Dotazione finanziaria 15 milioni per l’Aler e Comuni

Riqualificazione case popolari
Riqualificazione case popolari

Dotazione finanziaria.

L’investimento, prevede 15.000.000 euro – eventualmente incrementabili – cosi’ ripartiti: 10.000.000 euro per l’Aler; 5.000.000 euro per i Comuni.

In caso di economie o mancata assegnazione dell’intera dotazione, le risorse destinate a una linea saranno utilizzate sull’altra, per l’assegnazione completa o lo scorrimento in graduatoria di eventuali progetti ammessi e non finanziati.

I massimali di finanziamento per ciascun beneficiario sulla base del numero di alloggi SAP di proprieta':

Linea Aler: oltre 50.000 alloggi, 6.000.000,00 euro; tra 10.000 e 49.999, 1.800.000 euro; fino a 9.999, 1.200.000 euro.

Linea Comuni: oltre 700 alloggi, 2.000.000 euro; tra 251 e 700, 1.000.000 euro; fino a 250, 200.000 euro.

Finalita’.

Gli obiettivi di questa manovra sono la promozione della riqualificazione energetica profonda di fabbricati esistenti, di proprieta’ esclusiva degli Enti beneficiari e su cui siano gia’ programmati interventi di manutenzione straordinaria, restauro o ristrutturazione edilizia, attraverso l’erogazione di finanziamenti pubblici Por Fesr 2014-20, destinati a opere mirate al raggiungimento di prestazioni energetiche ed emissive di standard piu’ elevati (ristrutturazione importante di I o II livello, ai sensi del D.lgs. 192/2005 e s.m.i e della DGR n. 3868/2015).

Beneficiari.

 Soggetti destinatari sono le Aler e i Comuni definiti ‘ad alta tensione abitativa’ appartenenti alle prime cinque classi di fabbisogno ex PRERP 2014-2016: ‘In aumento’, ‘Elevato’, ‘Critico’, ‘Da capoluogo’ e ‘Acuto di Milano’.

Tipologia dell’agevolazione.

Finanziamento a fondo perduto fino al 100 per cento dei costi ammissibili e comunque fino ai massimali definiti per soggetto proprietario (in base al numero degli alloggi posseduti) di opere finalizzate al raggiungimento degli standard di prestazione energetica ed emissiva piu’ elevati (ristrutturazione importante), che interessino interi fabbricati esistenti gia’ oggetto di intervento programmato o in corso.

L’entita’ del contributo sara’ oggetto di valutazione in base ai criteri Sieg e la congruita’ dei costi delle opere aggiuntive necessarie per il raggiungimento dei target fisici di risultato Por Fesr Asse IV. Non e’ prevista la cumulabilita’ con altri contributi di natura regionale, statale e comunitaria per le medesime opere.

Interventi ammissibili.

Opere di efficientamento energetico del sistema involucro e impianti, mirate al raggiungimento degli standard piu’ elevati di prestazione energetica ed emissiva (ristrutturazione importante di I o II livello, ai sensi del D.lgs. 192/2005 e s.m.i e della DGR n. 3868/2015), che interessano interi fabbricati esistenti destinati a Servizi Abitativi Pubblici e per i quali siano in fase di progettazione o in corso di realizzazione interventi di manutenzione straordinaria, restauro o ristrutturazione edilizia inseriti nell’annualita’ 2016 e/o successive del programma OO.PP.

Le opere di efficientamento energetico dovranno in ogni caso rientrare in progettualita’ oggetto di nuova procedura di gara. Nelle opere ammissibili sono inclusi l’eventuale installazione di sistemi di produzione energetica da fonti rinnovabili integrati da sistemi di accumulo posti al servizio dei fabbricati stessi, nonche’ interventi di sostenibilita’ ambientale previsti nei criteri di valutazione.

Sono esclusi interventi che comportino: demolizione integrale e ricostruzione del fabbricato; il cambio di destinazione d’uso (Sap); la mobilita’ di tutti o parte degli inquilini residenti.

