GruVillage 105 Music Festival

GruVillage 105 music Festival
GruVillage 105 music Festival

Una festa lunga più di un mese. Serate e concerti per emozionarsi e scatenarsi a ritmo di musica, per cantare e ballare sulle note degli artisti più attesi negli spazi aperti di una splendida arena verde alle porte della città. Un’occasione per vivere un’esperienza indimenticabile all’insegna della musica più bella, del relax e del divertimento: questo è il GRUVILLAGE 105 MUSIC FESTIVAL, la rassegna di musica e spettacolo dal vivo che dal 20 giugno a fine luglio tornerà ad animare l’estate piemontese con la sua quattordicesima edizione.

Le nuove date. 105 ON STAGE, evento gratuito del 21 giugno: una grande serata proprio nel giorno della Festa della musica per consolidare la preziosa collaborazione, nata l’anno scorso, tra il Festival e Radio 105. Presentati da FABIOLA E DARIO SPADA, saliranno sul palco BENJI & FEDE, ELODIE, THE KOLORS E MONDO MARCIO: artisti a cui l’emittente è molto legata, amatissimi dal pubblico dei più giovani. A fare da opening, i giovani talenti che si stanno mettendo alla prova in “Coca-Cola Future Legend”, la prima music battle in lattina.

Due rappresentanti del genere pop, due del rap, due del soul e due della trap faranno ascoltare per la prima volta dal vivo i brani inediti prodotti insieme ai loro celebri coach. La festa proseguirà con l’esibizione di MONDO MARCIO, tra i primi artisti a portare il fenomeno dell’hip hop italiano al grande pubblico. Fin dal primo album autoprodotto, certificato platino, l’MC conferma disco dopo disco la propria spinta innovativa fino al successo del singolo Angeli e Demoni, contenuto nell’ultimo album Uomo! con un featuring di rara bellezza: Mina.

La scena passerà poi a Stash, Alex e Daniele – i THE KOLORS – che si esibiranno sulle note di alcuni loro cavalli di battaglia fino alla recente Pensare male in coppia con ELODIE. Sarà proprio l’artista romana, sofisticata interprete dalla voce soul, a intrattenere il pubblico presente con alcuni tra i suoi brani più conosciuti.

Gran chiusura con BENJI & FEDE, idoli dei giovanissimi e artisti da milioni di follower: il duo dei record che colleziona dischi di platino presenterà nell’arena del GruVillage 105 Music Festival i suoi maggiori successi, ripercorrendo la breve e prolifica carriera che li ha portati a registrare sold-out nei palazzetti di tutt’Italia.

In scena il 27 giugno BROADWAY CELEBRATION: uno show imperdibile per rivivere in un’unica serata la magia dei grandi musical grazie al talento dei 10toBroadway, delle 100 voci del Sunshine Gospel Choir, diretto da Alex Negro, e dei bambini della Matilda Academy. Un percorso emozionante nella storia del musical in cui ogni artista è chiamato a impersonare un personaggio dello straordinario repertorio dal mondo del musical americano.

Il 28 giugno spazio a GABRY PONTE presenta la sua DISCOTECA ITALIANA. Il noto dj e producer torinese ha scelto la sua città per portare il nuovo show: un lungo viaggio musicale tra presente e passato, dalle storiche hit di Gabry ai remix inediti dei più grandi successi della musica italiana dagli anni 70 a oggi, uno spettacolo tutto da ballare e da cantare, con stupefacenti scenografie, effetti speciali e performer d’eccezione.

A salire sul palco del GruVillage 105 Music Festival il 6 luglio saranno i DREAM THEATER, riconosciuti come i padri del progressive metal. Guidata dalla voce potente di James LaBrie, la band statunitense proporrà i suoi più grandi successi dai brani contenuti nel celebre Images and Words fino ad arrivare all’ultimo lavoro discografico Distance over Time.

Serata speciale e a scopo benefico quella del 23 luglio che vedrà sul palco la passione gitana e l’energia mediterranea di ACO BOCINA, uno dei chitarristi e mandolinisti più famosi al mondo: il Festival, sotto il cappello “GruVillage for Good” promuove un concerto di melodie che spaziano dai ritmi dell’Est europeo al flamenco rock e pop il cui incasso sarà totalmente devoluto a favore del progetto “Il Ristorante dei Bambini di Strada” di Phnom Phen promosso dalla Onlus Walzing Around Cambodia.

