Gio Evan: video di “Regali fatti a mano”

Gio-Evan
Gio-Evan

E’ online il video di “Regali fatti a mano” di Gio Evan, diretto da Fabrizio Conte.
Il regista ha ambientato la storia in una comunità rom, un popolo che fa della libertà, dell’arte di sapersela cavare, il proprio vessillo e che pure è al contempo fortemente legato alle proprie tradizioni. Un popolo nomade che nel video viene fissato per sempre nell’immobilità della fotografia.

Il “regalo fatto a mano” dei protagonisti consta proprio di quei gesti rubati dalla camera, dalla preparazione (fatta a mano) di ogni membro prima dello scatto della foto, come se la presenza di ognuno, esaltata e potenziata dall’essersi messo “in ghingheri” per l’occasione speciale, fosse il regalo per l’altro.

“Regali fatti a mano” per Gio Evan è un mantra più che una canzone, una formula da ripetere come pratica meditativa. La musica si rifa ai valori intimi atemporali, alle piccole azioni ieratiche come la pasta fatta in casa con nonna, il Natale in famiglia, gli attimi di vita che nessun tempo potrà mai portare via.

Il brano è un ricordo e i ricordi sono interminabili, vibrano di spirito proprio e nessun orologio potrà mai fermare il tempo di chi ha sublimato il secondo per dedicarsi al ritmo dell’essere ora.

“Aspettando che ci torni la memoria”

locandina
locandina

Hanno appena compiuto venti anni di attività, festeggiati con divertentissimi spettacoli di improvvisazione e ora il 18 gennaio alle ore 21.00 Teatribù la compagnia di improvvisazione che da anni porta questo genere di spettacolo in tanti teatri d’Italia torna in scena con Aspettando che ci torni la memoria.

Sul palco del Teatro Edy Barrio’s in scena la Compagnia Teatribù con la partecipazione gradita di Andrea Bienati, Maura Levi e al violoncello Marcella Schiavelli.

E’sempre rischioso dimenticare cosa è accaduto in passato soprattutto se si tratta di cose terribili e atroci come la Shoah. Una settimana prima della celebrazione della “giornata della memoria”

Teatribù mette in scena uno spettacolo dove si intrecciano ricordi, letture, musica da camera e improvvisazione teatrale con una sola domanda in testa: può uno spettacolo compiersi tra il serio e il faceto? Se maneggiamo il rispetto necessario si, secondo noi si!

Teatro EDY BARRIO’S
P.ZZA DONNE PARTIGIANE (zona Barona) Milano
Sabato 18 gennaio 2020 ore 21.00
Ingresso intero € 15 – ridotto € 12
Info e prenotazioni www.teatribu.it

Fabrizio De Andrè. Sguardi randagi.Le fotografie

copertina libro
copertina libro

Per quasi vent’anni, Guido Harari è stato uno dei fotografi personali di De André, realizzando molte delle sue più conosciute immagini ufficiali. In questo volume
il suo archivio si schiude per la prima volta integralmente, con oltre 300 fotografie che includono non solo quelle più amate dai fan, ma anche alcune gemme inedite.

Sono sguardi randagi, spesso rubati, malgrado l’ufficialità, vincendo la pigrizia o la ritrosia dell’artista. Le fotografie sono accompagnate dal racconto di ricordi, aneddoti e dalla “viva voce” di De André estratta dalle interviste realizzate dallo stesso Harari in occasione di due snodi cruciali del percorso dell’artista: la leggendaria tournée con la PFM e l’album Le nuvole.

De André racconta la sua dipendenza dall’alcol, la competizione giovanile col padre e col fratello Mauro, il rapporto con la moglie Dori Ghezzi e con i figli Cristiano e Luvi, l’incontro con Fernanda Pivano e Edgar Lee Masters, l’infanzia ricomprata grazie
alla nuova attività di agricoltore in Sardegna, la rivoluzione linguistica e musicale di Creuza de ma, il ritorno al “canto civile” degli ultimi dischi.

In libreria per Rizzoli illustrati dal 6 novembre

“Filo di fumo”: nuovo singolo di Beatrice Campisi

Cover_singolo_Beatrice_Campisi_Filo_di_fumo
Cover_singolo_Beatrice_Campisi_Filo_di_fumo

“Filo di fumo” racconta l’amarezza per un grande amore consumato. Il testo rievoca le verdi foglie del passato che adesso si raggrinziscono, i ricordi di un tempo felice trasformati in illusioni, il fragile filo delle relazioni che si spezza e diventa fumo.

L’arrangiamento, sapientemente orchestrato dal produttore statunitense Jono Manson, si muove a cavallo fra pop e rock e vuole mettere in evidenza il dissidio interiore attraverso l’accostamento di strumenti dalle sonorità contrapposte: ukulele e chitarra elettrica.

“Filo di fumo” è il secondo singolo tratto dall’album “IL GUSTO DELL’INGIUSTO”, uscito il 6 Dicembre scorso e presentato presso lo Spazio Musica di Pavia. Il disco, prodotto da Ultra Sound Records e Jono Manson, vede la partecipazione di ospiti d’eccezione (Claudio Lolli) ed è caratterizzato dalla commistione dei generi: dal jazz al fusion, dal progressive rock al cantautorato italiano, contaminato da testi in dialetto siciliano.

Il brano della cantautrice Beatrice Campisi sarà in rotazione radiofonica a partire dal 23 febbraio.

La leggenda della grande Juventus

La leggenda della grande Juventus
La leggenda della grande Juventus

Un dipinto come quelli che piacevano tanto all’Avvocato. Pennellate di Juve nei quadri di Tuttosport. Da Pinturicchio Del Piero a Sivori, da Charles a Vialli, da Boniperti a Scirea, a Bettega, a Zoff fino ai più recenti.

Tutti nel solco dell’unica grande dinastia del calcio italiano che ancora può competere nel mondo. Quattro Agnelli presidenti: Edoardo, Gianni, Umberto, Andrea. Un oceano di ricordi, di campioni, di imprese, di successi. Tutti da esporre come in una galleria d’arte.” Paolo De Paola Direttore Tuttosport Le pagine dei giornali prima raccontano, poi si trasformano in documenti storici.

La cronaca mantiene alto il livello delle emozioni nelle ore successive all’evento, ma ripresa in mano dopo mesi, anni o anche decenni diventa un coinvolgente strumento di memoria e un generatore di ricordi.

Questo libro è una formidabile macchina del tempo, che permetterà di rivivere tutte le emozioni della Juventus attraverso le pagine del giornale che ne è stato, più di tutti gli altri, il fedele diario di bordo. I ritratti dei campioni, il batticuore delle partite più belle, le figure degli allenatori e molto altro: attraverso la freschezza di una prima pagina, è possibile riscoprire stagioni esaltanti e conoscere meglio epoche ormai entrate nel mito.

Rizzoli

Illustrati

23×33 cm

320 pagine

250 illustrazioni colori e b/n

39,00 €

in libreria dal14 settembre 2017