“Giuditta Pasta” – 1° Concorso lirico

giuditta pasta
giuditta pasta

Il Comune di Saronno promuove, in collaborazione con la Fondazione Culturale Giuditta Pasta e l’Associazione CulturalMente & MusicalMente un grande evento culturale per l’anno 2019.

Dal 21 al 25 maggio la città di Saronno sarà la sede del 1° CONCORSO INTERNAZIONALE DI CANTO LIRICO intitolato a “Giuditta Pasta”.
Centinaia di concorrenti provenienti da tutto il mondo si sfideranno a colpi di “Do di Petto” e di virtuosistici acuti.

La giuria di chiara fama internazionale selezionerà i migliori cantanti attraverso una prova eliminatoria ed una semifinale.

La finale si terrà in forma di concerto lirico sinfonico con l’Orchestra Lake Como Philarmoniker.

Per i vincitori in palio un montepremi complessivo di € 8000; sono previsti anche concerti e produzioni operistiche per importanti teatri europei.

Il Concorso Lirico Internazionale intitolato a Giuditta Pasta, nasce come scommessa sul territorio, dalla ambiziosa idea di coniugare finalità culturali-artistiche alla creazione ed allo sviluppo dell’immagine della Città di Saronno che ha dato i natali a questa grande interprete lirica.

Paolo Hendel debutta col nuovo spettacolo

Paolo Hendel_ FabrizioFenucci-
Paolo Hendel_ FabrizioFenucci-

Al Teatro Giuditta Pasta (Saronno – VA)
Sabato 4 febbraio –  ore 21.00
Paolo Hendel in:
FUGA DA VIA PIGAFETTA
scritto da Paolo Hendel con Gioele Dix e Marco Vicari
e con Matilde Pietrangelo nel ruolo di Carlotta
regia di Gioele Dix

Nel suo nuovo spettacolo Fuga da via Pigafetta, Paolo Hendel torna all’originaria vocazione teatrale che lo ha reso celebre ai suoi esordi quando, con coraggiosa inventiva, parlava con la propria immagine sdoppiata dentro a un televisore. Quella stessa vena surreale, unita alla capacità di cogliere in anticipo il potenziale comico della tecnologia, viene messa ora al servizio di una commedia molto divertente e originale, ambientata in un’immaginaria Italia del futuro, scritta da Paolo Hendel con Marco Vicari e Gioele Dix, che ne firma la regia.

Un uomo vive da solo in un appartamento gestito totalmente da un sofisticato sistema operativo, che pianifica la sua esistenza e lo protegge dal mondo circostante. Le sue giornate sono punteggiate da continui ed esilaranti litigi con il computer, che gli fa da alterego e pretende di conoscere i suoi bisogni meglio di lui. Polemico e nostalgico, l’uomo ha ridotto al minimo le proprie relazioni umane, convinto che l’unica forma di sopravvivenza sia l’isolamento.

Finchè nella sua vita irrompe Camilla, sua figlia. L’incontro scatena un’imprevista altalena emotiva che lo costringerà, fra brucianti conflitti e inattese tenerezze, a ribaltare le proprie priorità. Il sogno di un lungo viaggio da fare insieme verso un pianeta lontano restituirà a entrambi, nel finale, il desiderio di scommettere sul proprio destino, senza risentimenti né paure.

Fuga da via Pigafetta nasce dall’idea di raccontare una storia ambientata in un futuro non apocalittico, coniuga felicemente l’ironia feroce sul degrado del presente con i toni appassionati di una commedia di sentimenti. In scena con la giovane attrice Matilde Pietrangelo, Paolo Hendel abbandona momentaneamente l’affabulazione libera in cui è maestro per dedicarsi con entusiasmo a un progetto comico e drammaturgico più articolato e complesso.

Teatro Giuditta Pasta: “Il lago dei cigni” apre la danza a Saronno

lago dei cigni
lago dei cigni

Come ormai tradizione anche la danza trova spazio nella nostra programmazione con quattro appuntamenti differenti nei generi. Ad aprire la rassegna un grande classico con la Compagnia di Raffaele Paganini, “Il lago dei cigni”.

Sabato 29 ottobre | ore 21.00
Compagnia Nazionale di Raffaele Paganini in:

IL LAGO DEI CIGNI
coreografie di M. Petipa
regia di Luigi Martelletta
musiche di P.I. Tchaikovsky

Lo spettacolo nasce da un’idea che da molti anni il regista e coreografo Luigi Martelletta inseguiva e sperava di mettere in scena, la sua lunga e intensa carriera come primo ballerino al Teatro dell’Opera di Roma e in tanti altri Teatri Italiani ed Europei gli ha permesso di studiare a fondo, di esaminare e di danzare molte volte questo spettacolare balletto.

La coreografia originale del repertorio classico infatti non ha mai sottolineato alcuni aspetti del libretto, che però in questa versione vorremmo esaminare e sviscerare; la drammaturgia classica teatrale del balletto infatti è abbandonata a favore di una forma di riappropriazione della realtà e dell’esperienza comune basata sui particolari e sulle singole situazioni riunite tra loro in collage ampio e sfaccettato, secondo una metodologia di lavoro di ricerca e di graduale progresso.

