Teresa Morone, influencer, contro la violenza sulle donne

Teresa Morone
Teresa Morone

Sono ore tese quelle che riguardano il mondo della moda e della bellezza e tutti gli eventi a esso dedicati causa Coronavirus sono stati posticipati o annullati. Il fermo forzato causato dalle misure di contenimento attuate dal presidente del consiglio Giuseppe Conte non hanno avuto solo il beneficio di contenere i contagi ma di ritorno hanno provocato una preoccupante escalation di violenza nei confronti delle donne.
Di questo avviso Teresa Morone, fashion blogger italiana che da un pò di tempo, oltre alla moda e alla bellezza è impegnata nella lotta alla violenza di genere e al bullismo.
La bionda fashion blogger, 29 anni compiuti da poco fondatrice del blog teresamorone.com dove parla di moda e bellezza è spesso impegnata in eventi che riguardano il mondo della moda e della bellezza e che vanta collaborazioni importanti all’estero, giá ambasciatrice in Italia contro la depressione e i disturbi dell’umore per la fondazione americana The Fragile Club e in Italia e agenzie ha intrapreso con entusiasmo un percorso comune di intenti con l’unione sportiva ACLI Benevento. “Questo periodo di fermo forzato ha messo in evidenza quali sono i bisogni di chi vive la violenza domestica” afferma la fashion blogger. “La violenza spesso si annida nella quotidianitá senza distinzioni sociali o di reddito e il Coronavirus ci ha mostrato plasticamente quanto molte donne vittime di violenza siano abbandonate a se stesse. Il presidente USACLI Benevento Alessandro Pepe e la delegata USACLI Immacolata Petrillo sono dei pionieri in questo senso, si battono con un progetto itinerante che include anche le scuole per cambiare alla radice una cultura dell’odio, spesso omertosa. Appena terminata l’emergenza Coronavirus ci sará un evento dedicato alla sensibilizzazione contro la violenza sulle donne e il bullismo e che vedrá oltre a me varie figure professionali cooperare.

Per quanto riguarda i miei progetti futuri dopo il Coronavirus mi aspettano giorni frenetici Ci riabbracceremo di nuovo, ritorneranno le sfilate e gli eventi patinati – conclude l’influencer – ma saremo più consapevoli”.

#iostoconiristoratori

#IOSTOCONIRISTORATORI
#IOSTOCONIRISTORATORI

Il settore digitale, in piena esplosione conseguentemente al lockdown, arriva in supporto di uno dei settori più colpiti dall’emergenza e del quale appare più lontana la ripresa: la ristorazione.
Nasce così #iostoconiristoratori, campagna solidale che vede impegnate le aziende digitali a supporto della categoria del cosiddetto “food and beverage”.
Una vera e propria call to action che vede in prima linea un nutrito gruppo di influencer, oltre 80, chiamati a raccolta da Virality, la piattaforma italiana di influencer marketing su Instagram.

#iostoconiristoratori è un progetto virtuoso che vede una cordata di aziende legate allo sviluppo digitale mettere a disposizione gratuitamente tutte le proprie risorse per innovare il settore della ristorazione dotandolo di nuove possibilità legate al web e ai social, per riprendere la più presto l’attività, anche declinata sul digitale.

Tra le aziende che hanno offerto il proprio know how, Virality in pochi giorni ha coinvolto oltre 80 influencer, che stanno pubblicando in queste ore 240 stories.
Destinatari? 150.000 persone su Instagram: grandi numeri che dimostrano la solidarietà del mondo social, ma anche la volontà di ripartenza.

#iostoconiristoratori è un progetto guidato dalla startup Dishcovery, che ha chiamato ,per il mondo social, Virality. Italiana under 35, Virality è la prima piattaforma end-to-end di Crowdfluencing Marketing e si occupa di creare contenuti, gestire campagne e trovare nuove modalità per migliorare l’esperienza e le performance dei brand su Instagram attraverso l’intelligenza artificiale. È guidata da un team ibrido composto da Data Scientist, Marketers e Developers.

