Nasce “Il Parco dell’acqua” in Brianza

Piantina-680x382
Piantina

NASCE IN BRIANZA ‘IL PARCO DELL’ACQUA’, ASSESSORE FORONI: ESEMPIO CONCRETO DI GESTIONE DI AREE VERDI

IN ARRIVO I PRIMI DUE INTERVENTI COFINANZIATI DALLA REGIONE

CONIUGANO CONTENIMENTO DELLE ACQUE CON VALORIZZAZIONE AMBIENTALE

L’assessore regionale al Territorio e Protezione civile, Pietro Foroni, è intervenuto questa mattina a Monza alla presentazione del progetto ‘Il Parco dell’acqua’, una nuova ‘infrastruttura verde’ ideata da BrianzAcque, in corso di realizzazione in due zone della Brianza Vimercatese, tra Arcore e Peregallo di Lesmo (Mb) e nella zona del Ctl 3, lo storico Consorzio per il tempo libero, tra i comuni di Bernareggio e Carnate. Un terzo intervento è già in fase di progettazione tra Sulbiate e Aicurzio, sempre in provincia di Monza e Brianza.

“Regione Lombardia – ha dichiarato l’assessore Foroni – è orgogliosa di aver partecipato in maniera attiva, incentivando e promuovendo in maniera sempre più sistematica il ricorso alle ‘nature based solutions’ in ambito urbano e periurbano nell’ambito dei processi dei Contratti di Fiume. Siamo stati i primi in Italia a farlo, ormai più di dieci anni fa, e adesso iniziamo a raccogliere i frutti di questa nostra lungimiranza, che si è sviluppata sia attraverso il sostegno alla realizzazione di opere strutturali sia nella formazione al personale della pubblica amministrazione”.

BrianzAcque è la società pubblica che gestisce industrialmente il servizio idrico integrato in provincia di Monza e Brianza.

Concretamente, si tratta di veri e propri giardini pubblici, frutto della riqualificazione di aree urbane marginali che, oltre a risolvere criticità causate da allagamenti ed esondazioni, offrono spazi di aggregazione per la comunità locale.

“Voglio ricordare – ha spiegato l’assessore regionale – che, per quanto riguarda le opere strutturali, Regione negli anni ha finanziato quattro tipologie di ‘nature based solutions investendo oltre 7 milioni di euro nei cosiddetti ‘Sistemi naturali di trattamento e ritenzione delle acque di sfioro della fognatura’. L’opera in corso di realizzazione è un vero e proprio caso concreto di gestione di acqua e aree verdi, la valorizzazione ambientale e la fruizione di spazi urbani da rivitalizzare”.

“Dal punto di vista economico, si tratta – ha precisato l’assessore – di ‘oltre 3,3 milioni di euro in interventi di ‘affinamento depurativo degli impianti di trattamento acque reflue urbane attraverso fitodepurazione’, oltre 4 milioni in ‘Sistemi di fitodepurazione abbinati ad opere di laminazione delle piene fluviali’ e infine 359.000 euro nei ‘Sistemi naturali di ritenuta, laminazione e trattamento delle acque meteoriche prima dell’immissione in fognatura’, quale appunto il Parco dell’Acqua di Arcore, realizzato grazie a una proficua collaborazione con Brianza Acque”.

“Tutte queste opere – ha concluso Foroni – consentono di raggiungere contemporaneamente obiettivi di miglioramento della qualità dei corsi d’acqua, diminuzione del rischio idraulico, tutela e potenziamento della biodiversità e sviluppo di nuove forme di fruizione dei territori, anche in ambito urbano. Da parte sua, Regione Lombardia non può quindi che confermare la propria volontà di proseguire sulla strada individuata per trovare sempre nuove soluzioni adatte ai nostri territori, con molteplici vantaggi per la salute, l’economia, la società e l’ambiente”.

