“Valori in Campo”: secondo anno, 3a edizione

Idroscalo_Mini Rugby 8
Idroscalo_Mini Rugby 

Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, dà il via al secondo anno della terza edizione del progetto biennaleValori in Campo. L’attività ha assegnato 150mila euro a 22 tra società e associazioni sportive  protagoniste del territorio milanese per promuovere la cultura dell’attenzione all’ambienteei principi e gli obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals) dell’Agenda 2030, con particolare attenzione al diritto di accesso all’acqua per tuttie alla gestione della risorsa secondo un modello sostenibile.

“Lo scorso anno abbiamo scelto diampliare la portata di Valori in Campo aumentando il numero di società sportive coinvolte, commenta Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP,così da offrire a tutto il territorio della Città metropolitana di Milano nuove opportunità di crescita nel segno dello sport e dell’inclusione.Una sfida vincente che ha permesso di puntare sui giovani, sull’attenzione all’ambiente e sulla forza dei valori educativi che lo sport riesce a trasmettere,costituendo una potente spinta verso una società di cittadini consapevoli e attenti a ciò che li circonda”.

Oggi Valori in Campo coinvolge ben 22 società e associazioni sportive tra basket, calcio, rugby, pallavolo, atletica, subacquea, kayak, danza moderna, corsa podistica, per altrettanti progetti da sviluppare. Un progetto biennale con più di 4.000 atleti coinvolti, dall’infanzia fino alla maggiore età,880 incontri nelle scuole delterritorio per diffondere una cultura sportiva responsabile,55 Borse per lo Sport e un programma di attività educational sul tema dell’acqua. Si aggiungono 4 progetti destinati ai ragazzi diversamente abili e30 eventi previsti al Parco Idroscalo, oltre a un calendario fitto di manifestazioni sportive, tornei, camp e feste nei 22 comuni interessati.

“Sono questi i numeri che ci permetteranno, anche quest’anno, di giocare la sfida della sostenibilità ambientale e della responsabilità sociale, continua Alessandro Russo. Per il 2019/2020 abbiamo rafforzato l’attenzione all’ambiente, distribuendoa tutti i giovani atleti delle società sportiveborracce in alluminiocosì da diminuire l’uso della platicausa e getta.Un’azione che sottolinea l’obiettivo ambizioso che Gruppo CAP intende raggiungere conil Piano di Sostenibilità volto a promuovere la cultura dell’ambiente tra i più giovani anticipando i cambiamenti climatici, culturali e sociali della Città metropolitana di Milano.”

Rispetto, passione, fiducia, comunità, partecipazione, coraggio e vicinanzasono le parole chiave della “Carta dei Valori” che CAP ha redatto per condividere con le squadre i valori di gioco, condivisione, cura dell’ambiente, rispetto delle risorse che sono gli stessi“valori in campo” che ispirano quotidianamente le attività dell’azienda nel suo rapporto con il territorio e con le comunità che lo abitano.

Le società sportive scelte già un anno fa da Gruppo CAP durante il bando di gara, hanno mostrato di avere progetti utili per dare risalto allo sport di squadrae per promuovere l’inclusione e l’accesso all’attività sportiva intesacome diritto di tutti i giovani, con particolare attenzione a bambini e ragazzi economicamente svantaggiati, malati, disabili. In questo senso, sono stati numerosi i progetti mirati all’integrazione e alla lotta alle discriminazioni, con molteplici gli incontri formativi organizzati per sostenere una sana e corretta alimentazione el’uso responsabile delle risorse naturali.

Un progetto che coinvolge non solo le società sportive, ma anche le scuole: il programma prevede infatti una serie di azioni di responsabilità sociale, tra cui progetti scolastici che mirano a diffondere la cultura sportiva nelle scuole del territorio, camp estivi e iniziative a favore di ragazzi diversamenteabili.

Energia e ambiente: via libera ad accordo per collaborazione Regione Lombardia – Enea su economia circolare

Economia circolare - Regione Lombardia collaborerà con Enea
Economia circolare – Regione Lombardia collaborerà con Enea

ASSESSORE CATTANEO: POLITICHE ENERGETICHE TRA LE NOSTRE PRIORITA’
La Giunta lombarda ha approvato lo schema dell’accordo attuativo dell’accordo di collaborazione tra Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) e Regione Lombardia, in materia di ambiente ed energia.
Il provvedimento fa seguito all’accordo di collaborazione tra Enea e Regione Lombardia del 2018 e contiene uno schema di accordo attuativo da Regione Lombardia ed Enea e lo schema di contratto di comodato d’uso gratuito.
SFIDE GLOBALI
“Il tema della sostenibilità ambientale e delle politiche energetiche verso fonti rinnovabili – ha spiegato l’assessore regionale all’Ambiente e Clima Raffaelle Cattaneo – è una delle priorità del governo di Regione Lombardia.
Abbiamo dato vita all’Osservatorio per l’economia circolare e la transizione energetica: vogliamo infatti poter cogliere le sfide globali, anche sotto il profilo economico attraverso nuovi sistemi di consumo e modelli di sviluppo.
Attraverso la collaborazione con Enea vogliamo quindi realizzare attività che promuovano una maggiore efficienza energetica, un minore impatto ambientale e una migliore gestione dell’energia, in un’ottica di sviluppo sostenibile”.
DURATA
L’Accordo attuativo durerà per l’intera legislatura a decorrere dalla data di sottoscrizione e potrà essere prorogato previo accordo scritto tra le parti. L’accordo non comporta alcun onere economico per la Regione per l’esecuzione delle attività in esso previste.
OBIETTIVI
L’accordo è motivato dall’intenzione congiunta di procedere, in un’ottica di promozione e sviluppo sostenibile, alla realizzazione di attività di interesse comune nel campo delle tematiche legate alla transizione energetica ed al clima, dell’efficienza energetica, della qualità dell’aria, della gestione dei fanghi da depurazione, dell’analisi di benchmark sull’impiego degli aggregati riciclati e sulla condivisione dei risultati dei progetti comunitari di comune interesse.
ATTIVITA’ PREVISTE
Tra le numerose attività: la cooperazione nelle attività dell’Osservatorio regionale per l’economia circolare e la transizione energetica; l’implementazione di un servizio regionale di supporto agli enti locali sulle tematiche legate alla transizione energetica; l’elaborazione contributi tecnici specialistici alla redazione del Piano energia e clima di Regione Lombardia; l’analisi e integrazione informazioni delle banche dati gestite da Enea e Regione Lombardia; il supporto alla predisposizione e verifica attuativa di misure di incentivazione delle Pmi per la realizzazione di interventi di efficientamento energetico; il coordinamento delle misure di incentivazione nazionali esistenti in ambito di efficienza energetica con le future misure regionali sulla base dell’esperienza dei bandi regionali; l’interlocuzione per la partecipazione ai progetti comunitari ed elaborazione di eventuali proposte congiunte; la realizzazione di uno studio finalizzato alla valutazione dei margini di ottimizzazione ed efficientamento della filiera di produzione e gestione dei fanghi di depurazione municipali, su scala regionale; lo sviluppo, attraverso opportune analisi di scenario, di un modello gestionale per la Regione Lombardia utile a proporre una chiusura del ciclo nella filiera dei rifiuti da costruzione e demolizione; l’attività finalizzate alla riduzione dello spreco alimentare e collaborazione in materia di qualità dell’aria.