8.9 C
Milano
sabato, Novembre 27, 2021

Intervista ad Anna Mazzamauro che racconta e si racconta

Anna Mazzamauro in sgargiante rosso Silvani manda in visibilio il Cinema Teatro Eduardo del comune di Opera in Città Metropolitana Milano
Un viaggio negli anni sul set, un rapporto professionale durato vent’anni insieme agli altri attori che hanno reso celebre la saga del ragionier Ugo Fantozzi e Paolo Villaggio

Un grande successo di pubblico per lo spettacolo “Com’è ancora umano lei caro Fantozzi. Parole e musiche per Paolo Villaggio” andato in scena sabato 20 novembre 2021 al Cinema Teatro Eduardo della Città Metropolitana di Milano, nel comune di Opera, nel primo spettacolo dopo le chiusure per la pandemia.

Una splendida Anna Mazzamauro ha tenuto il palco in modo eccelso, accompagnando lo spettatore in un viaggio nel quale la voce narrante era talvolta quella di Anna e talvolta quella della signorina Silvani, in un divertente omaggio a Paolo Villaggio e al suo intramontabile ragionier Ugo Fantozzi. Un mix perfetto tra comicità e ricordo, tra letture, canzoni e musica grazie anche all’accompagnamento del polistrumentista Sasà Calabrese.

25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne: «Una ricorrenza non serve a niente».
«Villaggio, come mai dopo tanti anni io e te non siamo diventati amici?»
Intervista ad Anna Mazzamauro realizzata a margine dello spettacolo del 20 novembre 2021, tenuto a Opera(MI) presso il Cinema Teatro Eduardo
Com’è tornare a calcare i palchi dopo la situazione di pandemia che abbiamo avuto?

«Io calco sempre, anche a casa. A casa mia la sera sposto tutti i divani, li metto a mo’ di platea – uno strapieno tutte le sere – e provo lo spettacolo. Infatti in questo anno e mezzo ho sempre provato per avere la sensazione che non ci fosse un’interruzione. Certo il primo giorno è stata una gioia grandissima a Borgio Verezzi, dove ha luogo il festival teatrale italiano più importante, e abbiamo debuttato lì con questo spettacolo. L’emozione è stata grande, più del solito, perché io prima di andare in scena ho il panico, la gente non se ne accorge, ma dietro le quinte mi chiedo “Ma chi me lo fa fare?”. Però è ineluttabile, un attore non può stare senza fare teatro; può fare cinema certo, televisione, ma in seconda ipotesi. Il teatro è dominante, un attore che non sappia fare teatro non è un attore; il teatro nasce proprio per comunicare al pubblico le emozioni».

Festeggiamo quest’anno i cinquant’anni dalla pubblicazione di Fantozzi, com’è cambiata la percezione e l’essere donna partendo dalla signorina Silvani a oggi?

«La Silvani era una stronza, ma credo non sia cambiato niente. Forse sono cambiati gli uomini che hanno più paura delle donne adesso, perché c’è stato non un crescendo, sono gli uomini che hanno fatto finta che non fossimo cresciute. È l’uomo secondo me che è cambiato, nella paura che noi vogliamo avere gli stessi muscoli. No, non è così. A me della muscolatura di un uomo non mi frega niente, a me fa piacere come donna se un uomo mi apre gentilmente lo sportello della macchina, se mi aiuta a portare la valigia, sono contenta come donna, però tutto qua, la differenza sta in questo».

Leggenda vuole che lei si fosse presentata al provino per fare la signora Pina. Non ha mai immaginato, a livello di carriera, come sarebbe stata la sua vita se avesse interpretato quel ruolo?

«Sinceramente no, io ho vissuto la Pina originale, la Liù Bosisio, che era strepitosa perché era lei la moglie di Fantozzi. Per carità non discuto sulla bravura dell’attrice, Milena (Vukotic Ndr) è bravissima, cioè è brava, bravissima sono io (ride Ndr). Però Liù Bisisio era autenticamente la moglie di Fantozzi, infatti quando io vedo Milena nei film così graziosa, così carina, così dolce, così assecondante, con tutte queste doti che aveva la moglie come fa lui a innamorarsi di una come me. Invece vedendo Liù Bosisio come l’avevano conciata da moglie di Fantozzi, allora la Silvani con i suoi atteggiamenti… che poi la Silvani è una vogliosa piena di solitudine, soltanto una donna piena di solitudine può comportarsi come lei, può tentare di adescare gli uomini».

Riallacciandomi a ciò che diceva prima del rapporto uomo-donna, tra poco è il 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne; come vede il fatto che sia necessaria una ricorrenza?

«Non serve a niente una ricorrenza, opinione mia che non deve necessariamente essere condivisa, serve per puntualizzare sì, ma le radici stanno più profondamente in questo maledetto modo da parte di certi uomini di vedere la donna, nell’educazione, solo che anche per avere educazione ci vogliono anni, secoli. Che facciamo aspettiamo un secolo per non correre più rischi? Ogni giorno succede qualcosa però io voglio sperare che questo succeda perché adesso tra i social e l’immediatezza televisiva, le cose si sanno subito mentre un tempo anche se succedevano ugualmente si sapeva con ritardo. Quindi voglio sperare che sia questo, solo che io non riesco a capire veramente certe condizioni dell’uomo nei confronti della donna, mi è difficile persino chiamarlo uomo uno che si comporta così. Ed è inutile che gli avvocati per difenderlo dicano “Ah non è capace di intendere e di volere”, perché è tutto programmato ed è terribile».