Cynaro il nuovo singolo “Stupida”. Online il video

Cynaro-Stupida Copertina
Cynaro-Stupida Copertina

Cynaro il nuovo singolo “Stupida”. Online il video

In radio, sulle piattaforme streaming e negli store digitali “Stupida” (PlayAudio /Azzurra Music), il nuovo singolo dei Cynaro. Il brano è una critica leggera ma non troppo al mondo degli influencer. La produzione è di Mauro D’Angelo.

«”Stupida”, che lo sia o meno, è riferito comunque alla vita, e non, come si potrebbe fraintendere, alla influencer a cui il testo è dedicato» – commenta la band – «Ciò che però viene fuori verso la fine del brano è che in realtà la cosa più stupida di tutte è la solitudine, talmente stupida che si può avere anche in mezzo a milioni di followers».

Nel videoclip del brano – ideato e scritto dallo storyboard Nicola Cedro, per la regia di Pierluigi Patella – tre stupidi individui (i Cynaro) inseguono una influencer (Emily Delli Quadri) per sfogare le proprie frustrazioni derivanti dal crollo del mercato discografico e dal cambiamento radicale delle mode musicali. Il paradosso è che riversano il loro odio verso il web mettendo il video online, il quale ne assorbirà tutte le potenziali ricchezze.

«L’idea del videoclip nasce da una comune chiacchierata di 4 amici al bar e si sa che le idee migliori nascono sempre così. Poi, durante altri vari incontri, il soggetto ha preso man mano forma fino a diventare il videoclip “Stupida”» afferma il regista.

La fotografia del video, curata dal DOP Giacinto Sirbo, rimanda molto ai film anni 80 con diverse citazioni e riferimenti a pellicole che hanno segnato l’era dei cinema. È un mix di generi tra dramma-commedia-fantasy a tratti trash.

«La stupidità è il tema dominante del video. La si può interpretare ognuno a suo modo. L’avvoltoio rappresenta l’elemento ossessivo ricorrente che già nel primo video, “La legge degli avvoltoi” era apparso in modo determinante. L’avvoltoio è ispirato a un breve racconto di Franz Kafka pubblicato nel 1920. Rappresenta il destino avverso, l’avversario. Ma anche la stupidità di una vita onirica indecifrabile» dichiara il gruppo.

Sul canale ufficiale della band ci sono tracce dell’avvoltoio nel primo singolo “La legge degli avvoltoi”, in “Do you wanna dance” brano dei Senso, prima formazione dei Cynaro e in un trailer non ufficiale di “Stupida”.

L’intenzione di base dello storyboard Nicola Cedro, è quella di creare un concept che abbia elementi ricorrenti, decifrabili a pezzi nella stesura graduale del progetto.

Nicola Cedro, Nicola Ciccotosto e Daniele Salvatorelli sono tre musicisti di Vasto (CH) che collaborano in progetti musicali live e in studio da oltre 20 anni.

Il loro campo di azione finora si è concentrato soprattutto nella loro cittadina e nel suo vasto comprensorio. Il progetto che li ha visti artisticamente più coinvolti furono i “Senso”, band che contava loro tre più altri due elementi sempre del posto. Da qui hanno accumulato moltissime demo e un disco che in sostanza fa parte di un passato ancora da scoprire perché troncato nel momento più importante a causa di situazioni controverse che portarono allo scioglimento del gruppo. Ma la passione e forse il destino ha fatto riunire ancora tre dei cinque elementi dei Senso per creare un nuovo progetto con rinnovato entusiasmo: i Cynaro.

Attualmente il gruppo è composto da: Nicola Cedro (compositore e autore dei brani) voce, chitarra e basso, Nicola Ciccotosto tastiere, Daniele Salvatorelli batteria. Il genere in cui iniziano a muoversi e in linea di massima Pop Rock Italiano, l’ambizione futura è quella di evolvere le idee mischiando elettronica, funk e una psichedelica.