Il 25 luglio il GruVillage 105 Music Festival accoglierà il vincitore dell’ultima edizione di X Factor ANASTASIO. Protagonista di un emozionante monologo con Claudio Bisio durante il 69° Festival di Sanremo, il giovane cantautore e rapper campano proporrà uno show unico ed energico, un mix di libertà espressiva, provocazione e urgenza poetica.

La forte ed eclettica personalità di ACHILLE LAURO invaderà l’Arena verde di Le Gru il 27 luglio per una serata da non perdere. Accompagnato dal produttore e chitarrista Boss Doms. Lauro presenterà al pubblico il suo ultimo album 1969: un disco di cambiamento, contaminazione e rottura, che mostra la straordinaria capacità dell’artista romano di mescolare generi e suoni diversi.

I biglietti di questi concerti saranno in vendita su circuito Ticketone a partire da mercoledì 17 aprile alle ore 10.00 online e nei punti vendita fisici da giovedì 18 alle ore 10.00.

“Ragazzeintiro”, nuovo progetto del Settore Femminile

Petrucci-Crespi
Petrucci-Crespi

La sede del Comitato Regionale Lombardia di Milano ha ospitato la conferenza stampa di presentazione di #ragazzeintiro, il nuovo progetto tecnico del Settore Squadre Nazionali Femminile. Ha aperto la conferenza stampa il presidente della FIP Giovanni Petrucci:
“Sono contento di essere qui per presentare questo progetto ideato da Marco Crespi, che è davvero un moto perpetuo e ci sollecita continuamente con nuove idee. Con la Nazionale sta facendo un ottimo lavoro, la vittoria sulla Svezia ci ha rimesso in corsa per la qualificazione all’Europeo. Un successo importante per tutto il movimento perché se la Nazionale vince il vantaggio è per tutti. Colgo l’occasione per ringraziare pubblicamente il presidente della Lega Femminile Massimo Protani e tutte le società affiliate per il supporto straordinario che ci stanno assicurando. Se questi progetti possono partire, è anche merito loro. E complimenti alla Reyer Venezia, che ha compiuto un’impresa qualificandosi per la finale di Eurocup dopo aver recuperato 20 punti. Da parte nostra posso dire che la Federazione continua a investire e a credere nel Settore Femminile, come sapete la qualità dello Staff che segue la Nazionale di Marco Crespi è identica a quella della Maschile”.

Così coach Crespi: “#ragazzeintiro nasce da una sensazione che ha trovato conferma nell’analisi statistica. Le nostre ragazze tirano meno o poco. Il progetto tecnico ha come obiettivo quello di far sentire il piacere di tirare, il piacere che crea dipendenza al miglioramento per poter gioire dopo un canestro. Un percorso tecnico e non solo. Un lavoro di squadra, un servizio per la splendida passione delle nostre ragazze. Una visione non solo per chi sarà coinvolto, ma per tutto il nostro movimento. Non è vero che la FIP non cambia mai: se si portano idee buone il Presidente le sostiene”.

Il primo appuntamento con #ragazzeintiro è previsto per il 9 aprile a Crema. Inizialmente il progetto prevede 28 ragazze divise in due gruppi: le atlete. comprese in un range di età dai 16 ai 21 anni, trascorreranno una giornata in palestra focalizzando la propria attenzione sul fondamentale del tiro. Lo staff di Marco Crespi, oltre a Giovanni Lucchesi, comprende Matteo Panichi (preparatore fisico), Dimitri Lauwers (allenatore del tiro), Cristiana Conti (psicologa dello Sport) e Beatrice Dal Degan (nutrizionista). La palestra sarà un laboratorio dove lo staff lavorerà come squadra, avendo come obiettivo quello di trasmettere il piacere di fare un tiro.

