La solidarietà del Presidente Fontana ad Azzolina e Sileri

Attilio-Fontana
Attilio-Fontana

“Esprimo la vicinanza e solidarieta’ personale e della Regione Lombardia al ministro Azzolina e al viceministro Sileri, vittime di attacchi tanto indegni quanto inaccettabili”.

Lo afferma il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana.

“Non saranno di certo queste minacce – conclude Fontana – a condizionare il loro impegno verso le istituzioni”.

 

Fase 2bis: Linee guida trasporto nautico balneazione

Trasporto nautico
Trasporto nautico

Fase 2bis: Linee guida Mit per il trasporto nautico e la balneazione

In vista della graduale ripresa delle attività nautiche e al fine di disciplinare l’afflusso dei passeggeri nei porti nazionali in concomitanza anche con la stagione balneare, il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti ha predisposto una serie di specifiche linee guida volte a regolamentare i principali settori delle attività sportive e ricreative connesse alla navigazione, in particolare:

Gestione stazioni marittime e portuali

Queste le indicazioni da rispettare nei luoghi a diffusa frequentazione come le stazioni marittime, i terminal crociere e le banchine di imbarco e sbarco dei passeggeri:

– uso di cartellonistica plurilingue o di “QR Code” informativi

– promozione di sistemi on-line di prenotazione ed acquisto biglietti

– accessi contingentati e programmati con percorsi obbligati

– distanza sociale di 1 metro

– installazione di un adeguato numero di distributori di disinfettante

– appropriata sanificazione degli ambienti di transito e delle superfici esposte al contatto

– potenziamento del personale preposto ai servizi di vigilanza, accoglienza e informazione dell’utenza

Navigazione da diporto

Nelle attività da diporto la responsabilità individuale degli utenti resta l’elemento essenziale per rendere efficaci le misure di distanziamento sociale quali:

– evitare contatti ravvicinati

– adeguata sanificazione degli ambienti

– distanza interpersonale di almeno un metro

– protezione del naso e della bocca per i passeggeri

Disciplina delle attività con unità da diporto private

A bordo di unità da diporto private valgono le stesse regole delle unità abitative. La misura primaria resta il “distanziamento sociale” di almeno un metro a meno che le persone presenti a bordo non vivano nella stessa unità abitativa.

Anche i congiunti, se non conviventi, devono rispettare il distanziamento sociale di una persona per ogni metro lineare dell’imbarcazione. Obbligatoria anche la dotazione di dispositivi di protezione individuale per i passeggeri e l’uso di igienizzante per le superfici.

Disciplina unità da diporto ad uso commerciale

Il numero massimo di persone trasportabili sarà stabilito sulla base della capienza dell’unità e sulla possibilità di attuare le misure di distanziamento sociale previste con la limitazione dei titoli di viaggio acquistabili e la predisposizione di dissuasori alla seduta (1 mt di distanza).

Obbligatoria la dotazione a bordo di dispositivi di protezione individuale per ciascun occupante ed igienizzante per superfici.

Rimane l’obbligo di attenersi alla normativa per gli spostamenti nella Regione e tra le Regioni e il rispetto delle normative internazionali anti-contagio durante la navigazione fuori dalle acque territoriali nazionali.

Per le società che svolgono, in forma commerciale, attività legate al diporto o allo svolgimento di attività acquatiche (escursioni, diving, noleggio e locazione unità da diporto, pesca turismo etc…), potenziati i servizi di pulizia delle imbarcazioni e degli altri locali aziendali (biglietterie, magazzini).

La locazione dell’unità da diporto

Alle unità da diporto in locazione si applicano le stesse norme di prevenzione previste per le imbarcazioni private.

Sono consentiti alloggi nella stessa cabina a persone che vivono nella stessa unità abitativa.

Il locatore è tenuto a sanificare, anche in caso di utilizzo ad ore dell’imbarcazione, tutti i locali – compresi quelli motori e servizi – così come dovrà dotarsi di adeguate provviste di prodotti igienizzanti oltre a cartellonistica informativa, redatta in più lingue, per sensibilizzare il locatario ed i suoi ospiti sulla necessarie misure igieniche da adottare.

