Radio Amarcord- Fonderia Mercury

Radio amracord
Radio amracord

In occasione del centenario della nascita di Federico Fellini, il Torino Film Festival dedica un omaggio al Maestro proponendo lo spettacolo di Fonderia Mercury, RadioAMARCORD.
All’inizio degli anni Quaranta Fellini iniziò a collaborare presso l’EIAR come autore radiofonico. Da solo, o in coppia con Ruggero Maccari, scrisse decine di copioni: sketch, fantasie, riviste, radiodrammi. In occasione del Torino Film Festival verranno messi in scena quattro radiodrammi brevi, riadattati da Sergio Ferrentino e i cui copioni sono conservati nell’Archivio Federico Fellini-Cineteca Comune di Rimini.
Lo spettacolo RadioAMARCORD nasce da un’idea di Sergio Ferrentino, che ne cura anche la regia, ed è prodotto da Fonderia Mercury.

“Fellini degli Spiriti”

Autoritratto Federico Fellini - @ Archivio Terzi - Luchetti
Autoritratto Federico Fellini – @ Archivio Terzi – Luchetti

Il 20 gennaio 1920 nasceva a Rimini Federico Fellini.

Per l’anno delle celebrazioni del centenario dalla nascita, arriverà al cinema nei prossimi mesi, distribuito da Nexo Digital come uscita evento, “Fellini degli Spiriti” di Anselma Dell’Olio, prodotto da Mad Entertainment con Rai Cinema in coproduzione con Walking the Dog,

Profondamente innamorato della vita, Fellini ha attraversato la sua esistenza cercandone sempre il senso.
Il documentario indaga in profondità la sua passione per quello che lui definiva, in breve, il mistero, l’esoterico, il “mondo non visto” in una ricerca incessante di altre possibilità, altre dimensioni, altri viaggi e di tutto quello che può far volare lo spirito e la mente.

Questi aspetti, presenti in tutta la sua cinematografia, sono stati suo oggetto d’indagine inizialmente con il grande psicoanalista junghiano Ernst Bernhard, che non solo gli ha svelato i segreti dell’Inconscio, ma gli ha anche mostrato una nuova visione del mondo attraverso la lettura dei Tarocchi e la consultazione degli IChing.

Ma sarà l’incontro con il professor Gustavo Rol, conosciuto per “Giulietta degli Spiriti”, che, attraverso i suoi esperimenti, gli proverà che esistono davvero altre dimensioni e che non c’è un termine al viaggio degli esseri umani.

A raccontare il mondo magico di Fellini tante voci, dalla cartomante che Fellini consultava sempre a Terry Gilliam, da Giuditta Mascioscia, la sensitiva amica di Gustavo Rol al regista Damien Chazelle, dai collaboratori e amici più stretti di Fellini ai registi Premi Oscar come William Friedkin.

“Fellini degli Spiriti” è un ritratto inedito, intimo e spirituale del grande regista.

“Fellini”, il nuovo singolo di BandazZ

bandazz_fellini.
bandazz_fellini.

Da oggi lunedì 20 gennaio, è in radio e disponibile sulle piattaforme digitali “FELLINI”, il nuovo singolo di BandazZ, un omaggio al grande Maestro in occasione del centenario della sua nascita.  Il brano è stato registrato tra Rio De Janeiro e Roma in co-produzione con la label brasiliana Savalla Records.

“E Tu nella nebbia rapito, ancora danzi…” questo è lo spirito sognante che avvolge il brano. Una musica scritta dalla compositrice brasiliana Raquel Durães in collaborazione con Max Lantieri, autore anche del testo, che vuole essere un sincero e affettuoso regalo di compleanno, un coro unanime di auguri per il nostro Supereroe del Sogno.

Il singolo “Fellini” è stato scelto come colonna sonora del video racconto “Fellini andata e ritorno”, scritto dalla fotografa Maria Luisa Carobbio, per la regia di Andrés Arce Maldonado e con la partecipazione di Vincenzo Mollica, che racconta un Fellini personale e inedito. L’uscita è prevista nel corso del 2020, anno del centenario della nascita di Fellini.

Il brano fa parte di Sonhos Il viaggio il sogno e la poesia, un progetto musicale, sospeso tra due mari, il Mediterraneo e l’Atlantico che vuole rendere omaggio attraverso la Musica a tre autori universali del ‘900 le cui opere sono profondamente legate alla sfera dei Sogni: Lo scrittore brasiliano Jorge Amado, il Poeta e scrittore portoghese Fernando Pessoa e il Maestro dell’Arte del Cinema e del Sogno, Federico Fellini.

Poesie contro la Guerra

Poeti per la pace
Poeti per la pace

Si è svolto l’11 novembre, al Museo della Pace di Napoli, uno speciale reading poetico internazionale che ha visto protagonisti una rappresentanza di poeti provenienti da Israele, con declamazioni di versi in lingua ebraica.

In apertura è giunto un messaggio augurale del Sindaco Luigi de Magistris, volto a sottolineare il valore dell’iniziativa e la vocazione al dialogo della Città di Napoli, “cerniera dei Popoli del Mediterraneo.”

Michele Capasso, Presidente della Fondazione Mediterraneo, ha lanciato un accorato appello ai poeti presenti, in maggioranza campani, per ribaltare la mediocrità di questa fase del nostro tempo nelle relazioni umane, con la diffusa incapacità di affrontare le nuove sfide multietniche e di una progettualità di coesione a cui siamo chiamati.

Maria Pia Molinari, Direttrice del Museo della Pace, ha proposto una relazione sul connubio tra arte e pace, intendendo la poesia un elemento fondante e irrinunciabile nella gioia del vivere.

A seguire è intervenuto l’Avvocato Domenico Ciruzzi, Presidente della Fondazione Premio Napoli, presentando alla platea l’importanza di condivisione e creazione di cultura come base di ogni processo di pace.

Emblematico il richiamo al cinismo nella riflessione di Kafka, che precedette la Grande Guerra:“La Germania ha dichiarato guerra alla Russia. Nel pomeriggio corso di nuoto.”

Vincenzo De Lucia, Vice Presidente di Poeti per la Pace, ha ripercorso le tappe del Premio Mediterraneo per la Poesia, tra cui gli scrittori della Ex-Jugoslavia SidranAbdulah e IzetSarajlic, e lo statunitense L. RonHubbard, per poi introdurre la Cerimonia di Premiazioni per il 2018, quest’anno a favore di tutti i poeti israeliani.

Nelle motivazioni si legge: “In occasione del 70’ Anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e del 30’ Anniversario della Fondazione Mediterraneo, il Comitato Internazionale ha sancito l’assegnamento del Premio Mediterraneo 2018 a favore di tutti i poeti israeliani impegnati nella promozione di una cultura di Pace.” Il Premio verrà consegnato in Israele nel corso di una importante manifestazione.

L’evento è stato caratterizzato da una forte presenza di poeti partenopei, che hanno saputo arricchire di contenuti la celebrazione di Poeti per la Pace, anche in relazione al centenario della conclusione della Prima Guerra Mondiale, con “versi liberi e sciolti”, declamati da Edoardo Elisei, direttore artistico di “Poeti per la Pace”.