Milano Scultura alla Fabbrica del Vapore

 

Marzio Cialdi NULLI corten cm110
Marzio Cialdi NULLI corten cm110

Giunge alla quarta edizione Milano Scultura, la fiera che si è consolidata per la sua peculiarità di rappresentare l’unico momento che il mercato dell’arte italiano riserva alle arti plastiche.

Premiata dall’affluenza di pubblico che si è incrementata negli anni, torna alla Fabbrica del Vapore da venerdì 26 a domenica 28 ottobre la fiera che si afferma nell’offrire sempre nuove prospettive e occasioni per fare il punto su tutte le declinazioni di questo linguaggio artistico, a partire dagli aspetti più tradizionali a quelli più innovativi, proponendosi di contribuire al dibattito che si sta sviluppando da anni attorno alla ridefinizione dei suoi ambiti espressivi e concettuali.

Organizzata da Ilaria Centola e curata da Valerio Dehò, Milano Scultura nasce con l’obiettivo di distinguersi dal tradizionale schema delle fiere italiane superando nella formula espositiva la logica dello spazio fieristico classico in favore di un allestimento che la fa avvicinare ad una grande mostra collettiva.

Una manifestazione d’arte molto più simile a un“progetto curatoriale” che si caratterizza per essere non un semplice contenitore di spazi espositivi, ma una rassegna che esplora l’ambito della scultura attraverso le opere, accostando le proposte delle gallerie a quelle di istituzioni, fondazioni e associazioni culturali.

Milano Scultura non varia la sua struttura e conferma format innovativi quali Limited, dedicata a opere di grandi dimensioni, Progetti Speciali che si concretizzano in ampi spazi espositivi a tema e la consueta collaborazione con l’Accademia di Brera con una serie di iniziative che coinvolgerà allievi e maestri intorno alla lavorazione dei metalli.

Le informazioni per le modalità di iscrizione sono consultabili sul nostro sito alla pagina www.stepartfair.com/scheda-di-partecipazione.htmlove
dove sarà inoltre possibile scaricare l’application form per partecipare

MILANO SCULTURA
Milano, Fabbrica del Vapore | Ex Locale Cisterne di Via Procaccini 4.
26-28 ottobre 2018

Orari (Ingresso libero)
venerdì 18-22
sabato 11-20
domenica 11-19

La scomparsa di Valentino Vago

Valentino-Vago-
Valentino-Vago-

“Milano ricorda con affetto e rimpiange un grande artista protagonista dell’arte del Novecento, al quale ha dedicato negli oltre sessant’anni di carriera molte mostre personali e antologiche, tra cui quelle ospitate negli anni Ottanta a Palazzo Reale e al PAC Padiglione d’Arte Contemporanea e quella del 2011 al Museo Diocesano. Milanese fin dalla sua formazione – si è diplomato infatti all’Accademia di Brera – Vago ha spinto la sua ricerca verso nuove forme di rappresentazione della realtà e della luce, elaborando nel corso degli anni una poetica sempre più spirituale e religiosa. Siamo tuttavia lieti, in questo momento di tristezza, che siano ancora aperte le due mostre a lui dedicate nelle due storiche gallerie milanesi Il Milione e L’Annunciata e che i funerali si svolgano nella chiesa in cui Vago ha realizzato la sua ultima opera, ” Il mio paradiso”. Un’occasione in più per i milanesi di omaggiare un grande artista dei nostri tempi”.

Così l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno a seguito della notizia della morte di Valentino Vago.

“Curarsi ad arte – La luce”

Assessore-Gallera-uno-studente-dellAccademia-davanti-alla-sua-opera-Daniele-Schwarz-e-Livia-Pomodoro-Presidente-dellAccademia-di-Brera
Assessore-Gallera-uno-studente-dellAccademia-davanti-alla-sua-opera-Daniele-Schwarz-e-Livia-Pomodoro-Presidente-dellAccademia-di-Brera

Oggi, presso l’Ospedale San Giuseppe di Milano, alla presenza dell’Assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera, è stata inaugurata la mostra “Curarsi ad arte – La luce”: serie di opere realizzate dagli studenti del Dipartimento di Arti Visive dell’Accademia di Belle Arti di Brera, ispirate al tema della luce.

Lanciato nel 2016 grazie alla collaborazione tra il noto ospedale milanese e il prestigioso Istituto artistico, il progetto “Curarsi ad Arte” nasce come originale esperimento di “museo diffuso” all’interno di luoghi deputati alla cura e, dopo il successo della prima edizione, torna anche quest’anno con un focus specifico sulla luce.

Proprio nei corridoi del Reparto Materno-Infantile del San Giuseppe, dove nuove vite vengono “alla luce”, sono infatti esposte, a partire da oggi, le opere realizzate dagli studenti di Brera. La mostra, che sarà permanente, verrà aperta al pubblico da domani, giovedì 14 dicembre.

Prosegue, così, il sodalizio virtuoso tra Arte e Medicina, che, da un lato, permette a giovani artisti di esporre le loro opere e farsi conoscere, dall’altro crea un’inedita possibilità di fruizione culturale, portando l’arte al di fuori dei suoi “templi” classici e avvicinandola a un pubblico particolare: quello degli utenti e degli operatori sanitari che ogni giorno popolano i corridoi di un grande ospedale italiano.

A questo si aggiungono le sempre più numerose evidenze che confermano come l’arte e il bello possano esercitare un effetto benefico sui pazienti, favorendo il processo di cura e, al tempo stesso, riducendo ansia e depressione.

