Nuovo tour di Nesli

Nesli 2 2019 foto di Chiara Mirelli
Nesli 2 2019 foto di Chiara Mirelli

Approda giovedì 28 marzo all’Auditorium Flog di Firenze (ore 21,15) il nuovo tour di Nesli, a pochi giorni dall’uscita dell’album “Vengo in pace”, anticipato dal singolo “Le Cose belle”.

I biglietti – posto unico 23 euro – sono disponibili nei punti prevendita Box Office Toscana (www.boxofficetoscana.it/punti-vendita tel. 055.210804) e online su www.ticketone.it (tel. 892.101). Info tel. 055.667566 – www.bitconcerti.it – www.flog.it.

ATTENZIONE: si recupera il concerto fiorentino previsto per il 15 novembre scorso e poi annullato. Restano validi i biglietti acquistati per quella data.

Il nuovo album di Nesli chiude idealmente la trilogia iniziata nel 2015 con “Andrà tutto bene”. Un percorso musicale alla ricerca di una serenità e di un equilibrio interiore passando attraverso il peggio di sé. Tre titoli, “Andrà tutto bene” (2015), “Kill Karma” (2016) e “Vengo in pace”, nati separatamente, ma che hanno finito per dare un perfetto senso logico a questi ultimi quattro anni di vita del cantautore.

L’album è stato anticipato digitalmente dai brani “Maldito” e “Vengo in pace” e in radio da “Immagini” e “Viva la vita”. La produzione è stata affidata a Brando che ha saputo dare coerenza musicale ad un lavoro che spazia molto sia per le tematiche affrontate sia per il sound.

L’album contiene undici brani: “Nuvole e santi”, “Vengo in pace”, “Sempre qui”, “Viva la vita”, “Le cose belle”, “Ma che ne so”, “Troppo poco”, “Immagini”, “22 giorni”, “Ricorderò”, “Maldito”.

“Lampedusa Snow” al Piccolo Teatro Studio

lampedusa snow
lampedusa snow

Si apre al Piccolo Teatro Studio, dal 10 al 15 maggio, Lampedusa Snow, secondo capitolo della Trilogia del naufragio di Lina Prosa. Ispirato, come Lampedusa Beach (già al Teatro Grassi nel 2015), a un fatto di cronaca, anche questo testo è il racconto in prima persona di un’odissea tragica. Mentre Beach racconta di un naufragio di mare, quindi verso il basso, Snow racconta di un naufragio di montagna, quindi verso l’alto.

Alcuni anni fa, a causa del sovraffollamento del centro di accoglienza di Lampedusa, alcuni migranti vennero trasferiti in un altro centro, sulle Alpi, a circa 1800 metri di altezza. Mohamed è uno di questi migranti: con indosso una felpa usata, troppo grande per lui, il giovane ingegnere africano, stanco dell’attesa che sembra non dover finire mai, decide di cercare un varco per raggiungere l’altro versante del monte.

Inizia così una sofferta ascensione durante la quale avviene un surreale incontro con un partigiano che gli parla della rivoluzione e gli canta Bella ciao. Sempre più ansimante, Mohamed viene avvolto dal freddo e dalla neve fino all’ultimo soffio di vita.

“Qui l’attualità si spoglia dei suoi vincoli con la realtà”, scrive l’autrice e regista, Lina Prosa. “Seppure ci sia dietro alla scrittura un fatto realmente accaduto, Mohamed, l’africano sulla neve, sfugge a tutti gli schemi. Mohamed siamo noi nel momento della lotta ancestrale con l’elemento, siamo noi quando, tra cultura e natura, si ripropone la lotta per la sopravvivenza. Mohamed diventa l’Ulisse di montagna e Lampedusa Snow è un testo sulla libertà”.

