Vela sul lago di Bracciano

vela planet sail
vela planet sail

Vieni a provare la vela sul lago di Bracciano: 11 e 25 luglio 2020 quattro appuntamenti

Opportunità gratuita nell’ambito di Tesori Naturali Giovani del Parco di Bracciano-Martignano finanziata dalla Regione Lazio per ragazze e ragazzi dagli 8 ai 18 anni. Prenotazione obbligatoria

Grande opportunità per tutti ed in particolare per ragazze e ragazzi dagli 8 ai 18 anni per mettersi alla prova divertendosi nella vela, nel windsurf e nello stand up in modo del tutto gratuito. Nell’ambito del calendario Tesori Naturali Giovani del Parco di Bracciano-Martignano, finanziato dalla Regione Lazio, l’11 luglio e il 25 luglio 2020 è in programma l’iniziativa “Vieni a provare la vela sul lago di Bracciano”. Quatto appuntamenti suddivisi in due giornate ai quali si può partecipare per avvicinarsi, nell’incantevole scenario del lago di Bracciano, alla vela e alle attività in acqua seguiti da istruttori della Federazione Italiana Vela.

Obbligatoria solo la prenotazione con segnalazione del nome, dell’età e della data ed orario ovvero 11 luglio mattina inizio ore 9.30, 11 luglio pomeriggio inizio ore 15; 25 luglio mattina inizio 9.30; 25 luglio pomeriggio inizio ore 15. Ogni turno è riservato a massimo 15 partecipanti. Si tratta di una iniziativa che mira a promuovere in special modo nei giovanissimi la passione per le attività veliche e per le altre discipline sportive che animano il lago, cuore del Parco di Bracciano-Martignano.

L’iniziativa è organizzata dall’Associazione Culturale Sabate che opera dal 1992 per la promozione turistica del lago di Bracciano, la salvaguardia degli usi e costumi locali e che gestisce Il Museo Della Civiltà Contadina e della Cultura Popolare “Augusto Montori” di Anguillara Sabazia in collaborazione con il Circolo Velico Planet Sail Bracciano, che ha organizzato sul lago di Bracciano il Campionato del Mondo di 470 nel 2016 e nel 2018.

L’iniziativa si tiene sabato 11 luglio e sabato 25 luglio 2020 secondo il programma indicato.

Mattina

Ore 9.30 – Introduzione alle risorse turistico-culturali del territorio a cura dell’Associazione Culturale Sabate – Il Parco di Bracciano-Martignano: storia e natura dell’area protetta.
Ore 10 – Inizio attività. Prove individuali in acqua in barca a vela, windsurf e sup con istruttori Federazione Italiana Vela. A rotazione i ragazzi potranno sperimentarsi nelle singole discipline sportive.
Ore 13 – Termine attività.

Pomeriggio

Ore 15 – Introduzione alle risorse turistico-culturali del territorio a cura del presidente dell’Associazione Culturale Sabate Il Parco di Bracciano-Martignano: flora e fauna dell’area protetta.
Ore 16 – Inizio attività. Prove individuali in acqua in barca a vela, windsurf e sup con istruttori Federazione Italiana Vela. A rotazione i ragazzi potranno sperimentarsi nelle singole discipline sportive.
Ore 19 – Termine attività.

I partecipanti avranno in omaggio a ricordo della giornata una maglietta del circolo Planet Sail.

Per quanti volessero è possibile pranzare o cenare a proprie spese presso il Ristorante del Circolo Velico.

Quota di partecipazione: nessuna. Prenotazione obbligatoria: associazionesabate1@tiscali.it

Per informazioni: www.parcobracciano.it nello spazio dedicato all’iniziativa

Museo Vincenzo Vela: Stephan Micus in concerto

TLNSLO:  STEPHAN MICUS  :TALLINN,EESTI, 07JUN2007 Kunstikuusumis Kumu auditooriumis esines saksa muusik helilooja Stephan Micus. as/Foto  ARNO SAAR     SL ÕHTULEHT
 STEPHAN MICUS
Foto ARNO SAAR SL ÕHTULEHT

Quest’anno, cogliendo l’occasione dell’inaugurazione di AlpTransit, il Museo ha dedicato parte del suo lavoro di ricerca a «Le vittime del lavoro», l’opera di Vela che rende omaggio ai minatori del primo traforo ferroviario del Gottardo. A questo capolavoro è dedicato il numero 7 della collana di ricerca «Casa d’artisti. Quaderni del Museo Vincenzo Vela», dal titolo Le Vittime del lavoro di Vincenzo Vela, 1882.

Genesi e fortuna critica di un capolavoro, volume che viene presentato domenica 9 ottobre alle ore 16, alla presenza degli autori: Gianna A. Mina, Marco Marcacci, Gian Casper Bott, Giorgio Zanchetti, Federico Masedu e Vito Calabretta. Si tratta della prima monografia critica dedicata a questo capolavoro di Vela, una pubblicazione scientifica «corale», capace di porre sguardi e accenti diversi su un’opera così significativa da essere considerata uno dei primi monumenti europei dedicati alla classe operaia.

In cento pagine, esperti di diverse discipline si interrogano sulla valenza universale e sull’attualità delle «vittime del lavoro», sulla sua fortuna critica e artistica oltre che sulle origini storiche e sociali.

A seguire, alle ore 17.30, si terrà il concerto del polistrumentista e vocalist tedesco Stephan Micus, per la prima volta in concerto nella Svizzera italiana: un’occasione davvero unica, nata dall’inedita collaborazione tra il Museo Vincenzo Vela e RSI – Rete Due.