In coda alla conferenza stampa, il presidente Petrucci ha invitato Massimo Protani e i presidenti di A1 e A2 Femminile presenti ad avviare una tavola rotonda in modo da far emergere criticità e opportunità del movimento. Diversi sono stati gli interventi e gli argomenti toccati: Protani ha ringraziato la FIP per la collaborazione e il supporto, invitando il presidente Petrucci a proseguire su questa via che assicura ai Club considerazione, visibilità e presenza costante nei processi decisionali.

Geas, pronte per ilDerby

geas
geas

Sesto affronterà una delle squadre più in forma del momento. Zanotti: “Il derby è sentito, ma per noi tutte le gare sono fondamentali”.

Nella settima giornata del girone di ritorno, il Geas è ospite del Sanga Milano, sabato alle 18. All’andata, il derby si era concluso 63-49: entrambe le squadre erano in formazione rimaneggiata, Sesto di Ercoli e Galbiati.

Le rossonere sono reduci da due vittorie: in casa dell’ostica Marghera e a Cagliari. Nelle ultime due giornate, il Sanga ha affrontato le stesse squadre, riportando un successo contro il Cus e una sconfitta sul parquet delle veneziane (65-55, nonostante una Maffenini da 19 punti, 10 rimbalzi e 20 di valutazione). Per la capolista Geas, inizia un rush di tre scontri d’alta classifica: contro Sanga, Crema (fresca vincitrice della sua prima coppa Italia) e Vicenza.

Per Milano, la stagione è partita lentamente, causa soprattutto infortuni assortiti. Nelle prime otto gare, solo tre vittorie, dato che contrasta col buon piazzamento attuale (sesto posto, con 28 punti, al pari di Crema) e con il record dell’ultimo periodo: 8 vittorie su 10 uscite (stop a Crema e Marghera, ma successi contro squadre di livello come Alpo Villafranca, Vicenza e Udine).

Per coach Pinotti, le migliori finora: la guardia del 1992 Giulia Maffenini (11,2 punti, 8,1 rimbalzi, 2,3 assist), la pivot classe ’95 Stefania Guarneri (9,5 punti e 5,1 rimbalzi), l’ala nata nel 1990 Martina Picotti (7,2 punti e 7,5 rimbalzi), l’ala del 1989 Sara Canova (7,9 punti), la play 1993 Federica Pozzecco (7,8 punti e 2,6 assist), la play ex Geas classe ’94 Giulia Rossi (6,3 punti e 3,7 rimbalzi) e la guardia nata nel ’92 Roberta Martelliano (5,7 punti, 4,3 rimbalzi e 2,2 assist).

Ecco le considerazioni di vigilia sul versante rossonero.

BARBERIS – “Il derby è una gara tanto sentita, quanto bella da giocare. Sanga è una squadra da non sottovalutare: sono molto competitive e hanno saputo dimostrare di potersela giocare con chiunque, anche con squadre in testa alla classifica. È necessario scendere in campo con il giusto atteggiamento, per cercare di affrontare lo scontro nel migliore dei modi”.

GAMBARINI – “La partita di sabato può essere la prova del nove per valutare la nostra effettiva uscita dal periodo negativo delle due sconfitte, contro Castelnuovo e in coppa Italia contro Bologna. Il Sanga è una squadra più preparata rispetto a Marghera e a Cagliari, contro le quali abbiamo vinto e riacquistato un po’ di fiducia. Ci stiamo allenando con continuità e impegno: veniamo da una settimana ideale, dopo aver vissuto un periodo di allenamenti discontinui. Il derby potrà essere un punto di svolta per acquisire ulteriore fiducia per ben terminare il campionato”.

ZAGNI – “Dopo diverse settimane, siamo finalmente tornate a vivere una settimana d’allenamento standard: questo ci permette di avere più tempo per preparare la gara al meglio dal punto di vista tecnico. In questo momento, Sanga è una delle squadre più in forma del campionato: la sconfitta incassata contro Marghera le avrà rese ancor più agguerrite”.

COACH ZANOTTI – “Anche se rappresentiamo città diverse, quello di sabato è percepito anche da noi come il derby. In verità, per noi, tutte le gare sono fondamentali: questa sfida non vale né più né meno di tutte le altre: scenderemo in campo con l’intenzione di portare a casa i due punti. Rispetto all’andata, il Sanga ha recuperato Maffenini, mentre noi potremo schierare Galbiati ed Ercoli, assenti ad inizio campionato. Ci incontreremo con le squadre al completo: il risultato sarà deciso sul campo”.

