Smarrimento Nebula

Nebula
Nebula

SI CERCA IN TUTTA ITALIA…non costa niente condividere. Potassa frazione di Gavorrano provincia di Grosseto..TOSCANA….A chi avesse preso NEBULA senza preoccuparsi di sapere se ha un padrone o la detiene forzatamente….Sappia che NEBULA UNA FAMIGLIA C’E’ L’HA’ E SONO 7 MESI CHE LA STIAMO CERCANDO CON VOLANTINI…..GIORNO E NOTTE TRASCURANDO IL LAVORO….CON CANI MOLECOLARI….CON IL DRONE….SONO STATI ALLERTATI I CANILI….I VETERINARI….LA POLIZIA MUNICIPALE ….DENUNCIA FATTA AI CARABINIERI….NEBULA E MICROCIPPATA….PER CUI SE LA TIENE QUALCUNO CHE C’E’ LA FACCIA TROVARE NON CI SARA’ NESSUNA CONSEGUENZA….A NOI BASTERA’ RITROVARLA E RIAVERLA A CASA CON LA SUA FAMIGLIA CHE E’ IN PENA PER LEI DA 7 MESI…..SE VERAMENTE AMATE GLI ANIMALI SAPETE LA SOFFERENZA CHE SI PROVA QUANDO MANCA UN MEMBRO DELLA FAMIGLIA…..per favore se avete un cuore ridateci NEBULA la vogliamo a casa assieme a noi …se qualcuno sa qualcosa che parli anche in forma anonima per favore….vogliamo solo NEBULA CON NOI…Fabio Bartaletti 3311225456…alfreda carboni 3891356528….SE VI FOSSE POSSIBILE FATE UNA FOTO SIA CHE LA VEDIATE DA SOLA O CON QUALCUNO…..GRAZIE A CHI CI PUO’ DARE UNA MANO

Suggerito da Animali nel cuore 

Fujifilm annuncia 3 novità di prodotto

Fujifilm
Fujifilm

Fujifilm è lieta di annunciare 3 novità di prodotto – la fotocamera mirrorless X-E3 e le ottiche XF80mm e GF45mm

FUJIFILM X-E3
È ultra-compatta, si fregia di uno stile telemetro, di una straordinaria qualità d’immagine e di una migliore operatività. L’impiego del processore d’immagine X-Processor Pro consente, sia nella fotografia sia nei video 4K, la migliore riproduzione colore della sua categoria. Realizzata per quei fotografi che desiderano caricare le proprie fotografie direttamente sui loro smartphone o tablet.
Fujifilm X-E3 sarà disponibile da fine settembre 2017 ai prezzi indicativi e suggeriti al pubblico:
X-E3 solo corpo a 919,99 euro Iva inclusa
X-E3 KIT 18/55mm a 1329,99 Iva inclusa
X-E3 KIT 23mmF2 a 1229,99 Iva inclusa
FUJINON XF80mmF2.8 R LM OIS WR Macro
La linea degli obiettivi XF per le fotocamere FUJIFILM Serie X si espande con l’obiettivo FUJINON XF80mmF2.8 R LM OIS WR Macro, un medio tele macro con ingrandimento 1.0x. Grazie al suo design leggero e al potente stabilizzatore d’immagine, il nuovo obiettivo è l’ideale per scatti a mano libera con le fotocamere mirrorless FUJIFILM Serie X.
FUJINON XF80mmF2.8 R LM OIS WR Macro sarà disponibile da novembre 2017 al prezzo indicativo e suggerito al pubblico di 1.349,99 euro Iva inclusa.

FUJINON GF45mmF2.8 R WR
Grazie al suo design compatto e leggero (un peso di soli 490 g), questo obiettivo è ideale per la fotografia di strada e quella documentaristica. Destinato alla FUJIFILM GFX 50S, fotocamera digitale di medio formato, sarà in vendita a novembre 2017. FUJINON GF45mmF2.8 R WR è un’ottica grandangolare altamente versatile con lunghezza focale equivalente a 36mm (nel formato 35mm) e luminosità pari a F2.8.
FUJINON GF45mmF2.8 R WR sarà disponibile da novembre 2017 al prezzo indicativo e suggerito al pubblico di 1.835,00 euro Iva inclusa.

