Olimpiadi e infrastrutture per la maggiore inclusività

Olimpiadi 2026
Olimpiadi 2026

“Sport, gioco e tempo libero sono fattori importanti per chi ha fragilita’. E l’inclusione puo’ essere piu’ facile, nelle diverse forme in cui lo sport puo’ essere vissuto, anche da spettatore. ‘Milano Cortina 2026′ sara’ l’occasione per affrontare il tema delle barriere in funzione delle diverse disabilita’ e far crescere la possibilita’ di fare attivita’ pur nei limiti della propria situazione fisica”. Stefano Bolognini, assessore alle Politiche sociali, abitative e disabilita’, e’ intervenuto cosi’ questa mattina a Milano, nel corso di un evento organizzato da Milano Serravalle Engineering, affrontando il tema dello sviluppo delle infrastrutture in vista delle Olimpiadi invernali del 2026 in rapporto al bisogno di inclusivita’ per chi e’ disabile.

Giocare inclusivo.
“Giocare e vivere insieme puo’ essere molto naturale – ha aggiunto Bolognini -, lo abbiamo visto recentemente inaugurando i ‘giochi inclusivi’ per i bambini delle scuole primarie. A dicembre avremo le ‘Olimpiadi dei sordi’ in Valtellina, appuntamento che ci sta particolarmente a cuore. Per primi abbiamo approvato una legge sulla lingua dei segni che non esisteva in Italia. Ora stiamo cercando di capire quali momenti collaterali si potranno mettere in atto perche’ su questo tema ci sia una sensibilita’ che oggi manca. Immaginate, ad esempio, una persona che ha bisogno di informazioni sulle Olimpiadi e non ci sente. Noi come Regione ci siamo gia’. E ci saremo con i servizi adeguati. “Penso poi – ha proseguito l’assessore – all’ultimo aspetto legato all’housing sociale: le Olimpiadi possono rappresentare uno strumento per superare alcune barriere e dare slancio a alcune situazioni. Oggi il disabile non arriva in certi luoghi, dobbiamo capire se questo evento sia occasione perche’ una parte delle infrastrutture possa essere rivista e potenziata. Lo stesso vale anche per i trasporti”.

La ‘dotazione’ olimpica, un’eredita’.
Infine il villaggio olimpico, oggi previsto a Porta Romana, una zona oggi degradata. “Il rifacimento della stazione e la collocazione del villaggio olimpico con le residenze – ha osservato Bolognini – consentira’ un approccio integrato intelligente in funzione delle disabilita’. Delle 1260 camere previste il 44% sara’ accessibile alle persone con disabilita’. Guardiamo a dopo: Milano ha una popolazione di 200 mila studenti universitari”.

“Fashion Day: Sfiliamo per Abbattere i Pregiudizi”

Sfiliamo per abbattere i pregiudiz
Sfiliamo per abbattere i pregiudiz

Il Comune di Milano Insieme all’Associazione Impegno Sociale Multietnico e la Casa della Moda Multiculturale Milanese hanno organizzato per sabato 23 febbraio, dalle ore 14:30  presso la Sala Alessi del Comune di Milano. l’evento “FASHION DAY: SFILIAMO PER ABBATTERE I PREGIUDIZI”, con il preciso scopo di  per dare uno stimolo e un apporto alla moda, nelle sue ammirabili e fantastiche diversità.

Ago e filo, affiancato a estro e originalità, daranno quindi vita ad abiti che verranno indossati da modelle anche diversamente abili e curvy, al fine di superare le ultime barriere che ancora oggi, esistono nel nostro secolo. Sarà anche l’occasione per affermare il diritto umano di camminare a fianco l’uno all’altro mano nella mano e far comprendere, che la diversità è dentro in ognuno di noi.

Colori e creazioni, taglio e cucito, saranno forza dominante per stupire il pubblico milanese. In questo modo, la moda affiancata alle Istituzioni,  alle Associazioni ed alle Enti impegnate nel sociale, possono dare la forza a donne e uomini per abbattere i pregiudizi. Il presentatore dell’evento sarà Leo Lionel e testimonial dell’evento sarà l’attore, modello e produttore Lo Savio Daniele in arte Niele Saviona.

Inoltre l’evento vedrà la partecipazione speciale di Dario Greco in arte Mirko Geco,  noto presta immagine della moda con prodotti rivolti all’estero e modello, di Matteo Debbia, modello e attore e di  Massimo Restivo, Vicepresidente di United Planet-ONU.

Le stiliste poi (i loro nomi sono ancora top secret), con le loro creazioni, daranno lustro all’evento insieme all’impegno sociale. Trucco e parrucco a cura di Gianni Graziano ed Elihair Agency.

Ingresso libero.

