Martin Mystère presenta Leonardo, genio dell’impossibile

MM_Leonardo
MM_Leonardo

Dal 17 ottobre sbarca sugli scaffali MARTIN MYSTÈRE PRESENTA LEONARDO, GENIO DELL’IMPOSSIBILE con cui, a 500 anni dalla sua scomparsa, Martin Mystère ci porta a scoprire l’eredità e i “mysteri” di Leonardo da Vinci, genio dell’impossibile.

Chi era realmente Monna Lisa? Esistono delle sculture di Leonardo? Quali segreti si nascondono nell’Ultima cena? Che aspetto aveva il grande artista? Ha inventato lui l’enigmistica? Quante Gioconde esistono? Che cos’è la “viola organista”? Leonardo deve il suo genio a un incontro con gli alieni? Preparatevi ad affrontare questi e molti altri quesiti.

“Aladin” al Teatro Manzoni

Aladin
Aladin

Sabato 10 febbraio 2018
ore 15,30

All Crazy – Sold Out
presentano
ALADIN
MINI MUSICAL

Quando si parla di desideri, a tutti viene in mente un piccolo ladruncolo di nome Aladin, che nel mercato di Agrabha, tutti i giorni, ne combina di cotte e di crude, e proprio per questo, va a finire in galera. E’ li, dentro le mura della vecchia prigione, che scova un’antica lampada ad olio.

Sfregandola, la grande sorpresa, incredulo, si ritrova accanto un Genio, simpatico e chiacchierone che gli da la possibilità di avvicinare la donna di cui è follemente innamorato, la principessa Jasmine, tenuta sotto controllo dal cattivo gran visir del Sultano suo padre.

Ma l’amore, la generosità e l’intelligenza di Aladin con la complicità dell’amico Genio, portano a compimento i famosi tre desideri di una leggenda che nella nostra storia, tra canzoni, danze e gags esilaranti, diventa realtà.

Con un cast di Cantanti, Attori, Ballerini e Acrobati professionisti del musical nazionale.

DURATA: 70 minuti
BIGLIETTI: Adulti € 15,00; Bambini fino a 14 anni € 11,00; Under 3 anni € 4,50

Campo Teatrale: “L’avvoltoio”

L'avvoltoio
L’avvoltoio

Debutta a Milano sul palco di Campo Teatrale “L’Avvoltoio”, la pièce che accende i riflettori sul Poligono di Quirra e sulle sospette morti legate all’uranio impoverito. Diretta dal regista argentino César Brie andrà in scena per sei date dal 16 al 21 gennaio. Un amaro poema visionario costruito su una moderna tragedia collettiva.

Il testo forte e toccante è di Anna Rita Signore, premio speciale Claudia Poggiani alla Drammaturgia nell’ambito del premio Calcante. Con un’ondata di poesia e genio il regista argentino Cesar Brie racconta la storia del più grande Poligono di Europa.

La sindrome di Quirra, al centro dell’inchiesta dell’allora procuratore Domenico Fiordalisi – il magistrato non viene citato nella pièce ma ringraziato a fine spettacolo – partita dalle ricostruzioni giornalistiche, emerge dalle cronache, dai racconti, dagli interrogatori e dalle testimonianze.

Lo spettacolo ha debuttato a Cagliari il 28 novembre al Teatro Massimo per la stagione di Sardegna Teatro, teatro di Rilevante Interesse Culturale (Tric) guidato da Massimo Mancini registrando ben sedici date sold out.

Buon compleanno Leonardo – Al Teatro di Vinci, le Celebrazioni Leonardiane

 

Massimiliano Finazzer Flory (Leonardo)
Massimiliano Finazzer Flory (Leonardo)

Sarà un artista di grande levatura e vero divulgatore di cultura a dare il via alle Celebrazioni Leonardiane a Vinci. Per l’occasione, l’attore e regista Massimiliano Finazzer Flory porterà in scena, nel giorno del compleanno del Genio, l’intervista impossibile a Leonardo da Vinci.

“Essere Leonardo”, questo il titolo dello spettacolo che ha già spopolato in mezzo mondo, da New York a San Pietroburgo passando per Parigi e Bruxelles, e che ricomincia la tournée mondiale proprio da Vinci. Lo spettacolo avrà luogo nel Teatro di Vinci il 15 aprile, con un prologo al mattino dedicato agli studenti e la pièce serale aperta a tutta la cittadinanza dove si preannuncia un tutto esaurito.

In platea saranno presenti i più grandi studiosi del mondo tra i quali segnaliamo Carlo Pedretti e Maria Teresa Fiorio. Da Vinci, l’intervista proseguirà il suo viaggio e sarà ancora rappresentata nei teatri più prestigiosi, ripassando da San Pietroburgo, Bruxelles, New York e chiudendo a Parigi e Amboise. E Vinci sarà protagonista ovunque, sempre per mano di Massimiliano Finazzer Flory.

