Nature Urbane, il Festival del Paesaggio

Locandina
Locandina

Tutto è pronto a Varese per dare il via a NATURE URBANE, il Festival del Paesaggio della città giardino giunto alla sua terza edizione.
Dal 20 al 29 settembre 2019 saranno più di 200 gli appuntamenti che faranno scoprire al pubblico le bellezze della città, tra visite guidate ai parchi delle dimore private aperte in esclusiva per Festival, iniziative di educazione al paesaggio per adulti e bambini, percorsi tra arte e natura, conversazioni, degustazioni e spettacoli negli straordinari contesti paesaggistici della città giardino.

La nuova edizione del Festival, sotto la direzione organizzativa di Tarpini Production e con la direzione artistica di Silvia Priori (Teatro Blu) ha un pogramma ricco di eventi e artisti di fama internazionale tra cui i Kataklò, i Sonics, gli attori Roberto Anglisani, Anna Bonaiuto, Laura Curino, Federica Fracassi, Lucilla Giagnoni, Paolo Hendel, Annagaia Marchioro, Moni Ovadia; gli architetti Andreas Kipar e Marco Martella, il giornalista Matteo Bordone e l’antropologo Franco La Cecla.

Questi sono solo alcuni degli artisti e delle personalità che parteciperanno a NATURE URBANE. Ad ognuno di loro è stato chiesto di confrontarsi con una tematica di attualità legata a Varese e al suo territorio o di creare spettacoli e performance dedicate al patrimonio paesaggistico, artistico ed architettonico della città.

Dalla Cittadella di Scienze della Natura “Salvatore Furia” all’Isolino Virginia – cui è dedicata la giornata del 28 settembre – dai musei varesini – Villa Mirabello, Castello di Masnago, Villa Panza-FAI – a Villa e Birrificio Poretti, saranno più di 40 i luoghi del Festival che accenderanno per 10 giorni i riflettori sulla città giardino.

Festival Immagimondo – Viaggi, luoghi e culture

Immagimondo
Immagimondo

Da sabato 10 settembre a venerdì 11 novembre l’appuntamento da non perdere è a Lecco e in alcune località limitrofe per la 19°edizione di IMMAGIMONDO, Festival di Viaggi, Luoghi e Culture, organizzato dall’associazione Les Cultures Onlus, laboratorio di cultura internazionale che lavora per affermare una società aperta, contraria a ogni tipo di discriminazione, che non neghi le diversità culturali ma le metta a confronto in funzione dell’integrazione, costruendo spazi di quotidianità condivisa.

Viaggiatori, scrittori, studiosi, fotografi, registi, musicisti si daranno appuntamento anche quest’anno sulle rive del lago per scambiarsi idee, suggestioni, esperienze di viaggio in uno dei più importanti e “storici” Festival di viaggio a livello nazionale.

Immagimondo vuole essere una finestra su popoli, luoghi e culture del mondo; un evento che parli del viaggio nel suo farsi scoperta e scambio culturale attraverso il racconto di viaggiatori; approfondimenti da parte di antropologi, sociologi, studiosi; presentazioni di libri, la fruizione di filmati, documentari e reportage; mostre fotografiche; spettacoli; laboratori per adulti e bambini.

L’edizione 2016 metterà al centro il tema dell’Iran, Paese al centro di numerosi dibattiti internazionali, che rappresenta a partire da quest’anno una grande opportunità, anche per l’Italia, dal punto di vista economico e culturale.

Dal 14 ottobre all’11 novembre, sarà presentato un ricco programma per approfondire alcuni aspetti della cultura di questo paese. Scrittori di viaggio, reporter, fotografi, artisti, studiosi faranno scoprire un paese antichissimo e in continua trasformazione. A fare da cornice al programma, una mostra fotografica verrà inaugurata il 10 settembre in Torre Viscontea di Lecco.

Un fitto calendario di appuntamenti culturali gratuiti animerà la città di Lecco e le zone limitrofe, coinvolgendo numerosi personaggi che condivideranno le loro conoscenze ed esperienze sul viaggio.

Il clou dell’evento si concentrerà tra il weekend del 24-25 settembre 2016, dove le piazze del centro storico di Lecco ospiteranno tanti stand ed eventi, dai tavoli dei viaggiatori agli incontri con giornalisti, scrittori ed artisti, per parlare di viaggio a 360°!

Sabato 1 e domenica 2 ottobre 2016, il Festival sarà presente presso il Monastero del Lavello di Calolziocorte e il Complesso di San Calocero di Civate per un approfondimento dedicato al viaggio lento e al mondo dei cammini.

