GF Vip: Abbandono momentaneo di Barbara Alberti

grande-fratello-vip-barbara-alberti
grande-fratello-vip-barbara-alberti

Barbara Alberti ha momentaneamente abbandonato la Casa di “Grande Fratello Vip” per una indisposizione.

Il televoto – che la vedeva contrapposta a Fernanda Lessa e Patrick Ray Pugliese – è stato quindi annullato. Tutti gli utenti che hanno espresso il proprio voto tramite sms nella sessione annullata verranno rimborsati.

“Dizionario di una golosa” il vademecum dei veri golosi

L'autrice Nunzia Turriziani con Barbara Alberti

Nel “Dizionario di una golosa”, i segreti e le ricette tramandati e gelosamente conservati per anni dalla mia famiglia, dalle mie nonne, dalle nonne delle mie nonne, dalle amiche e dalle amiche delle amiche sono stati raccolti, trascritti e corredati di notizie storiche e stupende poesie.

Non un semplice libro di ricette ma “Il Libro” da regalare alla persona che più vi sta a cuore. (Nadia Turriziani)

Il vizio capitale di cui più difficilmente potremmo liberarci è quello relativo alla gola.
Nutrire il corpo è un dovere e se quindi è un bene dar lui l’alimento giusto è però un male l’esagerare nella quantità ed anche nella qualità.
Nell’occidente opulento di oggi probabilmente non ha senso parlare ancora di gola come vizio capitale.

La Chiesa ha di fatti introdotto il concetto di moderazione: “Mangiare con giudizio senza goderne eccessivamente”.
Anche Dante ci aveva messo in guardia nel Canto VI dell’Inferno: “Una pioggia putrida sui corpi dei golosi li costringe a vivere nel fango in compagnia di cerbero latrante, per l’eternità …”.
Dalle pagine della “Divina Commedia” a quelle della “Bibbia” la gola come vizio è finito nei manuali medici che trattano di disturbi fisici e mentali.
Chi mangia troppo è obeso, chi troppo poco è anoressico.
Il cibo è diventato un male del nostro tempo, della nostra società e siccome il cibo è la prima condizione di esistenza, spetta a lui e alla gola mettere in scena un tema che non è alimentare ma profondamente esistenziale perché va alla radice dell’accettazione o del rifiuto di sé.
Come dice la saggezza popolare “Uccide più la gola della spada”.
Bando alle ciance!

Visto che noi non vogliamo farci uccidere dalla gola e con tutta sincerità nemmeno dalla spada, dilettiamoci con queste splendide ricette.
Sessantasei dolci, preparati e assaggiati per voi, cultura e pregio delle cucine regionali italiane.
Alcuni rubacchiati dai “pizzetti” (foglietti sparsi) gelosamente conservati dalle nonne e altri dalle rubriche delle mamme.
Dolci irresistibili e gustosi.
Il “Dizionario di una golosa” è nato per soddisfare il peccato di “gola” di una grande golosa.
Non posso nascondere che la golosa in questione sono proprio io.
Ricette corredate di curiosità, piccole storie, aneddoti e perché no, poesie.
Poesie note e meno note, tutte ispirate alla cucina.

Ho peccato? Ma chi se ne frega!

Provate a preparare questi dolci per le persone che amate e vi renderete conto che peccare ogni tanto può fare solo del bene.
Buon appetito, in attesa di altre golosità e curiosità.

Dizionario di una golosa
Turriziani Nadia

€ 12,00

2011, brossura
Sangel (Cortona)