‘Il Barbiere di Siviglia’ al Duse di Bologna

Orchestra Senzaspine
Orchestra Senzaspine

Debutta in prima nazionale il 12, 13 (ore 20.30) e 14 ottobre (ore 16) al Teatro Duse di Bologna ‘Il Barbiere di Siviglia’, seconda produzione lirica dell’Orchestra Senzaspine, la formazione di 450 musicisti under 35 che sta rivoluzionando la percezione comune della musica classica grazie al suo approccio pop e al progetto Mercato Sonato.

L’opera, diretta dal M° Tommaso Ussardi, con la partecipazione straordinaria del celebre baritono Bruno Praticò nel ruolo di Don Bartolo, è stata scelta per celebrare i 150 anni dalla scomparsa di Gioachino Rossini.

Nella versione firmata dal regista Giovanni Dispenza, Figaro è un hipster anticonformista e resiliente, un problem solver illuminato,con uno spiccato fiuto per gli affari, anima stessa di una Siviglia popolata da giovani imprenditori e start-uppers pieni di pensieri e di idee innovative, capaci di risolvere le situazioni difficili, facendo squadra.

La quinta stagione sinfonica dell’Orchestra Senzaspine al Teatro Duse si svolge nell’ambito del DUSEgiovani, l’articolato progetto che la Direzione Artistica di Via Cartoleria mette in campo da anni a sostegno dei talenti emergenti e per la formazione del pubblico di domani.

Francesca Bonaita – Social Concert 2018

Francesca Bonaita ph Carlo Furgeri
Francesca Bonaita ph Carlo Furgeri

Sarà la violinista 20enne Francesca Bonaita la solista del Social Concert 2018, ultimo concerto della stagione dell’Orchestra Senzaspine al Teatro Duse di Bologna. Il concerto, sul palco giovedì 15 marzo alle ore 21, è interamente dedicato a Pyotr Ilyich Tchaikovsky.

Francesca, vincitrice della seconda edizione di ClassXfactor, il concorso per giovani solisti classici, ideato dall’Orchestra under 35, si è diplomata a 17 anni con il massimo dei voti e la lode al conservatorio ‘G. Verdi’ di Milano. Con il suo talento, la giovane musicista ha conquistato sia il giudizio unanime della giuria di qualità presieduta dal M° Luciano Acocella, sia il voto del pubblico presente alla finalissima del concorso, andata in scena al Mercato Sonato di Bologna, con la direzione del M° Matteo Parmeggiani.

Nella prima parte del programma, Francesca, accompagnata dall’Orchestra diretta dal M° Tommaso Ussardi, eseguirà il Concerto per violino e orchestra op. 35 di Pyotr Ilyich Tchaikovsky, brano che le è valso il titolo nell’ambito del contest nazionale.
Nella seconda parte, i Senzaspine eseguiranno la Sinfonia n° 5 in mi minore Op. 64 del compositore russo, come ha deciso il popolo dei social, nell’acclamata sfida a colpi di click tra sei diversi compositori.

Romanticismo e atmosfere russe da favola, dunque, per la conclusione della stagione Senzaspine@Duse 2017/18.

Al Duse “L’elisir d’Amore” dell’Orchestra Senzaspine

Orchestra Senzaspine
Orchestra Senzaspine

Debutta il 7 e l’8 novembre al Teatro Duse di Bologna, ‘L’elisir d’amore’ di Gaetano Donizetti, la prima opera lirica prodotta dall’Orchestra Senzaspine, l’orchestra under 35, nata nel 2013 sotto le Due Torri, con l’obiettivo di avvicinare il grande pubblico, ed in particolare i giovani, alla musica colta. Nel solco di questa missione, il melodramma giocoso di Donizetti, su libretto di Felice Romani, sarà eseguito nella sua interezza, ma in chiave pop e contemporanea.

La regia di Ulduz Ashraf Gandomi, infatti, ambienta la vicenda in un parco popolato di ‘umarells’, ragazzi che giocano a pallone, istruttori di yoga e amanti del barbecue. Una scena affollata in cui non mancano pettegolezzi e piccoli soprusi quotidiani. In questo contesto, l’elisir d’amore si presenta sotto forma di una moderna smart drug.

L’amore non corrisposto, la sete di potere, la ricerca del divertimento ed il percorso di due giovani verso la liberazione dai condizionamenti sociali sono i temi che animano l’opera.

A dirigere l’Orchestra Senzaspine il M° Matteo Parmeggiani. Il commento ironico e cinico della storia è affidato al coro dell’Accademia Corale ‘Vittore Veneziani’ di Ferrara, diretto dal M° Maria Elena Mazzella. Nelle vesti di Adina e Giannetta Erika Tanaka e Anna Roberta Sorbo. A Chen Dashuai e Hu Guang il ruolo di Nemorino. Mentre Dulcamara è Maurizio Leoni. Nei panni di Belcore c’è Abraham García González.

Al Teatro Duse di Bologna torna l’Orchestra Senzaspine

alessandro fossi teatro
Lunedì 29 febbraio alle 21, al Teatro Duse di Bologna, torna l’Orchestra Senzaspine con il terzo appuntamento della stagione sinfonica Senzaspine@DUSE. Dopo l’impressionante successo dei primi due concerti – il debutto con il grande violoncellista Enrico Dindo e la tradizionale esibizione di fine anno Bollicine – la stagione continua con un altro ospite di altissimo livello Alessandro Fossi: bassotubista di fama internazionale, ritenuto da molti il più grande al mondo.

In programma un repertorio importante e insolito: il concerto per bassotuba di Vaughan Williams e dopo una prima parte così ricercata, l’Orchestra offrirà nel secondo una varietà di musiche per festeggiare insieme il Carnevale.Il quarto e ultimo appuntamento sarà poi l’11 aprile con la giovane pianista russa Sofya Gulyak.

L’Orchestra Senzaspine è composta da musicisti under 35, guidata da un consiglio direttivo anch’esso rigorosamente under 35. Le iniziative dell’associazione si sono moltiplicate e la seconda stagione Senzaspine@DUSE è la conferma di un successo che sta portando l’Orchestra verso livelli sempre più alti.

L’offerta artistica che propongono spazia da concerti sinfonici nei maggiori teatri del territorio a interventi di sensibilizzazione culturale nelle piazze, nei luoghi di aggregazione, nei giardini e nelle vie dei centri storici.

L’obiettivo è quello di invitare il grande pubblico, soprattutto quello “profano”, restio all’idea di ascoltare un concerto sinfonico, a lasciarsi andare alla bellezza della musica, senza timore di annoiarsi, di non saperla capire o di non essere all’altezza.