Ospedale San Gerardo inaugura nuovo settore

Ospedale San Gerardo Monza
Ospedale San Gerardo Monza

Monza, inaugurato nuovo settore Ospedale San Gerardo. F. Sala e Gallera: nuovo passo avanti dell’eccellenza regionale

Prosegue iter per far diventare struttura brianzola in Irccs

Fabrizio Sala, vicepresidente e assessore regionale
alla Ricerca, Innovazione, Universita’, Export e Internazionalizzazione
delle imprese, e Giulio Gallera, assessore al Welfare, hanno inaugurato oggi
a Monza il ‘Settore B’ del monoblocco dell’ospedale San Gerardo.
Alla presentazione sono intervenuti anche il direttore generale Mario
Alparone e il sindaco di Monza Dario Allevi. Tra i lavori effettuati
figurano il rinforzo strutturale dei pilastri, nuovi ascensori per il
pubblico e per i pazienti, nuove camere di degenza e interventi di
adeguamento energetico.

“Anche questa struttura che oggi si presenta fortemente rinnovata ha vissuto
e affrontato una fase difficile per la Lombardia – ha detto l’assessore al
Welfare Giulio Gallera – ma il sistema ha retto perche’ gli ospedali hanno
accolto pazienti fino al limite, qui – ad esempio – ne sono arrivati 1.700.
L’eccellenza del sistema sanitario, caratterizzato anche per i tanti
interventi infrastrutturali come questo, ha consentito di avere luoghi
pronti messi a disposizione dei pazienti Covid aumentando la capacita’
ricettiva”. “Cosi’ – ha proseguito Gallera
– e’ avvenuto a Voghera, dove era disponibile il nuovo Pronto soccorso o
l’unita’ coronarica di Busto Arsizio utilizzate per posti letti di terapia
intensiva, pronti a ricevere i pazienti”.
“Oggi – ha concluso l’assessore lombardo – luoghi come questo tornano a
essere a disposizione del territorio: 300 posti letti, un altro passo avanti
per rafforzare uno delle nostre punte di eccellenza”.

“Aver realizzato la ristrutturazione di un terzo dell’ospedale in un periodo
drammatico come questo – ha sottolineato il vicepresidente Sala – fa capire
la forza e il temperamento di chi ha voluto fortemente quest’opera. Il San
Gerardo ha dimostrato di saper reggere l’urto grazie al personale medico e
sanitario e a un’organizzazione di assoluto livello. Il San Gerardo dovra’
diventare Irccs ma e’ gia’ di fatto un ospedale di ricerca grazie alla
collaborazione dell’Universita’ Milano Bicocca, la prima in Italia per
pubblicazioni medico scientifiche”. “La nuova sfida – ha concluso Fabrizio
Sala – e’
la ricerca e la ricerca parte da eccellenze come il San Gerardo.
Siamo orgogliosi di averlo in Brianza e tutto il territorio e’
grato per cio’ che ha fatto durante questa pandemia e per cio’ che fara’ per
tutta la collettivita'”.

Eventi Centro Commerciale Auchan Monza

caramamma_tr_compressed_page-0001 (1)
caramamma_tr_compressed_page-0001 (1)

Sabato 15 Febbraio, dalle ore 16,30, presso l’Area Libro “Leggi al Centro, Vivi il Territorio” del Centro Commerciale Auchan Monza si terrà l’evento Cara Mamma, ti regalo un messaggio pieno d’amore! L’arteterapeuta Eliana Perosin curerà il laboratorio creativo nel quale i bambini decoreranno un vasetto e lo riempiranno con tantissimi messaggi d’amore per la loro mamma

DanceHeart_tr_page-0001 (1)
DanceHeart_tr_page-0001 (1)

Domenica 16 Febbraio, dalle ore 17,00, presso la Piazzetta Eventi del Centro Commerciale Auchan Monza si terrà l’evento Dance Heart Show! – VOL.2: gli allievi e gli insegnanti della scuola di danza Dance Heart si esibiranno in dimostrazioni di moderno, musical children e danza acrobatica

Smog: news

polveri sottili
polveri sottili

Scattano domani, martedì 28 gennaio, le misure temporanee di 1° livello nei Comuni con più di 30.000 abitanti e in quelli aderenti su base volontaria nelle province di Milano, Monza, Cremona, Pavia, Bergamo, Como, Lodi, Varese e Mantova. L’assessore all’Ambiente e Clima della Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo, commenta: “Abbiamo attivato le misure temporanee di primo livello perché le condizioni meteo per oggi non sono favorevoli alla dispersione degli inquinanti. Da domani a mercoledì si preannunciano invece condizioni atmosferiche più favorevoli alla dispersione, quindi rivaluteremo il loro mantenimento nel corso della settimana”.

