticamente la frenatura del treno.

COPERTO IL 90% DEL TRAFFICO DEL “RAMO MILANO” – Con l’attivazione tra Cadorna e Bovisa e nella tratta Bovisa – Seveso – Camnago, circa il 90% del traffico del “ramo Milano” è coperto dal sistema SCMT. Nel corso del 2018 si arriverà al 100%. Lo stanziamento complessivo per la dotazione dei sistemi SCMT e SSC è di 45,3 milioni, messi a disposizione da Regione Lombardia (circa 38 milioni per il ramo Milano e circa 7 milioni per il ramo Iseo). In questo finanziamento è compreso anche l’attrezzaggio dei treni più vecchi per rendere funzionante la nuova tecnologia.

LAVORI COMPLETATI ENTRO IL 2017 SUL “RAMO ISEO” – Per quanto riguarda il la linea Brescia-Iseo-Edolo, dal 13 maggio scorso il sistema SSC è stato attivato anche nella tratta tra Iseo e Pisogne (22 chilometri), in aggiunta a quella tra Brescia e Iseo (26 chilometri), arrivando a coprire circa il 60% del traffico (prima era il 34%). Entro la fine del 2017 il sistema SSC sarà esteso anche alle tratte tra Pisogne ed Edolo e tra Rovato e Bornato, completando dunque l’installazione e il funzionamento di questa tecnologia sulla linea.

ATTENTI A TEMA SICUREZZA – “La nostra rete ha già oggi un livello di sicurezza tra i più avanzati – spiega il presidente di FERROVIENORD Andrea Gibelli –. Stiamo infatti utilizzando dotazioni moderne e affidabili e siamo impegnati giorno per giorno a perfezionare i nostri standard, collaborando con l’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie e con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Il completamento dell’installazione dei sistemi SCMT e SSC è ormai vicino”.