Da Regione 50.000 euro a 11 progetti per una corretta informazione a tavola

Agroalimentare_Lombardia
Agroalimentare_Lombardia

E’ stata approvata la graduatoria dei progetti di educazione agroalimentare che la Regione Lombardia cofinanziera’ nel periodo 1 ottobre – 10 dicembre 2019. Sono stati finanziati 11 progetti con 50.000 euro complessivi, con eventuale scorrimento della graduatoria in caso di rinuncia dei soggetti proponenti.
PROPORRE MODELLI POSITIVI – “L’educazione alimentare – ha dichiarato l’assessore regionale all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi – si fa proponendo modelli positivi, non tassando i prodotti. Con questi progetti promuoviamo una cultura dell’alimentazione basata sulla consapevolezza e sul consumo dei prodotti del territorio. Il cibo lombardo e’ caratterizzato da una sicurezza alimentare che non ha pari al mondo e promuovere questa consapevolezza tra le giovani generazioni e’ fondamentale per la Regione Lombardia”.
I TEMI – Potevano presentare domanda di cofinanziamento soggetti pubblici e privati che avessero tra gli obiettivi statutari anche quello dell’educazione agroalimentare. Quindi i comuni, gli istituti della cultura e quelli scolastici, i gestori dei servizi di ristorazione scolastica con sede in Lombardia.

I PROGETTI – Questo l’elenco dei progetti divisi per province:
– SONDRIO, ‘Conoscere e valorizzare i sapori delle Alpi’, Distretto Agroalimentare Valtellina (Sondrio), 3.840 euro.
– COMO, ‘Non sprecare…per vivere meglio!’, Associazione Battito d’ali (Senna Comasco), 4.447 euro.
– BRESCIA, ‘Agricoltore modello il mondo e’ piu’ bello’, Federazione Provinciale Coldiretti (Brescia), 5.000 euro; ‘Cotto e mangiato tutto’, Fondazione Castello di Padernello (Borgo S. Giacomo), 4.100 euro; ‘Una buona terra per una buona alimentazione’, La Buona Terra (Puegnago del Garda), 4.000 euro.
– MILANO, ‘Food Print. Quanto pesano le nostre scelte alimentari?’, Koine’ cooperativa sociale (Novate Milanese), 4.616 euro; ‘Mercato Prealpi: cultura salute e ambiente’, Aps Ambiente Acqua Onlus (Milano), 4.000 euro; ‘Educare la piu’ grande rete della solidarieta’ in Lombardia al valore del cibo’, Associazione Banco Alimentare della Lombardia Onlus (Muggio’), 5.000 euro.
– BERGAMO, ‘A lezione da Sirafino’, Sistemi Italiani Ristorazione (Azzano S.Paolo), 5.000 euro.
– CREMONA, ‘Scegli il tuo menu’ alimenta il tuo benessere’, (Comune di Cremona), 4.500 euro.
– MANTOVA – ‘Il cibo del cambiamento’, Consorzio Agrituristico Mantovano ‘Verdi Terre d’Acqua’ (Mantova), 4.200 euro.

Da Regione 6,5 milioni di euro a sostegno della qualità aria

Qualità aria_Regione Lombardia
Qualità aria_Regione Lombardia

La Regione Lombardia ha approvato il decreto con cui si da’ il via all’apertura del bando ‘Rinnova Veicoli per il 2019 e il 2020′ che concede alle micro, piccole e medie imprese contributi per l’acquisto di nuovi veicoli a basso impatto ambientale. L’apertura del provvedimento e’ fissata per il prossimo 16 ottobre e terminera’ il 30 settembre 2020. Le risorse stanziate per questo 2019/2020 sono 6,5 milioni di euro.

Miglioramento parco auto:

L’intervento e’ finalizzato a incentivare la sostituzione dei veicoli commerciali di proprieta’, con l’acquisto, anche nella forma del leasing finanziario, di un nuovo veicolo di categoria M1, M2, M3, N1, N2 e N3 a basso impatto ambientale, per la riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera e il miglioramento della qualita’ dell’aria.

