“Crema Jazz Art Festival”

logo small Crema Jazz Art Festival 2018
logo small Crema Jazz Art Festival 2018

Torna da martedì 10 a domenica 15 luglio il Crema Jazz Art Festival, una sei giorni che coinvolgerà cittadini, amanti del Jazz e turisti, con un fitto calendario di concerti, tutti gratuiti, con grandi artisti internazionali e nomi di primo piano della scena nazionale.

Il Festival festeggia con questa edizione il suo quarto anno di vita, traguardo raggiunto grazie all’impegno del direttore artistico Giovanni Mazzarino e della curatrice Valentina Gramazio e all’appoggio continuativo e convinto dell’Amministrazione Cremasca e delle Istituzioni ad essa connesse in rete, con Reindustria in prima fila.

Decine e decine sono i grandi musicisti che dal 2015 ad oggi vi hanno preso parte, facendo della città di Crema un centro che sempre di più lega la sua identità alla cultura della musica Jazz, con un pubblico fedele e interessato.

Il Festival, infatti, trova nella musica il suo elemento portante e attraverso le note permetterà allo spettatore di scoprire e vivere in modo coinvolgente le tante bellezze di questa zona.

Il CremArena sarà ancora una volta il main stage che ospiterà gli appuntamenti principali (inizio live ore 21.00), con la presenza di artisti che confermano la policromia della kermesse cremasca: venerdì 13 luglio sarà di scena il Michela Lombardi e Riccardo Fassi Trio, con“Live to tell”, rilettura in chiave jazz delle canzoni di Madonna. Special guest del quintetto di Michela Lombardi sarà il clarinettista e sassofonista Nico Gori, storico collaboratore di Stefano Bollani.

Sabato 14 a salire sul palco sarà il “Real Jazz” dello Smalls Live Collective, formidabile quintetto di musicisti, il cui leader è il trombettista Joe Magnarelli, che porta in giro per il mondo le sonorità del jazz newyorkese, in particolare quelle provenienti dallo Smalls, locale tra i più conosciuti e frequentati della città statunitense.

Per l’evento di chiusura, domenica 15 saremo avvolti dal corposo sound del Robert Bonisolo Quartet, gruppo guidato dal grande sassofonista canadese di origini italiane.

Oltre alla striscia dei concerti principali programmati nel weekend, il Festival propone “fasce” di eventi tra loro parallele che, sovrapposte, delineano un programma fitto e pensato per assecondare i gusti e le aspettative di tanti tipi di pubblico: la masterclass pomeridiana, gli approfondimenti culturali e la programmazione dei live “in seconda serata” al Caffè Verdi.

L’Associazione Nonsolojazz e il direttore artistico Giovanni Mazzarino si mettono quindi anche nel 2018 a disposizione della città di Crema, proponendo un evento che desidera consolidare il percorso artistico compiuto fino ad oggi, concentrati sull’oggi, ma – è inutile negarlo – con lo sguardo già rivolto al compimento, nel 2019, dei primi cinque anni di età del Festival.

Rassegna “A Vigevano Jazz – Terza Edizione

Jazz Company Big Band e Gabriele Comeglio (al centro)
Jazz Company Big Band e Gabriele Comeglio (al centro)

Dopo l’anteprima del 30 aprile scorso, quando l’auditorium San Dionigi ha ospitato un applaudito concerto swing in occasione dell’International Jazz Day, scatterà ufficialmente venerdì 4 maggio la terza edizione della rassegna “A Vigevano Jazz”, manifestazione curata da Gabriele Comeglio, tra i più apprezzati sassofonisti italiani e attualmente in tour come direttore musicale con lo spettacolo “Massimo Lopez & Tullio Solenghi show”.

Nel fitto cartellone di questa nuova edizione del festival, che si svolgerà fino a inizio giugno, spiccano tre masterclass aperte anche al pubblico (con docenti del calibro di Chicco Gussoni, Claudio Angeleri e Alfredo Golino), lezioni-concerto per gli studenti delle scuole cittadine e, ovviamente, concerti. Tutti gli eventi sono a ingresso libero.

I concerti
Come detto, il primo live del festival è previsto
venerdì 4 maggio alla Cavallerizza del Castello (ore 21) quando, nel segno dello swing, si esibirà la Jazz Company Big Band diretta da Gabriele Comeglio.
A seguire:

Sabato 5 maggio, ore 17
Auditorium San Dionigi, piazza Martiri della Liberazione 12
Masterclass con Chicco Gussoni

Venerdì 11 maggio, ore 21
Cavallerizza del Castello: “Italian songbook” di Caterina Comeglio con l’Orchestra Città di Vigevano

Sabato 12 maggio, ore 17
Ridotto del Teatro Cagnoni, corso Vittorio Emanuele II 45
Masterclass con Claudio Angeleri

Venerdì 18 maggio, ore 21
Teatro Cagnoni, corso Vittorio Emanuele II 45
“Tempo!” – Tullio De Piscopo meets Jazz Company Big Band
(assegnazione gratuita del posto obbligatoria presso la biglietteria del teatro; tel: 0381-82242, da martedì a sabato dalle ore 17 alle 20.15).

