Cine34: “Amori e altri equivoci”

Rassegna film su Cine34
Rassegna film su Cine34

DA VENERDÌ 20 NOVEMBRE ALLE 21.00 AL VIA LA RASSEGNA

«AMORI E ALTRI EQUIVOCI»

TATTI SANGUINETI INTRODUCE E COMMENTA

LE STORICHE COMMEDIE SEXY DEL CINEMA ITALIANO

Debutto con lo stracult

Giovannona Coscialunga, disonorata con onore.

Da venerdì 20 novembre, in prima, seconda e terza serata, prende il via una rassegna integralmente dedicata ai ménage coniugali ed extraconiugali messi in scena nelle celeberrime commedie sexy all’italiana degli Anni ‘70.

«Amori e altri equivoci» debutta con un super-classico del genere, Giovannona Coscialunga, disonorata con onore, titolo del 1973 commentato post-visione da Tatti Sanguineti nella sua rubrica di approfondimento Segreti di Cinema.

15 film accompagnano i telespettatori della rete tematica diretta da Marco Costa, in questo fortunatissimo filone del nostro cinema, sorta di mix tra la Commedia dell’Arte italiana e la pochade francese, poi esportato con enorme successo in Spagna, Francia, Messico e Brasile.

Un genere che ha avuto il merito di essere stato una miccia per l’esplosione della Nouvelle Vague italiana, un liberi-tutti per il sesso anche nel cinema d’autore, che ha generato opere del calibro di Ultimo tango a Parigi di Bertolucci, del Decameron di Pasolini, del Malizia di Samperi, dell’Amarcord e del Satyricon di Federico Fellini, fino al Grazie zia di Samperi e al Divorzio all’italiana di Germi.

Altra peculiarità dell’italian-sexy-comedy è quella, non essendosi mai storicizzata, di continuare a vivere tra il grande pubblico grazie a TV e home video.

I suoi protagonisti, infatti, da Edwige Fenech a Lino Banfi, da Barbara Bouchet ad Alvaro Vitali, con Lino Banfi e Lory Del Santo, sono ancora molto popolari e spesso al centro dell’attenzione mediatica.

«AMORI E ALTRI EQUIVOCI»

20 novembre GIOVANNONA COSCIALUNGA, DISONORATA CON ONORE

L’INQUILINA DEL PIANO DI SOPRA

LA FIGLIASTRA

27 novembre LA VEDOVA INCONSOLABILE E QUANTI LA CONSOLARONO

CALORE IN PROVINCIA

EROTIC FAMILY

04 dicembre IL VIZIO DI FAMIGLIA

LA MOGLIE VERGINE

PECCATI IN FAMIGLIA

11 dicembre PRESTAMI TUA MOGLIE

L’ONOREVOLE CON L’AMANTE SOTTO IL LETTO

CARA DOLCE NIPOTE

18 dicembre TUTTA DA SCOPRIRE

ECCO LINGUA D’ARGENTO

UNA VERGINE IN FAMIGLIA

 

“Stasera Italia” ore 20.30 Retequattro

Barbara Palombelli
Barbara Palombelli

Stasera Italia

Ore 20.30

Retequattro

TRA GLI OSPITI:

DANILO TONINELLI (ore 20.30, circa 25 minuti)

MAURIZIO LUPI

DARIO NARDELLA

Questa sera, giovedì 5 novembre, alle ore 20.30 su Retequattro, a “Stasera Italia”, Barbara Palombelli commenterà in diretta con il senatore Danilo Toninelli (M5S) , il deputato Maurizio Lupi (Noi per l’Italia) e il sindaco di Firenze Dario Nardella i temi di più stretta attualità. Tra gli argomenti trattati: la situazione epidemiologica del Paese, il nuovo Dpcm con le polemiche tra i presidenti di Regione e il Governo rispetto alla divisione dell’Italia in tre fasce a rischio, e le ultime notizie dagli Stati Uniti sull’elezione del 46esimo presidente.

Tra gli ospiti anche: il dottor Angelo Vescovi, Direttore Scientifico Casa Sollievo della Sofferenza, e Daniele Capezzone.

«Hubble: 30 anni di scoperte»

Hubble
Hubble

«Hubble: 30 anni di scoperte»

Lo speciale a cura di Luigi Bignami
in onda giovedì 5 novembre alle ore 21.15.

“Focus” – la rete tematica Mediaset dedicata alla divulgazione, diretta da Marco Costa, al canale 35 del telecomando – presenta una nuova produzione originale che racconta la storia del più famoso dei telescopi: l’Hubble.
Lo speciale «Hubble: 30 anni di scoperte», a cura di Luigi Bignami, è la proposta di giovedì 5 novembre, alle ore 21.15.

Lanciato in orbita nell’aprile 1990, oltre ad aver realizzato un sogno nato all’inizio del XX secolo – ovvero la realizzazione di uno strumento che superasse il filtro distorsivo dell’atmosfera terrestre -, Hubble ha permesso straordinarie scoperte scientifiche, gettando lo sguardo fino ai confini dell’universo e indietro nel tempo, fino a pochi istanti dopo il Big Bang.

Il programma ne ripercorre la storia, dal progetto al lancio, ma soprattutto ne racconta le straordinarie scoperte di cui si è reso strumento, contribuendo ad una vera e propria rifondazione della cosmologia.

La carrellata delle immagini di Hubble che nel corso degli ultimi decenni hanno acquisito una vasta popolarità nel mondo, tanto per la loro importanza scientifica quanto per la loro bellezza, è infine commentata da importanti scienziati e giovani ricercatori italiani che, oltre a parlare delle scoperte che ha reso possibili, svelano a quali foto sono più affezionati e perché.