Progetto di illuminazione led a Cori e Giulianello

foto panoramica via degli artigiani Cori
foto panoramica via degli artigiani Cori

L’intervento riguarderà via degli Artigiani e via del Colle, a Cori; via della Stazione e via dei Lecci, a Giulianello, per un investimento complessivo di 90.000,00 euro.
Prosegue il piano di efficientamento energetico della pubblica illuminazione del territorio avviato quest’anno dall’Amministrazione comunale con l’installazione dei primi apparecchi a led in contrada Insito. La Giunta Municipale ha approvato in questi giorni il progetto definitivo ed esecutivo fatto redigere dall’Assessorato ai Lavori Pubblici che prevede altri 90 lampioni stradali e lampade a parete a led in quattro diverse strade.
I lavori inizieranno subito dopo l’affidamento dell’appalto tramite gara, che verrà bandita a breve dall’Ufficio tecnico. L’intervento riguarderà via degli Artigiani (foto di Pasquale Cupiccia) e via del Colle, a Cori; via della Stazione e via dei Lecci, a Giulianello. L’investimento complessivo è di 90.000,00 euro finanziati dal Ministero dello Sviluppo Economico, nell’ambito del decreto legge 30 aprile 2019, n. 34, recante “Misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi”.
Oltre a dotare le zone interessate di nuovi corpi illuminanti a led con linee di alimentazione interrate, si provvederà alla sistemazione della struttura luminaria esistente in queste vie, con rinforzi in acciaio, verniciatura e sostituzione di pali e lanterne usurati e danneggiati, nonché all’adeguamento della distribuzione elettrica che regola il sistema centralizzato di accensione e spegnimento programmato.
“Un’opera che contribuisce sicuramente ad aumentare la sicurezza stradale e la vivibilità del nostro paese, grazie alla maggiore visibilità offerta dalla tecnologia a led – spiegano il Sindaco Mauro De Lillis e l’Assessore ai Lavori Pubblici Ennio Afilani – con tutti i vantaggi legati all’ecosostenibilità del led: il risparmio energetico garantito farà bene innanzitutto all’ambiente, con minori emissioni di CO2, ed anche al bilancio dell’ente, con bollette più leggere.”

Energia e ambiente: via libera ad accordo per collaborazione Regione Lombardia – Enea su economia circolare

Economia circolare - Regione Lombardia collaborerà con Enea
Economia circolare – Regione Lombardia collaborerà con Enea

ASSESSORE CATTANEO: POLITICHE ENERGETICHE TRA LE NOSTRE PRIORITA’
La Giunta lombarda ha approvato lo schema dell’accordo attuativo dell’accordo di collaborazione tra Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) e Regione Lombardia, in materia di ambiente ed energia.
Il provvedimento fa seguito all’accordo di collaborazione tra Enea e Regione Lombardia del 2018 e contiene uno schema di accordo attuativo da Regione Lombardia ed Enea e lo schema di contratto di comodato d’uso gratuito.
SFIDE GLOBALI
“Il tema della sostenibilità ambientale e delle politiche energetiche verso fonti rinnovabili – ha spiegato l’assessore regionale all’Ambiente e Clima Raffaelle Cattaneo – è una delle priorità del governo di Regione Lombardia.
Abbiamo dato vita all’Osservatorio per l’economia circolare e la transizione energetica: vogliamo infatti poter cogliere le sfide globali, anche sotto il profilo economico attraverso nuovi sistemi di consumo e modelli di sviluppo.
Attraverso la collaborazione con Enea vogliamo quindi realizzare attività che promuovano una maggiore efficienza energetica, un minore impatto ambientale e una migliore gestione dell’energia, in un’ottica di sviluppo sostenibile”.
DURATA
L’Accordo attuativo durerà per l’intera legislatura a decorrere dalla data di sottoscrizione e potrà essere prorogato previo accordo scritto tra le parti. L’accordo non comporta alcun onere economico per la Regione per l’esecuzione delle attività in esso previste.
OBIETTIVI
L’accordo è motivato dall’intenzione congiunta di procedere, in un’ottica di promozione e sviluppo sostenibile, alla realizzazione di attività di interesse comune nel campo delle tematiche legate alla transizione energetica ed al clima, dell’efficienza energetica, della qualità dell’aria, della gestione dei fanghi da depurazione, dell’analisi di benchmark sull’impiego degli aggregati riciclati e sulla condivisione dei risultati dei progetti comunitari di comune interesse.
ATTIVITA’ PREVISTE
Tra le numerose attività: la cooperazione nelle attività dell’Osservatorio regionale per l’economia circolare e la transizione energetica; l’implementazione di un servizio regionale di supporto agli enti locali sulle tematiche legate alla transizione energetica; l’elaborazione contributi tecnici specialistici alla redazione del Piano energia e clima di Regione Lombardia; l’analisi e integrazione informazioni delle banche dati gestite da Enea e Regione Lombardia; il supporto alla predisposizione e verifica attuativa di misure di incentivazione delle Pmi per la realizzazione di interventi di efficientamento energetico; il coordinamento delle misure di incentivazione nazionali esistenti in ambito di efficienza energetica con le future misure regionali sulla base dell’esperienza dei bandi regionali; l’interlocuzione per la partecipazione ai progetti comunitari ed elaborazione di eventuali proposte congiunte; la realizzazione di uno studio finalizzato alla valutazione dei margini di ottimizzazione ed efficientamento della filiera di produzione e gestione dei fanghi di depurazione municipali, su scala regionale; lo sviluppo, attraverso opportune analisi di scenario, di un modello gestionale per la Regione Lombardia utile a proporre una chiusura del ciclo nella filiera dei rifiuti da costruzione e demolizione; l’attività finalizzate alla riduzione dello spreco alimentare e collaborazione in materia di qualità dell’aria.

