Spirito italiano

 

 

Daniela Alfarano Lacrime-cm 60x50-2012-matita-su-tavola

 

BORRONI presenta SPIRITO ITALIANO, un progetto per la rinascita della giovane arte italiana

Fabbrica Borroni è nata e si è sviluppata come una struttura culturale indipendente e autofinanziata che ha come oggetto il sostegno e lo sviluppo della giovane arte italiana. L’origine e l’idea fondante è naturalmente la Collezione Borroni, ormai nota a livello nazionale, e lo sviluppo quasi ovvio è stato di organizzare una lunga serie di mostre rivolte ai giovani e giovanissimi talenti italiani. Tutto ciò con l’intervento di giovani o giovanissimi curatori, anche alle prime armi, proprio per dimostrare la verità di quello che sosteniamo da sempre: dare la possibilità ai giovani di crescere e di prendere consapevolezza dell’importanza che rivestono per la società.

Il sistema dell’arte italiano sta morendo soffocato dalla situazione in cui si è messo da parecchi anni: gelido, elitario, una cupola mafiosa composta da due o tre riviste, quattro gallerie, poche decine di collezionisti “guidati”. I giovani artisti non vengono pagati, le loro opere si perdono misteriosamente nei meandri delle gallerie, ricevono false promesse per mostre che non si faranno mai. Tutto questo deve finire perché è un sistema marcio, un affronto a chi vive per l’arte sperando anche solo di essere preso in considerazione.

L’arte deve diventare accessibile a tutti, non può essere più ostaggio di una minoranza che difende i suoi privilegi. Per fortuna esiste una moltitudine di artisti, curatori, veri galleristi, collezionisti e sinceri appassionati d’arte che non possono, non debbono e non vogliono entrare in questo sistema, e perciò o si adattano rinunciando ai loro ideali e alla loro voglia di costruire, o continuano a lottare e a progettare ma rimanendo per ora ai margini. Stiamo andando molto rapidamente verso uno stile di vita più tranquillo, se vogliamo più modesto, ma molto più utile per essere costruttori e protagonisti dei nuovi tempi. L’Italia è sicuramente in uno dei suoi periodi più difficili, e spetta a tutti noi decidere come ne uscirà e agire di conseguenza. Prima però dovranno essere ristabiliti valori e modelli di comportamento che poco hanno a che fare con quelli che ancora attualmente resistono.

Il vuoto esistenziale, l’incerta prospettiva del futuro ci devono spingere ad agire, ognuno secondo le proprie competenze. SPIRITO ITALIANO è il nuovo progetto con cui Fabbrica Borroni vuole rispondere a questa grave situazione; si fonda su due pilastri: l’attenta scelta curatoriale e la correttezza e trasparenza dei rapporti. Diciotto giovani artisti sono stati attentamente selezionati da Fabbrica Borroni: Guido Airoldi, Daniela Alfarano, Daniela Ardiri, Irene Balia, Linda Carrara, Francesca De Pieri, Simone Durante, Marta Fumagalli, Debora Garritani, Francesca Manetta, Diego Mazzaferro, Chiara Paderi, Davide Paglia, Patrizia Emma Scialpi, Alessio Tibaldi, Vincenzo Todaro, Barbara Uccelli, Angela Viola. È stato proposto e firmato un contratto che impegna gli artisti e Fabbrica Borroni all’esposizione e alla vendita delle loro opere attraverso una serie di eventi e manifestazioni.

Il contratto scritto contiene ben chiari obblighi e doveri reciproci; per la prima volta il giovane artista conosce perfettamente quando e come potrà esporre, quale sarà il suo beneficio e in quali tempi. L’artista comunque rimarrà libero di rapportarsi con le altre realtà quali gallerie, istituzioni, musei, concorsi.  

L’obiettivo del progetto, oltre ad essere un appello e un richiamo a tutto il mondo dell’arte perché prenda coscienza della gravità della situazione e cominci ad agire è altresì quello di avvicinare e riavvicinare le persone comuni all’arte, attraverso mostre, incontri con gli artisti, dibattiti sull’arte, letture di poesia, performance, spettacoli teatrali; perché la Fabbrica possa diventare un luogo d’incontro non solo per gli artisti ma anche per tutti coloro che amano l’arte e che desiderano trascorrere qualche momento della loro giornata in un luogo unico e ricco di storia, assaporando il piacere dell’arte e della cultura. Il programma di Spirito Italiano (definito fino a giugno 2013) prevede la compresenza di tre artisti espongono all’interno degli spazi di Fabbrica Borroni per un periodo di due mesi. In occasione di ogni nuova esposizione (Atto), viene organizzata un’inaugurazione. Gli Atti vengono animati da manifestazioni culturali, così da creare dei veri e propri appuntamenti fissi in Fabbrica. Spirito Italiano avrà inizio con la grande inaugurazione del progetto, mercoledì 12 dicembre 2012, presso la sede di Fabbrica Borroni (Bollate, via Matteotti 19) a partire dalle ore 18.30

