Bollate: il Car pooling cresce sempre più

salvatore-leone
salvatore-leone

Al via la nuova campagna di iscrizioni al servizio di car pooling voluto dall’Amministrazione e attivato nelle scuole Rosmini e Montessori con l’obiettivo di facilitare e migliorare la gestione dei viaggi casa – scuola, e viceversa, di studenti e famiglie. E’ di questi giorno l’avvio della nuova ricerca di volontari e la formazione degli equipaggi vecchi e nuovi del progetto partito ufficialmente lo scorso anno e cresciuto notevolmente in questi 12 mesi.

Il progetto si chiama Scuol@BISed è gestito da Agenda 21 Consulting. Utilizza il sistema di condivisione delle auto dei genitori, che spesso viaggiano con posti vuoti, per trasportare più bambine e bambini, in “equipaggi” costituiti tra vicini di casa e formati in base alle esigenze e alle disponibilità delle famiglie stesse. Il servizio è gratuito e volontario, e prevede più genitori-autisti che si alternano alla guida.

Ma vediamo i numeri:
Ad oggi sono stati organizzati 20 equipaggi per un totale di 56 alunni e si prevede un incremento nelle prossime settimane grazie all’avvio della campagna di inizio anno scolastico. Ricordiamo che lo scorso anno il progetto era partito con 8 equipaggi confermati e altri 7 in attesa di conferma che si sono aggiunti nel corso dell’anno, per un totale di 35/40 bambini accompagnati nelle due scuole Montessori e Rosmini.

“Si tratta – spiegal’Assessore Salvatore Leone, ideatore del progetto – di una bella iniziativa che ha pochi pari in Italia e che richiede un grande impegno civico. Ringraziamo le famiglie per l’adesione a un progetto innovativo che rappresenta un grande passo avanti per Bollate”.

Al fine di incentivare la disponibilità di alcuni genitori a svolgere il compito di autisti degli equipaggi e per premiare e ricompensare la loro disponibilità, l’Amministrazione comunale concede alcuni benefici i cui costi saranno a totale carico del Comune:
1. parcheggio gratuito, in tutti giorni della settimana, nei parcheggi pubblici cittadini;
2. pass parking di accesso diretto nelle isole pedonali delle due scuole coinvolte e nei parcheggi adiacenti dato che i genitori autisti devono anche accompagnare a piedi il gruppo di alunni loro affidato fino all’ingresso a scuola. Lo stesso avviene a fine lezione, per il recupero dei piccoli.
3. seggioloni o alzatine a norma per i genitori conduttori degli equipaggi che ne faranno richiesta.

Che cos’è il CAR POOLING scolastico?
Il “Car pooling” consiste nella creazione di “equipaggi” con bambini dello stesso quartiere accompagnati a scuola da genitori autisti che, anche a rotazione, mettono la propria auto a disposizione di più bambini per il tragitto da casa a scuola e viceversa. I gruppi vengono organizzati in modo autonomo attraverso una mappa interattiva e una piattaforma digitale che saranno messe a disposizione dall’Amministrazione comunale in caso di attivazione del progetto.

Quali i VANTAGGI?
• riduzione delle spese familiari per il trasporto scolastico;
• contenimento degli sprechi e del numero di auto circolanti nelle ore di punta;
• diminuzione dei pericoli stradali e dell’inquinamento acustico e atmosferico;
• incremento della sensibilità ecologica tra i cittadini e maggiore cura dell’ambiente soprattutto da parte dei più giovani;
• sviluppo di una rete di mutuo aiuto e di solidarietà tra i cittadini.

“Ma soprattutto, conclude l’Assessore Leone– un’apertura mentale alla disponibilità e condivisione e un’attenzione alla sostenibilità ambientale. Oltre a una non trascurabile ottimizzazione, per le famiglie, dei tempi quotidiani”.

Bollate: Operazioni sui veicoli stranieri

polizia-locale
polizia-locale

Nuova operazione della Polizia locale nell’ambito delle indagini sui veicoli stranieri, che ha permesso la restituzione di un’auto rubata al legittimo proprietario..

L’auto, una Toyota RAV4 Hybrid chiusa e parcheggiata in via Cinque Giornate, è stata identificata dalla Polizia locale di Bollate nelle scorse settimane. A destare l’attenzione della pattuglia in servizio, la tipologia di targa e l’immatricolazione bulgara.

L’esperienza maturata dal personale del Comando in tema di veicoli stranieri, ha subito permesso di cogliere un dettaglio significativo: le due targhe avevano la bandiera della Bulgaria sul lato sinistro, secondo un tipologia che non è più in uso dal 2005 (oggi c’è la “corona a stelle” europea).

Dato che la macchina era visibilmente più recente, il sospetto si è subito insinuato e gli agenti hanno osservato meglio il veicolo notando anche l’inversione delle targhe tra anteriore e posteriore. Assenti anche le due vetrofanie tipiche delle auto bulgare, comprovanti la copertura assicurativa e la nuova immatricolazione o re-immatricolazione. A questo punto gli agenti si sono collegati a un sito bulgaro dedicato, per verificare la copertura assicurativa del veicolo e al PRA italiano ottenendo le prove che la targa non corrispondeva all’auto in sosta, ma apparteneva a un altro veicolo di marca “Daimler Chrysler Voyager” di immatricolazione italiana fino al 2008 e poi “radiato”.

Ne è seguita la richiesta al Centro di cooperazione di Polizia e Dogana di Chiasso di informazioni sull’auto che, in Bulgaria, risultava corrispondente alla targa rilevata sulla Toyota RAV4 Hybrid oggetto del controllo.

Da un ulteriore sopralluogo i vigili hanno notato anche che, all’interno dell’abitacolo, si intravedeva una targa di nazionalità italiana ripiegata su sé stessa, appena visibile ma chiaramente riconoscibile anche per la presenza, nella parte posteriore di colore metallico, del logo “IPZS” del Poligrafico dello Stato.

Gli agenti, a quel punto, hanno sequestrato l’auto e l’hanno portata nel deposito convenzionato con il Comune, anche al fine di impedire spostamenti o ulteriori manomissioni.

Chieste le opportune autorizzazioni alla Procura della Repubblica, nei giorni successivi la Pl di Bollate ha potuto aprire l’auto e trovare le due targhe originali italiane, oltre ai documenti di circolazione che corrispondevano alla denuncia di furto fatta dal proprietario.

Nei giorni scorsi, è stato contattato il proprietario che, recatosi al Comando di via Garibaldi 2, è tornato in possesso della sua auto ringraziando la Polizia locale di Bollate per il ritrovamento.

Atm: Auto contro tram

tram deragliato piazza caneva
tram deragliato piazza caneva

Sulla dinamica dell’incidente avvenuto ieri sera nei pressi di Piazza Caneva che ha coinvolto un tram della linea 14, Atm desidera specificare quanto segue: un’auto non ha rispettato la precedenza alla rotatoria e ha urtato il tram provocandone il deragliamento. Nonostante il tram procedesse a velocità moderata, l’impatto è stato inevitabile.

L’auto, che ha colpito la parte anteriore del mezzo, è stata poi trascinata per alcuni metri fino ad un palo della rete aerea. Nessun altro mezzo è stato coinvolto. A seguito dell’incidente, due passeggeri sono stati trasportati in codice verde in ospedale.