Teatro Strehler : “Pinocchio”

Pinocchio_LaRosa4_fotoBrunellaGiolivo
Pinocchio_LaRosa4_fotoBrunellaGiolivo

Dopo il debutto nel gennaio 2017, torna sul palcoscenico dello Strehler Pinocchio, prima regia di Antonio Latella in una produzione del Piccolo Teatro di Milano. Tutt’altro che ‘romanzo per bambini’, nel suo adattamento per la scena dell’opera di Collodi, Latella si pone davanti al burattino di legno, cercando uno sguardo depurato dalle infinite interpretazioni depositatesi per 135 anni; cercando, se esiste, quel che finora non è stato visto. Lo spettacolo sarà in tournée in Italia.

Siamo abituati a pensare che il burattino Pinocchio veda il proprio naso allungarsi ogni volta che dice una bugia; così ci hanno insegnato e questo abbiamo imparato a credere. Eppure anche questa è una menzogna raccontata dagli adulti. Il naso di Pinocchio, nella favola collodiana, si allunga varie volte, ma non sempre quando Pinocchio mente. A volte si allunga perché vive… Anche la fame è legata al naso, perché Geppetto ha pensato bene di creare al suo burattino uno stomaco. Il naso permette a Pinocchio di sentire il respiro della vita in modo diverso rispetto a noi…
Non so quale Pinocchio racconteremo; se lo sapessi sarebbe questa la prima menzogna da cui iniziare. Penso che Pinocchio appartenga a tutti, grandi e piccini, come ognuno di noi ha la sua idea di Pinocchio, in quanto egli risponde a ciò che noi stessi siamo o siamo stati, o a ciò che avremmo voluto essere. In questa appartenenza, in questa memoria condivisa risiede l’universalità del nostro personaggio, che proprio in quanto non esiste risulta più vero del vero. Come la pentola di fagioli pittati, come il fuoco dipinto nella povera casa di Geppetto, che sembra così vero che, al solo pensarlo, ci scalda l’animo. Sarà l’artificio del teatro, ancora una volta, a svelarci con il suo raffinato mentire la verità. Antonio Latella

Piccolo Teatro Strehler (Largo Greppi – M2 Lanza), dal 7 novembre al 18 novembre 2017

Teglio Teatro Festival

Teglio festival
Teglio festival

Da giovedì 27 luglio a giovedì 10 agosto 2017

“TEGLIO TEATRO FESTIVAL VALTELLINA 2017” nona edizione

Torna Teglio Teatro Festival Valtellina, giunto alla sua nona edizione: da giovedì 27 luglio a giovedì 10 agosto 2017 la rassegna, sempre più densa, animerà il territorio con oltre due settimane di appuntamenti teatrali e musicali nei Giardini ,nelle Corti ,nelle Sale dei Palazzi Medioevali e dei Castelli ,nelle Torri Medioevali ,nelle Chiese Millenarie grandi e piccole coinvolgendo numerosi comuni della Valtellina da Mazzo a Sondrio.

Grandi ospiti e un programma fittissimo per quest’edizione dal titolo La Verita’ e la Menzogna con la lettura dell’ opera PINOCCHIO –Storia di un burattino.Tra le ospiti più attese tre grandi donne della scena teatrale italiana: Maddalena Crippa con un lavoro su Etty Hillesum, Maria Paiato con un reading sul Gattopardo di Tomasi di Lampedusa e Arianna Scommegna con il Magnificat di Alda Merini.

Tre serate imperdibili per confrontarsi con tre grandi interpreti e con tre opere letterarie meravigliose e ancora oggi capaci di parlarci di noi. E ancora proiezioni cinematografiche, letture, visite guidate ai borghi e palazzi più suggestivi e storici della Valtellina, degustazioni di prodotti della tradizione antica, concerti al tramonto e sotto le stelle per nutrire il corpo e l’anima con la bellezza e la poesia.

La kermesse, organizzata e diretta dall’associazione Incontri di civiltà, guidata da Maria Agnese Bresesti, si apre giovedì 27 luglio a Teglio (ore 21, Giardino Palazzo Piatti – Reghenzani) con una lettura interpretativa di “Pinocchio Storia di un burattino” a cura di Roberta De Devitiis (in replica venerdì 28 a Tirano).
Venerdì 28 luglio, Maddalena Crippa dà voce a “Deve trattarsi di autentico amore per la vita”, dal vibrante Diario 1941 -1943 della scrittrice olandese Etty Hillesum, vittima della Shoah, con l’elaborazione drammaturgica di Giulia Calligaro e le musiche originali per arpa e armonica di Gian Mario Conti.