Nel caso di ingaggio di uno skipper da parte del locatario, si applicheranno le disposizioni previste nel noleggio per l’equipaggio.

Il noleggio dell’unità da diporto

Per quanto concerne il noleggiante/armatore valgono gli stessi obblighi previsti per il locatore: sanificazione ad ogni utilizzo di tutti i locali dell’imbarcazione.

Per quanto concerne l’equipaggio, obbligo di utilizzo di mascherine e guanti e di ogni altro dispositivo di protezione in funzione della tipologia dell’unità in particolare, durante le operazioni di ormeggio, disormeggio, bunkeraggio ed eventuale rimorchio. Per l’equipaggio inoltre, trattandosi di soggetti chiamati, in alcuni casi, ad effettuare manovre di primo soccorso (come nel caso del Comandante per il quale è obbligatorio il corso di primo soccorso elementare e BLS), dovrebbe essere previsto l’obbligo di sottoposizione preventiva (prima dell’imbarco) e periodica al test di positività al CoVid-19, il cui esito dovrà essere custodito a bordo. E’ comunque prevista la misurazione obbligatoria della temperatura dei membri dell’equipaggio con cadenza giornaliera.

L’equipaggio dovrà avere cura inoltre di impedire l’accesso a bordo ad estranei durante la sosta in porto o in marina.

Chi vive nella stessa unità abitativa potrà condividere l’alloggio in cabina.

Per gli ospiti valgono le regole generali sul distanziamento sociale e sulle misure di prevenzione interpersonali, ovvero una persona ogni metro di lunghezza lineare dell’unità, compresi i membri di equipaggio, a meno che gli ospiti presenti non vivano insieme.

Porti turistici e Marine

I gestori di porti turistici devono dotarsi di appositi cartelli informativi, in italiano ed in inglese, sulle misure comportamentali da rispettare, l’uso dei dispositivi di protezione individuale, l’installazione di dispenser di igienizzante sui pontili, la limitazione degli spostamenti, i divieti di assembramenti e il rispetto del distanziamento sociale.

Navigazione e norme di sistema

Rimane l’obbligo di attenersi alla normativa per gli spostamenti nella Regione e tra le Regioni e il rispetto delle normative internazionali anti-contagio durante la navigazione fuori dalle acque territoriali nazionali.

Gestione dei centri diving e delle attività subacquee sportive-ricreative

– fortemente raccomandata la dotazione di appositi sistemi informatici per le iscrizioni on-line ai corsi nonché per la prenotazione delle uscite e partecipazione alle immersioni

– all’interno dei locali valgono le regole generali sull’igiene e profilassi nonché quelle sulle misure di distanziamento sociale e sugli accessi contingentati

– screening delle condizioni di salute e della temperatura per gli utenti del Centro e accesso vietato in caso di temperatura superiore a 37,5° o sintomi riconducibili alle patologie afferenti l’epidemia in atto; ogni utente dovrà compilare apposita autocertificazione sull’assenza di tali sintomatologie, nonché la dichiarazione di non essere stato a contatto stretto con soggetti in situazione di contagio nota

– adeguata informazione agli utenti sulle misure di prevenzione adottate, il distanziamento sociale e la sistematica sanificazione dei locali

– è preferibile che ogni partecipante alle immersioni utilizzi la propria attrezzatura che i responsabili del Centro Diving o gli istruttori dovranno verificare oltre a dover garantire l’adozione di opportune precauzioni per evitare il contatto diretto con le attrezzature e la loro possibile contaminazione. Gli utenti sprovvisti dell’attrezzatura, potranno noleggiarla presso il Centro purché preventivamente sanificata. Il centro dovrà adeguare l’organizzazione delle uscite in funzione di questo e limitare, se necessario, il numero di immersioni quotidiane

– l’attrezzatura, sanificata e non, andrà custodita in spazi dedicati e distinti e dovrà essere opportunamente “segregata” in involucri chiusi, una volta sanificata.