L’aggiornamento dei dati relativi alla giornata di ieri ha fatto registrare il raggiungimento del 6° giorno di superamento consecutivo per la provincia di Monza, il 5° per Milano, Lodi, Cremona, Mantova e Bergamo e il 4° per Varese, Como e Pavia.
Ambiti

Le misure temporanee di primo livello riguardano il traffico (limitazioni per i veicoli fino a euro 4 diesel in ambito urbano, obbligo spegnimento motori in sosta), il riscaldamento domestico (limitazione all’uso di generatori a biomassa legnosa di classe inferiore ‪alle 2 stelle compresa, riduzione di 1 grado delle temperature nelle abitazioni), l’agricoltura (divieto di spandimento liquami zootecnici) e divieto assoluto di combustioni all’aperto (accensione di fuochi, falò, barbecue, fuochi d’artificio).

I dati sulla qualità dell’aria vengono esaminati ogni giorno e viene data comunicazione in maniera tempestiva circa la cessazione delle limitazioni temporanee. Come previsto dalle d.G.R. n. 7095 del 18 settembre 2017 e n. 712 del 30 ottobre 2018, qualora si registrassero un valore al di sotto della soglia unito a previsioni metereologiche con condizioni favorevoli alla dispersione degli inquinanti oppure valori al di sotto della soglia per due giorni consecutivi si potrà procedere con la disattivazione delle misure temporanee.

Jekyll e Hyde ovvero io e la Bestia

Jekyll e Hyde
Jekyll e Hyde

Debutta la prima delle nuove produzioni 2019/20 della Compagnia Teatro Binario 7 di Monza: lo fa con uno spettacolo ispirato all’immaginario di Robert Louis Stevenson. Appuntamento al Binario 7 in sala Chaplin da mercoledì 27 novembre a domenica primo dicembre: sul palco Alessia Vicardi e Corrado Accordino, che di Jekyll e Hyde ha curato anche la drammaturgia e la regia. Aiuto regia Valentina Paiano.

Alle date monzesi seguiranno quelle milanesi in programma al Teatro Libero di via Savona 10, in calendario dal 4 al 15 dicembre.

Quattro grandi quadri: per ogni quadro un genere teatrale. Per ogni quadro una caduta nell’abisso della lotta tra bene e male. In ogni quadro la volontà di raccontare l’uomo Jekyll e l’uomo Hyde, la bestia della creazione e la nudità dell’essere.

Il sipario si alza tra sospensione e astrazione. Due attori che aspettano un racconto. Aspettano che prenda forma, tra la storia nota del dottor Jekyll e di mister Hyde e la reale fragilità dell’artista che davanti ai grandi temi come il dualismo, il bene e il male, l’azione umana nel mondo, deve scegliere che forma dare alla sua nuova azione artistica.

Poi ci sono le violenze: quelle raccontate attraverso le efferatezze della bestia, alter ego del dottore. E allora è un viaggio negli inferi, tra il tormento della creazione e il disperato bisogno di capire dove risieda il male, quale parte di noi dovrebbe essere sacrificata e perché. Quali sono le azioni che scegliamo e che ci qualificano come esseri umani o come bestie? Cos’è, realmente, la Bestia?

Dalle violenze all’ironia. Un incontro apparentemente normale, tra un uomo e il suo dottore. Il confronto tra la lucida mente della scienza e il vortice della passione incontrollata. Un dialogo che tra forma e surreale richiede nuovi vocaboli per capire veramente l’altro e togliere alla parola il suo senso per attribuirgliene uno nuovo.

Dall’abisso ai cieli con il quarto quadro. Arriva la sacralità, la sincera confessione di due anime che insieme compongono l’uomo. Si manifesta la nuda verità. La poesia che dopo l’azione, l’orrore e lo smarrimento, racchiude la rinascita.