Domenica 30 alle ore 21 al Castel Masegna di Sondrio Arianna Scommegna mette in scena il potente Magnificat di Alda Merini, testo in cui la Vergine Maria nell’immedesimazione della poetessa milanese prende corpo con tutta la sua intimità e carnalità.

Gradito ritorno al festival è quello di Maria Paiato con letture da Il Gattopardo (martedì 1 agosto a Teglio nei giardini di Palazzo Piatti Reghenzani alle ore 21.15, martedì a La Gatta, Bianzone alle ore 21.15, giovedì a Tovo di Sant’Agata e venerdì a Tirano). E proprio il bellissimo film di Luchino Visconti sarà proiettato a Teglio sabato 5 agosto con la presentazione di Maurizio Gianola.

Un Pinocchio notturno sarà quello messo in scena da Vincenzo Zitello con Giovanni Galfetti e Carlo Bava e voce Cristina Pasquali (Tovo di Sant’Agata ore 21.15) mentre per i più piccini Astra Lanz proporrà il Pinocchio di Gianni Rodari (2 agosto, ore 15, Biblioteca Teglio e 8 agosto Tirano).

E ancora Giacomo Occhi con il suo Mario Poppins (Tovo Sant’Agata ore 21), le arpe di Vincenzo Zitello (lunedì 31 alle ore 21.15 a Teglio, Chiesa di Sant’Eufemia e martedì 1 agosto ad Aprica alle ore 21) teatro dialettale (domenica 30 luglio alle 21.15 ad Aprica), spettacoli corali (sabato 29 luglio nel borgo di Nigola, a seguire una visita guidata dello storico prof. Gianluigi Garbellini di Involt e grotte con degustazione degli antichi prodotti del territorio).
Seguono con il laboratorio teatrale Quadrato Magico –Semplicemente- ispirato al libro di Domenico De Masi, a cura di Gigliola Amonini (lunedì 31 alle 21.15 Sondrio- Arquino), racconti da Mille e una notte con Giovanni Gioia e Marco Pezza (lunedì 31 luglio a Tirano alle ore 21 e martedì 1 agosto alla Torre medioevale di Castionetto-Chiuro alle 20.45), un concerto Super Trio con Nadia Braito (voce), Marco Xeres (basso) e Raffaele Kohler (tromba) giovedì 3 agosto a Teglio alle 17.30, il teatro di Gianluca Moiser con Il Pendolo di Charpy 2017 (Teglio ore 21.15) Christian Poggioni con Tradimenti (Sernio, Palazzo Homodei ore 2115), il gruppo Naos con Un lungo pranzo (Teglio, domenica 6 agosto), concerto di lirica con Carlo Malinverni (lirico basso), Chiara Ciurlia (lirica) e Alessandro Nardin (pianoforte) a Palazzo Lavizzari di Mazzo (lunedì 7), concerto di Tiziano Giudice e Stefania Mormone (Grosio, martedì 8), laboratorio a Sondrio-Arquino curato da Gigliola Amonini sull’opera di Concita Di Gregorio, concerto per clarinetto e pianoforte –In viaggio per l’ Europa- con l’associazione Alte Note Festival mercoledi’ 9 agosto a Teglio .

A chiudere quest’edizione il gran finale nel Giardino di Palazzo Besta alle ore 21 con concerto e poesia -Poesia e Musica sotto le stelle con Italian Harmonist-organizzato dal Comune di Teglio e Biblioteca Elisa Branchi

Tutti gli incontri sono ad ingresso libero
Per il calendario completo degli eventi wwwteatrovaltellina.com
Per ogni spettacolo e’ necessaria la prenotazione presso Ufficio I.A.T. di Teglio – Tel. 0342/78.20.00 – Fax. 0342/78.36.12 – iatteglio@valtellinaturismo.com

Pi..Pi..Pinocchio al Teatro Superga

Pi pinocchio

Al Teatro Superga, 4 appuntamenti domenicali con il teatro per tutta la famiglia a gennaio e febbraio 2016. Il primo appuntamento domenica 17 gennaio ore 16.0:“Pi…Pi…Pinocchio” per tutte le età. Spettacolo per attori e figure in cui la celebre storia di Pinocchio viene raccontata da Mangiafuoco, il cattivo per eccellenza che diventa nostalgico narratore. Un nuovo viaggio tra i luoghi di Pinocchio raccontata da un nuovo punto di vista con l’emozione di chi l’ha vissuta!

“Pi…Pi…Pinocchio!!!” è un omaggio alla figura del burattinaio per eccellenza: Mangiafuoco, che riscattato dal ruolo di “cattivo” a cui siamo abituati, diventa il narratore nostalgico di una propria storia del famoso burattino.
Mangiafuoco, dopo il fatidico incontro con Pinocchio, entra in crisi d’identità… non possiede più la vista delle figure, venendogli negata la funzione di “creatore”… Pinocchio vive di vita propria.