Fortemente legato alla tradizione accademica, Luigi Martelletta proporrà un lavoro stilisticamente più snello, più vivace, alleggerendo tutti i manierismi e le pantomime che fanno parte del repertorio classico, mantenendo comunque le coreografie originali presentando  tutte quelle danze e quell’itinerario danzato che molti conoscono e si aspettano: i cigni, la danza spagnola, la danza russa, il valzer, i passi a due, e molto altro.

La  particolarità di questo spettacolo consiste proprio nella capacità di unire fantasia e realtà, di proporsi vivo e attualissimo, pur dimorando in un suo pianeta espressivo che sa di antico, di già visto, di già vissuto. L’ideale neoclassico di una bellezza assoluta, regolata da un ordine imperturbabile, è l’obiettivo totalizzante della creazione.

Biglietti:
intero € 30
ridotto over70 € 27
ridotto gruppi organizzati € 25
ridotto under26 € 15

Teatro Giuditta Pasta – Saronno: “Cin ci là”

cincila
cincila

Domenica 23 ottobre | ore 15.30
Compagnia d’Operette Elena D’Angelo in: CIN CI LÀ
operetta in tre atti di C. Lombardo e V. Ranzato con orchestra dal vivo

Siamo a Macao, dove il Principe Ciclamino ha sposato la timida Principessa Myosotis e, secondo l’usanza, tutte le attività e i divertimenti sono sospesi finché non viene consumato il matrimonio: vista l’inesperienza dei due, però, l’attesa potrebbe rivelarsi assai lunga.

L’arrivo da Parigi dell’attrice Cin Ci Là, in procinto di girare un film a Macao, cade a pennello: il Mandarino Fon-Ki pensa di affidare il Principe alle “cure esperte” della donna. Tuttavia, nella città cinese giunge inaspettato anche l’eterno spasimante di Cin Ci Là, Petit Gris…

Fondazione Culturale Giuditta Pasta
via I maggio snc – 21047 Saronno VA

Biglietti:
intero € 28
ridotto over70 € 25
ridotto gruppi organizzati € 22
ridotto under26 € 15

Andrea Molteni suona le variazioni di Brahms

 

Venerdì 20, alle 18.30, nella sede dell’Accademia “Giuditta Pasta” di viale Rosselli a Como sarà il giovanissimo pianista Andrea Molteni il protagonista del secondo appuntamento con il prefestival, rassegna di tre concerti che introduce alla quarta edizione del festival Città di Cernobbio, che scatterà il 4 agosto. Molteni, nel 2011, aveva aperto, come giovane, il concerto inaugurale del Festival Città di Cernobbio in cui era di scena Luis Bacalov. In programma le variazioni e fuga su un tema di Handel per pianoforte op. 24 di Johannes Brahms. La composizione, che data 1861 ed è articolata in un’aria, venticinque variazioni e una fuga, rivela la concezione eminentemente sinfonica delle pagine sonatistiche del Brahms giovane, quindi la persistenza dell’influenza beethoveniana. Il prefestival è organizzato dal Comune di Cernobbio con la direzione artistica di Roberta di Febo, fondatrice dell’Accademia musicale “Giuditta Pasta onlus” di Como. Il concerto è a ingresso libero e gratuito.
Andrea Molteni, comasco classe 1998, suona il pianoforte dai sette anni ed è ora guidato dal Maestro Patuzzi al Conservatorio di Como. Ha superato con il massimo dei voti nel 2009 l’esame di compimento inferiore presso il Conservatorio Campiani di Mantova, sotto la guida della professoressa Claudia Boz. Ha vinto 28 dei 33 concerti, nazionali e internazionali, cui ha preso parte, fra cui il Concorso Pianistico Internazionale “Pia Tebaldini”, il Primo Premio assoluto di sezione al concorso “Giovani Talenti” di San Bartolomeo al Mare (2007), il “Premio Speciale Romantico” al “XV Concorso Nazionale Giulio Rospigliosi” di Lamporecchio (2008), il Primo Premio della sezione pianoforte al “Quarto Concorso Internazionale di Esecuzione Musicale Città di Asti” (2009), il Primo Premio di categoria all’unanimità della giuria al “Concours International de piano Nice Cote d’Azur 2009″. Nel 2010 ( a soli 12 anni ) si cimenta in concorsi senza limiti di età, ottenendo risultati eccellenti, come la “Menzione Speciale della Giuria” al Concorso ” Bengalli” in Val Tidone riservato a pianisti professionisti, e il “Diploma D’onore – Semifinalista” nell’edizione 2009/2010 del T.I.M. è stato invitato ad esibirsi nell’ambito di prestigiose manifestazioni musicali, le più recenti delle quali sono: Concerto a Monza “Classica in Contrada d’Arena”, Concerto a Sain-Jean Cap Ferrat(Francia), concerto a Nizza al Teatro Francis Gag in occasione della Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia organizzato dall’Associazione Ab Harmoniae Onlus presieduta da Denia Mazzola Gavazzeni e per la stessa Associazione si è esibito in concerto a Bergamo presso la Chiesa San Bartolomeo in occasione della festa di Santa Lucia.