LA SCHEDA DELLO SPETTACOLO
Piccolo Teatro Studio Melato (Via Rivoli, 6 – M2 Lanza) dal 10 al 15 maggio 2016
Lampedusa Snow. Trilogia del Naufragio
testo e regia Lina Prosa, con Federico Lima Roque
scene, luci e video design Paolo Calafiore, costumi Mela Dell’Erba
produzione Teatro Biondo Stabile di Palermo

Salvo diversa indicazione, gli orari degli spettacoli al Piccolo sono:
martedì, giovedì e sabato, 19.30; mercoledì e venerdì 20.30; domenica 16. Lunedì riposo.
Durata: 60 minuti
Prezzi: platea 25 euro, balconata 22 euro
Informazioni e prenotazioni 848800304 – www.piccoloteatro.org
News, trailer, interviste ai protagonisti su www.piccoloteatro.tv

Matthew’s Bourne Sleeping Beauty – Teatro degli Arcimboldi

MatthewBourne_SleepingBeauty-photybySimonAnnand
MatthewBourne_SleepingBeauty-photybySimonAnnand

World Entertainment Company è lieta di presentare per la prima volta a Milano “Sleeping Beauty”, lo spettacolo del grande coreografo inglese Matthew Bourne, acclamato per la sua indimenticabile e trasgressiva versione di “Swan Lake”.
Lo show torna in Italia e va in scena al Teatro degli Arcimboldi dal 5 maggio 2016, dopo le date del giugno 2013 che avevano conquistato il pubblico del Ravenna Festival.

Con Sleeping Beauty Matthew Bourne completa la trilogia sulle musiche di Čajkovskij iniziata nel 1992 con Nutcracker! e continuata nel 1995 con Swan Lake. La fiaba di Perrault che narra di una principessa caduta in un sonno lungo cent’anni a causa di un incantesimo divenne un balletto nel 1890 per mano del coreografo Marius Petipa sulle musiche di Čajkovskij.

Matthew Bourne prende questa data come punto di partenza ambientando il battesimo di Aurora, l’eroina di questa storia, nell’anno della prima presentazione del balletto; al culmine del periodo fin-de-siècle quando fate, vampiri e opulenza decadente nutrivano l’immaginario gotico.

Con lo scorrere degli anni Aurora cresce e ci spostiamo nella rigida età edoardiana; una mitica età dell’oro fatta di lunghi pomeriggi estivi, partite di croquet e danze alla moda. Anni dopo, al risveglio dal suo lungo sonno, Aurora si ritrova nell’età moderna, un mondo più misterioso e fantastico di qualsiasi fiaba!

Matthew Bourne ambienta la fiaba in un inquietante scenario gotico; il tradizionale scontro tra bene e male e il tema della rinascita fanno da sfondo ad una storia d’amore soprannaturale che attraversa i secoli e che neanche lo scorrere del tempo può ostacolare.
Per questa creazione, Matthew Bourne si avvale di nuovo dei suoi fidati collaboratori: i pluripremiati Lez Brotherston per le scene e i costumi, Paule Constable per il design luci e Paul Groothuis per il sound design.

Un appuntamento imperdibile con una favola gotica per tutte le età. La storia tradizionale del bene contro il male e la rinascita saranno capovolte nella creazione di un racconto d’amore soprannaturale che il passaggio del tempo stesso non può ostacolare.

Erotismo e mistero nelle notti d’Oriente

libri- privilegio
“Privilegio pericoloso” è Il primo capitolo di una trilogia che vi farà dimenticare la realtà quotidiana e sprofondare dolcemente nella misteriosa sensualità del lontano Oriente, tra peccato e lussuria, desiderio e passione.

Primo romanzo dell’autrice Viviana A.K.S., pubblicato da Santi, all’indomani della prima edizione diventa già un caso letterario e scala le classifiche di vendita di Amazon nella categoria Bestseller.

Castità e piacere si intrecciano in una trama ben costruita, tra generose descrizioni di luoghi e personaggi, nelle notti di Dubai e nel simbolismo di un deserto infinito.

Samantha, giovane studentessa, e Jaide, principe ereditario e prossimo a diventare Emiro, così lontani e così vicini, scoprono una dimensione reale che non è poi così distante da quella onirica.

Il tema del sogno, infatti, è centrale in questo romanzo che apre una trilogia che sarà compiuta soltanto al termine del sequel Privilegio relativo e dell’ultimo capitolo della saga, Privilegio assoluto.