Nel Novembre 2018 hanno creato il loro canale Youtube per inserire nel dicembre dello stesso anno il loro primo brano “La legge degli avvoltoi”. Ancora il destino ha restituito un tassello del puzzle perso quando i Cynaro subito dopo la pubblicazione del primo brano incontrano di nuovo il vecchio manager dei Senso Mauro D’Angelo, con il quale stringono un legame rinnovato e ancora

più solido del precedente. D’Angelo fornisce loro in brevissimo tempo un accordo con Artist First che si occupa della pubblicazione del primo singolo. Sciolto l’accordo i Cynaro proseguono il cammino con il singolo “Stupida” in uscita il 28 febbraio 2020 per Azzurra Music.

Chiara Biasi al Micam con le sue calzarure

CHIARA BIASI
CHIARA BIASI

Graffiante, seducente, al passo con le tendenze, ma estremamente versatile.
È l’anima della prima collezione di scarpe firmata Chiara Biasi, influencer e icona del web. Le calzature sono pensate per donne forti e determinate, che amano sentirsi sensuali e uniche.

La linea fall/winter 2019-2020 è composta da sabot in velluto pitonato, in nero o rosso, cuissardes sensuali ma urbani, anfibi rock-mantic e stivaletti doposci rivisitati.
In anteprima è stato lanciato un assaggio di pre-collezione spring/summer 2020, con una capsule di sneakers in due colori, nero o nude, realizzate con un materiale stretch trasparente che dona una perfetta vestibilità e sensualità data dal vedo non vedo del tessuto.

Chiara si è avvalsa del prezioso appoggio dello showroom Spazio Specie e di produttori e tecnici italiani affermati, selezionando il velluto come materiale principe della collezione, per creare una scarpa dal comfort totale.

La collezione spring-summer 2020 è stata presentata al MIcam 2019, fiera della calzatura internazionale a Milano. Colori fluo si alternano a toni neutri per modelli sporty e decisi come Chiara, da indossare in ogni occasione. La fall/winter 2019/2020 e la pre-collezione sono ad ora disponibili su luisaviaroma.com, tra le più importanti vetrine dello shopping online.

Idroscalo, lo spazio scelto dagli influencer milanesi

Cap_Welcome Creators
Cap_Welcome Creators

Il luogo in cui praticare oltre 20 tipi di sport differenti, dal wakeboard al running, dallo skateboard al parkour. Ma anche un immenso e suggestivo palcoscenico dove danzare, dipingere, esibirsi in ogni performance artistiche, e persino per meditare praticando yoga e immergendosi nella natura. Tutto questo a due passi dal centro città.

È l’Idroscalo, il Mare di Milano che chiama a raccolta giovani e meno giovani, dinamici, sportivi e creativi, per scoprire, o riscoprire, tutte le meraviglie del parco più suggestivo del capoluogo lombardo. Come? Attraverso una campagna social, dove i protagonisti sono proprio i giovani influencer milanesi dello sport, dell’arte, dell’entertainment e della musica.

La nuova campagna social per promuovere il Mare di Milano è promossa da Città metropolitana di Milano e Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato e main sponsor del parco. La campagna, dal titolo “Welcome Creators” accende i riflettori sulle bellezze dell’Idroscalo, grazie appunto al coinvolgimento di alcuni micro influencer milanesi. Tra questi, il gruppo italo-carioca dei Selton.

Non solo musica, ma anche sport, creatività, divertimento: il Mare Di Milano riserva spazi dedicati a tantissime attività, e ogni anno regala nuove sorprese. Come il Wakeparadise, dove praticare sci nautico e wakeboard, e da quest’anno diventare “urban surfer”, cavalcando le onde su una vera tavola nella speciale piscina che offre l’onda statica più grande d’Europa.

O la running park line: 6,3 km di pista da divorare con le gambe e in tutta sicurezza, grazie alla nuova segnaletica appena rinnovata da CAP e Città metropolitana di Milano. O ancora il bosco e il suo silenzio per gli zen warrior e i freestyler, le tribune per chi ama saltare da un blocco di cemento all’altro, il palco per danzare seguendo le note dello swing anni ’50 o il ritmo deciso di melodie più moderne. E infine, il bacino idrico in cui tuffarsi senza pensieri per concedersi la libertà di un momento di svago a pochi passi dalla città.

Per tutti i creators l’invito è non aspettare, ma buttarsi nel mare della creatività! Idroscalo è aperto alle idee di tutti.