Ensemble da camera

Sabato 28 gennaio 2012, alle ore 16, nell’ambito del ciclo “I concerti dell’Accademia” presso il Ridotto dei Palchi del Teatro alla Scala, prende il via l’attività 2011/12 dell’Ensemble da camera dell’Accademia, specializzato nel repertorio del XX secolo.

L’Ensemble verrà diretto da Francesco Angelico in un  programma che prevede l’esecuzione di Septet di Igor Stravinskij, il settimino Periodes di Gérard Grisey e Il ruvido dettaglio celebrato da Aby Warburg, quintetto di Giovanni Verrando.

L’Ensemble da camera dell’Accademia scaligera segue un percorso formativo biennale con l’obiettivo di approfondire un repertorio che raramente viene preso in esame durante gli studi in conservatorio. Gli allievi preparano programmi musicali sotto la guida di noti direttori, specializzati nel repertorio del XX secolo, con l’ausilio delle Prime Parti dell’Orchestra del Teatro alla Scala, spaziando fra autori italiani e stranieri dal Primo Novecento fino a compositori contemporanei. Ad oggi, sotto la guida di Giorgio Bernasconi, Francesco Bossaglia, Olivier Cuendet, Georges-Elie Octors, Fabián Panisello, Renato Rivolta, Jonathan Stockhammer, Yoichi Sugiyama, l’Ensemble ha tenuto concerti in noti teatri (dalla Scala di Milano al Ponchielli di Cremona al Sociale di Como) e nell’ambito di festival di rilievo (Festival di Musica Contemporanea della Biennale Musica di Venezia, Festival MiTo Settembre Musica) proponendo anche prime esecuzioni italiane.

L’attività 2011/12 proseguirà al Ridotto dei Palchi del Teatro alla Scala con concerti diretti da Marco Angius (18 febbraio e 28 aprile) e Renato Rivolta (31 marzo). Fra i numerosi impegni dell’Ensemble, si segnala fra maggio e giugno la partecipazione al Wiener Festwochen di Vienna (29, 31 maggio e 1 giugno) per Quartett di Luca Francesconi, con la regia di Alex Ollé de La Fura dels Baus, opera liberamente tratta da Le relazioni pericolose di de Laclos, che ha riscosso un notevole successo al suo debutto al Teatro alla Scala nella stagione 2010-11, in una coproduzione con il Wiener Festwochen e l’Ircam.

 

Francesco Angelico, di origine siciliana, si diploma in violoncello a Modena sotto la guida del M° M. Chen. Fra il 2003 e il 2006, sotto la guida del M° Giorgio Bernasconi presso il Conservatorio della Svizzera italiana a Lugano, studia per la direzione del repertorio contemporaneo. Contemporaneamente agli studi, collabora come assistente del M° Bernasconi per la stagione dedicata alla musica contemporanea “900 Passato e presente” presso la RSI- Rete 2.  Dal 2006 al 2009 studia presso la Hochschule für Musik und Theater di Hannover approfondendo sia il repertorio sinfonico sia quello operistico. Ha seguito numerosi corsi di perfezionamento con il M° Jorma Panula a Mosca, Amsterdam, Kuopio, Valencia e con il M° Zoltán Peskó durante il “Bartók Festival” a Szombathely, in Ungheria. Dall’aprile 2007 è stipendiato del “Dirigentenforum” del Deutscher Musikrat. Nel 2007 debutta presso il Teatro dell’Opera di Tirana dirigendo Fidelio di Beethoven. In seguito dirigerà Le nozze di Figaro di Mozart ad Hannover, e Ariadne auf Naxos di Strauss a Gelsenkirchen. Nel 2009 Angelico vince la prima edizione del “Deutsche Operettenpreis”, premio organizzato dall’Opera di Lipsia. Nello stesso anno riceve il secondo premio al “Malko Competition” di Copenhagen e si aggiudica il Rhein-Mosel Musikpreis diventando così direttore assistente presso la Staatsorchester Rheinische Philharmonie Koblenz per la stagione 2009 – 2010. Nell’aprile 2010 riceve il “Music Critics’ Preis” nell’ambito del ”Festival di Musica dell’Europa centrale”a Žilina, dirigendo un concerto con la Slovacchia Sinfonietta. Da allora ha debuttato con diverse orchestre quali la Deutsche Kammer Philharmonie Bremen, l’Orchestra Sinfonica della Radio e Televisione spagnola RTVE a Madrid, l’Orchestra della Svizzera italiana, l’Orchestra della Toscana, la Sinfonia Varsovia, la National Symphony Orchestra Taiwan.

Nella stagione 2011/2012 debutterà con la Deutsches Symphonie Orchester Berlin alla Philharmonie di Berlino, con gli Heidelberger Philharmoniker, la Kammerakademie Potsdam, la Philharmonie Südwestfalen. Inoltre tornerà a dirigere l’orchestra della Svizzera italiana e la Tiroler Symphonie Orchester in una nuova produzione di Maria Stuarda di Donizetti presso il Landestheater di Innsbruck. 

Nel 2011 Francesco Angelico si è aggiudicato il Primo Premio assoluto al “Deutscher Dirigentenpreis” dove ha eseguito presso la Konzerthaus di Berlino la Tanz Suite di Bèla Bartok.

INGRESSO GRATUITO

previo ritiro di un biglietto di ingresso presso la Biglietteria Centrale del Teatro alla Scala – Duomo, dalle ore 12 alle 18 a partire da una settimana prima del concerto. A partire da un’ora prima dell’inizio dell’evento i biglietti ancora eventualmente disponibili potranno essere ritirati presso la Biglietteria Serale, via Filodrammatici 2.