Sabato 2 giugno, ore 17
Ridotto del Teatro Cagnoni, corso Vittorio Emanuele II 45
Masterclass con Alfredo Golino

 

Cremona Winds 2018

cremona winds 2018
cremona winds 2018

Grandi flautisti saranno protagonisti del ricco programma di eventi dal vivo di Cremona Winds 2018, l’atteso appuntamento dedicato agli strumenti a fiato all’interno di Cremona Musica, che si terrà nella “città del violino” fra il 28 e il 30 settembre.

Fra i grandi nomi che si troveranno a Cremona durante i giorni della fiera per tenere sia concerti che masterclass ci sono Adriana Ferreira, primo flauto dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma, Jean-Claude Gérard già primo flauto dell’Orchestra dei Concert Lamoureux e professore presso la Musikhochschule di Stoccarda, Francesco Loi primo flauto solista del Teatro dell’Opera di Genova “Carlo Felice”, e Raffaele Trevisani, flautista solista di fama internazionale allievo di Sir James Galway. Altre novità saranno annunciate nei prossimi mesi.

Il programma di eventi di Cremona Winds 2018 prevede anche la terza edizione del Meeting Nazionale delle Orchestre di Flauti, un appuntamento prezioso per questo mondo, durante il quale si terranno esibizioni dal vivo dei tanti ensemble coinvolti e seminari su come rafforzare la collaborazione all’interno del settore.

Fra le novità del 2018 ci sarà anche la prima Giornata Nazionale delle SMIM (Scuole Medie a Indirizzo Musicale), appuntamento dedicato a docenti e studenti, con seminari sull’insegnamento della musica.

Ricordiamo che gli eventi di Cremona Musica sono organizzati con il patrocinio del Ministero dell’Istruzione e che gli insegnanti presenti potranno richiedere un attestato di partecipazione per l’esonero dall’obbligo di servizio per i giorni di Manifestazione.

Cremona Winds, giunto nel 2018 alla terza edizione, è il punto di riferimento fieristico a livello europeo per il settore dei fiati, e porta ogni anno a Cremona migliaia di musicisti e buyer in cerca dello strumento perfetto, ma anche un gran numero di semplici appassionati, attratti dai tanti eventi dal vivo di alto livello.

L’appuntamento è realizzato grazie alla collaborazione dell’Associazione Flautisti Italiani e dell’Accademia Italiana del Clarinetto.

Cremona Winds, insieme a Mondomusica, Piano Experience, Acoustic Guitar Village e al nuovo Accordion Show, è parte di Cremona Musica, la più importante fiera al mondo per gli strumenti musicali di alta gamma, che si terrà a Cremona fra il 28 e il 30 settembre 2018. Nell’edizione 2017 Cremona Musica ha ospitato più di 17.000 visitatori da 55 paesi e 302 espositori internazionali, con oltre 4000 prodotti esposti e 181 eventi dal vivo.

Per rimanere aggiornati sul programma visitate il sito www.cremonamusica.com.

Mostrta: I Maestri della matita

Zaniboni - card Panini 2017
Zaniboni – card Panini 2017

Proseguono le grandi mostre dedicate da WOW Spazio Fumetto – Museo del Fumetto di Milano ai grandi protagonisti della Nona Arte. Dopo le due grandi mostre dedicate a Aurelio Galleppini (creatore di Tex Willer) e a Guido Crepax, dal 3 marzo al 13 maggio sarà allestita una mostra davvero unica che omaggia tre grandi matite italiane, tre protagonisti assoluti appartenenti a tre generazioni e scuole diverse: Sergio Zaniboni (recentemente scomparso, disegnatore che ha aggiornato l’immagine di Diabolik diventandone uno dei disegnatori più apprezzati), Angelo Stano (autore fondamentale di Dylan Dog e copertinista dal numero 42 al 361) e Simone Bianchi (uno dei maggiori artisti al lavoro sui supereroi Marvel e DC Comics).

Allestita con il sostegno di LYRA, brand di F.I.L.A. dedicato al disegno artistico e alle belle arti e Matita Ufficiale di WOW Spazio Fumetto, la mostra propone una ricchissima carrellata di schizzi, bozzetti, illustrazioni, tavole e copertine di questi artisti, raccontando l’evoluzione del loro stile e del loro metodo di lavoro, permettendo di ammirare come hanno saputo raccontare personaggi amati da milioni di persone, come Spider-Man, Dylan Dog o Diabolik, usando uno strumento semplice ma potentissimo, capace di creare un universo immaginario con pochi tratti: la matita.

