Trenord per GP Monza: biglietti speciali, treni straordinari e sconti

Trenord GP
Trenord GP

Con Trenord in pole position al Formula 1 Gran Premio Heineken d’Italia 2016, in programma da venerdì 2 a domenica 4 settembre all’Autodromo Nazionale Monza. Per l’occasione, Trenord offrirà biglietti speciali per il weekend di gara e treni straordinari per il giorno della gara.

Quest’anno, inoltre, la partnership tra Trenord e Autodromo Nazionale Monza, offre una opportunità irripetibile per i tifosi. Chi acquista il biglietto del treno online (sull’e-store di Trenord), avrà diritto a sconti fino al 30 per cento sui biglietti d’ingresso al circuito nelle giornate di sabato 3 e domenica 4 settembre o sugli abbonamenti per tre giorni (da venerdì a domenica) che consentono di accedere, giovedì dalle 16 alle 18, anche alla pit walk con sessione autografi dei piloti.

Contestualmente all’acquisto online del biglietto Trenord, verrà emesso un codice promozionale e una password per accedere ad un’area riservata che consentirà al Cliente di usufruire dello sconto, scegliendo una delle numerose opzioni tra ingressi singoli e abbonamenti per assistere al weekend di gara.

Sono tre i biglietti ferroviari speciali di Trenord validi per la promozione.

Trenord Day Pass
Consente di raggiungere la stazione di Biassono-Lesmo, nei pressi degli accessi all’Autodromo, da qualsiasi stazione della Lombardia. Il costo del biglietto di libera circolazione, è di 13 euro e consente di far viaggiare un adulto con ragazzi fino ai 13 anni, purché legati da vincolo di parentela. Il Trenord  Day Pass ha validità giornaliera e viene venduto per i giorni 2, 3 e 4 settembre. In particolare, domenica 4, il Trenord Day Pass potrà essere utilizzato anche sui treni speciali in servizio tra Milano Centrale e Biassono-Lesmo.

Treno più navetta
Consente di raggiungere la stazione di Monza da qualsiasi stazione ferroviaria di Milano e di usufruire del servizio navetta (Linea Nera) che collega direttamente la stazione di Monza con l’Autodromo. Il costo è di 8 euro e andata e ritorno. Anche questo biglietto ha validità giornaliera e viene venduto per i giorni 2, 3 e 4 settembre. Con questo biglietto non si potrà viaggiare sui treni speciali della domenica, che faranno servizio tra Milano Centrale e Biassono-Lesmo.

Milano Centrale – Biassono a/r solo per domenica 4 settembre
Consente di raggiungere la stazione di Biassono-Lesmo, da Milano Centrale, con i treni speciali che Trenord, anche quest’anno, predisporrà per domenica 4 settembre. Il costo di questo biglietto speciale, di andata e ritorno, è di 5 euro.

I biglietti speciali sono già disponibili nelle biglietterie Trenord, nei My Link Point, nei punti vendita esterni, nelle self service di stazione e online sull’e-store di Trenord. Dal 24 agosto i biglietti speciali Trenord si potranno acquistare anche nelle biglietterie e dalle self service di Trenitalia.
Per approfittare degli sconti sugli ingressi in Autodromo, è necessario che il biglietto ferroviario venga acquistato solo online dall’e-store di Trenord.

Tutte le informazioni su Trenord.it e sulla App gratuita di Trenord per iOs e Android.

Campagna : “Grazie di cuore, Mamma” – Gregorio Paltrinieri e sua mamma Lorena

LorenaEGregorio
LorenaEGregorio

Il team migliore per vincere una gara? Quello composto da una mamma con il proprio figlio, specie se Lei è una donna forte e determinata e Lui uno degli atleti più apprezzati al mondo. Così è per Gregorio Paltrinieri e sua mamma Lorena, ambasciatori in Italia dell’iniziativa «Grazie di cuore, Mamma» promossa da Procter & Gamble in occasione dei Giochi Olimpici Rio 2016 per celebrare il ruolo fondamentale che le mamme, con loro le famiglie, rivestono nel sostenere ogni giorno gli atleti verso il sogno dei Giochi Olimpici.

Un appuntamento speciale a cui anche Gregorio, stella del nuoto che a 21 anni ha già 7 ori in tasca, fra mondiali ed Europei, arriverà accompagnato da mamma Lorena, «perché – assicura – molto di ciò che sono oggi lo devo a mia madre. La voglia di impegnarmi al massimo in tutto ciò che faccio, l’ho presa da lei». «Lei, che mi è sempre stata accanto fin da piccolo, anche se non sapeva nuotare – chiarisce nel video di presentazione dell’iniziativa -. Averla sempre saputa al mio fianco mi ha fatto benissimo. E questo è uno dei migliori ricordi che ho di lei».

«Aveva 4 mesi, subito dopo la prima vaccinazione l’abbiamo portato in piscina – ricorda Lorena – in acqua è stato subito molto bene, non a caso, a 6, 7 anni faceva già agonismo. Per me, vederlo gareggiare è un’emozione indescrivibile, tachicardia allo stato puro. Ricordo ancora la sua prima vittoria: io e suo padre eravamo in tribuna, aveva sempre gli occhi puntati su di noi, fece una gara bellissima».