L’autrice
Nata in Italia nel 1982 da genitori italiani ma con radici inglesi, vive e cresce tra Milano e la campagna inglese, dove risiedono cugini cui si affeziona molto.

Persegue gli studi con l’obiettivo di una laurea a Cambridge, suo sogno originario, che si scontra, però, con l’incontro dell’attuale marito, situazione che le sconvolgerà piacevolmente i piani e la vita in sé.

Esordisce nel Luglio 2015 con il primo capitolo della trilogia dei Privilegi, Privilegio Pericoloso, un ebook che scala velocemente le classifiche di vendita, divenendo in poco tempo, uno dei bestseller più venduti in Amazon e in Mondadori Store.

A ottobre dello stesso anno pubblica il sequel, Privilegio Relativo, un bestseller che a poche ore dall’uscita si piazza in prima posizione nelle vendite Amazon e in seconda posizione in kobo Mondadori.

Moglie, madre, ma soprattutto donna, non smette mai di essere una sognatrice con i piedi per terra, una donna che non smetterà mai di credere nella potenza e nella forza della più grande arma sulla Terra, l’Amore.

“Lampedusa Beach”

1444316480_LinaProsa_fotoLedaTerrana
Arriva al Piccolo Teatro di Milano, dal 27 ottobre al 4 novembre 2015, Lampedusa Beach, il primo dei tre testi che compongono la Trilogia del naufragio di Lina Prosa realizzata dal Teatro Biondo di Palermo. Scritto nel 2003, è stato messo in scena nel 2013 dalla Comédie-Française, che nel 2014 ha prodotto l’intera Trilogia dell’autrice e regista siciliana nella traduzione di Jean-Paul Manganaro.
Lampedusa Beach è andata in scena nel marzo del 2014 al Teatro Biondo, avviando la produzione italiana della Trilogia , che prosegue nella stagione ‘14-15 con Lampedusa Snow e nel ‘15-16 con Lampedusa Way.

Lampedusa Beach non è solo un testo sull’emigrazione clandestina, è la testimonianza,  poetica e tragica, di una giovane africana che naufraga al largo di Lampedusa; un monologo che da voce e voci all’interminabile istante in cui Shauba, mentre annega, racconta la sua esperienza: il sogno di una vita migliore, l’indifferenza del mondo, ma anche il suo rapporto primordiale con l’acqua e la sua identità mediterranea.

Shauba sprofonda lentamente, parla boccheggiando e, mentre il suo corpo scende verso gli abissi, ricorda le tappe del suo viaggio epico, fatto di speranza e di angoscia, in cui prendono vita le persone a lei care e i personaggi incontrati: l’amata zia Mahama, la madre, lo scafista.
«Il tempo della discesa del suo corpo negli abissi del mare coincide con il tempo della scrittura. – spiega Lina Prosa –

Ma è anche l’evento di un teatro nell’acqua, in simbiosi con un corpo di donna che ha perso l’ormeggio terreno e a cui l’autrice chiede l’intervento di un’attrice che sa “recitare in apnea”. La parola annegata di Shauba dà vita infatti a un’odissea sott’acqua in cui la fine, l’arrivo al fondo, è un respiro lungo elevato a racconto. Lo spettacolo è un invito appassionato a riconoscere nelle parole come naufragio, clandestinità, emigrazione, non le radici del “male”, ma la prova di un mondo ancora in costruzione, in movimento, ancora in viaggio».

Piccolo Teatro Grassi (via Rovello, 2) dal 27 ottobre al 4 novembre 2015
Lampedusa Beach. Trilogia del Naufragio
testo e regia Lina Prosa, con Elisa Lucarelli
scene, luci e immagini Paolo Calafiore, costumi Mela Dell’Erba
produzione Teatro Biondo Stabile di Palermo

Orari: martedì e sabato ore 19.30; mercoledì, giovedì e venerdì ore 20.30; domenica ore 16.00
Durata: 60 minuti senza intervallo
Prezzi: platea 25 euro, balconata 22 euro.
Informazioni e prenotazioni 848800304 – www.piccoloteatro.org