“Il Sanga era la squadra più in forma del girone – dichiara Paolo Fassina, assistente di Zanotti –, fino alla sconfitta occorsa contro Marghera, contro cui le milanesi hanno pagato cara l’assenza di Canova. È un gruppo fresco, abituato a giocare una pallacanestro varia, pericoloso sia in contropiede sia a difesa schierata. La giocatrice di punta è Maffenini, guardia estrosa, dal grande talento e dai buoni mezzi fisici; è anche un’ottima rimbalzista e, nel suo ruolo, una tra le migliori del campionato. In ruolo di play-maker, alla solida Pozzecco, si è aggiunta anche Rossi, che quest’anno sta dando un grande contributo. Le esterne Martelliano e Canova forniscono preziosa esperienza; l’aggiunta a stagione iniziata di Toffali, da Alpo Villafranca, ha dato maggior profondità all’organico. Sotto canestro, Picotti e Guarneri garantiscono qualità e sostanza. L’apporto di Grassia è stato spesso determinante nelle vittorie delle milanesi”.

La trasferta del Geas a Pordenone, fissata al 2 aprile alle 18, è stata spostata e si terrà il 4 aprile, alle ore 19.

Italdonne, le 23 azzurre per il Test Match contro la Francia a Biella

Rugbyfemminile
Rugbyfemminile

Andrea Di Giandomenico, responsabile tecnico della Nazionale Italiana Femminile, ha ufficializzato la lista delle atlete che prenderanno parte raduno di Biella, in calendario giovedì  16 novembre,  in vista del Test Match contro la Francia in programma domenica 19 novembre alle 14.30 allo stadio “La Marmora” nel capoluogo piemontese.

Per l’Italdonne, che ritorna a Biella a dieci anni di distanza dall’esordio nel 6 Nazioni di categoria, sarà la prima partita dopo aver conquistato l’ingresso nella top ten mondiale lo scorso agosto nella Women’s Rugby World Cup in Irlanda.

“Stiamo vivendo un momento tanto importante quanto particolare – ha esordito Andrea Di Giandomenico, head coach della Nazionale Italiana Femminile – . Dopo il Mondiale hanno lasciato la Nazionale alcune atlete che hanno contribuito ai buoni risultati ottenuti negli anni con la maglia Azzurra. Ripartiamo dal gruppo dello scorso agosto per garantire continuità al nostro progetto e cercare di raggiungere risultati sempre più importanti. Ci sono nuove giocatrici e l’obiettivo sarà quello di facilitare il più possibile il loro ingresso nel gruppo in un’ottica di crescita continua a medio termine. Abbiamo ragazze giovani che hanno già fatto parte di altre selezioni nazionali e questo test match sarà importante per iniziare a valutare le loro prestazioni a livello internazionale”.

“Ampliare il campionato di Serie A Femminile a 20 squadre – continua Di Giandomenico – comporta l’allargamento della base e, avere più ragazze che giocano il rugby a XV, consente allo staff della Nazionale Femminile di avere un bacino più ampio e, di conseguenza, valutare più giocatrici che potranno entrare a far parte dell’Italia. La partita contro la Francia servirà a tutti per capire qual è attualmente il nostro livello attuale. Dobbiamo cercare di portare la loro efficacia a un livello più alto”.
“La Francia? E’ arrivata terza al Mondiale – conclude l’head coach dell’Italdonne – . Anche se in fase di rinnovamento, sono una squadra temibile”.

