Vetrerinario gratuito e pulizia parco

CasaPound Novate rilancia: “Controllo veterinario gratuito” e “Basta Degrado”  

“Un vero e proprio pomeriggio di festa durante il quale, in un angolo del Parco Ghezzi, i protagonisti sono stati gli amici a quattro zampe ” – commenta così CasaPound Novate l’iniziativa che si è svolta domenica scorsa.

“Hanno aderito al servizio Veterinario gratuito poco più di una trentina di animali domestici, per la maggior parte cani” – continua Cpi- “e i loro padroni nell’esprimere apprezzamenti per l’idea ci hanno incoraggiato ad organizzare altri momenti come questo”

Contemporaneamente, i militanti dell’Associazione di promozione sociale hanno ripulito e verificato lo stato di manutenzione del parco, registrando ancora una volta abbandono e incuria della cosa pubblica.

“Ci rivolgiamo al Sindaco, in qualità di primo cittadino, e lo invitiamo a sollecitare i suoi Assessori a smettere il mantra delle lamentele e ad adoperarsi, invece, per trovare soluzioni ai problemi” – prosegue Cpi – “Novate e i novatesi meritano di meglio di un’Amministrazione che pensa ad organizzare iniziative di immagine e totalmente autoreferenziali perdendo di vista il proprio dovere”. Il riferiemnto del tutto voluto è alla manifestazione organizzata in collaborazione con Lega Ambiente e che, peraltro, si è rivelata un vero flop.

“Dai Consilgeiri e dagli Assessori non ci aspettiamo che si mettano a ripulire la città invitando i cittadini a fare la stessa cosa” – insiste CasaPound- “pretendiamo, viceversa, che svolgano un ruolo di controllo e che facciano rispettare i termini degli appalti per la pulizia e lo smaltimento dei rifiuti, per la manutenzione del verde, dell’illuminazione  e, in generale, dell’intero patrimionio pubblico”.

“Oltre ad un problema di sporcizia, non possiamo non rilevare il pessimo stato in cui versano i giochi presenti nell’area dedicata ai bambini e l’incuria a cui sono lasciate le aiuole e il verde tutto” – conclude Cpi – “I cittadini novatesi pagano profumatamente per servizi che sono ridotti all’osso e che non rendono giustizia alla città. Come abbiamo già spiegato a luglio, non vogliamo sostituirci alle imprese incaricate dall’Amministrazione comunale per lo svolgimento del servizio di pulizia e manutenzione ma sollecitare il Comune ad essere più attento e responsabile nello spendere i soldi dei contribuenti”.