“Mia mamma si fa prendere moltissimo dalle emozioni, quando vinco impazzisce. E quando non faccio dei tempi eccezionali, invece, cerca di rassicurarmi. Credo sia un’attitudine genetica delle mamme – riprende Gregorio – anche se sbagli qualcosa, cercano di rassicurarti, di dirti che poi non è andata così male, alla fine sei stato bravino lo stesso, anche se non è vero».

«Due o tre anni fa a Herning proprio non era in forma, è arrivato settimo o ottavo, un tempo disastroso, gli ho detto che una sconfitta ci può stare e che sarebbe riuscito a fare meglio la prossima, impegnandosi di più» – gli fa eco mamma Lorena, a cui ancora trema la voce ripensando, invece, al mondiale di Barcellona: «Quando ha vinto ho capito che ce l’avrebbe fatta, lui mi ha guardata e mi ha detto “Mamma sì, questa è la strada giusta per me”».

«Era quello che speravo da sempre, ne parlavo con mia mamma fin da piccolo: volevo fare i mondiali e vincerli. Sentivo di potercela fare. Così sono saltati fuori tutti i ricordi di una vita… è stato bello. Ed è stato anche merito suo. Mia mamma – conclude il campione – si impegna tantissimo ogni giorno in quello che fa e la determinazione che oggi mi guida nel diventare il migliore, credo proprio di averla presa da lei».

La Campagna «Grazie di cuore, Mamma», lanciata a livello mondiale in occasione delle Olimpiadi di Londra 2012, vedrà P&G ospitare Gregorio e la mamma Lorena, unitamente alle altre mamme degli atleti che seguiranno i propri ragazzi ai Giochi Olimpici, nella sua “Family Home” l’espressione più autentica dell’iniziativa. La Family Home è una “casa lontano da casa”, un luogo confortevole nel quale le famiglie degli atleti potranno rilassarsi, seguire le gare e ricevere dei trattamenti di bellezza quali acconciature, make up, rasatura, grazie all’esperienza delle marche P&G tra le quali Pantene, Olaz, Gillette e altre ancora. L’iniziativa di P&G porterà mamma Lorena a Rio dove avrà la possibilità di partecipare alla Cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici e di assistere in prima persona alle gare di Gregorio in programma il 13 e 14 agosto 2016.

E non è tutto: mamma Lorena ha scelto di condividere la sua esperienza anche ne «Il Club delle Mamme dei Campioni», voluto da P&G e da questa estate uno dei contenuti protagonisti di Victoria e di victoria50.it, la rivista e il sito di P&G dedicati a tutte le donne dai 50 anni in su. Con questo “Club”, in linea con la missione di Sponsor fiero di sostenere tutte le mamme che P&G riveste dal 2010, si vuole dare voce proprio alle mamme degli atleti, donne che di solito non sono “sotto i riflettori” ma che con amore, sacrificio e sempre grande forza hanno contribuito al conseguimento degli importanti traguardi sportivi e umani dei propri figli.

Un progetto che continuerà anche dopo i Giochi Olimpici di Rio con la pubblicazione di un’intervista al mese con protagoniste queste splendide mamme e l’obiettivo di creare una community a prova di record perché, si sa, dietro un grande campione c’è sempre una grande mamma!

«Tramite le nostre marche ogni giorno ci prendiamo cura delle persone di tutto il mondo accompagnandole quotidianamente nel proprio vissuto – ha dichiarato Barbara Del Neri Direttore Corporate Marketing P&G Sud Europa. – una missione che ora rinnoviamo con i Giochi Olimpici Rio 2016 celebrando le mamme e i loro straordinari figli atleti. Per questo, attraverso Gregorio e Lorena, intendiamo essere accanto a tutti gli sportivi e più in generale a tutte le mamme del mondo, che con grande passione e sacrificio crescono e trasmettono forza ai propri figli».

Il video è disponibile al link: https://youtu.be/MoBGUJn9DGo

A Milano torna l’evento più pazzo dell’anno: il Red Bull Flugtag

RedBull FLUGTAG
RedBull FLUGTAG

Sono stati selezionati i 40 progetti più originali di macchine volanti “fai da te”, tutte rigorosamente senza motore, che il 19 giugno all’Idroscalo di Milano proveranno a spiccare il volo partecipando alla gara più pazza dell’anno: il RED BULL FLUGTAG.  Anche quest’anno le squadre, provenienti da tutta Italia, sfideranno il “ridicolo” davanti a decine di migliaia di persone che saranno pronte a tifare la più bizzarra delle macchine volanti.

Ancora una volta RED BULL “metterà le ali” agli oggetti più inaspettati e dalla rampa dell’Idroscalo i velivoli dalle forme più esilaranti, frutto della creatività e dell’ingegno dei team selezionati, sfideranno la legge di gravità.