Mantova Jazz

Mantova Jazz
Mantova Jazz

Dal 6 ottobre al 26 novembre si terrà la 36^ edizione del Mantova Jazz Festival per celebrare i 100 anni di vita del Jazz con gli stranieri Brad Meldhau, Dave Holland, an evening with Ron Carter e Richard Galliano gli italiani Marcello Abate, Danilo Rea e la Milano Hot Jazz Orchestra e la Sezione Young sostenuta da SIAE Sillumina Bando 1 – Periferie Urbane

Il Mantova Jazz Festival dedicherà la sua 36^ edizione al centenario del jazz italiano e lo farà ospitando alcuni tra i più noti nomi del panorama internazionale e nazionale, ma soprattutto dando spazio alle nuove proposte. Quest’anno i club saranno riservati alla “Sezione Young”, sostenuta da SIAE Sillumina Bando 1 – Periferie Urbane “Mantova Jazz sezione YOUNG”, 47 giovani musicisti, provenienti da tutte le parti d’Italia e da poli di influenza diversi, 13 progetti con composizioni originali di cui 7 femminili, tutti eventi gratuiti.

La selezione che ha permesso a queste giovani proposte di entrare nel cast del Mantova Jazz Festival non è stata un semplice “aggiungi al carrello”, ma è stato un percorso che ha seguito il concetto espresso quest’anno dalla rassegna, ovvero cosa le nuove generazioni hanno raccolto e sviluppato dopo 100 anni di jazz ed è stato particolarmente interessante e significativo constatare come siano cresciute le presenze femminili nel mondo fondamentalmente maschilista del jazz.

Il via al Mantova Jazz Festival lo darà proprio il 6 ottobre la Sezione Young con Walter Ricci, classe 1989, voce e piano, con una masterclass pomeridiana e in serata il concerto all’Arci Virgilio, il 12 ottobre sarà la volta della masterclass e concerto del torinese Fabio Giachino trio, pianoforte, contrabbasso, batteria e il 14 ottobre il progetto “Tomorrow” di Camilla Battaglia e la sua band in concerto all’Arci Tom.

Il 21 ottobre all’Arci Virgilio si esibirà il trio della compositrice romana Federica Michisanti, giovane contrabbassista, accompagnata da sax tenore e piano nel progetto “Trioness”, il 27 ottobre all’Arci Tom concerto serale del duo di Serena Brancale, che ritroveremo la mattina del 28 in una masterclass sempre all’Arci Tom, mentre il 28 ottobre alle 21.30 al Creative Lab Lunetta il concerto del quintetto guidato dalla giovanissima compositrice Giulia Facco, che riunisce alcuni dei giovani talenti dell’area veneta e friulana.

Il mese di novembre partirà il primo con il quintetto del batterista Andrea Grillini all’Arci Virgilio e il 3 novembre all’arci Tom si esibirà Elg Ler Trio, mentre il 10 novembre sempre all’Arci Tom nel ruolo di ideale “padrino” della sezione dedicata ai musicisti sotto i trentacinque anni, si terrà il concerto del trio del giovane tenorsassofonista James Brandon Lewis, una delle voci più fresche ed eccitanti del nuovo jazz americano, seguito l’11 al Creative Lab Lunetta dal concerto della giovane clarinettista e compositrice sarda Zoe Pia e del suo quartetto.

Si prosegue il 16 novembre all’Arci Virgilio con il progetto originale del soprano Gaia Mattiuzzi e del suo trio e il 18 novembre all’Arci Tom con la band padovana PCKT. L’ultimo concerto della Sezione Young si terrà il 24 novembre all’Arci Virgilio che ospiterà il quartetto della contrabbassista Rosa Brunello Y Los Fermentos, giovane realtà della scena jazz italiana.

Ogni concerto un singolo evento quindi, per dare il giusto risalto all’interno del Mantova Jazz Festival agli Under 35, grazie al sostegno di SIAE Sillumina Bando 1 – Periferie Urbane “Mantova Jazz sezione YOUNG”.

Ricordiamo inoltre gli appuntamenti nei Teatri del Mantova Jazz Festival:

20 ottobre al Teatro Bibiena evento speciale “Cento Anni di Jazz Italiano”, con il giovane Marcello Abate, Danilo Rea e l’elegante vitalità della Milano Hot Jazz Orchestra.

7 novembre al Teatro Ariston an evening with Ron Carter e Richard Galliano, due maestri in possesso di una voce poetica pari alla maestria strumentale.

21 novembre al Teatro Bibiena Brad Mehldau, il più grande pianista jazz affermatosi negli ultimi decenni, in una performance non amplificata di solo piano che resterà nella storia del Chiozzini.