Per prenotare gratuitamente il proprio posto e per maggiori informazioni:
https://www.facebook.com/events/297578390930498/

Nuotatori paralimpici: “Progetto AcquaRio”

Stoccolma_2015 (10)
Prima uscita ufficiale dei nuotatori paralimpici del team “AcquaRio” di Milano per la stagione 2015-2016: l’occasione è stata quella dei Campionati Svedesi Open di Nuoto Paralimpico che si sono svolti sabato 31 ottobre e domenica 1 novembre a Stoccolma, in Svezia.

La squadra non era al completo ma ben rappresentata: Federico Morlacchi e Arianna Talamona per la POLHA-VARESE, Giulia Ghiretti di Ego Nuoto Parma, Arjola Trimi della Polisportiva Bresciana, Francesca Secci della Saspo Cagliari  e la “new entry” Giuseppe Romele della Polisportiva Disabili Valcamonica, guidati dagli allenatori Massimiliano Tosin e Micaela Biava.

Le gare sono state premiate con formula “open”, ovvero a punti e non per categorie.
I nostri atleti hanno fatto incetta di medaglie:

– Federico Morlacchi 3 ori, nei  400 stile libero, 100 dorso e 50 farfalla

– Arjola Trimi 2 ori, nei 100 e nei 200 stile libero

– Giulia Ghiretti oro nei 100 rana e bronzo nei 50 rana

– Francesca Secci 3 argenti: nei 200 misti, 400 stile libero e 50 farfalla

– Arianna Talamona: argento nei 100 dorso e bronzo nei 400 stile libero

– Giuseppe Romele, pur non andando a podio, ha fatto i suoi personali nei 100 e 400 stile libero e nei 50 farfalla

Medaglia d’oro per la staffetta femminile 4 x 50 mista. Tutti i risultati su www.livetiming.se

Per gli allenatori Massimiliano Tosin e Micaela Biava l’open di Stoccolma è stato un ottimo test per valutare lo stato di forma dei ragazzi dopo l’estate, in apertura di una stagione che si prospetta lunga e faticosa.

Prossimo impegno per tutti il meeting internazionale di Brescia in programma il 20 dicembre, a cui seguiranno gli Europei a Madeira dall’1 al 7 maggio 2016 e le Paralimpiadi di Rio a settembre, per le quali Federico, Arjola e Giulia hanno già il pass mentre gli altri devono tentare di rientrare nei minimi partecipando ai prossimi 2-3 meeting sanzionati dall’IPC. Ultima data utile il 31 gennaio 2016.

Il “Progetto AcquaRio” è nato dalla collaborazione tra alcune società paralimpiche di varie regioni italiane per riuscire ad allenare i loro atleti di alto livello a Milano dove si trovano per motivi di studio o di lavoro.

Il Team che si prepara ad affrontare la sua stagione più impegnativa è cresciuto rispetto al 2015 :

5 Società aderenti:

Polha Varese (capofila)

Ego nuoto Parma

Pol Bresciana

Saspo Cagliari

Pol Valcamonica (new entry)

Ass.Polisportiva Dilettantistica per Disabili

Via Guicciardini, 56 – 21100 Varese

Tel/Fax 0332-263770 – Cell.338-7821842

E-mail: dacopi@alice.it

Alunni disabili

Alunni disabili

APPROVATE LINEE OPERATIVE PER FAVORIRE MAGGIORE INTEGRAZIONE

(Ln – Milano, 18 ago) Approvate dalla giunta regionale su proposta degli assessori alla Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà sociale Giulio Boscagli, alla Sanità Luciano Bresciani e all’Istruzione Formazione e Lavoro Gianni Rossoni le linee operative per il processo di individuazione e accompagnamento dell’alunno con disabilità ai fini dell’integrazione scolastica.

Il provvedimento recepisce il lavoro svolto dal Gruppo di Lavoro Interistituzionale Regionale (GLIR) composto da rappresentanti dell’Amministrazione scolastica, di Regione Lombardia (Direzioni Generali Famiglia, Sanità e Istruzione), Di UPL (Unione Province

Lombarde) e ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) Lombardia oltre che da LEDHA (lega per i Diritti delle persone con disabilità), FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali dei Disabili) e da figure specialistiche (UONPIA-Unità Operativa di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza e ASL).

L’ACCERTAMENTO COLLEGIALE

Le linee operative prevedono che anzitutto sia effettuato l’accertamento collegiale della situazione dell’alunno con disabilità con particolare attenzione per i bambini che stanno frequentando la scuola e per i quali in corso d’anno scolastico siano emersi problemi.

Sarà la scuola a suggerire ai genitori la necessità dell’inquadramento diagnostico presso i servizi specialistici.