“Stiamo lavorando da mesi all’operazione – hanno affermato il sindaco di Vinci, Giuseppe Torchia, e l’assessore alla Cultura, Paolo Santini – E abbiamo voluto fortemente che Finazzer Flory potesse portare in scena a Vinci il suo straordinario spettacolo. Abbiamo chiuso l’accordo nei giorni scorsi e siamo molto soddisfatti di poter aprire le Celebrazioni Leonardiane 2016 con questo evento. Abbiamo voluto che uno dei due spettacoli fosse dedicato alle scuole, e uno a tutti. Nello stesso tempo, abbiamo scelto di garantire l’ingresso libero e gratuito”.

Per la prenotazione (obbligatoria) dei posti contattare il Comune di Vinci, telefonando allo 0571 933223.

La tre giorni di iniziative per le Celebrazioni prevede l’anteprima in compagnia del direttore del Museo Ideale Leonardo Da Vinci, Alessandro Vezzosi che, insieme alla presidente dell’Associazione Internazionale Leonardo Da Vinci, Agnese Sabato, proporrà un’interessante conferenza sulle “Attualità Leonardiane 2016”.

Nel corso di “Leonardo vive”, questo il titolo dell’evento in programma giovedì 14 aprile alle 21 presso il Teatro di Vinci, ci sarà spazio per molte sorprendenti rivelazioni sul Genio vinciano. Gli argomenti delle “notizie inedite e riscoperte” intorno a Leonardo riguardano molteplici ricerche e documenti, memorie e presenze, in varie città e paesi.

Infine, da non perdere l’importante appuntamento di sabato 16 aprile alle 10.30 sempre al Teatro di Vinci, con la Cinquantaseiesima Lettura Vinciana, a cura di Maria Teresa Fiorio. “…promette finirla per tuto settembre – Leonardo nella Sala dell’Asse” racchiude un testo in cui Leonardo spiega come rappresentare un albero in rapporto alla direzione della luce e come rendere la differenza tra i rami in ombra e le foglie illuminate dal sole.

Il foglio è databile agli anni tra il 1498 e il 1502 ed è perciò possibile leggerlo in parallelo a quella grande e sfortunata impresa decorativa che è l’intervento leonardiano nella Sala delle Asse. Concluso il Cenacolo nel 1498, Leonardo si accingeva ad affrontare un nuovo e non meno impegnativo progetto: la vastissima sala della torre nord del Castello Sforzesco doveva accogliere una decorazione che, annullando lo schermo delle pareti, avrebbe illusionisticamente trasformato l’interno in un esterno.

Essere Leonardo da Vinci debutta a Bruxelles

Being_Leonardo-32 teatro
Martedì 23 febbraio alle ore 19.00 presso il Teatro dell’Istituto di Cultura italiano di Bruxelles viene presentato il tour mondiale dedicato a Leonardo da Vinci con lo spettacolo “Essere Leonardo Da Vinci. Un’intervista impossibile” diretto e interpretato da Massimiliano Finazzer Flory  la vera vita del genio italiano attraverso il teatro con la storia dell’arte e della scienza.

Con questo grande evento si inaugura così il tour internazionale che omaggia tutte le città e i musei che allestiscono opere di Leonardo da Vinci .

Dopo Bruxelles infatti si parte proseguirà con la Russia e San Pietroburgo, la Gran Bretagna con Londra, la Francia con Parigi, la Spagna con Madrid, la Polonia con Cracovia e la Germania con Monaco di Baviera. In America Finazzer Flory sarà in scena con lo spettacolo in diversi Stati ma in particolare a Washington e a New York che presentano opere di Leonardo.

La scelta di iniziare da Bruxelles è simbolica. Leonardo, genio del Rinascimento, che ha saputo unire cultura umanistica e scientifica ma è anche genio europeo dell’energia unificatrice di differenti culture.
Una straordinaria opportunità di rappresentare l’Italia in Europa come cultura  capace di coniugare la ricerca con l’invenzione e l’innovazione con la bellezza dell’arte.

Lo  spettacolo unico nel suo genere viene recitato da Finazzer Flory in lingua rinascimentale e sovrattitolato e interagisce con la lingua di ogni Paese in cui è rappresentato.

Attraverso il format dell’intervista impossibile, Massimiliano Finazzer Flory risponde a 67 domande e diventa “fisicamente” Leonardo, indossando costumi d’epoca, con un trucco che è una vera e propria ricostruzione del volto del genio di Vinci; recita in lingua rinascimentale su testi originali dello stesso Leonardo fra cui il celebre Trattato di pittura.