Apre la settimana delle Energie Sostenibili

energie-rinnovabili
energie-rinnovabili

Apre oggi 18 e prosegue fino al 24 marzo la seconda edizione della Settimana delle Energie Sostenibili, iniziativa di Amat e del Comune di Milano diffusa in tutta la città, per approfondire la conoscenza dei temi dell’efficienza energetica coinvolgendo aziende private, enti pubblici, associazioni di categoria, istituzioni, società di servizi e realtà no profit.

L’iniziativa è in sinergia con il programma di Reed Exhibitions Italia, organizzatore della MCE – Mostra Convegno Expocomfort sull’efficientamento energetico nell’impiantistica civile e industriale.

MCE in the City prevede installazioni interattive dislocate lungo la passeggiata che va dal Duomo al Castello Sforzesco, visite guidate e incursioni nelle periferie riqualificate dal Comune con gli autobus elettrici di ATM (per informazioni sugli eventi www.mceinthecity.it). Tre le installazioni interattive su energia e consumi, in largo Cairoli, via Dante e piazza Cordusio, organizzate da MCE in the City e inaugurate il 19 alle ore 12.30.

Sempre in Cordusio verrà ospitato anche lo Sportello Energia, servizio informativo rivolto ai cittadini sui temi dell’efficienza e del risparmio energetico, offerto da Amat e aperto da domani al 24 marzo, dalle 12:30 alle 14:30 e dalle 17:30 alle 20.

Inoltre, il 20 marzo dalle 9.30 alle 12.30 in viale Sabotino 22 si terrà l’incontro sulle modalità di erogazione e di accesso al Bando comunale Energia Be2, un evento realizzato con l’associazione amministratori Anaci Milano e con la partecipazione di Amat, Enea e Legambiente.

“La Settimana delle Energie Sostenibili – dichiara Marco Granelli assessore all’Ambiente – si inquadra nell’ambito degli impegni internazionali assunti da Milano verso i cittadini in difesa della qualità ambientale. Fra questi la riduzione del 40% dei livelli di CO2 rispetto al 2005 con il Patto dei Sindaci, il passaggio a città ‘fossil fuel free’ entro il 2030 assunto con la rete C40. Senza contare il più ampio contesto dell’Agenda Onu 2030, che fra i traguardi dell’Obiettivo 7 include l’accesso a servizi energetici convenienti, affidabili e moderni, l’aumento della quota di energie rinnovabili nel consumo totale di energia, il raddoppio del tasso globale di miglioramento dell’efficienza energetica”.