The Gender Game

Studenti realizzatori del gioco

THE GENDER GAME: PRENDIAMOCI GIOCO DELLE DIFFERNZE
Sulla parità non si scherza, ma ci si può sempre mettere in gioco.

Venerdì 13 Giugno 2014 presso Prato della Valle a Padova, gli studenti “si mettono in gioco” per far riflettere sulla parità di genere tra uomo e donna.
L’Università degli Studi di Padova è scesa in piazza in occasione del Contest On The Move 2014 organizzato dalla Fondazione Pubblicità Progresso. Quest’anno l’obiettivo del concorso è promuovere la valorizzazione del ruolo della donna nella nostra società, a discapito degli stereotipi di genere, ed è proprio da questi ultimi che è partita al riflessione degli studenti che hanno organizzato in Prato della Valle il The Gender Game.

Si tratta di una grande rivisitazione del gioco dell’oca con tanto di tabellone composto da caselle rappresentanti vantaggi e svantaggi dell’essere uomo e donna nelle situazioni di tutti i giorni. Lo scopo del gioco non era la vittoria, ma come testimonia l’hashtag #ioPareggio, l’obiettivo era far prendere consapevolezza della diversità. Infatti ciascun giocatore poteva provare sulla sua pelle vantaggi e svantaggi dell’altro sesso. Non solo stereotipi, ma anche temi caldi, come le quote rosa e il problema della retribuzione economica.

Per sostenere l’evento, a tutti i partecipanti, ma non solo, è stato chiesto di farsi fotografare con delle particolari “mascherine”: nello specifico dei baffi finti che rappresentavano l’uomo e delle labbra carnose per rappresentare la donna.

Il messaggio trasmesso da questa iniziativa di Guerrilla, realizzata dagli studenti del Corso di Promozione d’immagine del Professor Vittorio Montieri, (Laurea Magistrale in Strategie di Comunicazione), consiste nel far comprendere che è necessario acquisire consapevolezza sul tema, per poter parlare di parità; in questo modo gli studenti hanno cercato di far riflettere la popolazione padovana, e non solo, usando una chiave di lettura ironica e giocosa.