Superotto: “Polaroid”

Polaroid Superotto
Polaroid Superotto

“ Il brano – raccontano i Superotto – nasce dal desiderio di ritrovare alcuni elementi di quell’adolescenza vissuta ai margini di una periferia anni ’90, difficile ma anche spensierata, come se fosse una specie di viaggio nel tempo fatto da fotografie di vita. Nonostante un futuro già tracciato, rimaneva la voglia di sognare quella realizzazione artistica e professionale che si mostrava riflessa nei primi miti televisivi. Sogni che diventano vie di fuga da giornate inesorabili e noiose.

Polaroid è la traccia di una gioventù interiore che si spera di riuscire a mantenere viva, di una nostalgia che, unita all’idea di quel sogno, a volte fa perdere la strada del ritorno alla vita presente ma è allo stesso tempo consolazione, perché segno di desideri non ancora assopiti e di vita. Una nostalgia che in questo senso è ambivalente, malattia e cura.

Chico: “Tutti fuori”

chico
chico

Sarà in radio e disponibile in tutti gli store digitali da venerdì 10 luglio “Tutti fuori” il nuovo singolo di Chico tratto dall’Album d’esordio “AL BOOM”.

ll singolo “Tutti fuori” è il desiderio di un 18enne di oggi e, tramite la voce di Chico di una generazione intera, per un ritorno ad una normalità che possa permettere a tanti ragazzi e ragazze di vivere l’esperienze di quell’età che ognuno di noi ricorda con affetto e come momento di grande crescita personale. Che sia un concerto o una serata spensierata tra amici!

AL BOOM ed è il progetto d’esordio del giovane rapper italocubano CHICO, nome d’arte di Manuel Munoz Contreras. L’MC si è già fatto conoscere al pubblico con i brani “Miami” e “Mika Kodeina”, presentati anche in occasione dell’ultima Milano Music Week.

I due inediti hanno anticipato la release di questo suo primo album composto da 11 tracce, disponibile in digitale e prodotto da La Grande Onda con il sostegno del MiBact e di SIAE, nell’ambito dell’iniziativa “Per Chi Crea”.
Le sonorità sono composite, le produzioni rispecchiano il sound urban più attuale con sfumature che riecheggiano la tradizione latina, rappresentata dalle origini dell’artista. Le tematiche abbracciano la realtà di tutti i giorni: Milano, lo stile metropolitano, l’adolescenza, il fascino del rap

Daniele Fortunato: “Mancini maldestri”

Daniele Fortunato
Daniele Fortunato

Da oggi 20 marzo, sarà in rotazione radiofonica e disponibile su tutte le piattaforme digitali e nei digital stores “MANCINI MALDESTRI”, nuovo singolo del cantautore DANIELE FORTUNATO.
Un valzer folk intimo e carico di vissuto, voce, chitarra acustica e armonica, colorato dalle tinte jazz di Milko Merloni al contrabbasso e Gianluca Nanni alla batteria: “Mancini maldestri” è nata così.

Questa canzone narra l’incontro, dopo vent’anni, del primo tormentato amore dell’adolescenza. Due adulti, si ritrovano così ad avere una seconda occasione per scrivere “nello stesso verso” una nuova pagina della propria vita.

«“Mancini maldestri” è, prima di tutto, una storia vera divenuta canzone – spiega Daniele Fortunato a proposito del suo nuovo singolo – racconto un profondo legame intriso di poesia, fatica quotidiana e lampi di ricordi. I miei protagonisti si sono amati la prima volta appena affacciati sul mondo, in quella complicata età dell’adolescenza per poi ritrovarsi dopo vent’anni, immersi in responsabilità, cambiamenti significativi e forti consapevolezze».

“Gli anni più belli” – Claudio Baglioni

press_CB_2019_STUDIO_0506_ph Alessandro Dobici_b
Claudio Baglioni – ph Alessandro Dobici

Da domani, venerdì 3 gennaio, in radio e in digitale “GLI ANNI PIÙ BELLI”, il nuovo emozionante brano inedito di CLAUDIO BAGLIONI.

Un brano sulla limpidezza, la vitalità e il richiamo di libertà dei sogni dell’adolescenza: “Noi che volevamo fare nostro il mondo e vincere o andare tutti a fondo”; sul valore dell’amicizia e sul rapporto tra amore e dolore: “E sapere già cos’è un dolore e chiedere in cambio un po’ d’amore”; sull’esigenza di cercare dentro di noi le energie per vivere il futuro: “Noi in una fuga da ribelli un pugno di granelli noi che abbiamo preso strade per cercare in noi gli anni più belli”.

“GLI ANNI PIÙ BELLI” è anche una delle 12 tracce che comporranno il nuovo album di inediti di CLAUDIO BAGLIONI, in uscita nella primavera 2020.

12 come le serate di “DODICI NOTE”: 12 concerti a giugno 2020 alle Terme di Caracalla di Roma, in cui tutti i classici di Claudio Baglioni verranno presentati per la prima volta in un’inedita e raffinata dimensione classica: grande voce, solisti d’eccezione, grande orchestra e coro.

“DODICI NOTE” è anche una ‘prima nella prima’: per la prima volta in assoluto, infatti, la stagione estiva dell’Opera di Roma alle Terme di Caracalla ospiterà dodici serate consecutive dello stesso artista. Fino a oggi, nessuno si era esibito per dodici spettacoli di fila, in questo spazio letteralmente unico al mondo, nel quale storia, arte e bellezza si fondono in una magia che non ha eguali.