Omaggio ad Ugo Tognazzi

Ugo_Tognazzi
Ugo_Tognazzi

L’approfondimento del TG diretto da Clemente J. Mimun, in onda sabato 24 ottobre, in seconda serata, su Canale 5

«Ugo Tognazzi: che fenomeno!» è il titolo dello speciale TG5 in onda sabato 24 ottobre, in seconda serata, su Canale 5. A 30 anni dalla scomparsa del più trasgressivo dei Moschettieri della commedia italiana (Cremona, 23 marzo 1922; Roma, 27 ottobre 1990), il ritratto confezionato da Anna Praderio racconta un personaggio moderno, che ha anticipato i tempi e costantemente ricercato il nuovo. Un innamorato della vita in tutti i suoi aspetti.

Ugo Tognazzi: l’attore dei Mostri, della Grande abbuffata, della Tragedia di un uomo ridicolo, l’interprete del cinema di Ferreri, Monicelli, Scola, Bertolucci, Avati, Risi, Salce, il protagonista delle zingarate di Amici miei. Un uomo e un artista libero, ironico, divertente, che amava le donne, il cinema, la buona tavola, la cucina, la convivialità. Con gli amici riuniti nella case di Velletri e Torvaianica, tra gare sportive, tornei di tennis e lo Scolapasta d’Oro in palio. Con la famiglia allargata e i suoi quattro figli.

L’approfondimento del TG diretto da Clemente J. Mimun ricorda Tognazzi proprio con loro: Ricky, Thomas, Gianmarco, Maria Sole e con Simona Izzo, Alessandro Gassmann, Enrico Vanzina, Pupi Avati.

Gianmarco Tognazzi: «L’ugoismo era la natura di papà, la voglia di fare cose per sé stesso ma anche per gli altri. Ha trasformato una cantina in un’azienda agricola a scopo ugoistico. Per potere godere con gli amici dei suoi prodotti, del vino, per la convivialità. La tenuta era il suo sogno… era molto legato alla terra».

Maria Sole Tognazzi: «Quando siamo nati Gianmarco e io, mio padre e mia madre hanno messo su famiglia a Velletri. Erano un esempio di coppia moderna: vivevano insieme a Velletri, ma a Roma mantenevano case separate. Una forma moderna di libertà, che non ha a che fare con i tradimenti, ma con il rispetto dell’indipendenza. Una modernità voluta da mio padre, che ammiro molto».

Thomas Robsahm: «Andavo tutte le estati a Torvaianica e tutti i Natali a Velletri. Qui vivevo con Ricky, Gianmarco, Sole e Franca, tutti riuniti intorno a papà, che lavorava tanto, ma sapeva sempre radunare familiari e amici in casa intorno a lui. Aveva sempre ospiti… una famiglia ancora più allargata».

Simona Izzo: «Sapeva di essere un padre imperfetto, un marito imperfetto, un suocero imperfetto. Quando ci siamo conosciuti, mi disse: “Sei più vecchia e sei già stata sposata. Hai già un figlio. Non vai bene”. E poi: “Secondo me, tu vuoi prendere il mio posto nel suo cuore”. Gli ho risposto: “Nessuno ha la tua personalità e può sostituirti nel cuore di Ricky».

Enrico Vanzina: «Ugo lo ricordo benissimo. Faceva i film con papà: western comici, commedie… è stato il compagno della nostra infanzia. Ugo è insostituibile, perché è un attore diverso dagli altri. Unico. Tognazzi è Tognazzi».

Alessandro Gassmann: «C’era questa competizione con la famiglia Tognazzi… facevamo le vacanze insieme, vivevamo in case vicine, a Velletri, e mio padre non riusciva a capire perché tutti andavano più volentieri da Tognazzi invece che da Gassman… In realtà, da Tognazzi si dormiva bene e si mangiava veramente bene… grazie per tutte le prelibatezze che ci avete fatto assaggiare!».

Pupi Avati: «Ugo era molto generoso: venne a fare il film gratis… in percentuale… anche se io ero reduce da clamorosi insuccessi. Gli ero così riconoscente, che ad ogni ciak dicevo “grazie” anziché stop. Lui mi chiedeva: “ne facciamo un’altra?” E io: “grazie, grazie…”».

In chiusura, Ricky Tognazzi cita una poesia di Neruda per ricordare il papà: «Se muoio sopravvivimi e porta in eredità la mia allegria, vivi la mia assenza come se fosse una stanza trasparente in cui appendere i quadri all’aria, in modo che io ti possa vedere, e non deprimerti perché mi faresti morire un’altra volta».

Anticipazioni Verissimo sabato 24 ottobre

Silvia_Toffanin
Silvia_Toffanin

Sabato 24 ottobre, alle ore 16.00, su Canale 5, imperdibile appuntamento con Verissimo.

Lei è la più grande tuffatrice italiana di tutti i tempi: Silvia Toffanin intervisterà Tania Cagnotto, tra pochi mesi di nuovo mamma.

Questa settimana si è parlato molto di lui in merito alla sua ex fidanzata Giulia De Lellis. In esclusiva, Andrea Damante sarà in studio per raccontare la sua verità e dare gli ultimi aggiornamenti su questa vicenda ricca di continui colpi di scena.

Prima intervista di coppia per Raoul Bova e la compagna Rocío Muñoz Morales.

E ancora, ospiti del talk show: Maria Grazia Cucinotta, Iva Zanicchi e l’ultima concorrente eliminata di “Grande Fratello Vip” Matilde Brandi.