L’Idroscalo riapre in sicurezza

ingresso-est-idroscalo
ingresso-est-idroscalo

L’Idroscalo riapre in sicurezza giovedì 7 maggio, nel rispetto dell’ultimo Dpcm del 26 aprile 2020 che permette, come previsto dall’art.1 comma e), l’accesso del pubblico ai parchi, condizionato al rigoroso rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro e vietando ogni forma di assembramento.

“L’obiettivo è consentire ai cittadini – ormai chiusi in casa da molti giorni – di trovare sollievo in questo parco pubblico, in massima sicurezza”, ha dichiarato il presidente del Cda dell’Istituzione Idroscalo Marco Francioso – che con tutti gli altri consiglieri, la direttrice Pinoschi e il personale, ha predisposto un processo graduale di riapertura per minimizzare i rischi di questa operazione. Gli articoli del decreto sono stati declinati nella complessa e variegata realtà di Idroscalo, mettendo in campo tutte le forze a disposizione e partendo con la giusta cautela.

“La responsabilità individuale assunta da ogni frequentatore – ha precisato il presidente – è chiaramente l’indispensabile garanzia del successo di questa piano di riapertura che, se pur studiato nei dettagli, presenta i normali imprevisti di una situazione inedita”.

“E’ un grande opportunità e confidiamo nel senso di responsabilità di tutti – ha condiviso Arianna Censi, vicesindaca della Città metropolitana – la riuscita dipenderà infatti da quanto le persone dimostreranno di sapersi attenere alle disposizioni”.

Queste le prime linee guida della riapertura:
• apertura del Parco dalle ore 7,30 alle ore 21,00 in modo tale da spalmare le presenze su una fascia oraria ampia, adeguata per la variegata tipologia di frequentatori (famiglie durante il giorno ma anche sportivi amanti dell’alba e tramonto);
• l’apertura riguarda, in questa prima fase, l’area compresa tra la testata Nord e la zona Sud dove è presente l’attuale sede del CCV. Rimane chiusa temporaneamente la parte ovest del parco, dalla zona Sud fino alle Tribune;
• obbligatorio l’uso della mascherina ad esclusione dei bambini al di sotto dei 6 anni;
• l’accesso al Parco avviene da un unico ingresso pedonale e ciclabile – ingresso 3 Riviera Est – con misurazione della temperatura e contingentamento degli ingressi. E’ in fase di valutazione l’estensione dell’apertura della Riviera Ovest;
• ad ogni utente viene consegnato un foglio informativo sulla modalità di fruizione;
• è consentito sia passeggiare, fare attività motoria (bici, roller ad esempio) nel rispetto del distanziamento di 2 metri, anche con il proprio animale domestico, sia l’accesso all’area cani con distanziamento tra le persone di almeno 1 metro.
• non è consentita l’attività ludica e ricreativa, compreso l’uso della spiaggia;
• è consentito l’uso degli skateboard, dei monopattini elettrici e delle biciclette. Tutti i mezzi devono circolare a velocità moderata (max 10 km/h) e con scrupoloso rispetto di tutti i pedoni, transitare sui percorsi tracciati ed essere parcheggiate nelle apposite rastrelliere;
• l’attività di controllo verrà effettuata dal personale di Polizia Metropolitana, Polizia Locale dei Comuni limitrofi, CCV Protezione Civile, GEV e Associazione Giacche Verdi con il supporto e il coordinamento del personale di Idroscalo;
• sono previsti interventi di sanificazione (almeno due volte al giorno) per le panchine, su cui potranno sostare, distanziate, solo 2 persone, fatti salvi i nuclei famigliari con bambini;
• sono aperti i servizi igienici identificati con i n. 3-4-5-6, sanificati almeno due volte al giorno e dotati di disinfettante per mani;
• non è consentito l’accesso in acqua al pubblico;
• le attività delle società sportive, solo quelle individuali, verranno svolte secondo le regole prescritte da ogni Federazione per gli sport professionistici;
• è ammessa la pesca da riva nelle zone consentite e con distanziamento di almeno 2 metri per persona;
• le aree attrezzate per il gioco dei bambini sono chiuse;
• le case dell’acqua così come le fontanelle sono chiuse;
Giovedì verrà inoltre distribuito un foglio informativo, con i medesimi contenuti, all’unico ingresso RIVIERA EST, previa misurazione della temperatura.
Verrà fornita una mascherina a chi dovesse esserne sprovvisto.

Da oggi è stato attivato un forum con tutti i concessionari commerciali, sportivi e le realtà attive nel Parco per seguire il piano di riapertura e aggiornarlo anche sulla base dei contributi da questi espressi.

Festival Gaber edizione 2019

ph Luigi Ciminaghi
ph Luigi Ciminaghi

Partirà il 5 luglio da Camaiore l’edizione 2019 del Festival Gaber, la manifestazione itinerante tra i Comuni della Toscana che, giunta alla sedicesima edizione, ha lo scopo di diffondere e mantenere vive la figura e l’opera di Giorgio Gaber soprattutto fra il pubblico più giovane. Quest’anno ricorre l’80° anniversario dalla nascita dell’Artista, e la Fondazione a lui titolata intende organizzare un’edizione speciale della manifestazione, che avrà ancora in Camaiore la centralità delle proposte culturali e di spettacolo.