Perché secondo Anna Mazzamauro non esiste più l’epoca dei grandi artisti?

«Beh io sono l’ultima. Ma non è che non esiste più, è che purtroppo e fortunatamente per certi versi, quando io ero piccola la televisione era nata da poco e non aveva il senso che ha adesso dove offre la possibilità a tutti gli imbecillotti che vogliono diventare famosi di fare tutte le varie trasmissioni che conosciamo. È più facile, però rende questi cretinotti volenterosi di avere una popolarità che poi non mantengono. Mentre invece prima c’era la fatica del gradino, arrivare piano piano, gradino per gradino, però questa fatica cementava tutte le intenzioni e i risultati soprattutto se avevi veramente talento. Quindi la colpa è di certe trasmissioni televisive. Io non le vedo, mi piacciono i documentari sulle scimmie, io sono incantata dall’umanità che ha la scimmia, che sicuramente non si comporterebbe mai come un uomo, quindi l’uomo quando assale una donna non lo fa perché è uomo e per tradizione deve assalire una donna, perché una scimmia – che è un uomo – non lo farebbe mai. Hai visto gli scimpanzé che cosa sono, questi occhi incredibili che raccontano l’eternità e queste mani, che sono le nostre, come si cercano come curano i figli, come li allattano, come li abbracciano, come li proteggono, e io credo che uno scimpanzé non assalterebbe mai una donna. Quindi non è vero che è naturale nell’uomo assaltare una donna, è tutto calcolato».

Ritornando al discorso di gavetta, lei quando arrivò a fare questo personaggio quanta autostima aveva di lei per accettare di fare la signorina Silvani?

«Io sono nata con l’autostima. Io non so fare nient’altro, sono una donna inutile nella vita se non quando sto lassù, sul palco, dove credo di valere qualcosa. Non si tratta di autostima nel senso retorico della parola ma di determinazione, che io vivo bene soltanto così, allora perché non lo devo fare? Non ammazzo nessuno, non assalto nessuno, io sto bene lassopra perché mi sento bellissima, giovanissima, intelligentissima, piena di voglia di vivere».

Cinema Teatro Eduardo – Opera (Mi), Via Papa Giovanni XXIII 5/F
Informazioni: Associazione Culturale Tutti all’…Opera Tel. 347 419 0962 – 02 5760 3881 – 02 8493 0301 oppure inviare un’email a info@tuttiallopera.com – www.tuttiallopera.com

Quotidiano online Dietro La Notizia
MAZZAMAURO foto luigi cerati

Per altre notizie relative al tema Teatri Dietro la Notizia

1 Condivisioni

Articoli

“Adriatica”: terzo singolo delle Cordepazze

Uscito in radio e in digitale “Adriatica”,  terzo singolo delle Cordepazze che anticipa il nuovo album in uscita nel 2022, dopo i brani Mercedes-Benz...

Al Teatro Litta di Milano, Corrado d’Elia sarà in scena con lo spettacolo: “Io, Moby Dick”

Dal 9 al 19 dicembre al Teatro Litta di Milano Corrado d'Elia sarà in scena con lo spettacolo IO, MOBY DICK, scrittura originale ispirata...

Trenord: Domenica 28 novembre circolazione sospesa dalle 9 alle 12 fra Milano e Pioltello per disinnesco ordigno bellico

Domenica 28 novembre dalle ore 9 alle ore 12 su ordinanza della Prefettura di Milano per consentire le operazioni di rimozione di residuati bellici...

Resta Connesso

1,438FansLike
396FollowersFollow
130FollowersFollow
- Advertisement -

Ultimi Articoli

“Adriatica”: terzo singolo delle Cordepazze

Uscito in radio e in digitale “Adriatica”,  terzo singolo delle Cordepazze che anticipa il nuovo album in uscita nel 2022, dopo i brani Mercedes-Benz...

Al Teatro Litta di Milano, Corrado d’Elia sarà in scena con lo spettacolo: “Io, Moby Dick”

Dal 9 al 19 dicembre al Teatro Litta di Milano Corrado d'Elia sarà in scena con lo spettacolo IO, MOBY DICK, scrittura originale ispirata...

Trenord: Domenica 28 novembre circolazione sospesa dalle 9 alle 12 fra Milano e Pioltello per disinnesco ordigno bellico

Domenica 28 novembre dalle ore 9 alle ore 12 su ordinanza della Prefettura di Milano per consentire le operazioni di rimozione di residuati bellici...

“L’Autore – il Mestiere della Musica”: all’Apollo Milano la premiazione del concorso organizzato da Edizioni Curci.

Si è svolta all’Apollo Milano, nell’ambito della Milano Music Week, la premiazione della terza edizione del concorso “L’Autore – Il Mestiere della Musica”, organizzato...

X Factor Mixtape Vol. 2: Continua il viaggio musicale di X Factor 2021

Dopo i 12 brani originali che abbiamo ascoltato nel corso della prima puntata dei Live di X FACTOR 2021, X FACTOR MIXTAPE VOL. 2...