Questo l’elenco delle atlete convocate:
Piloni
Lucia GAI (Stade Rannais, 51 caps)
Gaia GIACOMOLI (Rugby Colorno, 7 caps)
Eleonora RICCI (C.R.A.T. La Coruna , esordiente)
Silvia TURANI (Rugby Colorno, esordiente)
Tallonatore
Melissa BETTONI (Stade Rennais, 40 caps)
Seconde Linee
Valeria FEDRIGHI (Saracens, 7 caps)
Elisa PILLOTTI (Chicken 2012 Rugby, 9 caps)
Valentina RUZZA (Valsugana Padova, 9 caps)
Sara TOUNESI (Rugby Colorno, 3 caps)
Flanker/n.8
Silvia GAI (Rugby Liceo Monti, esordiente)
Elisa GIORDANO (Valsugana Padova, 26 caps)
Isabella LOCATELLI (Rugby Monza 1949, 15 caps)
Beatrice VERONESE (Valsugana Rugby Padova, esordiente)
Mediano di Mischia
Sara BARATTIN (Iniziative Villorba Rugby, 76 caps) – capitano
Mediano di Apertura
Jessica BUSATO (Iniziative Villorba Rugby, esordiente)
Beatrice RIGONI (Valsugana Padova, 21 caps)
Centri/Ali/Estremi
Elisa BONALDO (Rugby Colorno, 2 caps)
Micol CAVINA (Rugby Cogoleto, esordiente)
Anna DE ROSSI (Rugby Riviera 1975, esordiente)
Manuela FURLAN (Iniziative Rugby Villorba, 60 caps)
Annamaria GIZZI (Frascati Rugby Club 2015, esordiente)
Aura MUZZO (Iniziative Villorba Rugby, esordiente)
Sofia STEFAN (Stade Rennais, 32 caps)

Partita Geas vs Udine

Geas-Basket-pre-Udin-FILEminimizer
Geas-Basket-pre-Udin-FILEminimizer

Partita quasi sempre in controllo per le ragazze di coach Zanotti, con poche distrazioni lungo i quattro quarti. Tre gli strappi importanti: nella prima, terza e quarta frazione: le friulane rientrano a metà gara, ma cedono alle successive due spallate, incassando un 70-53 finale, che è un’onesta fotografia delle forze viste in campo.

Note liete da molte individualità rossonere: cinque ragazze in doppia cifra, con spunti di gioco anche spettacolari. Arturi domina tatticamente la gara con un’antologia di assist (uno incredibile sopra la testa a schiena girata) e di conclusioni (in entrata, arresto e tiro, da tre piazzato e uscendo dai blocchi, dalla lunetta). Schieppati conferma lo stato di grazia con 12 punti e 7 rimbalzi e una solidità ormai da leader. Vitalissima Barberis, nonostante un piccolo problema fisico, brava anche da fuori.

Sempre più solida la quindicenne Panzera, la cui personalità lievita a vista d’occhio. Brave anche Galbiati, in evidente crescita di condizione anche se non ancora al top, e Gambarini, che ha cucito bene il gioco. Lampi interessanti da Decortes e Pusca.

Le due squadre non si incontravano da anni, complice il fatto che la Delser Udine ha giocato le ultime stagioni nel girone Sud. Il gruppo allenato dalla grande Amalia Pomilio (che dopo la gara è andata al Forum per applaudire il figlio Simone Fontecchio, giovane in rampa di lancio nell’Olimpia Milano) si è presentato con un roster giovane, rafforzato da qualche innesto d’esperienza. Buona prova per la croata Blazevic, 17 punti e 2/3 dall’arco.

Questo il commento conclusivo di Pomilio: “Abbiamo pagato tutte le nostre disattenzioni. Molto brave loro a saperci punire per ogni errore. Hanno dominato fisicamente e sul piano dell’esperienza: noi siamo giovani e con soltanto qualche mese di lavoro alle spalle, la loro è una macchina ben rodata che ha sfiorato la promozione nella massima categoria lo scorso giugno”.

I problemi emersi nella prima di campionato del Geas sono stati ben affrontati durante la settimana di allenamento. La lentezza dei giochi in attacco e la mancanza di convinzione registrate contro le bergamasche questa sera non si sono viste.

Al contrario, molti i punti derivati dai contropiedi spinti magistralmente dalla capitana Arturi, oltre alle diverse iniziative eseguite con sicurezza dalle solite Galbiati, Barberis, Schieppati e dalla giovanissima Panzera. Serata positiva anche per le percentuali al tiro: 2/2 da tre per Barberis, 3/3 da due per Arturi. Bene anche il versante difensivo, salvo le amnesie sui giochi a due delle avversarie: sul parquet si sono viste tante palle recuperate (3 di Schieppati, 3 di Gambarini, 2 di Barberis) e rimbalzi offensivi (degni di nota i 3 di Schieppati sui suoi 7 rimbalzi totali).