Grazie al sostegno della Regione Toscana e delle Amministrazioni Comunali coinvolte, la Fondazione Gaber propone l’edizione 2019 del Festival a Montecatini Terme, Pistoia, Livorno e, prima fra tutte, Camaiore. Del resto è proprio la città Versiliese, che Gaber aveva scelto come sede principale per il suo lavoro di scrittura con Sandro Luporini; dove, a partire dagli anni Novanta, ha vissuto molto a lungo e dove si è spento il primo gennaio 2003.

Anche quest’anno, il Festival Gaber proporrà eventi per il pubblico più vasto, spaziando dal teatro alla musica e alla comicità, sempre a ingresso gratuito fino a esaurimento dei posti. L’apertura del 5 luglio a Camaiore prevede il tradizionale appuntamento con Le strade di notte, ideato e diretto dal drammaturgo-cantautore Gian Piero Alloisio; lo spettacolo itinerante che ogni anno richiama migliaia di spettatori da tutta la Versilia trasformerà ancora una volta i luoghi più caratteristici del centro storico in suggestivi palcoscenici naturali. Dedicato agli ottant’anni dalla nascita dell’Artista, lo spettacolo proporrà una cronologia ragionata del repertorio gaberiano, dagli esordi degli anni Cinquanta fino alle ultime opere.
Durante tutto il mese di luglio, a Camaiore, si alterneranno nella splendida piazza San Bernardino grandi artisti della musica, dello spettacolo e dello sport. Inoltre, a proseguire l’iniziativa avviata lo scorso anno, anche quest’anno lo storico Teatro dell’Olivo ospiterà uno spettacolo di musica e teatro: il 7 luglio andrà in scena Nel nome del padre. Storia di un figlio di… scritto e interpretato da Marco Morandi. Da lunedì 24 giugno è possibile prenotare i biglietti per lo spettacolo mandando una mail a cultura@comune.camaiore.lu.it o telefonando allo 0584/986610.

Come già annunciato, la rassegna farà tappa anche a Pistoia, il 26 luglio, con Per fortuna c’è Giorgio Gaber, l’evento itinerante che ancora una volta avrà luogo nella suggestiva cornice della Fortezza di Santa Barbara, cui seguirà la proiezione di un lungometraggio dedicato a Giorgio Gaber realizzato con i contributi filmati tratti dall’archivio della Fondazione.

Il Festival Gaber chiuderà dunque il 3 agosto a Lido di Camaiore con un’edizione speciale de Le strade di notte, per l’occasione ribattezzate Le spiagge di notte. Sarà una versione inedita dello spettacolo, anch’esso ideato e diretto da Gian Piero Alloisio, che vedrà coinvolti artisti professionisti e giovani promesse della musica e del teatro. Con questa iniziativa si realizza finalmente l’obiettivo di coinvolgere nel cartellone del Festival Gaber anche il dinamico e animato Lido di Camaiore, che al pari apprezzerà e saprà valorizzare il repertorio di Giorgio Gaber, proposto in forme artistiche originali e coinvolgenti.

Accordo Fir/Celtic Rugby

Il presidente della Federugby Alfredo Gavazzi,
Il presidente della Federugby Alfredo Gavazzi,

L’accordo garantirà la partecipazione di due squadre italiane al Guinness PRO14 sino al 2023 e un impegno ad aumentare il supporto e lo sviluppo delle infrastrutture delle due Franchigie (Benetton Rugby e Zebre Rugby Club).

Soggetto al soddisfacimento di alcune condizioni da parte di FIR, questo nuovo accordo rappresenta un significativo passo avanti sia per il rugby italiano che per PRO14 Rugby e pone le basi su cui costruire, a partire dai recenti successi di Benetton Rugby e Zebre Rugby Club nel Guinness PRO14.

Il Presidente della FIR Alfredo Gavazzi ha dichiarato: “Partecipare al Guinness PRO14 è strategico per la crescita del rugby italiano di alto livello e siamo entusiasti di poter entrare a far parte di PRO14 sullo stesso piano dei nostri partner”.

“Sin dal mio primo mandato – ha aggiunto Gavazzi – ho evidenziato con forza la nostra ambizione di divenire soci paritari del PRO14, un obiettivo che oggi sono felice di dire finalmente raggiunto. Il CEO di PRO14 Rugby Martin Anayi e tutta l’organizzazione da lui diretta hanno sempre dimostrato di credere fortemente nelle potenzialità del nostro movimento, e di questo li ringrazio. Sono certo che questo nuovo accordo, anche alla luce delle recenti prestazioni di Benetton Rugby e Zebre Rugby Club, rafforzerà significativamente il valore della nostra partecipazione, dentro e fuori dal campo”.

