26.4 C
Milano
martedì, Agosto 9, 2022

Intervista a Swch dopo l’uscita di “Reset”

E’ in radio e in digitale “RESET” (https://fanlink.to/swchreset), il nuovo brano del cantautore, polistrumentista e produttore SWCH. Anticipa il concept elettronico “Meta-morfosi”

Scritto, arrangiato e mixato dallo stesso Mannara e prodotto da Raffaele Montanari, “Reset” è il primo tassello di un concept sperimentale di SWCH. Parla della “goccia che fa traboccare il vaso”, di tutto ciò che svela, in maniera cruda, la realtà. Il cantautore affronta il disagio digitale, le scelte involontarie, i comportamenti stereotipati: tutto ciò che non è dentro di noi ma che non facciamo altro che manifestare all’esterno. L’unica soluzione è il cambiamento-non cambiamento: ritornare al sé originale.

Intervista

Cosa significa “Disagio digitale”?

“Il disagio digitale è quello che si prova quando tutto ciò che è dietro lo schermo del nostro
smartphone non ci soddisfa: una qualità estetica che desideriamo, una mancanza di feedback, un incomprensione comunicativa. Quello su cui ragiono in Reset è: bisogna saper distinguere il nostro vero Io dalla nostra versione social. Spesso si finisce per diventare quella versione che però non è l’originale. Si indossa una maschera pirandelliana, solo un po’ amplificata”

La tua esperienza e le tue capacità artistiche sono veramente tante. Come nasce la tua passione per la musica e la relativa ricerca continua?

“Nasce da piccolissimo, guardando mio padre che era un DJ nelle radio libere anni 70. Poi il
conservatorio e le esperienze in studio e sui palchi. Non si finisce mai di imparare, è la cosa
incredibile della musica”

Reset…significa che ci vuole uno stop generale e la possibilità di ricominciare?

Solo quando non sappiamo più cosa stiamo facendo. Qualsiasi cosa pensiamo di fare nella nostra vita, non facciamo altro che cercare di essere felici e soddisfatti. Quando la strada che percorriamo non porta in quella direzione allora dobbiamo fermarci, riflettere, assumerci le nostre responsabilità è iniziare da capo. Non possiamo fermare i mondo, ma possiamo decidere che strada percorrere”

Altre interviste su Dietro la Notizia

 

1 Condivisioni

Articoli

Animal Equality Italia, rivela i risvolti della scioccante inchiesta eseguita in Messico tra vari macelli esistenti sul territorio

Animal Equality rilascia anche in Italia l’indagine più estesa sui macelli in Messico, con prove raccolte in 34 macelli situati negli Stati messicani di...

La Pallavicini22 Art Gallery presenta: “Il corpo del fiore”

Sabato 10 settembre 2022 alle ore 18:30 presso lo spazio espositivo Pallavicini22 Art Gallery in Viale Giorgio Pallavicini 22 a Ravenna, inaugura “Il corpo del...

A Marina di San Nicola l’ultima tappa di librialmare

“Salutiamo il mare laziale ancora insieme all’associazione Il Bagatto” racconta Sheyla Bobba, ideatrice della kermesse iniziata proprio durante una mostra mercato, il 1 maggio, a...

Resta Connesso

1,478FansLike
396FollowersFollow
141FollowersFollow
- Advertisement -

Ultimi Articoli

Animal Equality Italia, rivela i risvolti della scioccante inchiesta eseguita in Messico tra vari macelli esistenti sul territorio

Animal Equality rilascia anche in Italia l’indagine più estesa sui macelli in Messico, con prove raccolte in 34 macelli situati negli Stati messicani di...

La Pallavicini22 Art Gallery presenta: “Il corpo del fiore”

Sabato 10 settembre 2022 alle ore 18:30 presso lo spazio espositivo Pallavicini22 Art Gallery in Viale Giorgio Pallavicini 22 a Ravenna, inaugura “Il corpo del...

A Marina di San Nicola l’ultima tappa di librialmare

“Salutiamo il mare laziale ancora insieme all’associazione Il Bagatto” racconta Sheyla Bobba, ideatrice della kermesse iniziata proprio durante una mostra mercato, il 1 maggio, a...

Il 4 settembre serata di videoarte di artisti internazionali

Idee di Passato, idee di Futuro è una rassegna di incontri promossi dall’Associazione Fare arte NEL nostro tempo, di cui il primo è una...

Ugl: fermare episodi di violenza sugli operatori

“Nel giorno del dramma avvenuto a Marcinelle, che l’8 agosto del 1956 vide tra le 262 vittime 136 minatori italiani, assume ancora più forza la...