Mostra futurismo Marinetti

Si terrà a Bellagio sul Lago di Como dal 15 al 30 settembre la prima edizione del Festival Internazionale dell’Arte intitolato a Marinetti, padre del Futurismo che trascorse gli ultimi giorni della vita a Bellagio dove si spense il 2 dicembre 1944.

La manifestazione sarà affiancata da un “fuori mostra”, inedita e unica nel suo genere, dove novanta statue d’arte Futurista realizzate dagli artisti del Liceo e dell’Accademia di Brera che partecipano al Progetto Kontatto promosso dall’“Associazione Le Belle Arti” come laboratorio d’arte contemporanea invaderanno le strade e i vicoli dell’antico Borg fino a settembre.  

 “Le statue – spiega il curatore del Festival Mario Rozza – difenderanno come soldati l’Arte e il ruolo di centralità della cultura a Bellagio che coinvolgerà i commercianti e le strutture ricettive che adotteranno le opere d’arte per farle uscire dai musei e portarle a contatto con la cittadinanza come un’istallazione d’arredo urbano artistico”.

Il Festival Internazionale dell’Arte sarà articolato in due sezioni secondo il seguente calendario:

·        dal 15 al 24 giugno presso la Torre delle Arti, una sezione dedicata alle Arti Visive  in cui sarà ospitata la mostra -30: opere varie d’arte contemporanea realizzate dagli artisti del Liceo e dell’Accademia di Brera. Curatore della mostra Camillo Dedori Presidente dell’Associazione le Belle Arti;

·        negli ultimi tre sabati di luglio: 14, 21 e 28, una sezione dedicata alla Letteratura con un percorso tra poesia, teatro, narrativa, canzone d’autore e danze e musica dalla tradizione popolare. Direttore Artistico della sezione Letteratura è Gaetano Delli Santi. Il programma delle tre serate sarà centrato su: “L’arte è un gioco serio”, “Nel paese del nonsenso”, “Come si ride e si piange in poesia”.

Le rappresentazioni si svolgeranno presso la Biblioteca di Bellagio con inizio alle ore 21.00 con ingresso gratuito.

 

 

Tifosi del sorriso

Domenica 15 aprile, alla Casa delle culture del mondo: “Tifosi del sorriso”, incontro sulla cura sportiva per i giovani e il tifo positivo di genitori ed allenatori. Nell’occasione, anche l’esibizione di un coro e un’installazione artistica.

Domenica 15 aprile, alle ore 16.00, alla Casa delle culture del mondo della Provincia di Milano, Via Giulio Natta 11 (M1 Lampugnano): “Tifosi del sorriso”, incontro sulla gioventù, il gioco, lo sport, l’integrazione culturale, il tifo positivo e l’atteggiamento costruttivo di genitori ed allenatori nei confronti dei piccoli atleti, promosso dall’Assessorato alla Cultura della Provincia di Milano in collaborazione con l’Associazione Minerva, attiva nella promozione dell’integrazione sociale sul territorio milanese.

All’incontro partecipano: Antonio Sorbino, istruttore settore giovanile della Federazione Italiana Gioco Calcio (F.I.G.C.), Roberto Mattioli, cardiologo presso l’Istituto S. Ambrogio di Milano, e Gaetano Della Cerra, psicologo specialista in terapia di gruppo.

In programma approfondimenti sulle attività sportive maggiormente praticate dai giovani, con particolare riguardo ai corretti comportamenti ed al rispetto di regole e valori comuni, e ai migliori interventi di prevenzione e cura di stress, affaticamento e malori legati alla pratica sportiva.

Antonio Sorbino, istruttore Scuola Calcio Settore Giovanile (F.I.G.C.) presenta le attività sportive calcistiche giovanili in Italia e all’estero con particolare riguardo all’analisi e registrazione per la Federazione Gioco Calcio, del comportamento tenuto dai ragazzi, dai loro allenatori, durante le manifestazioni, e alla qualità del tifo dei genitori.

Gaetano Della Cerra, specialista in Psicologia ed esperto di terapia di gruppo, espone una panoramica sul comportamento educativo e costruttivo di genitori ed allenatori per promuovere un tifo sano, scevro da pressioni sul bambino, capace di favorire l’integrazione con i compagni di squadra, anche in realtà multietniche. In conclusione relaziona sulle conseguenze dello stress psico-fisico da prestazione pre e post gara, con correlazioni al tifo violento e al bullismo tra gli adolescenti.

Roberto Mattioli, docente di specializzazione di chirurgia toracica presso l’Università Studi di Milano e responsabile del servizio cardiologia presso la Clinica Istituto Sant’Ambrogio di Milano, relaziona sulla prevenzione contro i malori e gli infortuni sul campo dovuti ad un eccessivo stress, sui corretti interventi in presenza di sintomi di affaticamento con accenni alle patologie cardiovascolari e ai modelli mentali, fisici e alimentari per una sana e appagante attività sportiva.

Al termine, esibizione del coro dell’Associazione AllegroModerato: portatori di disabilità che attraverso la musica superano le barriere dell’handicap.

In occasione dell’incontro, viene allestita alla Casa delle culture un’installazione a cura di Contatto Group: cinque opere sui temi di infanzia, sport ed integrazione sociale firmate da altrettanti giovani artisti dell’Accademia di Brera (Eric De Paoli, Angelica De Rosa, Giuliano Giancotti, Francesco Giuliani , Fabiana Morosini).

L’ingresso è libero.

–  Provincia di Milano/La Casa delle Culture del Mondo, Tel. 02 334968.54/30

   www.provincia.milano.it/cultura – culturedelmondo@provincia.milano.it

–  Associazione culturale Minerva, minervaprogetti@gmail.com;    fabiana.morosini@fastwebnet.it Tel. 3284191422