Sergio Bonelli Editore: Il Confine – volume 6

cover
cover

Dal 25 febbraio è in libreria e fumetteria per Sergio Bonelli Editore L’INVERNO CHE NON SE NE VA, il sesto capitolo de IL CONFINE, la saga di Mauro Uzzeo e Giovanni Masi che ogni due mesi cattura i lettori con trame sospese tra intrigo, fantastico e indagine sociale.

La storia ci riporta all’ultima foto di gruppo, scattata prima della partenza per la gita che fa da detonatore dell’intera serie. In questo scatto si nasconde un ragazzo senza nome. Nessuno sa chi sia né perché si trovi lì, quel maledetto giorno in cui tutti i compagni di Aurora sono scomparsi nel nulla. Intanto, i misteri su cui indagano Laura Denti e Antoine Jacob si moltiplicano, mentre la neve non smette di cadere imprigionando il piccolo paese al Confine tra Italia e Francia in un inverno senza fine.

C’è chi però conosce la verità e sa perché l’Omo di Legno non ha preso fuoco e quest’anno non ha scacciato il gelo. C’è qualcuno che sa e non parla, qualcuno che non vuole che antichi misteri vengano rivelati e qualcuno che, sentendosi al sicuro nei boschi, passa tutte le sue giornate inginocchiato, di fronte a una vecchia porta rossa, solo per ascoltare ancora una volta la Voce che proviene dalla montagna con gli squarci.

Sergio Bonelli Editore: “Il Confine” volume 5

cover
cover

Arriva in libreria e fumetteria per Sergio Bonelli Editore il quinto episodio della serie IL CONFINE il nuovo universo narrativo firmato da Sergio Bonelli Editore firmato da Mauro Uzzeo e Giovanni Masi.

Come spiega Mauro Uzzeo è proprio ne IL CONFINE. VOL. 5 QUELLA NOTTE DI DICEMBRE che ci addentriamo nelle vicende più intime dei singoli protagonisti. “I ragazzi scomparsi – spiega Uzzeo – sono il fulcro narrativo ed emotivo della serie, proprio per questo abbiamo deciso di ritardarne il più possibile la presentazione. A parte una brevissima sequenza, fino al quinto episodio abbiamo puntato a non mostrarli mai, focalizzandoci sul punto di vista degli altri personaggi. Ci interessava raccontarli al lettore tramite la loro assenza, evidenziando gli effetti della loro scomparsa su chi era in attesa di risposte certe: i famigliari, gli amici, i nemici, la polizia, la gente del paese, e così via, indagando le conseguenze di una premessa enunciata ma lasciata, fino a questo momento, fuori campo”.

IL CONFINE. QUELLA NOTTE DI DICEMBRE, scritto da Giovanni Masi e Mauro Uzzeo, coi disegni di Francesca Ciregia e Alessandro Giordano e la copertina di Lorenzo LRNZ Ceccotti, vede protagonisti proprio la scuola, le chat di gruppo, il sesso in casa o in macchina – sempre in silenzio e senza farsi scoprire – le bugie, l’alcool, gli innamoramenti, le droghe, la rabbia, gli amori e quella festa di notte, vicino alla grande radura, in cui la vita di cinque adolescenti non può che cambiare per sempre. Mentre gli abitanti del piccolo paese al confine tra Italia e Francia partecipano a un funerale che potrebbe essere l’oscuro presagio di molti altri a venire, Laura Denti e Antoine Jacob proseguono nella loro indagine sui ragazzi scomparsi. Ma perché qualcuno tenta di ostacolarli? Strani personaggi si muovono alle pendici della grande montagna con gli squarci, e i loro destini sono strettamente collegati a quello che accade nei boschi. Possibile che la soluzione di tutti i misteri sia nascosta… in una foto?

IL CONFINE. QUELLA NOTTE DI DICEMBRE si chiude con una ricca postfazione che è un nuovo viaggio dietro le quinte, tra interviste agli autori, studi, sketch, versioni alternative e traiettorie impreviste nella realizzazione della serie.

Racconta Giovanni Masi: “La costruzione narrativa de Il Confine ci ha permesso di esplorare i più disparati approcci di linguaggio. Spesso da un episodio all’altro cambiano non solo i personaggi, ma anche le atmosfere e la messinscena. Nel terzo volume, disegnato da Carlo Ambrosini e ambientato a inizio Novecento, il racconto ha un piglio da “classico cinematografico”, ed è percorso da una vena di stampo quasi neorealista. Tutto il contrario di quanto accade qui, nel quinto episodio, che si presenta come un racconto generazionale con tanto di chat visualizzata in didascalia. Due linguaggi all’apparenza inconciliabili nella stessa storia, ma che grazie a un impegnativo lavoro di struttura diventano segni coerenti di un’unica narrazione, come tante carte dello stesso mazzo”.

“Il Confine” di Mauro Uzzeo e Giovanni Masi

cover
cover

Arriva in libreria e fumetteria per Sergio Bonelli Editore il quarto episodio della serie IL CONFINE di Mauro Uzzeo e Giovanni Masi, il nuovo universo narrativo firmato da Sergio Bonelli Editore.