Questo accertamento sarà svolto dal collegio istituito presso le Aziende Sanitarie Locali e collocato funzionalmente all’interno del Dipartimento per le Attività Socio Sanitarie Integrate (A.S.S.I.). Il collegio è composto da un neuropsichiatra infantile appartenente alle Unità Operative di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza delle Azienda Ospedaliere, uno psicologo ed un assistente sociale dell’Asl.

Il percorso di integrazione scolastica della persona diversamente abile non si esaurisce con l’accertamento, che invece costituisce il primo passo a garanzia del diritto allo studio delle persone con disabilità.

Il Collegio ha infatti la funzione di accertare la disabilità e il conseguente diritto soggettivo ad usufruire di supporti per l’integrazione scolastica.

La domanda di accertamento dovrà essere presentata dal genitore/tutore al collegio della ASL di residenza.

Per i bambini di prima scolarizzazione (attraverso l’iscrizione al nido, alla scuola dell’infanzia o alla scuola primaria) entro il 31 dicembre dell’anno precedente all’inizio della frequenza scolastica, per i bambini che stanno frequentando entro aprile/maggio.

I tempi per la visita sono fissati entro i 60 giorni dalla data di presentazione della domanda e eventuali ricorsi vanno presentati entro 30 giorni dalla data di consegna del verbale redatto dal collegio di accertamento.

LA DIAGNOSI FUNZIONALE

E’ il secondo elemento del processo di integrazione scolastico del bambino con disabilità.

Redatta in base ad uno specifico modello, che sarà adottato dalle strutture pubbliche e private, la diagnosi funzionale è redatta dall’èquipe multidisciplinare che ha in carico il minore e consegnata alla famiglia che provvederà a presentarla all’Istituto scolastico frequentato, in tempo utile perché la scuola possa strutturarsi con l’organico necessario all’integrazione dell’alunno.

Descrive la situazione clinico-funzionale del bambino al momento dell’accertamento ed evidenzia i deficit e le potenzialità sul piano cognitivo, affettivo-relazionale, sensoriale.

Per venire incontro alle esigenze dei bambini e delle loro famiglie, la giunta regionale della Lombardia ha introdotto – per le strutture pubbliche e private accreditate per la riabilitazione – la tariffazione delle sedute diagnostiche in vigore dal 2008.

La stesura della diagnosi funzionale deve essere redatta entro la scadenza delle iscrizioni per i bambini che intendono frequentare l’asilo nido, la materna o la scuola primaria, entro aprile/maggio per i bambini che già stanno frequentando la scuola e prevede aggiornamenti al passaggio di ordine di scuola o in presenza di significativi cambiamenti del quadro.

IL COORDINAMENTO

Per raggiungere l’obiettivo dell’integrazione scolastica dei disabili, visto il coinvolgimento di molti e differenti attori, è indispensabile la funzione di coordinamento.

In base alle Linee operative approvate dalla giunta regionale la funzione di coordinamento è garantita dall’azione congiunta del GLIR (Gruppo di Lavoro Interistituzionale Regionale) con i 12 GLIP (Gruppi di Lavoro Interistituzionali Provinciali) e i relativi CTRH (Centri Territoriali Risorse) nella loro nuova composizione che prevede anche la presenza di UONPIA, ASL, Enti Locali e Associazioni. All’interno dell’istituzione scolastica, la funzione di coordinamento viene esercitata dai GLH (Gruppi di Lavoro Handicap) di istituto. (Ln)

 

Progetti

Stiamo lavorando per...

Dietro la notizia ha creato nell’anno 2009 il circuito commerciale shopping.dietrolanotizia.it 

E’ un sito in cui professionisti, commercianti, aziende, imprese e ancora.., possono avere una vetrina commerciale attraverso un minisito con informazioni, immagini, contatti, link e fornire ai nostri lettori – attraverso una terssera sconti da richiedere – , sconti o promozioni ai nostri lettori.

Lo scopo è quello di creare una rete commerciale di contatti in cui tutti possano usufruire del meglio per le loro richieste di servizi. Diversificati per categorie commerciali, è possibile chiedere inserzioni attraverso la mail: marketing@dietrolanotizia.it

IL GRANDE PROGETTO:

Studiato nel tempo e con l’esperienza, oggi, giugno 2011 è in costruzione il sito www.mondodisabile.it 

Un sito dedicato a persone disabili, diversamente abili e alle loro famiglie. Un unico punto di riferimento per avere tutte le  informazioni utili e le procedure per praticare sport, trovare un albergo villaggio ad hoc, le burocarazie per prendere un aereo o per andare ad un concerto. Le strutture di assistenza, dove praticare riabilitazioni. Le prassi per andare all’estero e la validità dei pass italiani. Questo e molto di più ancora.

Un servizio interattivo in cui a domande ci saranno risposte concrete e utili, un sito fatto anche in braille, e acustico per disabili sensoriali.

Un grande progetto che ora deve farsi conoscere e prendere il via.

Davide Falco