26 novembre al Teatro Ariston il caleidoscopico trio di Dave Holland, uno dei due grandi contrabbassisti davisiani degli anni Sessanta (l’altro è Ron Carter), con la chitarra di Kevin Eubankse e le percussioni “black” di Obed Calvaire.

Prevendite su www.vivaticket.it

Per informazioni: 349 5904186 info@mantovajazz.it; www.mantovajazz.it ; www.mantovalink.it ; www.live-arcimantova.it .

Ufficio stampa: PoP Sonja Berti 0108986363 – 335 8061833 consorziopromotori@gmail.com ;

Anna D’Oria 328 7068803 promo.annadoria@gmail.com

Programma completo del Mantova Jazz 2017

6 ottobre 2017 MASTERCLASS VOCE + CONCERTO

Valter Ricci (arci Virgilio)

12 ottobre MASTERCLASS DI INSIEME TRIO + CONCERTO

Fabio Giachino trio (arci Virgilio)

14 ottobre concerto

Camilla Battaglia “Tomorrow”(arci Tom)

20 ottobre “Cento Anni di Jazz Italiano”, Marcello Abate, Danilo Rea Milano Hot Jazz Orchestra. (Teatro Bibiena)

21 ottobre concerto

Federica Michisanti “Trioness” (arci Virgilio)

27 ottobre MASTERCLASS VOCE + CONCERTO

Serena Brancale duo (arci Tom)

28 ottobre concerto

Giulia Facco Quintet (Creative Lab Lunetta)

1 novembre concerto

Andrea Grillini “Yoruba” ANDREA GRILLINI QUINTET (arci Virgilio)

3 novembre concerto

ELG LER (arci Tom)

7 novembre Ron Carter e Richard Galliano (Teatro Ariston)

10 novembre concerto

James Brandon Lewis Trio (arci Tom)

11 novembre

Zoe Pia “Shardana” Creative Lab Lunetta

16 novembre

Gaia Mattiuzzi Trio (arci Virgilio)

18 novembre

PCKT (arci Tom)

21 novembre Brad Mehldau (Teatro Bibiena )

24 novembre

Rosa Brunello Quartet (arci Virgilio)

26 novembre Dave Holland (Teatro Ariston)

Sladana Krstic presenta la sua nuova collezione

Collezione
Collezione

Sladana Krstic presenta la sua nuova collezione

Sta presentando con sfilate in tutta Italia con qualche tappa anche in altri paesi d’ Europa la sua nuova collezione, la stilista croata Sladana Kristic.
Si tratta della Collezione Farnese.
A tal proposito ha dichiarato:

“Ho dedicato la mia ultima collezione A/I 2018 alla grande Collezione Farnese presente al grande MANN-Museo archeologico nazionale di Napoli, uno dei primi costruiti in Europa in un palazzo seicentesco tra la fine del Settecento e gli inizi dell’Ottocento che vanta il piu ricco e pregevole patrimonio di opere d’arte e manufatti archeologici in Italia. Ho sfilato come una dei partecipanti del contest dell’Accademia di Gianni Molaro della trasmissione “Detto Fatto” , programma di spicco di Rai 2, nel marzo 2017 al MANN ispirandomi alla famosa Collezione Farnese presente nel museo che e una collezione di opere d’arte nata nel periodo rinescimentale su volontà di Alessandro Farnese.
L’elenco delle opere e molto vasto in ogni settore artistico ; vi sono infatti pitture, sculture, disegni, bronzi, arredi, cammei, monete da quali ho preso lo spunto per la collezione.
Ho utilizzato tessuti pregiati come la seta pura provieniente dalla Antica Persia e tessuto damascato, tutto accompagniato dai ricchi accesori rigorosamente fatti a mano”.