Musicista-culto nato in Baviera nel 1953, di formazione chitarrista, Micus ha all’attivo un’incredibile discografia composta da più di venti album realizzati dalla metà degli anni ‘70 ad oggi.

Creatore solitario (nei suoi dischi canta e suona tutti gli strumenti), la sua opera si situa in un ambito a metà strada tra la ricerca etnomusicologica, la world-music e la creazione colta contemporanea, con radici che affondano nella cultura alternativa dei primi anni ’70 e nello sviluppo, all’epoca, della cosmic music di gruppi tedeschi quali Popul Vuh e Ash Ra Temple.

Informazioni

Domenica 9 ottobre 2016

ore 16.00

Presentazione del settimo volume della collana di ricerca “Casa d’artisti. Quaderni del Museo Vincenzo Vela”, “Le vittime del lavoro di Vincenzo Vela, 1882. Genesi e fortuna critica di un capolavoro”. Alla presenza degli autori: Gianna A. Mina, Giorgio Zanchetti, Gian Casper Bott, Federico Masedu, Marco Marcacci e Vito Calabretta.

Entrata gratuita

ore 17.30

Stephan Micus in concerto

In collaborazione con RSI – Rete Due

Entrata intero: CHF 20.- / ridotto: studenti, apprendisti, AVS/AI, soci Club Rete Due CHF 15.- Informazioni e prenotazioni: museo.vela@bak.admin.ch o telefonicamente +41 – 58 – 481 30 44. I posti non sono numerati.

Idroscalo: arte, sport, intrattenimento e relax a Pasqua

Chi sceglierà di trascorrere il proprio tempo libero a Pasqua e a Pasquetta nell’incantevole scenario dell’Idroscalo avrà l’imbarazzo della scelta tra relax, intrattenimento e oltre venti discipline sportive da praticare.

Gli amanti dell’arte potranno ammirare nel nuovo spazio «IdroArt» (zona Tribune), la mostra fotografica «Angoli d’Italia in un click», una rassegna basata sull’esposizione di scatti realizzati da Giorgio Chiappa.

Per i più piccoli saranno, invece, attivati i laboratori creativi del «Muba – Museo dei bambini Milano» eccezionalmente offerti da Provincia, a partire da lunedì 9 aprile, e ospitati nella Sala azzurra della Punta dell’Est. Completano l’offerta, i gonfiabili del parco «Dolly», il Villaggio del bambino e l’area giochi gratuita della riva ovest.

Immancabile lo sport con oltre 20 attività da praticare in sicurezza, tranquillità e all’aria aperta: canoa, canotaggio, sci nautico, tennis, calcio, pallavolo, nuoto, vela, aerobica, beach volley, basket, pallamano, pattinaggio, ping pong, yoga, pesca e, naturalmente, la possibilità di correre nel circuito intorno al lago.

L’Amministrazione mette, come di consueto, a disposizione, lungo gran parte della riva ovest del «Mare dei Milanesi», il servizio wi-fi, che consente di navigare, gratuitamente e in assoluta libertà, in Internet con il proprio computer o smart-phone. L’unica richiesta agli utenti è quella di attivare un profilo personale (direttamente dal dispositivo mobile e nel rispetto delle disposizioni in materia di privacy) dal proprio numero di telefono (usato come nome utente) e una password.

Come da tradizione, anche quest’anno, nei giorni di Pasqua e Pasquetta, sono attesi all’Idroscalo migliaia di visitatori. Per permettere la piena fruibilità di tutti gli spazi, la Provincia di Milano ha portato a termine, nei giorni scorsi, un programma di manutenzione di ampia portata: sono stati rasati i prati, ripulite le aree barbecue e le zone di maggior affluenza e piantumati nuovi fiori e arbusti.

Per facilitare gli spostamenti interni, o per compiere un giro panoramico del bacino, è stato messo a disposizione delle famiglie un trenino a motore che collega tutti i punti di maggior interesse e che ha per capolinea il vicino luna park. Il giro del lago richiede 45 minuti e il costo del biglietto è di due euro a persona.

Sulla riva ovest sono collocate le strutture ristoro: Le Jardin au bord du lac, il chiosco Dolly, il bar Tribune e il Magnolia. Mentre sulla riva est i cittadini potranno trovare ristoro e divertimento al locale Strongbow Gold Beach e al bar e noleggio barche e pedalò Chalet.

«L’Idroscalo s’è ormai confermato una meta privilegiata dai nostri cittadini che, anche in vista di Pasqua e Pasquetta, si recheranno numerosi nelle varie aree attrezzare del Parco – ha dichiarato il presidente della Provincia di Milano, On. Guido Podestà -. Siamo, del resto, riusciti a offrire ai milanesi un Parco non solo ridisegnato a misura di famiglia ma anche ripensato come luogo del benessere di quanti intendono o semplicemente rilassarsi o fare sport all’aria aperta a livello sia amatoriale sia agonistico».

«Invito tutti gli sportivi a trascorre questi giorni di vacanza all’aria aperta all’Idroscalo – ha aggiunto l’assessore allo Sport Cristina Stancari -. Un Parco naturale dove lo sport si pratica in assoluta sicurezza in una cornice rinnovata».

 

L’ingresso al Parco è gratuito e consentito dalle 7 alle 21.

 

Per informazioni www.idroscalo.info

Tel. 334 6007420