Appagante per il pubblico sugli spalti – tra cui anche l’allenatore più vincente nella storia del basket femminile italiano, Aldo Corno – è stata anche la consegna a Virginia Galbiati del premio di Mvp del girone Nord effettuata dal sindaco di Sesto San Giovanni Roberto Di Stefano durante l’intervallo lungo.
A questo link il tabellino completo della partita:
http://www.legabasketfemminile.it/MatchStats.aspx?ID=179&MID=33478
COACH ZANOTTI – “Rispetto alla trasferta di Torre Boldone-Albino stasera abbiamo giocato ad un altro livello. Sono soddisfatta del risultato ottenuto. Le ragazze hanno mostrato esattamente ciò che ho chiesto loro in settimana: fluidità in attacco, numerosi contropiedi e difesa solida. I punti ben distribuiti e la velocità di esecuzione degli schemi e della transizione sono segnali positivi.

C’è da dire che Galbiati non è ancora in forma smagliante e in questi giorni anche Barberis sta affrontando un problema muscolare. Dobbiamo mettere in campo sempre questa intensità: non mi stanco di ripetere che per noi ogni partita è importante. Le avversarie sono state molto brave. Sono giovani e hanno fatto una buona prestazione. L’organizzazione con la quale giocano è frutto degli insegnamenti di una delle eccellenze del basket nostrano”.

CRONACA – Virginia Galbiati, dopo la fugace presenza dello scontro precedente, si iscrive immediatamente alla gara con due punti in velocità dopo nemmeno 4’’ dall’alzata dell’arbitra a centrocampo. Dopo un iniziale 6-2 per Udine – le friulane non torneranno più in vantaggio – le rossonere recuperano al meglio.

Uno stupendo canestro e fallo di Arturi, seguito da una stoppata di Ercoli e da due contropiedi consecutivi concretizzati da Schieppati e Gambarini riportano il Geas sopra per 9-6. La prima frazione prosegue con uno show firmato Beatrice Barberis: due triple a due minuti di distanza, intervallate dai canestri di Arturi e Panzera, mandano in visibilio i tifosi, che leggono 21-11 sul tabellone al suono della prima sirena.

Per i primi due minuti del secondo tempino il punteggio resta immacolato. Ci pensa Galbiati a riaccendere la partita con una tripla a 7’50’’. Ma le friulane con un parziale di 8-0 fanno sentire il fiato sul collo alle ragazze di Zanotti. Uno spettacolare assist teso in mezzo all’area partito dalle mani di Schieppati e concluso al volo da Barberis sembra non bastare a riprendere un cospicuo margine di vantaggio: quando le due squadre rientrano negli spogliatoi il Geas conduce per una sola lunghezza. Le rossonere pagano insolitamente una serie di elementari ma efficacissimi dai e vai delle avversarie, che arrivano a canestro spesso indisturbate.

Il Geas aggredisce il terzo tempo con ben altro piglio: una solidissima Schieppati (19 di valutazione) conduce le danze: punti, rimbalzi, tante palle recuperate. Ma è accompagnata da Arturi e Panzera: una tripla a testa, diversi contropiedi e uno spettacolare assist schiacciato da una parte all’altra del campo inventato dalla capitana per il giovane prospetto nazionale.

Il parziale di 8-0 rimette le cose a posto. Anche Barberis ci mette del suo (due punti con fallo, palla rubata nell’azione successiva, fallo subìto e 2/2 dalla lunetta) per far sì che allo scadere dei 10 minuti il risultato sia di 49-38.
Nell’ultimo periodo le sestesi prendono il largo. Galbiati e Schieppati segnano tanto e rubano palloni alle avversarie, così il Geas effettua un parziale di 11-4 in soli 3’ e 30’’ e vola fino a 20 punti di margine a 5’ dalla fine, chiudendo di fatto le ostilità.