Vediamo ora di conoscere meglio Sladana…

Aveva solo sei anni Sladana Krstic quando disegnava le sue bambole su fogli di carta e poi si dilettava a creare per loro vestiti per poterle abbigliare come meglio poteva. La passione per la moda è nata dunque con lei.
Il suo primo bozzetto ha preso vita quando era ancora una ragazzina: allora frequentava la scuola media e- dopo aver svolto i compiti- amava trascorrere il tempo a disegnare e a fare figurini di moda.
Poi è riuscita a compiere studi mirati sia nel suo Paese d’ origine – la sua amatissima Croazia- sia in Italia, terra che l’ ha accolta come uno dei nuovi talenti della moda europea.
Tra i suoi estimatori si può annoverare il grande Gianni Molaro.
Importante è stata la sua esperienza al programma di Rai Due “Detto Fatto” che le ha permesso di farsi conoscere sempre a più ampio raggio non solo presso gli addetti ai lavori ma anche presso il grande pubblico che inizia a seguirla con sempre maggior interesse sulle sue pagine social.
Ed è in nome di questa nuova popolarità che cura ogni settimana una rubrica di ben tre pagine dedicata alla moda sul settimanale nazionale “DiTutto”.
Sladana non solo disegna le sue collezioni ma sceglie personalmente i tessuti con i quali poi vengono realizzati.
Abiti che lei ama descrivere come degli stupendi dipinti su tela.
Ed è infatti il colore- molto sgargiante- una delle caratteristiche fondamentali del suo stile.
Uno stile certamente vivace e- perchè no- eccentrico e adatto alla donna di oggi, forte e determinata, capace di lottare per la realizzazione dei propri sogni, sia privati sia di lavoro, ma dotata anche di un grande cuore.
Proprio come Sladana.

Pagina Ufficiale Facebook: https://www.facebook.com/SladanaKrsticFashionDesigner/

Sito web ufficiale:www.queenmood.com

La grande arte al cinema

La grande arte al cinema
La grande arte al cinema

LA NUOVA STAGIONE DELLA GRANDE ARTE AL CINEMA presenta:
LA VIA DELL’ARTE TRA ORIENTE E OCCIDENTE I MUSEI PIU’ ACCLAMATI DEL MONDO E GLI ARTISTI PIU’ AMATI DI SEMPRE PROTAGONISTI SUL GRANDE SCHERMO PER PERCORRERE LA VIA DELL’ARTE TRA I CAPOLAVORI DELLA CULTURA OCCIDENTALE E QUELLI DELL’ESTREMO ORIENTE

Il British Museum di Londra con il più famoso pittore giapponese di tutti i tempi, Hokusai,
il Prado di Madrid con i sogni, gli incubi e gli animali esotici di Bosch, la Venezia di Canaletto,
le pennellate di Loving Vincent con la passione di Van Gogh per il Giappone
e l’arte eclettica di Julian Schnabel arrivano nelle sale dal prossimo autunno

“Non è quasi una vera religione quella che ci insegnano questi giapponesi così semplici che vivono in mezzo alla natura come se fossero essi stessi dei fiori? Non è possibile studiare l’arte giapponese, credo, senza diventare molto più felici, senza tornare alla nostra natura nonostante la nostra educazione e il nostro lavoro nel mondo della convenzione”
Vincent Van Gogh al fratello Theo, 24 settembre 1888

Provate a immaginare di entrare in alcuni dei musei più conosciuti al mondo per una visita privata. Solo voi e le vostre guide d’eccezione. Niente fila, niente folla davanti alle opere, niente confusione. Proprio dal desiderio di offrire questa nuova esperienza di visione e scoperta è nata l’idea della Grande Arte al Cinema, un fenomeno sempre più amato che lo scorso anno ha portato in sala 190.000 spettatori solo in Italia. Non con l’obiettivo di sostituirsi alla “visite dal vivo” ma, al contrario di invogliarle, stimolarle e renderle ancora più piacevoli e arricchenti.

Così da settembre a dicembre 2017 Nexo Digital proporrà nelle sale italiane (elenco a breve disponibile su www.nexodigital.it) un nuovo calendario di eventi cinematografici che, grazie alla tecnologia del cinema digitale, faranno vivere su grande schermo tutta la ricchezza delle mostre, degli artisti e dei musei più importanti del mondo. Quest’anno ogni tassello di questo percorso di scoperta si proporrà di offrire una prospettiva diversa sulla storia dell’arte e sui suoi protagonisti, percorrendo un ideale fil rouge che unisce Oriente e Occidente in un dialogo straordinario. Perché sin dai tempi più antichi scambi e suggestioni fecero in modo che le arti, da un lato all’altro del pianeta, dialogassero e si confrontassero in un reciproco influenzarsi di stili e temi, linguaggi e creatività.

Così proprio dal Paese del Sol Levante si partirà il 25, 26 e 27 settembre con Hokusai dal British Museum, un tour nella mostra del British Museum di Londra dedicata a Hokusai (1760-1849), l’artista che ha rivoluzionato l’arte occidentale folgorando gli impressionisti e lo stesso Van Gogh. Un’indagine, con riprese in 8K, sul più grande artista giapponese di tutti i tempi, autore di capolavori assoluti come la Grande Onda, xilografia della serie dedicata alle Vedute del monte Fuji. Esplorazioni nelle città di Tokyo, prestiti dalle più importanti collezioni europee e giapponesi, libri illustrati, dipinti e incisioni raccontano, grazie agli interventi di esperti, la nascita e lo sviluppo dello stile ukiyo-e e del mito assoluto di Hokusai.

