Charlie

Charlie

Non è soltanto un mercatino vintage, ad ingresso libero, colmo di manufatti originali e unici, eccentrici e stravaganti.

Non è nemmeno un normale concerto, con un gruppo della scena musicale underground inglese, per la prima volta in Italia, assolutamente determinato a far scatenare senza remore il suo pubblico. 

Non è del resto un semplice esperimento di spettacolo – improvvisazione che offre al pubblico la possibilità di far di testa propria, liberarsi da qualsiasi regola o convenzione, sociale e teatrale che sia e lasciarsi finalmente andare, in un sabato sera a Milano fuori dal luogo e dal tempo.

Milano Calling è tutto questo e anche di più: è un’esperienza di emozioni partecipate, un tentativo di realizzare quei desideri che si tenta di reprimere ma che bisognerebbe lasciar sfogare all’insegna  del “potrebbe succedere che…” suggerito da un racconto o dal suono di uno strumento.

Almeno di sabato. Almeno alla Contraddizione.

Entra così nel vivo il ciclo Milano Calling, dal progetto Formati d’Arte, realizzato con il sostegno di Fondazione Cariplo.

Il terzo appuntamento, sabato 23 novembre, è dedicato alla psichedelia in ogni sua forma artistica, dalla musica all’arte.

L’evento di apre con il psicomarket (dalle ore 11 alle ore 19, ingresso libero), inteso come materializzazione di desideri, sempre più ricco di espositori di abiti, accessori, oggetti di design e di sorprese. Anche questa volta sarà “palco aperto” con la possibilità di esibirsi e condividere la propria musica. 

Dalle ore 21.15 (ingresso 10 euro) la festa continuerà e il teatro si trasformerà in club con gruppi musicali, scelti dalla nuova scena alternativa, che proveranno a contaminarsi e a contaminare la serata, coinvolgendo il pubblico con la loro energia.

Questa volta tocca al gruppo londinese Charley Boyer and the Voyeur, con il loro rock roll psichedelico e potente, glamour e primitivo definite dalla critica londinese “the best British garage record of the 21st century”.

dalle ore 14 alle ore 19 – ingresso libero

PsicoMarketautoproduzione di idee, oggetti sensazioni

Esposizione e vendita di abiti, accessori e oggetti di stilisti e designer autoprodotti.

Palco aperto: dalle 14 alle 18 il palco del teatro della contraddizione è aperto a chiunque voglia regalarci un po’ di musica (per info http://milanocalling.wordpress.com/palco-aperto/)

Live Painting a cura di Anna Canavesi, Isabella Nazzarri e Zonk

dalle ore 21.15 (ingresso 10 euro)
per la prima volta in Italia la band inglese
Charlie Boyer and the Voyeur

Il gruppo, costituito nel 2012 e prodotto da Edwyn Collins, leader dei mititi Orange Juice, è composto da Charlie Boyer (vocals & guitar), Danny Stead (bass), Sam Davies (guitar), Samir Eskanda (drums) & Ross Kristian (keys).

Reduci da un lungo tour con gli Splashh, hanno suonato la scorsa estate al Field Day Festival e fatto il tutto esaurito al Lexington di Londra. Poche settimane fa si sono esibiti all’Old Blue Last di Londra.

 Il loro è un rock primitivo, sexy e “glamorous”.

 

                                                                                                                                                        

Liberare il desiderio dalle sovrastrutture, dalle convenzioni sociali… dalle scarpe….

Visioni del mondo, della vita o di questa sera.

Aprire con l’arte il mondo interiore… farlo esplodere in un vestito… in un contatto… sciolto in un ballo…

Senso rivoluzionario… una rivoluzione interiore… per una rivolta door to door…

Creare un nuovo senso di comunità… col tuo desiderio… gettato con leggerezza in mezzo agli altri…

Presenza Dionisiaca… tra luci vintage, musica psichedelica e biscotti della madonna…
La bellezza dell’universo, la bellezza dell’essere… e fanculo il resto…