Per l’occasione vedremo librarsi in aria, con la sola forza dei muscoli del team spingitore, maccheroni e sushi giganti, animali e insetti, personaggi e iconografie religiose, dettagli anatomici e dissacranti e molto altro ancora. Per scoprire tutte le squadre e i dettagli dell’evento vai su http://www.redbullflugtag.com/it

A giudicare le audaci gesta dei 40 team ci sarà anche LUCA BERTOSSIO, giovanissimo e pluripremiato campione italiano di aliante.
Il 1° team classificato della IV edizione del Red Bull Flugtag si aggiudicherà la possibilità di volare in aliante proprio con lui!

Il premio per il 2° classificato è una visita Experience all’Hangar 7 di Salisburgo, location esclusiva riservata agli amanti del volo, mentre il team sull’ultimo scalino del podio si aggiudicherà un volo in parapendio con Aaron Durogati.

Giunto ormai alla sua quarta edizione, il RED BULL FLUGTAG è un evento fuori dal comune aperto a tutti coloro che vogliono mettere in mostra la propria creatività e il proprio coraggio ideando improbabili macchine volanti che dovranno essere in grado di librarsi nell’aria solo grazie alla loro forma e alla forza del pilota e del “team spingitore” ed un’occasione imperdibile per tutti quelli che vogliono godersi uno show unico e gratuito. Ogni edizione richiama un pubblico di circa 40.000 persone.

Chiara Ragnini in diretta su Rai Due a Mezzogiorno in Famiglia per Andora

Andora - Chiara Ragnini
Andora – Chiara Ragnini

La cantautrice ligure canterà all’interno della trasmissione Rai nella squadra del Comune di Andora,
in gara sabato 2 aprile dalle 11:00 alle 13:00

Dopo essere stata ospite agli eventi collaterali del 66° Festival della Canzone Italiana di Sanremo, la cantautrice Chiara Ragnini si esibirà in diretta nazionale su RaiDue all’interno di Mezzogiorno in Famiglia, la trasmissione del weekend diretta da Michele Guardì e condotta da Amadeus, Alessia Ventura e Sergio Friscia, dagli studi Rai di Via Teulada a Roma. L’artista gareggerà nella squadra del Comune di Andora (SV), cantando in occasione della sfida artistica contro il Comune di Foglianise (BN), attuale campione in carica.

“Ringrazio Marco Moraglia, Silvia Tosi e tutto lo staff del Comune di Andora per questa bella opportunità.” commenta Chiara “Sono sicura che ci divertiremo un mondo, qualunque sarà l’esito finale della gara. Questa è una splendida occasione per portare uno scorcio della mia terra nelle case di tutta Italia.”

Il pubblico da casa potrà sostenere la prova artistica di Chiara e il Comune di Andora attraverso il televoto, con i numeri 894.433 (telefono fisso) e 478.4784 (sms). Per partecipare ai giochi da casa i telespettatori potranno prenotarsi all’inizio della puntata chiamando il numero telefonico 894.433.

Dopo la pubblicazione del singolo Tra le foglie dedicato al borgo medioevale di Lingueglietta (IM), sua casa dal 2009, l’artista prosegue nel suo percorso di valorizzazione e promozione del territorio Ligure, questa volta attirando l’attenzione sul Comune di Andora (SV), piccolo gioiello della riviera di ponente.

Valentino Rossi – post gara

valentoino rossi
Il pilota della Yamaha Valentino Rossi ha parlato a Sky nel post gara del GP di Valencia.

“Lorenzo secondo me ha meno colpe di Marquez, anche perché penso che quello che ha fatto Marquez, Lorenzo non lo ha mai fatto in pista.
Però con il suo comportamento e quello che ha detto dopo la gara della Malesia, per me personalmente si merita di essere trattato quasi alla stregua di Marquez.

Poteva stare benissimo zitto e faceva molta più bella figura.
Magari erano d’accordo, non lo so. Lo avevo già detto giovedì, alcuni dicevano che non lo avrebbero fatto, io ero convinto che ormai sarebbero andati fino in fondo. È stato brutto.

Già dall’ultima reazione di Marquez, da venerdì e da sabato, dove diceva che avrebbe fatto di tutto per battere Lorenzo, lì ho avuto la conferma che avrebbero fatto il “biscottone”. È un po’ quello che fanno le squadre di calcio quando alla fine della stagione non devono andare in Serie B.
E’ abbastanza triste, una grande occasione sfumata. Secondo me non me lo meritavo, ma ormai…

Sinceramente ho ancora l’adrenalina della gara, quindi diciamo che sto abbastanza bene. Magari con il passare delle ore mi dispiacerà di più, però avevo già capito che andava a finire così. Ero sicuro che avrebbero fatto questo. Quando ho capito che sarei dovuto partire ultimo, non potendo giocarmi le mie possibilità con Lorenzo, mi è stato subito chiaro che Marquez gli avrebbe guardato le spalle e così è successo. Me lo aspettavo.

Il mio grandissimo rimpianto è stato Phillip Island: ero più veloce di Lorenzo, dopo 4,5 giri lo avevo già preso, da 18 punti il vantaggio sarebbe cresciuto e probabilmente sarebbe stato chiuso lì. È stato quello il bivio del finale di stagione.”