17.1 C
Milano
domenica, Settembre 25, 2022

A “Zona Bianca” intervista esclusiva a Massimo Adriatici

Questa sera in prima serata, su Retequattro a “Zona Bianca”, il programma di attualità e approfondimento condotto da Giuseppe Brindisi, parla per la prima volta davanti alle telecamere Massimo Adriatici, l’ex assessore di Voghera indagato con l’accusa di eccesso colposo di legittima difesa per aver ucciso Youns El Boussettaoui con un colpo di pistola lo 20 luglio scorso.

Di seguito il testo dell’intervista

«Se sono pentito di quello che è successo? Sono fortemente dispiaciuto dell’epilogo che ha avuto questa vicenda – sono le prime parole di Adriatici a Zona Bianca –  nella certezza e nella consapevolezza di essermi difeso da un’aggressione che ho subito in strada. Ed è sotto gli occhi di tutti, fortunatamente. La vita mi è cambiata in un istante. Nel senso che, una persona che esce e va a prendersi un caffè e gli capita questa cosa, convivere con il pensiero di quello che è successo, dell’epilogo che ha avuto questa vicenda che comunque ha portato alla morte di una persona, non è facile. Perché giravo armato? Io giro armato da circa 26 anni per delle necessità concrete legate in primis al lavoro che ho prestato nella Polizia di Stato per circa 16 anni e poi per degli episodi che si sono verificati anche nell’esercizio della mia professione di avvocato penalista».

«Io questa persona non la conoscevo, non avevo mai avuto rapporti con lui, non l’ho mai incontrato. Sapevo della sua situazione – continua Adriatici – della sua pericolosità a fronte di diversi video che i cittadini di Voghera mi hanno condiviso, mi hanno fatto vedere». Poi alla domanda se lui stesse seguendo Youns El Boussettaoui, l’ex assessore risponde: «Assolutamente no. Facevo la mia passeggiata serale per problemi legati alla mia condizione di salute, problemi di digestione. L’ho incontrato assolutamente casualmente».

Alla domanda sul fatto che lui abbia tirato fuori l’arma e sparato dopo aver ricevuto un pugno, Adriatici dichiara: «Risponderò sicuramente in tribunale, laddove ci dovesse essere un giudizio», mentre su ciò che gli ha fatto più male di tutta questa storia afferma: «La morte di un uomo è la cosa che penso non solo abbia fatto male a me, ha fatto male a tutti perché è un epilogo che nessuno mai vorrebbe. Mi fa male vedere il dolore sul volto delle persone che mi vogliono bene, fa male sentirsi chiamato con appellativi tipo assassino, sentire dire che io avrei assassinato una persona a sangue freddo, quando fortunatamente chiunque guarda quel video capisce chi ha aggredito chi e chi si è dovuto difendere».

«Chi è oggi Adriatici? Sicuramente non è più quello di prima. È una persona che ha dato tanto, una persona segnata dal dolore – e conclude –  Il primo pensiero che uno ha al mattino e l’ultimo quando va a dormire è sempre orientato verso quel dannato 20 luglio».

Zona Bianca

Altri articoli dietrolatv di Dietro la Notizia

Articoli

In Lombardia approvato il programma per il contrasto alla violenza nei confronti delle donne

Resta alta l'attenzione della Regione Lombardia verso il fenomeno della violenza alle donne. Un fenomeno preoccupante e in costante aumento, anche a causa delle...

“Glove” al Festival delle Migrazioni a Torino martedì 27 settembre

Nato dal lavoro sul territorio con i giovani immigrati di seconda generazione della zona Aurora di Torino nord, Glove è una deviazione, un altro...

Sebastian Vettel: ospite a “Maschiacci”, il podcast ideato e condotto da Francesca Michielin

Prosegue a tutta velocità il successo di Maschiacci, il podcast ideato e condotto dalla cantautrice Francesca Michielin, che in ogni episodio intervista donne e...
- Advertisement -

Ultimi Articoli

In Lombardia approvato il programma per il contrasto alla violenza nei confronti delle donne

Resta alta l'attenzione della Regione Lombardia verso il fenomeno della violenza alle donne. Un fenomeno preoccupante e in costante aumento, anche a causa delle...

“Glove” al Festival delle Migrazioni a Torino martedì 27 settembre

Nato dal lavoro sul territorio con i giovani immigrati di seconda generazione della zona Aurora di Torino nord, Glove è una deviazione, un altro...

Sebastian Vettel: ospite a “Maschiacci”, il podcast ideato e condotto da Francesca Michielin

Prosegue a tutta velocità il successo di Maschiacci, il podcast ideato e condotto dalla cantautrice Francesca Michielin, che in ogni episodio intervista donne e...

L’Arrampicata italiana assegna a Bergamo la Coppa Italia Lead

L’Orobia Climbing di Curno (BG) ospita nella bergamasca la quarta ed ultima prova della Coppa Italia Lead, la specialità dell’arrampicata sportiva con corda dal...

Diversi gli argomenti affrontati dalla Summer School di Motore Sanità

La nona edizione della Summer School di Motore Sanità dal titolo “Il PNRR tra economia di guerra ed innovazione dirompente” si è conclusa portando a casa risultati...