Misure da adottare su barche e gommoni da immersione

– a bordo, distanza sociale di almeno 1 metro tra le persone, utilizzo generalizzato di guanti e mascherine e sistemi di igienizzazione delle mani

– posti a sedere assegnati e spostamenti a bordo consentiti solo per motivi di assoluta necessità e nel rispetto delle misure minime di distanziamento sociale

– inibito l’uso di contenitori d’acqua comuni per il risciacquo delle maschere che dovrà essere assicurato dal responsabile del Centro diving con misure alternative per evitare la contaminazione delle attrezzature

– sistemi di controllo di sicurezza pre-immersione alternativi al cosiddetto “Buddy Check”, ossia al “controllo del compagno d’immersione” e procedure alternative alla condivisione di gas in caso di emergenza, quale ad esempio l’utilizzo di una o più fonti d’aria alternative, in funzione del numero dei partecipanti all’immersione, correttamente igienizzata e sanificata prima dell’immersione

– procedure di igiene e DPI per la gestione della ricarica delle bombole e/o dei rebreather

– dispositivi per evitare il contatto diretto in caso di primo soccorso o manovre di rianimazione

– procedure operative e piani di emergenza aggiornati a cura del responsabile del Centro diving

Linee guida sul servizio degli assistenti bagnanti

– rispetto delle regole generali di prevenzione, igiene e profilassi

– in qualità di “operatori di primo soccorso”, sottoposizione preventiva (prima dell’assunzione in servizio) e periodica obbligatoria al test di controllo della positività al CoVid-19 (tampone o test sierologico) per tutti gli assistenti bagnanti

– ogni assistente bagnanti deve essere informato sui rischi di esposizione al contagio e l’uso di apposite attrezzature che ne riducano il rischio in caso di manovre di primo soccorso e rianimazione

– necessarie dotazioni di sicurezza, individuali e personali, e di primo soccorso con dispositivi anticontagio

– sanificazione quotidiana delle postazioni di salvataggio e delle relative dotazioni e attrezzature a cura del datore di lavoro

Ripartono Lotto e Superenalotto

lotto e superenalotto
lotto e superenalotto

Quasi 200 milioni: è quanto è costato al fisco il lockdown di Lotto e Superenalotto, secondo una stima di Agipronews su dati dell’industria. La raccolta dei due giochi numerici, sospesi dopo l’estrazione del 21 marzo scorso, riprenderà il 4 maggio, come comunicato ufficialmente oggi dal direttore generale dell’Agenzia Dogane e Monopoli, Marcello Minenna.

Uno stop di 44 giorni, mai registrato in precedenza. Prendendo come riferimento le entrate erariali del 2019, emerge che ogni giorno Lotto e Superenalotto versano allo Stato 4 milioni e mezzo di euro, cifra che moltiplicata per i 44 giorni di blocco porta il “buco” a 197,7 milioni.

Lo scorso anno il Lotto ha complessivamente garantito all’erario 1 miliardo e 160 milioni, mentre il SuperEnalotto ha fatto registrare un gettito di circa 480 milioni.

“A casa con l’autore”

a_casa_con_l_autore
a_casa_con_l_autore

In questo periodo complicato, Sergio Bonelli Editore ha deciso di creare nuovi spazi per far incontrare lettori e autori. Certo, i tour nelle librerie e nelle fumetterie torneranno appena sarà possibile, ma nel frattempo perché non entrare nelle case dei nostri autori per farci raccontare le loro opere, magari dando una sbirciatina dietro le quinte della loro postazione lavoro?

Così, a partire da oggi, sulle pagine ufficiali di Sergio Bonelli Editore (sito internet, pagina Facebook, profilo Instagram e canale Youtube) saranno disponibili una serie di video dei nostri autori: realizzati e registrati da loro, direttamente nelle loro case, per incontrare i lettori e, nel caso delle Bonelli Stories su Instagram, per rispondere alle domande che arriveranno sul profilo della Casa editrice.