Chi vi puo’ partecipare:

Potranno accedere al bando le micro, piccole e medie imprese con sede operativa in Lombardia che radiano un veicolo di proprieta’ a benzina fino alla categoria euro 2/II incluso o diesel fino a euro 5/V incluso e acquistano mezzi per il trasporto in conto proprio o in conto terzi che rispettano determinati parametri emissivi di NOX e di CO2.

Cattaneo: azione per migliorare aria in regione:

“Questo pacchetto di incentivi – ha spiegato l’assessore all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo – consentira’ alle imprese di sostituire il proprio veicolo inquinante. Migliorare la qualita’ dell’aria e’ una priorita’ di Regione Lombardia. Nel tempo abbiamo adottato politiche che favoriscono gli spostamenti dei cittadini. Gli incentivi sono legati alle reali emissioni dei veicoli e non piu’ alle tecnologie motoristiche, perche’ guardiamo ad una mobilita’ sempre piu’ green”.

Mattinzoli: gioco di Squadra:

“Ringrazio Unioncamere Lombardia, Anfia, Unrae, Federauto e Federmotorizzazione – ha aggiuntoo l’assessore allo Sviluppo economico, Alessandro Mattinzoli – per la collaborazione proattiva. Il gioco di squadra e’ sempre vincente, soprattutto quando e’ volto a migliorare la qualita’ della vita di tutti”.

Trenord: incontro in Regione Lombardia

Marco Piuri- Amm.Delegato Trenord
Marco Piuri- Amm.Delegato Trenord

Si è tenuto ieri sera l’incontro in Regione Lombardia con i rappresentati dei viaggiatori e delle associazioni dei consumatori.

Accogliendo i loro suggerimenti, verranno semplificate le procedure per la richiesta del rimborso per i clienti storici solo ferroviari. La compilazione sarà semplice e tutta on line sul sito Trenord. Inoltre, per predisporre la documentazione, sono attivi i punti di assistenza al cliente situati presso le stazioni di Milano Cadorna e Milano Porta Garibaldi (My Link Point).

In virtù della semplificazione della procedura, definita durante l’incontro, chi chiederà il rimborso dovrà caricare sul sito trenord.it, non più certificati come previsto inizialmente, bensì autodichiarazioni che esplicitino la residenza, il luogo abituale di svolgimento della propria attività (lavoro, studio o altro) e la formale richiesta di accesso al contributo con l’impegno a non utilizzare l’abbonamento Stibm su sistemi di trasporto diversi da quello di Trenord. Il cliente aggiungerà inoltre il proprio Iban per l’accredito dell’eventuale rimborso e l’immagine di carta d’identità e tessera sanitaria/codice fiscale.

In merito al nuovo sistema tariffario, rispondendo alle domande delle rappresentanze dei clienti e dei consumatori, l’amministratore delegato di Trenord Marco Piuri ha ribadito che “procrastinare Stibm avrebbe solo spostato il problema di qualche anno, non evitando aumenti progressivi che la Regione avrebbe dovuto applicare per colmare il gap tra ferro e gomma che già costa – a parità di chilometri – il 30 per cento in più. Mantenere un doppio sistema sarebbe stato contro il principio stesso dell’integrazione cui l’ente regolatore ha deciso di aderire e avrebbe significato applicare periodicamente un rincaro di tutte le tariffe su tutto il territorio regionale e non solo sul territorio sul quale si sta realizzando la prima parte dell’integrazione. Trenord è l’unico soggetto di trasporto presente in tutte i bacini della Lombardia. La mobilità di oggi e del futuro è e sarà fondata sulla connessione e sull’integrazione. Non aderendo a STIBM il sistema ferroviario avrebbe creato un danno enorme a decine di migliaia di persone che già oggi godono dei benefici dell’integrazione. Trenord, consapevole delle criticità generate verso chi utilizzava solo il treno, è intervenuta con azioni di mitigazione”.