Martin Anayi, Amministratore Delegato di PRO14 Rugby, ha dichiarato: “Negli ultimi tre anni il Guinness PRO14 si è trasformato all’interno e all’esterno del rettangolo di gioco, e tutti i nostri stakeholders hanno avuto un ruolo chiave in questo processo. Il rugby italiano ha sempre mostrato potenziale, ma negli ultimi dodici mesi abbiamo registrato segnali concreti sia da parte di Benetton Rugby che di Zebre Rugby Club, che hanno vissuto entrambe la loro miglior stagione nel torneo. Voglio riconoscere i grandi meriti di Alfredo e della Federazione nell’aver scelto Conor O’Shea e il suo staff per aumentare il livello di gioco e abbiamo già toccato con mano il loro impatto sulle franchigie. Il nostro campionato ha bisogno di quattordici squadre di qualità per continuare ad assicurare ai nostri fans un rugby emozionante e competitivo. Vedere che FIR e le due squadre italiane iniziano a concretizzare le loro ambizioni è molto incoraggiante e, da questo punto di vista, è semplicemente giusto che dal 2019 l’Italia possa diventare un socio paritario al fianco delle federazioni di Galles, Irlanda e Scozia”.

FNM: commento alle dichiarazioni di Attilio Fontana

trenord
trenord

Facendo seguito alle dichiarazioni rilasciate dal Presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana e riprese da alcuni organi di stampa relative all’obiettivo di garantire gli investimenti per nuovi treni e migliorare la qualità del servizio di trasporto ferroviario regionale da attuare attraverso il superamento dell’assetto gestionale attualmente in capo alla partecipata Trenord S.r.l., FNM S.p.A. (la “Società”) si dichiara disponibile ad approfondire con il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, nel rispetto delle disposizioni normative e procedurali applicabili alla stessa Società, le modalità tecnico-giuridiche per il raggiungimento del sopraindicato obiettivo.

La Società comunicherà al mercato i successivi sviluppi al ricorrere delle condizioni, e con le modalità, previste dalla normativa di legge e regolamentare applicabile.

World Rugby U20

italia under 20
italia under 20

L’Italia Under 20 si conferma all’ottavo posto nel Mondiale di categoria. Nell’ultima partita del World Rugby U20 Championship, valida per la settima posizione nel torneo, il Galles ha battuto 34-17 gli Azzurrini.

Primi punti del match di marca gallese con Evans che da 25 metri non ha dubbi e sceglie di calciare in mezzo ai pali portando i suoi sul 3-0.

Il Galles spinge sull’acceleratore e, dopo aver sfiorato la meta con Williams – tenuto alto oltre la linea di fondo campo dalla difesa azzurra – Conbeer sfrutta al meglio il lavoro del pacchetto di mischia per realizzare la prima meta del match all’11’.

Tre minuti più tardi il Galles resta in inferiorità numerica per una entrata pericolosa di Carre su Cannone che costa il cartellino giallo al pilone in maglia rossa. Gli Azzurrini sprecano una grande occasione con Koffi che al 15’ non riesce a schiacciare l’ovale oltre la linea di meta.

Da una touche sbagliata in fase difensiva dei gallesi arriva la prima meta italiana con il solito D’Onofrio che raccoglie l’ovale da Moscardi e incrementare il suo score realizzativo nel torneo toccando quota 30 punti.

La successiva trasformazione di Rizzi sposta il parziale sul 10-7. Nonostante l’uomo in meno la squadra di Lewis riesce ad incrementare il vantaggio a proprio favore con Evans che elude il placcaggio di Fusco e va in meta accanto ai pali azzurri. Nel finale di tempo il cartellino giallo tocca a Manni al 36’ e, tre minuti più tardi, piove sul bagnato per l’Italia con l’ennesimo giallo – questa volta rifilato a Mancini Parri – e la meta tecnica per il Galles al 40’ che chiude la prima frazione.

Ad inizio ripresa l’Italia U20 prende il terzo giallo con Fischetti che, dopo il rientro in campo di Manni, riporta gli Azzurrini in tredici uomini. L’Italia riesce a non subire nei primi venti minuti del secondo tempo, nonostante la doppia inferiorità numerica, ma fatica ad impensierire gli avversari che si difendono bene e riescono ad incrementare il risultato a proprio favore con il calcio piazzato di Evans che porta i suoi sul 27-7.

Al 65’ accorcia le distanze l’Italia con una bella maul orchestrata sul lato destro d’attacco e finalizzata da Taddia che vale il momentaneo 27-12. Passano solo pochi secondi e il Galles si riporta a distanza di sicurezza con Llewellyn che finalizza l’ottimo lavoro di Davies realizzando la meta del bonus offensivo.

Nel finale al 75’ gli Azzurrini realizzano una meta con Romano del tutto simile a quella di Taddia, con il solo cambio di lato, che vale il definitivo 34-17.

“La disciplina non è stata un punto di forza anche in questa partita. Dispiace chiudere con una sconfitta, ma complessivamente abbiamo disputato un buon Mondiale. L’obiettivo iniziale era quello di migliorare l’ottavo posto della scorsa stagione. Abbiamo dimostrato comunque di essere un’ottima squadra riuscendo a conquistare due vittorie nella fase a gironi” ha dichiarato Fabio Roselli, allenatore dell’Italia Under 20.