“James” documentario fuori concorso a Venezia

James Senese
James Senese

Nei giorni scorsi, è stata annunciata la proiezione al prossimo Festival del cinema di Venezia, di “James” di Andrea Della Monica. Il documentario è inserito all’interno delle Giornate Degli Autori, per il programma Notti Veneziane all’Isola degli Autori.

JAMES di Andrea Della Monica

Italia, 2020, 70’, prima mondiale

Con: James Senese, Franco Del Prete, John Vignola

Produzioni: Arealive, Audioimage

Vendite internazionali: Amarena Film

Figlio di una ragazza napoletana e di un soldato afroamericano, cresciuto nel dopoguerra ai confini della città di Napoli, che da campagna ha visto trasformarsi in periferia, James Senese è stato a lungo alla ricerca di un’identità, riversando i suoi conflitti nella musica. Il documentario intende restituire un ritratto dell’artista dopo cinquant’anni di carriera, rintracciando il fulcro del suo percorso artistico nella formazione della band Napoli Centrale nei primi anni Settanta e tendendo un ponte ideale con il presente per indagare la più recente evoluzione di quel progetto musicale.
Annunciate anche le prime date del tour estivo di JAMES SENESE NAPOLI CENTRALE:

25/07/2020
Quarto (NA)
Area Archeologica

08/08/2020
Agrigento
Valle dei Templi/Tempio di Giunone

09/08/2020
Gallinaro (FR)
Gallina Rock – Diretta Streaming

13/09/2020
Ostia (RM)
Teatro di Ostia antica

Bentornata NBA!

di Fiorenzo Di Costanzo. Finalmente è tornata l’NBA e sotto l’albero di Natale gli appassionati del basket d’oltreoceano hanno potuto scartare 5 doni molto preziosi. Il campionato è partito subito alla grande, anche per far dimenticare la lunga sosta dovuta al lock-out e il conseguente taglio al calendario della regular seasson, con molti dei top team subito in campo.

New York Knicks – Boston Celtics (106 – 104). Il quintetto della Grande Mela quest’anno potrebbe essere la vera mina vagante della East Coast: alle due stelle Carmelo Anthony e Stoudemire si sono aggiunti i 3 veterani Bibby, il Baron(e) Davis e Chandler, grande protagonista la passata stagione con i campioni NBA di Dallas. Boston si presenta ai blocchi di partenza con l’ossatura delle annate passate: Allen, Pierce (assente per infortunio), Garnett e Rondo si vogliono rifare dopo la pesante sconfitta contro gli Heat nelle semifinali di Conference della passata stagione.

Golden State Warriors – Los Angeles Clippers (86 – 105). Grande interesse e grandi aspettative si respira intorno ai Clippers che dopo aver rubato in sede di mercato ai cugini il miglior play della lega, Chris Paul, e aver messo sotto contratto il veterano Billups tentano di rubare anche il trono della città degli angeli alla francigia giallo-viola dei Lakers.

Oklahoma City Thunder – Orlando Magic (97 – 89). I Thunder partono dall’ottima stagione appena trascorsa e puntano diritto alle Finals, forti dell’immenso talento di Durant e Westbrook.

Los Angeles Laker – Chicago Bulls (87 – 88). I Lakers escono con le ossa rotte dal mercato, avendo perso Lamar Odom, passato a Dallas, e, soprattutto, non avendo centrado i due grandi obiettivi: Chris Paul e Dwight Howard. I Bulls, aggiungono alla già ottima rotazione della passata stagione Richard Hamilton e puntano alle Finals.

Dallas Mavericks – Miami Heat (94 – 105). Il regalo più atteso, la rivincita degli Heat sui neocampioni NBA. La partita ha deluso chi si aspettava una partita intensa ed equilibrata come quelle delle Finals 2011 e la supremazia degli Heat è stata molto più netta di quanto non si evince dal risultato finale. Dallas questa stagione ha  cambiato molto, inserendo nelle rotazioni Vince Carter, Lamar Odom e Delonte West ma ha perso frecce importanti con Chandler, Barea e Stojakovic. Gli Heat confermano l’ossatura del roster della passata stagione e confermano James, Wade e Bosh…dopotutto come si può migliorare una squadra  destinata a vincere?!