Queste le date di “DODICI NOTE”, prodotte e organizzate da Friends & Partners in collaborazione con il Teatro dell’Opera di Roma:
6 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
7 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
8 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
9 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
10 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
11 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
13 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
14 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
15 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
16 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
17 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
18 giugno – Terme di Caracalla – ROMA

Biglietti disponibili in prevendita su TicketOne.it, nei punti vendita e nelle prevendite abituali (tutte le info su www.friendsandpartners.it).

Giornata diritti dell’infanzia

la-marcia-dei-diritti-dei-bambini-inserita-in-galleria-424190_610x431
Ecco le iniziative organizzate da Comune di Milano, Unicef e ArciRagazzi per celebrare la Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza:
La Marcia dei Diritti per le vie del centro cittadino, al Castello Sforzesco un percorso didattico e gratuito dedicato ai 5 diritti della Convenzione, alla biblioteca di via Oglio un laboratorio sul problema della malnutrizione, un libretto fotografico sul lavoro minorile. Sono queste le iniziative organizzate nei prossimi giorni da Comune, Unicef e ArciRagazzi per la Giornata Internazionale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, che si festeggia ogni anno il 20 novembre per celebrare la firma della Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, approvata all’ONU nel 1989.

Venerdì 20 novembre, come tutti gli anni, Unicef e ArciRagazzi organizzano la XVI Marcia dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza che partirà alle ore 9.30 dai giardini di porta Venezia e arriverà verso le 11 in piazza san Fedele, dove gli scolari di oltre 50 classi di scuole primarie e secondarie milanesi saranno accolti dagli assessori comunali. I ragazzi che sfileranno, grazie ad un kit didattico fornito dall’Unicef, si sono preparati lavorando in classe sui temi della pace, a cui è dedicata l’edizione 2015 della Marcia. Il corteo sarà accompagnato da giocolieri e musicanti e dall’orchestra multietnica ‘Golfo Mistico’, formata da bambini e ragazzi.

Sabato 21 novembre, dalle ore 15 alle ore 18.30, presso la Biblioteca di via Oglio 18, in collaborazione con il Consiglio di Zona 4, l’Unicef organizza tre attività alla scoperta dei diritti dei bambini: la lettura collettiva del racconto ‘L’isola degli smemorati’, a seguito della quale i ragazzi saranno invitati a ridisegnare il diritto che li ha colpiti di più; il laboratorio per creare e disegnare una pigotta, la bambola di pezza dell’Unicef a sostegno della malnutrizione infantile; una riflessione collettiva su cosa vuole dire ‘sana e corretta alimentazione’, a partire dal racconto di ciò che ogni bambino abitualmente mangia nell’arco della giornata.

Domenica 22 novembre, dalle ore 14 alle 17.30, al Castello Sforzesco, presso i portici dell’Elefante, l’assessorato all’Educazione e istruzione organizza il percorso educativo ‘I Diritti dei Bambini’ che ha l’obiettivo di informare e sensibilizzare bambini (6-12 anni) e grandi sui contenuti nella Convenzione Internazionale.

Al percorso, condotto da facilitatori con competenze educative e di progettazione partecipata, che dura circa 30-40 minuti, insieme ai bambini possono partecipare anche gli adulti accompagnatori.

Il percorso, che si svolge individualmente o in micro-gruppi, è articolato in diverse tappe attraverso diverse attività ludiche che permettono di conoscere e sperimentare i 5 diritti della Convenzione Internazionale: diritto al nome, diritto alla casa, diritto alle cure, diritto alla parola, diritto al gioco.

Attraverso un ‘gioco di ruolo’ il bambino si sperimenta nei panni del ‘garante dei diritti dell’infanzia’ e contribuisce, grazie alle attività proposte, a promuovere il rispetto dei diritti, venendo così a conoscenza dei contesti e delle modalità in cui non sono rispettati.

Superate le prove, il bambino lascia un ‘messaggio’ sul diritto che ritiene più importante, rivolto a tutti i bambini del Mondo. Il percorso è articolato in 5 postazioni che permettono di capire, sperimentare e costruire insieme proposte e risposte per  promuovere i diritti in oggetto. Ogni tappa prevede una contestualizzazione del diritto negato, una sfida-gioco (di abilità o creativo) per superare il diritto negato, un segno da lasciare.

Inoltre, in occasione della Giornata Internazionale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza l’assessorato all’Educazione, in collaborazione con MilanoSiFaStoria, la manifestazione organizzata dal Comune per promuovere la conoscenza della storia della nostra città, ha stampato un libretto fotografico che raccoglie le immagini più suggestive scattate dal fotografo e sociologo americano Lewis Hine, che dedicò gran parte del suo impegno al lavoro minorile all’inizio del ‘900.

Il libretto sarà distribuito ai cittadini interessati in occasione della mostra ‘I quadernini  di Milano – 100 anni di quaderni di scuola di bambini milanesi in mostra’, che sarà allestita  presso lo spazio La Fornace, in Alzaia Naviglio Pavese 16, dal 26 novembre al 9 dicembre. Maggiori informazioni su www.quaderniaperti.it.