Sarà sufficiente inviarle commentando le Stories a tema che saranno create sul canale Instagram SBE: raccoglieremo le domande più interessanti e le gireremo ai nostri disegnatori e ai nostri sceneggiatori, chiedendo loro di rispondere alle curiosità dei lettori e di aprirci le porte di casa. Per tutti gli altri video: si tratterà di piccole presentazioni a ruota libera, per regalare a tutti i fan un’inedita immersione nel mondo dei nostri autori.

Il calendario degli “incontri” di “A CASA CON L’AUTORE” sarà periodicamente aggiornato sui profili ufficiali Bonelli, ma vi anticipiamo qui il primo appuntamento, che inaugura proprio oggi con un video realizzato (in totale sicurezza!) dal Direttore editoriale Michele Masiero ieri, direttamente da Casa Buonarroti.

• Venerdì 13 marzo alle ore 18 Michele Masiero inaugura “A casa con l’autore”

Dalla prossima settimana presenteranno in anteprima i loro volumi molti altri autori, tra cui:

• Roberto Recchioni che ci parlerà di Dylan Dog e di tutte le novità sull’Indagatore dell’Incubo
• Mauro Boselli che ci racconterà di Tex
• Giovanni Masi e Mauro Uzzeo che racconteranno Il Confine
• Giacomo Keison Bevilacqua che ci aprirà la sua casa per raccontarci di Attica
• Emiliano Mammucari che ci racconterà Zardo, il nuovo fumetto di Tiziano Sclavi
• Luca Enoch e Stefano Vietti che parleranno di Dragonero. La Principessa delle Sabbie
• Claudio Chiaverotti con il suo Morgan Lost & Dylan Dog. Incubi e Serial Killer
• Luca Barbieri che ci racconterà Dragonero. Il Ribelle 5
• Pasquale Ruju per il suo Le Storie 90. Cassidy
• Moreno Burattini che ci parlerà di Zagor Speciale 32 e Zagor 657
• Antonio Serra che commenterà per i lettori Odessa Rivelazioni 5 e Nathan Never – Stazione Spaziale Internazionale

Per seguire gli incontri Sergio Bonelli Editore “A casa con l’autore”
https://www.sergiobonelli.it/
https://www.facebook.com/SergioBonelliEditoreUfficiale/
https://www.instagram.com/sergiobonellieditoreufficiale/
https://www.youtube.com/user/BonelliEditore

Sara Bellisario: “Ancora tu”

SaraBellisario_Ancora-Tu_Copertina
SaraBellisario_Ancora-Tu_Copertina

Da venerdì 14 febbraio in radio, sulle piattaforme streaming e negli store digitali “Ancora tu” (PlayAudio/Azzurra Music), il nuovo singolo di Sara Bellisario. Il brano racconta l’altalena di emozioni di una “relazione tira e molla” a metà fra amore e amicizia.

A proposito del singolo “Ancora Tu”, Sara Bellisario commenta:
«É una canzone d’amore che ritrae me diciottenne alle prese con un mondo, non nuovo, ma diverso da come l’avessi sempre immaginato. Volevo avere delle certezze da parte di un ragazzo, ma l’unica cosa certa era che mi ero innamorata e tornare indietro era impossibile» – continua la cantautrice – «Pensavo che, davanti a me ci fosse qualcuno che godesse nel vedermi coinvolta per lui, ma di questo mi sono dovuta ricredere. Così, mi sono immedesimata in quel qualcuno che potesse godere “nell’immaginare la sua vita senza me”. Ragionare così, mi ha aiutato a farmi pensare che, comunque vada, “non me ne può fregare”, perché anche se non fosse andata bene, alla fine sarei stata più forte di prima».

Sara Bellisario è una cantautrice italiana, nata il 13 settembre 1999.
Durante le scuole elementari, ha intrapreso il suo viaggio nel mondo della musica partecipando alle varie attività teatrali e musicali del Centro Diurno Minori del suo paese. All’età di undici anni, ha preso lezioni di chitarra e avviato il suo studio nel canto