La biciclettata lungo La Ciclovia dell’Adda partirà sabato 1 ottobre da Piazza Gae Aulenti a Milano per poi proseguire lungo la Martesana e l’Adda, e arrivare nel tardo pomeriggio allo splendido Monastero di Santa Maria del Lavello, Calolziocorte. Saranno presenti noti personaggi del mondo dello spettacolo.

Domenica 9 ottobre, invece il Parco del Monte Barro di Galbiate sarà meta di escursioni e laboratori, alla scoperta della biodiversità e delle tradizioni del territorio.

Sabato 22 ottobre, sarà presentato a Mandello a Lario, presso il Teatro De Andrè, il concerto “Mani forti”, progetto musicale nato dalla collaborazione tra Alaa Arheed, giovane violinista siriano in fuga dal regime di Assad, con Adovabadan Jazz Band ed Endi Primo MC.

Turismo sensuale

Turismo "sensuale" nel Salento

 

Milano, 24 giugno 2011  di Stefania Siciliano –  Un vero e proprio corso naturale di Educazione Sensuale, con tanto di lezioni pratiche. Cibi, luoghi ed eventi capaci di stuzzicare e appagare ogni fantasia.  Il Salento lascia ad altre mete lo squallido appellativo di “capitali del sesso”e si autoproclama “paradiso del turismo sensuale” puntando sul godimento dei sensi. 

“Ascoltare” la vista, “toccare” i sapori, “vedere” i profumi, tutto questo e molto altro diventa possibile in una delle terre più appetibili ed affascinanti del momento, parliamo del Salento, il tacco d’Italia e della Puglia, il cui particolare appeal è riuscito a calamitare l’attenzione di tanti turisti, italiani e stranieri.

E ora questo nuovo e originale risvolto, quello del Turismo sensuale, ossia la possibilità di visitare luoghi e non luoghi dove poter far godere tutti i sensi, sia quelli convenzionali, i cinque sensi percettivi, che quelli non convenzionali, quelli emotivi, come il senso di benessere, il senso di euforia, il senso dell’ebbrezza artistica, etc.

Chi sceglierà di trascorrere le prossime vacanze in territorio salentino avrà la possibilità di imparare in maniera totalmente naturale come sia possibile, ad esempio, che una semplice frisella ben condita (tipico pasto povero utilizzato anticamente dai contadini) possa letteralmente far godere la vista, con una combinata di colori afrodisiaci, l’olfatto, con l’aggiunta di erbe aromatiche ammalianti, il tatto, capace di fornire sensazioni piacevoli in tutte le fasi, dal primo momento (in cui la frisa va bagnata in acqua con le mani), attraverso la preparazione (toccando e maneggiando i singoli ingredienti), finanche dopo averla mangiata, in quanto è assolutamente impossibile non leccarsi le dita.

E non abbiamo menzionato il senso più banale, se vogliamo, il più “scontato”, il gusto, un vero paradiso di gioia per le papille. A queste sensazioni va poi aggiunto il senso di benessere che si prova nel mangiarla, ad esempio, in riva al mare o addirittura in mare, sulla barca, il senso di amicizia se l’intenso rito viene consumato in compagnia, e così discorrendo. Chiedilo a chi l’ha già provato, ….se non credi, chiedilo a loro.

Insieme alla frisella sono tanti i “non luoghi” dove è possibile accendere ed accentuare tutte le percezioni sensoriali.

Nell’eno-gastronomia non sono da meno i fichi ed i fichi d’India, raccolti dalle piante e mangiati, i ricci di mare, pescati, aperti e consumati sugli scogli, l’anguria, il pesce, il peperoncino, il buon vino, l’ottimo olio extravergine d’oliva, il rustico, il pasticciotto….

Tra i luoghi invece, nel senso stretto del termine, il mare, le campagne, i centri storici intrisi di capolavori barocchi e le tante botteghe artigiane sono solo alcuni esempi dove ricevere emozioni e sensazioni straordinarie.

E poi ci sono gli eventi, la Notte della Taranta ne è un esempio emblematico dove, al contrario della maggior parte dei concerti dove il pubblico è un mero spettatore passivo, qui la gente “partecipa”, crea e alimenta ronde spontanee in cui tutti i sensi possono raggiungere il massimo piacere, toccando con le mani i tamburelli e con i piedi scalzi la pietra, sorseggiando e inalando i profumi del negroamaro, guardandosi intorno e sentirsi parte di un gran momento e, infine, ascoltando e lasciandosi ipnotizzare dalle passionali note della magica pizzica.

Il “Turismo sensuale” è un’idea ed un progetto dei ragazzi di Repubblica Salentina, degli studenti dell’Istituto Costa e della Provincia di Lecce, Assessorato al Turismo. Le “lezioni pratiche” su come far godere tutti i sensi, sia quelli percettivi che quelli emotivi, saranno presto pubblicate sui siti www.repubblicasalentina.it e www.salentoslowlife.it.