La storia – disegnata da Silvia Califano e con la copertina di Lorenzo LRNZ Ceccotti – riprende nel momento in cui, ancora sotto shock per quanto scoperto oltre l’arco spezzato, Antoine Jacob sembra aver perso ogni contatto con la realtà. Laura Denti, determinata a fidarsi delle sue parole, lo segue tra i boschi innevati e i sentieri che cambiano forma, alla ricerca delle rovine che custodiscono il più terrificante dei segreti. Corpi contusi. Schiene marchiate.

Voci di bambini appena sussurrate. Figli scomparsi, nascosti e poi rivelati. Redentori lacerati, estirpati dai loro stessi crocifissi. Mentre oscuri patti vengono siglati all’ombra della montagna, una rete di risposte che celano nuove, inquietanti, domande si stringe intorno a Laura senza lasciarle via di scampo. A chi appartengono quelle spoglie insanguinate? E se si celasse proprio lì, nella cripta del romitorio abbandonato, la risposta al mistero nascosto oltre il Confine?

Grazie a una preziosa postfazione, anche IL CONFINE. DODICI SCHELETRI – in cui i lettori più attenti ritroveranno importanti riferimenti anche al primo episodio della serie – propone un viaggio dietro le quinte, tra interviste agli autori, studi, sketch, versioni alternative e traiettorie impreviste nella realizzazione de Il Confine.

Racconta Giovanni Masi: “Nel quarto episodio, da ogni risposta nasce almeno un’altra domanda, in un gioco al rilancio che amplia la ragnatela di mistero che avvolge il nostro piccolo grande universo narrativo. Tesserla è stato un piacere… e un lungo esercizio di concentrazione: Il Confine è un mosaico fatto di tasselli minuscoli, studiati pezzo per pezzo in fase di pre-produzione. Per orientarci nell’intreccio, abbiamo sempre guardato alla risposta fondamentale del mistero, di cui ogni evento, anche il più insignificante, è cassa di risonanza, come i cerchi creati da un sasso caduto in acqua. Ma cosa c’è sotto la superficie?”

Mauro Uzzeo aggiunge: “Permettetemi di dirlo, io AMO la Laura di Silvia Califano. Le sue occhiaie, le sue movenze, la sua fragile durezza, la corazza della sua ironia, tutto concorre a renderlo quel personaggio che potevamo solo sognare di vedere così ben trasmesso su carta”.

Bonelli Editore: Il confine

Il Confine
Il Confine

Ideato sin da principio per diventare una serie televisiva, un gioco di ruolo, un romanzo, IL CONFINE di Mauro Uzzeo e Giovanni Masi è il nuovo universo narrativo firmato da Sergio Bonelli Editore che sbarca ora in fumetteria e in libreria col suo secondo episodio intitolato SOTTO L’ARCO SPEZZATO.

I due protagonisti, Laura Denti e Antoine Jacob, sono pronti ad unire le loro forze mentre i misteri nel piccolo paese incastonato tra le Alpi aumentano a dismisura. Chi è l’uomo che si aggira pazzo nei boschi? Quali segreti nascondono i genitori dei ragazzi scomparsi e perché qualcuno non vuole che le ricerche proseguano?

Quale antico potere si scatena proprio sotto l’arco spezzato? In un piccolo villaggio al confine tra Italia e Francia, una classe di adolescenti è infatti sparita all’improvviso durante una gita scolastica. Di loro si è persa ogni traccia finché, in un luogo lontano da qualsiasi sentiero percorribile, viene ritrovato il pulmino sul quale viaggiavano.

Le pessime condizioni in cui versa, le macchie di sangue di cui è ricoperto e gli strani simboli che lo circondano non lasciano però presagire niente di buono…

Questo secondo volume, disegnato da Bruno Cannucciari e con la copertina di Lorenzo LRNZ Ceccotti, è arricchito da una postfazione che propone uno sguardo dietro le quinte della serie, tra interviste agli autori, studi, sketch, versioni alternative e traiettorie impreviste nella realizzazione de Il Confine.

Spiega Masi raccontando la genesi e lo sviluppo del lavoro su IL CONFINE: “Io e Mauro collaboriamo da molti anni, e il nostro metodo di lavoro è rodato: il soggetto generale lo scriviamo insieme, attraverso brainstorming che possono durare giorni e che ci aiutano a capire bene cosa vogliamo raccontare, poi io mi occupo della prima stesura della sceneggiatura (dove cerco di risolvere la struttura narrativa in modo che tutto fili, i personaggi siano a fuoco e, soprattutto, non ci siano eventuali buchi, che in una narrazione corale possono facilmente scappare), e gliela passo perché lui la riveda, togliendo o inserendo scene, modulando l’emotività dei personaggi, lavorando sui dialoghi, i colpi di scena… fino a ottenere una prima “riverniciatura”.” Aggiunge Uzzeo “Andiamo avanti così, rimpallandoci lo script continuando a confrontarci parossisticamente su ogni singolo aspetto, finché non raggiungiamo il giusto equilibrio narrativo. A questo punto, ci convinciamo che la sceneggiatura sia chiusa, ma siamo dei poveri illusi… Perché immancabilmente la riapriremo per limare qualche aspetto fino all’attimo prima della pubblicazione!”.

Il tour di presentazione de IL CONFINE farà tappa presso lo STAR SHOP di Perugia sabato 1 febbraio alle ore 16:30. Saranno presenti Mauro Uzzeo, Giovanni Masi e Bruno Cannucciari.