Regione Marche

Regione Marche

La Regione Marche si estende su un territorio di oltre 90.000 ettari e il 10 per cento della superficie risulta tutelato da due parchi nazionale, quattro regionali e sei riserve naturali e più di 100 aree floristiche, 15 centri di educazione ambientale.  Pur essendo una delle più montuose d’Italia i rilievi non sono molto elevati; l’economia si base prevalentemente sull’agricoltura e tra i prodotti registriamo tra l’altro l’orzo, l’avena, la vite, l’ulivo, il mais, la barbabietola da zucchero, il tabacco, gli ortaggi e i foraggi che alimentano un buon allevamento del bestiame. Una risorsa importante è la pesca con i porti di San Benedetto del Tronto, Fano e Ancona.

La zona costiera che si affaccia sul Mare Adriatico è lunga 180 chilometri con stupendi arenili difesi da due barriere che li difendono dall’erosione del mare e per la qualità delle acque sono state assegnate 16 bandiere blu dove il turista può trovare spiagge di sabbia finissima, ghiaia o rocce con scogli o palme. L’interno è caratterizzato dalle colline con invasi artificiali per l’irrigazione dei campi e quest’aria salubre consente una longevità di 80 anni per gli uomini e 86 per le donne.

 Innumerevoli sono le microaziende  e tra queste il 40% delle calzature di notevole rilevanza viene realizzato in questa regione; è per questo motive che il livello di disoccupazione è il più basso di tutta l’Italia: si registra che su ogni 1000 abitanti c’è un’impresa artigianale.

E’ una terra dove i suoi abitanti hanno dato lustro all’Italia sia nel campo industriale che artigiano (poltrona Frau, Fabi, Tod’s, gruppo Guzzini, senza dimenticare Enrico Mattei, ecc.). Anche nel campo dell’arte e della cultura hanno lasciato i segni Giacomo Leopardi, Raffaello, Rossini, Virna Lisi, Valeria Moriconi,ecc.).  E per valorizzare questo territorio lo scorso anno è stato realizzato uno spot pubblicitario in due versioni di 30 secondi l’uno che si è avvalso di un grande attore americano, Dustin Hoffman, dove arte,  natura, musica hanno preso lo spunto sul capolavoro di Giacomo Leopardi “L’infinito” e che è andato in  onda sugli schermi di diverse televisioni.

Il turismo e la cultura sono anche una base per lo sviluppo di tutto il territorio che possiede un grande patrimonio del nostro Paese tra monumenti, chiese, teatri (oltre 700) che registrano sempre una forte partecipazione di spettatori. Per questi settori gli amministratori regionali, provinciali, comunali cercano di unire gli sforzi per il futuro in modo da assicurare un posto di lavoro soprattutto per i giovani. E questo è il concetto per incentivare la comunicazione dei vari eventi anche dei piccoli paesi in considerazione che generalmente i turisti soggiornano  sette  giorni nelle Marche rispetto ai quattro della media del resto d’Italia.

Per i turisti che si recano in questa regione, terra di San Francesco (i fioretti) c’è solo l’imbarazzo della scelta tra 200 chiese romaniche, 90 abbazie e importanti santuari e tra questi c’è quello di Loreto uno dei più celebri d’Europa dove dal 3 all’11 settembre  si terrà il XXV Congresso Eucaristico, castelli, centri murati, fortezze, 400 musei e pinacoteche su 239 comuni., senza dimenticare la città di Urbino con la sua antica università e Ascoli Piceno con le sue torri e i palazzi in travertino.

Per dettagliate informazioni: Assessorato al Turismo Regione Marche, tel. 071.806.27.10 –

www.turismo.marche.it