In occasione della mostra, WOW Spazio Fumetto organizza masterclass professionali con tre artisti della matita: Simone Bianchi e Angelo Stano, protagonisti della mostra, e Martoz, astro nascente del fumetto italiano.

Alla base di ogni fumetto c’è uno strumento, la matita. I più grandi disegnatori di ogni epoca e paese hanno da sempre tracciato prima a matita rapidi schizzi delle loro tavole, stabilendo volumi e inquadrature, per poi passare a definirli sempre più fino ad arrivare alla tavola completa, da passare quindi a china o da dipingere.

Quando un fumetto è frutto di un lavoro d’équipe, quello che in gergo tecnico viene chiamato “matitista” è sempre l’autore più esperto nel team artistico, affiancato poi da disegnatori più giovani con il compito di rifinire e inchiostrare le sue tavole.

La mostra celebra il lavoro di tre dei più importanti disegnatori italiani di fumetto seriale, esempi e punti di riferimento per gli altri disegnatori e per chi sogna un giorno di diventarlo. Il racconto delle loro carriere, legate ai personaggi più celebri a cui hanno prestato la propria arte e sviluppato attraverso l’esposizione di preziose tavole originali, è accompagnato da bozzetti, studi, matite, tavole incompiute, provenienti dai cassetti dei loro studi, dall’archivio della Fondazione Franco Fossati e da importanti collezioni private, oltre che dagli archivi della casa editrice Astorina.

La mostra sarà inaugurata sabato 3 marzo in un incontro pubblico con Simone Bianchi e Angelo Stano.
Sarà visitabile fino al 13 maggio 2018 presso WOW Spazio Fumetto (Viale Campania 12) tutti i giorni, tranne il lunedì, dalle 15.00 alle 19.00 e il sabato e la domenica dalle 15.00 alle 20.00. Chiusa a Pasqua (1° aprile), il 25 aprile e il 1° maggio. Chiusura straordinaria giovedì 15 marzo. Ingresso 5 euro (intero) e 3 euro (ridotto).

Mantova Jazz Festival: “Cento anni di Jazz Italiano”

marcello abate solo,danilo Rea Solo,Milano Hot Jazz Orchestra
marcello abate solo,danilo Rea Solo,Milano Hot Jazz Orchestra

La 36^ edizione del Mantova Jazz Festival, dopo i concerti del 6, 12 e 14 ottobre che hanno visto protagonisti alcuni giovani talenti come Valter Ricci, Fabio Giachino trio e Camilla Battaglia, prosegue dando spazio al primo grande appuntamento teatrale della rassegna dal titolo “Cento Anni di Jazz Italiano” con

Venerdì 20 ottobre si comincerà già dalle ore 16 con la masterclass del pianista Danilo Rea presso l’Auditorium Monteverdi, per trasferirsi in serata al Teatro Bibiena (ore 21.00).

Per festeggiare al meglio i cento anni di jazz italiano infatti, il Chiozzini ha pensato ad un evento speciale, un viaggio nel tempo “a ritroso” che conduce dal futuro del nostro jazz, qui rappresentato dal giovane e talentuoso chitarrista Marcello Abate, al suo grande presente, incarnato dal pianista romano Danilo Rea, un maestro che Mantova Jazz ha il piacere di ospitare per la prima volta. A conclusione di questa festa del centenario, il contagioso ma rigorosissimo jazz tradizionale della Milano Hot Jazz Orchestra.

Con un pensiero dedicato a tutti i musicisti italo-americani, italiani e, perché no, mantovani (da Gorni Kramer a Gianni Bedori, fino ai protagonisti dello splendido momento attuale), che hanno contribuito a far grande la più imprevedibile delle avventure musicali del Novecento.
Il concerto inizierà alle ore 21.00 al Teatro Bibiena (apertura teatro 20.30) – prezzi dei biglietti da 15 a 25 euro.

Il festival proseguirà sabato 21 ottobre all’Arci Virgilio con un concerto inserito nell’ambito della Sezione Young sostenuta da SIAE Sillumina Bando 1 – Periferie Urbane “Mantova Jazz sezione YOUNG” : sul palco il progetto della compositrice romana Federica Michisanti dal titolo “Trioness” che si caratterizza per gli spiccati accenti melodici e le composizioni a firma della giovane contrabbassista. Con lei suoneranno Gianluca Vigliar al sax tenore e Simone Maggio al pianoforte – ore 21.30 ingresso gratuito con tessera Arci.