Sarà l’occasione per presentare l’Atto I(a cura di Annalisa Bergo), che vedrà come protagoniste tre giovani artiste accomunate dal profondo senso della ricerca della spiritualità e dall’uso vivido della luce: Daniela Alfarano, Marta Fumagalli, Debora Garritani.

Le opere di Daniela Alfarano nascono dall’interno, dall’animo dell’artista, dalla sua costante ricerca della spiritualità, nel soggetto da rappresentare, nei rapporti umani, nelle situazioni quotidiane. Come se nulla avvenisse per caso. Nei suoi disegni, tavole di legno sulle quali Daniela “dipinge” utilizzando la grafite, i dettagli prendono vita grazie al vibrante chiaro scuro, le luci morbide dialogano con il fondo nero mentre i corpi emergono dalle venature del legno, materia viva e in costante mutamento. Ogni singolo elemento fa parte di un insieme, in una continua tensione verso l’Assoluto. In ogni gesto fermato sulla tavola, in ogni ruga del viso tracciata è racchiusa l’emotività dell’esistenza, i valori ultimi condivisi dall’umanità: l’amore, anche quello tra madre e figlia, la sofferenza, la felicità, la speranza. Daniela riporta alla luce le emozioni, i corpi, le vite passate in silenzio sotto gli occhi della quotidianità e lo fa con tutta la regalità della sua tecnica, perché l’animo umano, seppur tormentato, è immagine e somiglianza di Dio.

I lavori fotografici di Debora Garritani sono una serie di autoscatti che costituiscono un’indagine su temi esistenziali, in particolare sugli opposti dualismi, presenza-assenza, memoria e oblio, ascesa e discesa dell’uomo, peccato ed espiazione. Atmosfere rarefatte, visionarie e oniriche, popolate da figure femminili spettrali, celate e svelate, misteriose e sensuali a volte sospese e fluttuanti che parlano dell’ineluttabilità della morte, dell’inesorabile trascorrere del tempo, della necessità di lasciare una traccia del nostro passaggio, dell’ascesa e caduta dell’uomo, intesa come continua evoluzione e involuzione. È dunque una fotografia intima ed evocativa, tesa a comunicare un messaggio interiore, attraverso il silenzio della riflessione.

Marta Fumagalli è invece una scultrice e appartiene a quella categoria di artisti che non ha paura di lavorare con i materiali: che si tratti di legno, cera o ferro, Marta li plasma secondo le forme desiderate, senza forzature, ma accompagnandone la naturale evoluzione. Equilibrio e precarietà che rispecchiano l’attuale condizione umana, sono alla base della sua ricerca artistica e materica. Innesti di materiali vivi con altri inerti, uso del legno e della cera come simboli di caducità e dello scorrere del tempo, materiali vibranti che l’artista modella in forme umane, delineando sagome dalla scorza morbida e fragile; le sculture di Marta non sono mai gusci vuoti, ma sono ricolmi di emozioni, quelle convogliate dall’artista e quelle che suscitano nello spettatore. E anche se si tratta di sculture silenziose, ci sentiamo attratti da questi uomini e donne di cera che, vibrando al tocco della luce, forse sussurrano il nostro nome, ci vogliono accanto per raccontarci, senza parlare, un sentimento troppo umano per rimanere nascosto nella cera.

Dulcis in fundo, la serata sarà animata da un’altra giovane artista che invece fonda il suo lavoro sui rapporti umani, intesi come dialogo che gli uomini hanno con se stessi, con gli altri e con il tempo: Barbara Uccelli. E la performance per l’inaugurazione di Spirito Italiano ha senza dubbio la capacità di lasciare il visitatore…con molte parole.

Per Informazioni

www.spiritoitaliano.org

www.fabbricaborroni.it

info@spiritoitaliano.org

t. 02.36507381 – f. 02.36507046

Facebook: Spirito Italiano Arte – Twitter: SI_arte con il patrocinio

SPIRITO ITALIANO è un progetto di FABBRICA BORRONI

Via Matteotti 19 – 20021 Bollate (MI)