La richiesta di rimborso potrà essere compilata on line a partire dal 16 ottobre.
Durante l’incontro presso la Regione Lombardia è stato inoltre fatto il punto sulla performance del sistema ferroviario regionale. “I dati – ha proseguito l’AD – mostrano un netto miglioramento: come si evince dal confronto tra il 2018 e il 2019 la puntualità è migliorata dal 75% all’81,8%. Le soppressioni giornaliere sono diminuite passando dal 5,8% al 2,9%. Non basta ancora, il nostro lavoro prosegue e si concentrerà sulle direttrici che ancora presentano margini di miglioramento”.

L’AD ha infine confermato che da gennaio entreranno in servizio i primi dei 185 nuovi treni che rinnoveranno la flotta da inizio 2020 al 2023.

Sanita’. Comunita’ Europea premia Lombardia per suoi interventi su cronicita’ e fragilita’

Sanità. Comunità Europea premia Lombardia
Sanità. Comunità Europea premia Lombardia

Gallera: grazie a chi ci ha fatto raggiungere questo risultato.

Un riconoscimento di 4 stelle su 5 ‘reference sites 4 stars’ per gli interventi del tutto innovativi che la Regione Lombardia ha messo in campo sul tema della cronicita’ e a sostegno delle fragilita’. Lo ha ritirato ad Aarhus in Danimarca, l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera: “Ho avuto l’onore di ricevere questa prestigiosa attestazione della Comunita’ Europea – ha detto – nel programma ‘Active and Healthy Ageing’ grazie allo straordinario lavoro compiuto dalle cooperative dei medici di medicina generale, all’efficiente e concreto impegno delle strutture ospedaliere pubbliche e private accreditate, all’infaticabile lavoro di regia delle nostre Agenzia di Tutela della Salute. Siamo riusciti a rendere reale ed efficace una rete sinergica e virtuosa fra ospedale e territorio a beneficio dei nostri concittadini piu’ fragili e questo oggi e’ stato riconosciuto, enormemente apprezzato e premiato”.

Sciopero ambiente, Fontana: fondamentale difendere pianeta, dico ‘No’ a bizzarra iniziativa ministro Fioramonti

Sciopero Ambiente
Sciopero Ambiente

“Il tema dell’ambiente e della sua difesa e’ giustamente parte integrante della nostra cultura e si e’ diffuso e radicato nella maggioranza dei cittadini.
Non e’ una questione divisiva, che riguarda schieramenti o appartenenze, ma un modo d’agire di chi ha compreso quanto sia importante difendere il nostro pianeta”. Lo ha scritto sulla sua pagina Facebook il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, intervenendo sul tema dello sciopero dell’ambiente.
“Anche Regione Lombardia, da tempo – ha aggiunto – e’ in prima fila per portare avanti politiche che vanno in questa direzione. Penso, solo per fare un esempio al protocollo per lo sviluppo sostenibile firmato la scorsa settimana con tutti gli stakeholder, compresi gli enti di formazione e le Universita'”.
“Cio’ detto – ha proseguito Fontana – non mi trovo d’accordo con la bizzarra decisione del ministro Fioramonti di ‘giustificare’ le assenze scolastiche degli studenti che domani non saranno in classe per aderire alla manifestazione.
Da un ministro dell’Istruzione mi sarei atteso semmai che diramasse una circolare per la diffusione di una cultura ambientale sostenibile all’interno delle scuole di ogni ordine e grado perche’ si radichi nei nostri ragazzi”.
“Le manifestazioni – ha concluso – sono importanti, ma sono eventi che si esauriscono nello spazio di un giorno, il lavoro da fare per migliorare il nostro pianeta richiede sicuramente un impegno piu’ lungo e duraturo. Quello che la concreta Lombardia, come sempre, continuera’ a mettere in campo”.