Jazz al Piccolo: “Orchestra senza confini”

EnricoIntra_fotoAttilioMarasco
EnricoIntra_fotoAttilioMarasco

PICCOLO TEATRO GRASSI
LUNEDI’ 20 GENNAIO, ORE 21

Ventiduesima edizione di Orchestra Senza Confini
organizzata dall’Associazione Culturale Musica Oggi
in collaborazione con il Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa

OMAGGIO A COUNT BASIE

Con la CIVICA JAZZ BAND
solisti Emilio Soana e Marco Mariani (tromba), Andrea Andreoli (trombone),
Giulio Visibelli (sassofoni e flauto), Paolo Tomelleri (clarinetto),
Marco Vaggi (contrabbasso), Tony Arco (batteria)
e gli studenti dei Civici Corsi di Jazz della Civica Scuola di Musica C.Abbado di Milano

Direttori Enrico Intra e Luca Missiti

Programma:

Brani che percorrono l’intero cammino della big band basiana – Moten Swing, Tickle Toe, One O’Clock Jump, Jumpin’ At The Woodside, April in Paris, Lil’ Darlin, Shiny Stockings, Kid From Red Bank, Cute – scritti e arrangiati da Count Basie, Bennie Moten, Eddie Durham, Lester Young, Neal Hefti e Frank Foster

Introduzione al concerto a cura di Maurizio Franco

Direttore del’orchestra più longeva della storia del jazz, la cui attività è proseguita anche dopo la sua morte, oltre che pianista, compositore e arrangiatore, Count Basie è sinonimo di swing, di colori blues, di uso del riff come elemento costitutivo di brani spesso legati a una travolgente comunicativa e a un eccezionale dinamismo.

Partita da Kansas City per diventare una delle orchestre di punta dell’era dello swing, la compagine basiana ha mantenuto sempre lo spirito del piccolo gruppo e la potenza sonora della big band, anche se dagli anni Cinquanta gli arrangiamenti hanno progressivamente conquistato uno spazio maggiore rispetto al primo periodo di vita dell’orchestra.

Piccolo Teatro di Milano: “La donna Leopardo”

Donna Leopardo Ph Fabio Lovino
Donna Leopardo Ph Fabio Lovino

Martedì 29 ottobre, debutta, in prima nazionale, al Piccolo Teatro Grassi, La donna Leopardo. Tratto dall’ultimo romanzo di Alberto Moravia, lo spettacolo rappresenta la prima regia teatrale di Michela Cescon (che insieme a Lorenzo Pavolini ha curato anche l’adattamento drammaturgico).

Ambientata tra Roma e il Gabon, è una lucida analisi delle “regole dell’attrazione” di cui sono protagoniste due coppie sposate (in scena Valentina Banci, Olivia Magnani, Daniele Natali, Paolo Sassanelli).

Lo spettacolo, prodotto dal Teatro di Dioniso di Torino – di cui Michela Cescon cura la direzione artistica dal 2017 – e dal Teatro Stabile del Veneto, replica a Milano fino a domenica 3 novembre, per poi iniziare la tournée italiana.

 

Mistero Buffo 50

Pirovano foto di Fabio Pirazzi
Pirovano foto di Fabio Pirazzi

A 50 anni esatti dal debutto, va in scena,al Piccolo Teatro Grassi (dall’8 al 20 ottobre), Mistero Buffo di Dario Fo e Franca Rame. Lo spettacolo, che ha segnato la storia teatrale del Novecento, viene ora presentato in un nuovo allestimento creato in occasione dell’anniversario dalla Compagnia teatrale Fo Rame e dalla Corvino Produzioni.

In scena Mario Pirovano, “cresciuto” alla scuola dei due grandi attori, che da oltre 25 anni porta in Italia e all’estero i loro spettacoli.

Ogni sera, al Piccolo, per la speciale occasione dell’anniversario di Mistero buffo, lo spettacolo sarà introdottoda una “presentazione d’eccellenza”: protagonisti del mondo della cultura e dello spettacolo apriranno ogni recita con un ricordo personale di Dario Fo e Franca Rame.
Gli ospiti saranno:
Martedi 8 Ottobre: Jacopo Fo |
Mercoledì 9 Ottobre: Simone Cristicchi
Giovedì 10 Ottobre: Natalino Balasso |
Venerdì 11 Ottobre: Marco Travaglio
Sabato 12 Ottobre: MoniOvadia |
Domenica 13 Ottobre: Carlo Petrini
Martedì 15 Ottobre: Antonio Ricci |
Mercoledì 16 Ottobre: Ascanio Celestini
Giovedì 17 Ottobre: in via di definizione |
Venerdì 18 Ottobre: Marco Paolini
Sabato 19 Ottobre: Paola Cortellesi |
Domenica 20 Ottobre: Marco Baliani

Romancero gitano

Nuria y Lluís _foto Ros Ribas
Nuria y Lluís _foto Ros Ribas

Dal 22 al 27 ottobre, al Piccolo Teatro Grassi, in prima nazionale, LluísPasqual dirige NuriaEspert nella messa in scena “di riferimento” della massima raccolta poetica di Federico García Lorca.

Pubblicato nel 1928, Romancero gitano è la principale raccolta di poesie di Federico García Lorca nella quale si intrecciano romanità, cristianità, Spagna moresca, ebraica e, naturalmente, la componente gitana: un omaggio al mondo zingaro e alla magia di un popolo misterioso e affascinante.

Nel 2018, in occasione del 120° anniversario della nascita di Lorca, LluísPasquale NuriaEspert tornano alle parole delpoeta e drammaturgo che ha occupato un posto di rilievo nella carriera professionale di entrambi gli artisti.

«A Federico García Lorca piaceva leggere pubblicamente le sue poesie – spiega Pasqual – di solito a un gruppo di amici. Romancero gitano è il primo grande libro di Federico, dove si scopre e si riconosce come poeta. È una raccolta tanto semplice quanto insondabile: per questo rimaniamo ancora affascinati ascoltando questo catalizzatore di parole che racchiudono mistero. Attraverso le donne, Federico ha espresso molte volte i suoi sentimenti più profondi. E le attrici, con i loro corpi e le loro voci, hanno dato vita alle donne delle sue poesie. NuriaEspert è una delle attrici che Federico ha in qualche modo “scelto” per rappresentarlo, seguendo la traccia di Josefina Artigas, Lola Membrives, Margarita Xirgu… E Nuria ha “respirato” Federico per molti anni. Questo è il motivo per cui, talvolta, come un lampo, appare nel corso della lettura la memoria di qualcosa che l’attrice e il poeta hanno condiviso, al di là dei confini del tempo e delle sue regole».

Presentazione del libro “Luca Ronconi. Prove di autobiografia” – lunedì 25 febbraio, ore 18.30

Luca-Ronconi
Luca-Ronconi

 

Lunedì 25 febbraio, alle ore 18.30, al Piccolo Teatro Grassi, viene presentato il volume, edito da Feltrinelli, Luca Ronconi. Prove di autobiografia, a cura di Giovanni Agosti e basato sugli appunti della giornalista e critica teatrale Maria Grazia Gregori.
Saranno presenti all’incontro, con il direttore del Piccolo Teatro Sergio Escobar, Giovanni Agosti, Roberta Carlotto, Maria Grazia Gregori e Margherita Palli.

Ingresso gratuito fino a esaurimento posti. Prenotazione obbligatoria su www.piccoloteatro.org.