Carnevale di Venezia: Volo dell’Angelo 2018

carnevale 2018 - volo dell'angelo Elisa Costantini
carnevale 2018 – volo dell’angelo Elisa Costantini

Spettacolare, baciato dal sole e con un messaggio di speranza e di pace. In 20mila questa mattina hanno seguito con il naso all’insù il Volo dell’Angelo in piazza San Marco. Elisa Costantini, 19 anni, Maria dell’anno 2017, poco dopo le 11 è volata giù dal campanile verso una piazza San Marco affollata ma ordinata.

Sulle note dell’Ave Maria di Schubert cantata da Luciano Pavarotti e Dolores O’Riordan, cantante dei The Cranberries scomparsa solo pochi giorni fa. Elisa è scesa emozionatissima ma per niente intimorita indossando un abito disegnato dallo stilista Stefano Nicolao: un angelo del purgatorio, angelo della speranza colorato di rosso e blu, colori dello sponsor del volo Red Bull ma anche quelli che simboleggiano i colori del cambiamento. «Un auspicio per cambiare la rotta della violenza e di questi brutti tempi che viviamo di andare verso la pace» ha detto Nicolao.

Accolta dal Doge e dalle 12 Marie del Carnevale Elisa Costantini, accompagnata sul campanile prima del lancio dal papà e attesa giù dal resto della famiglia, non ha nascosto la grande emozione. «Pensavo che da lassù si vedesse meno gente, invece ne ho vista tantissima. Impossibile descrivere quello che si prova mentre scendi. Un’esperienza unica, irripetibile, gratificante».

Carnevale di Venezia 2018

carnevale 2018 - spettacolo sull'acqua a cannaregio
carnevale 2018 – spettacolo sull’acqua a cannaregio

Puntuale come si deve all’inizio di una prima cinematografica ha preso il via oggi alle 18 il Carnevale di Venezia 2018 con la Festa Veneziana sull’Acqua. Davanti a 11 mila persone armate solo di smartphone e voglia di divertirsi il Rio di Cannaregio si è animato con le esibizioni e le evoluzioni degli artisti dello show curato dalla società veneziana Wavent che hanno presentato “VeCircOnda”. A decretare l’inizio ufficiale del Carnevale il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro assieme al direttore artistico Marco Maccapani.

Perché VeCircOnda: un titolo in cui si racchiude “VE” che rappresenta il legame profondo con la città di Venezia, “CIRCO” il rimando palese al tema prescelto per lo show, e “ONDA” a sottolineare la straordinarietà di una produzione sull’acqua che proprio sulle onde nasce e vive. Per raccontare tutto questo, Wavents si è affidata virtualmente all’occhio di Federico Fellini, grande estimatore della magia circense, che nelle sue pellicole, come nel film La Strada” ha raccontato questo magico mondo.

Tra i quadri scenici che hanno sfilato lungo il Rio di Cannaregio si sono potuti ammirare quello degli sputafuoco, degli animali del circo come la giraffa, il leone e l’elefante alti tra i 5 e i 7 metri trasportati a bordo di tre imbarcazioni. Il carrozzone delle meraviglie, con l’effige del circo sempre a bordo di un mototopo da lavoro verrà idealmente trainato su e giù per il Rio di Cannaregio da tre cavalli gonfiabili e luminosi.

E poi, ancora, una ragazza che dal tetto del carrozzone resterà sospesa sul canale esibendosi con evoluzioni tra cielo ed acqua e un gioco di luci. E infine, il colpo di scena finale: il funambolo Sandro Sassi ha attraversato da una parte all’altra il canale camminando in equilibrio su un cavo sospeso nel vuoto.

«E’ stata una partenza del Carnevale all’altezza delle tradizioni e anche con la capacità di offrire sempre nuove suggestioni nella magica cornice del Rio di Cannaregio – ha dichiarato Piero Rosa Salva, amministratore unico di Vela, la società che organizza il Carnevale – . Il gradimento dello spettacolo da parte del pubblico ci conferma che la strada sulla quale stiamo lavorando da anni è quella giusta»

Allo spettacolo, replicato alle 20.00 hanno presenziato, tra gli altri, il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, il direttore artistico del Carnevale Marco Maccapani, il prefetto di Venezia Carlo Boffi oltre ad alcuni assessori comunali e ospiti istituzionali.