L’arte giapponese -e quella di Hokusai più di tutte- seppe ammaliare artisti, collezionisti e studiosi dell’Ottocento segnando la storia di un’epoca. Così il 16, 17, 18 ottobre ci trasferiremo in Europa con l’attesissimo Loving Vincent, il primo lungometraggio interamente dipinto su tela. Realizzato elaborando le tele dipinte da un team di 40 artisti, il film è composto da migliaia di immagini, create nello stile di Vincent van Gogh (1853-1890), da pittori che hanno lavorato per mesi per arrivare a un risultato originale e di enorme impatto. Opera dello studio Breakthru productions -vincitore dell’Oscar per il cortometraggio animato Pierino e il lupo- il film racconta, attraverso 120 quadri e 800 documenti epistolari, la vita dell’artista olandese fino alla morte misteriosa, avvenuta a soli 37 anni e archiviata come caso di suicidio. Ma le cose andarono davvero in questo modo? Un team d’eccezione ha dato vita a un lungometraggio poetico e seducente che mescola arte, tecnologia e pittura e che sta appassionando ancor prima dell’uscita tanto da aggiudicarsi anche il Premio del Pubblico al Festival d’Annecy. Loving Vincent è distribuito in collaborazione con Adler.

Il 7 e 8 novembre faremo un salto indietro nel tempo e nella storia dell’arte con Bosch. Il giardino dei sogni. Il film ci condurrà tra le sale del Museo del Prado per un’indagine straordinaria sulle visioni surreali e strazianti del genio del rinascimento olandese e sul suo capolavoro: il Giardino delle Delizie, l’opera in cui compaiono, tra l’altro, animali esotici come leoni e giraffe oltre a una ricca iconografia che attinge a quella dell’Antichità e dell’Asia medievale. Il documentario proporrà le musiche di Elvis Costello e Lana Del Rey e gli interventi di Ludovico Einaudi, Orhan Pamuk, Salman Rushdie, Cees Nooteboom… Artisti, scrittori, filosofi, musicisti e scienziati contemporanei discuteranno così sui significati del dipinto di Bosch (1453-1516) spostando il dibattito nell’era moderna. Non potrebbe essere altrimenti per un pittore che per certi versi seppe anticipare di secoli il surrealismo di Dalì.

Il 27, 28 e 29 novembre esploreremo (via acqua naturalmente) la città più bella del mondo, storico crocevia fra Oriente e Occidente. In Canaletto a Venezia, infatti, il racconto che il celebre pittore fece di Venezia viene percorso attraverso le opere conservate al Windsor Castle e a Buckingham Palace e grazie a uno splendido tour cinematografico attraverso la laguna. La storia della vita dell’artista si snoderà così tra calli, piazze e canali che ne furono il principale scenario e che Canaletto (1697-1768) seppe immortalare come nessun altro pittore al mondo. Grazie ai commenti e agli approfondimenti dei curatori del Royal Collection, il film spiegherà anche come le opere di Canaletto siano giunte da Venezia sino alle collezioni reali inglesi.

L’ultimo appuntamento della stagione sarà invece con l’arte contemporanea. Dalla Venezia di Canaletto, infatti, ci sposteremo ai tempi moderni con Julian Schnabel, un artista eclettico capace di fare da ponte fra Est e Ovest, assimilando culture diverse e aprendo nuove strade all’arte. Così il 12 e 13 dicembre grazie a Julian Schnabel. A Private Portrait scopriremo la vita e le opere di un uomo che, grazie a un talento straordinario, diventa uno dei più grandi artisti e registi della sua generazione, firmando capolavori cinematografici come Prima che sia notte (Leone d’argento al Festival di Venezia) e Lo scafandro e la farfalla (miglior regia al Festival di Cannes, due Golden Globe e la nomination come miglior regista agli Oscar). In un mix di video privati, aneddoti familiari e testimonianze degli amici (Jeff Koons, Al Pacino, Bono, Willem Dafoe…), il regista Pappi Corsicato traccia un profilo intimo e originale di Schnabel regalando allo spettatore un accesso esclusivo alla vita privata e artistica di una delle figure più complesse e affascinanti del nostro tempo.

La Grande Arte al Cinema è distribuita in esclusiva per l’Italia da Nexo Digital con i media partner Sky Arte HD e MYmovies.it.