L’impedimento di questo ruolo gli fa scoprire i suoi limiti “umani” ma allo stesso tempo scatena nel suo animo sentimenti di rispetto e ammirazione. Quel piccolo essere di legno lo ha fatto emozionare con le sue strabilianti avventure alla ricerca del padre perduto.

Una storia commovente ed appassionante capace di sciogliere i cuori di pietra. E allora… un giorno mentre “la premiata marionettestica mangiafuoco” bivacca in prossimità di un villaggio dove rappresenterà il suo solito spettacolo sulla tradizione, decide di buttarsi nell’avventura di allestire uno spettacolo sulla storia di Pinocchio.

Lui, la sua storia la conosce bene perché l’ha appresa direttamente dalla viva voce del burattino parlante. Ora si tratta solo di tirare fuori dai bauli i materiali di scena ed iniziare le prove.Tutto inizia dal noto starnuto e dalla costruzione della marionetta Pinocchio, un’altra… che lui guiderà nella ricostruzione delle vicende di cui è protagonista.

Lo spettacolo di teatro nel teatro, dove su piani paralleli, il presente della costruzione scenica condotta dagli attori nel ruolo di aiutanti del maestro burattinaio, impersonificato da una grande figura animata posta al centro della scena e il passato appartenente alla storia conosciuta  che si dipana in uno spazio scenico mutevole, dove sono protagoniste le figure  e le immagini  proiettate  in un grande  velario.

Queste ci accompagnano dentro i luoghi tipici: il teatro di Mangiafuoco nella piazzetta del villaggio, il paese dei balocchi, il campo dei miracoli e il mare dove appare il grande pesce, ecc.  La figura di Mangiafuoco domina sempre la scena con la sua spropositata presenza.

Biglietto d’ingresso prezzo unico 5,00 €
Ingresso omaggio per i bambini al di sotto dei 3 anni

Informazioni e prevendite biglietti: Teatro Superga, Via Superga 44 – Nichelino (To)
Orario di biglietteria: dal martedì al sabato dalle ore 15 alle ore19 biglietteria@teatrosuperga.it | 011.6279789

 

LE AVVENTURE DEL PICCOLO BURATTINO

Un Pinocchio che segna in LIS (Lingua dei Segni Italiana), una fatina che si rivolge a tutti – disabili e non – ed un grillo parlante per cui non esistono differenze: va in scena venerdì 25 maggio alle 11.00 sul palco di Fiera Milano il primo spettacolo COMPLETAMENTE ACCESSIBILE, all’interno di Reathec Italia, prima edizione tricolore della fiera INTERNAZIONALE dedicata alla disabilità.

In 60 minuti di spettacolo Li.Fra. porta in scena la storia del celebre burattino alternando musica, sovratitoli, parole fumetti e Lingua dei Segni con l’obiettivo di rendere il teatro, e l’arte in genere, fruibile a TUTTI.

‘Le avventure del piccolo burattino’ è prodotto da Li.Fra, associazione culturale che dal 2009 si occupa di ‘arte senza barriere’ e allestisce spettacoli accessibili a bambini e adulti  sia normodotati sia con disabilità sensoriali (vista e udito).

Li.Fra è presente a Reathec anche con un’area tutta dedicata ai bambini ed un programma ricco di iniziative per i giorni della fiera. In particolare sarà possibile cimentarsi a cantare leggendo i sovratitoli e segnando in LIS, vivere insieme ai personaggi de ‘Le Avventure del Piccolo Burattino’ le tappe più importanti della storia e conoscerne i linguaggi artistici utilizzati (dal fumetto all’audio commento) e partecipare ai mini laboratori teatrali per stimolare e sviluppare la creatività e comunicabilità (verbale, visiva, corporea). Anche tutte le animazioni sono accessibili!

 

LO STAND LI.FRA SI TROVA A REATHEC ITALIA

PAD 4 STAND L30/M25 – FIERA MILANO | DAL 24 AL 27 MAGGIO | INGRESSO GRATUITO

http://www.lifraweb.com/  http://www.reatechitalia.it/

Causa sciopero Pinocchio non va in scena il 19 aprile

A causa dello sciopero generale provinciale indetto per giovedì 19 aprile dalla Segreteria Provinciale SLC-CGIL la recita di Pinocchio, opera di Pierangelo Valtinoni, riservata al pubblico delle Scuole, non andrà in scena come previsto alle ore 10.30.

La Direzione del Teatro sta lavorando per recuperare la recita la settimana successiva.